Raccolta di proverbi emiliani e romagnoli più belli

Le perle più belle tra i proverbi in dialetto emiliano e romagnolo, con sotto la spiegazione in modo che sappiate come usarli.

Raccolta di proverbi emiliani e romagnoli più belli Tutti i proverbi, saggezze e modi di dire emiliani e romagnoli, contengono un significato profondo che non è di facile interpretazione, poiché sono scritti in dialetto in uso in Emilia Romagna. Per coloro che non sono del posto è quasi impossibile capirne il concetto. Di seguito sono stati elencati più di cento detti, tra cui: bolognesi, ferraresi, forlivesi, cesenati, modenesi, parmensi (o parmigiani), piacentini, ravennati e reggiani, elencati dalla A alla Zeta e tradotti in italiano.

A
A fê de 'ben a un sumàr u t'arspond cun di chilz
Fai del bene ai somari e ne riceverai dei calci;

A ignùn e' su
A ciascuno il suo;

A la fen de zogh as uvdrà
Alla fine dei giochi si vedrà chi ha vinto e chi ha perso;

A la lona sitimbrena sët lon a gli s'inchena
Alla luna settembrina sette lune le s'inchinano.
Cioè, ci saranno le stesse condizioni climatiche per 7 lune
;

A pânza pina u' s rasòna mej
A pancia piena si ragiona meglio;

Abrìl e' fa e' fior e maz u i dà e' culòr
Aprile fa il fiore e maggio ne riceve gli onori;

Abrìl quand e' pianz e quand e' rid
Ad Aprile un po' si ride e un po' si piange;

Abrìl, pióv pióv che vegna grossi al cóv
Ad aprile, piove assai, ogni goccia è quanto un barile;

Ad nota tot i ghët j è nìgar
Di notte tutti i gatti sono scuri;

Ad vénar s't'a t'pnaré, di sturb t' passaré
Se di venerdì ti pettinerai, dei grossi guai passerai;

Agóst fa e' móst
Agosto fa il mosto;

Al don in prinzìpi a gli è tot mel, e dop a gli è tot fel
Le donne in principio sono dolci come il miele, poi diventano cattive come il fiele;

Al gat inguantà an ciapa brisa puntag
Il gatto con i guanti non acchiappa i topi;

Aqua e ciàcar a n' fa fartël
Con acqua e chiacchiere non si fanno frittelle.

B
Babin e vecc rimbambì, mètii a nana e fai durmì
Bambino e vecchio rimbambito mettili a letto e falli dormire;

Bes ad bacca, cor an tacca
Il bacio sulle labbra non tocca il cuore;

Bon temp, salut e quatrèn i n' stofa mai
Buon tempo, salute e quattrini, non sono mai troppi;

Brìsa tótti el scuràzz i fàn una càca
Non tutte le nuvole portano temporali;

. Bsogna spulèr quand che tira e' vent
Bisogna pulire il grano quando tira il vento.
[next] C
Chi ch'a n'gn'è l'ha sempar tórt
Chi non c'è ha sempre torto;

Chi ch'a róggia piò fórt ha rasón
Chi grida più forte ha sempre ragione;

Chi ch'ha i dent n'ha pan e chi ch'ha e' pan n'ha i dent
Chi ha i denti non ha pane, chi ha il pane non ha denti;

Chi somna spèn ch'u n' vega schelz
Chi semina spine non deve camminare scalzo;

Chi sputa per aria uz bagna la faza
Chi sputa per aria si bagna la faccia;

Chi va insiem al zop l'impara a zupgar
Chi cammina con lo zoppo impara a zoppicare;

Ch'is loda us imbroda
Chi si loda s'imbroda;

Ci e mej dla cuveda di baghen malè
Sei il migliore tra i cuccioli di maiali malati. Il meno peggio;

Ci fort coma l'asedar
Sei forte come l'aceto. Si dice di persona senza carattere;

Col fòc se prova l'oro, con l'oro la dòna
Con il fuoco si prova l'oro, con l'oro la donna.

D
'D znèr tot i babén i va a è pulér
A gennaio tutti piccoli devono andare a dormire all'ora delle galline;

Da chi trop spess i va a cunsè, b-sogna sempra diffidé
Da chi troppo spesso si va a confessare, bisogna sempre diffidare;

Dla cherna e' lomb e di pess i' romb
Dalla carne il lombo e dal pesce il rombo;

Dla tevla en s'elza mai se la boca la n'ha de furmaj
Dalla tavola non ci si alza mai senza aver mangiato il formaggio;

Dl'aqua non bi che i palmun ai marzarì
Non bere acqua altrimenti ti marciranno i polmoni.

E
E cmanda com e do ad cop quand la brescla l'è baston
Vali quanto il due di coppe quando la briscola è bastone;

E' cugh e sent è bcon piò bon
Il cuoco prende il boccone più saporito;

E porta via anche e fom mal pepie
Portare via anche il fumo alle pipe. Essere molto veloci di mano;

E sol e suga l'aqua la bagna, Dio i fa e po j acumpagna
Il sole asciuga e l'acqua bagna, il Signore li fa poi li accompagna.
[next] F
Fin a sténta al gàl ancora al chénta, dop al fa al quajón
Fino a settanta il gallo ancora canta, dopo fa l'allocco;

Fra Mudest, an dvintè mai priòur
Fratello Modesto non diventò mai priore;

Fra nóra e madóna, an còurs mai parola bona
Fra nuora e suocera non corre buon sangue.

G
Galén e ragazù, i sporchen la ca
Galline e bambini sporcano la casa;

Giovedè cantr al vèner, l'insónni se spièna
Giovedì contro il venerdì, il sogno che si avvera;

Guai al marè, ch'da el brègh a sa muiér
Povero quel marito che fa mettere i pantaloni alla moglie.

H

I
I bajoc i' fa andè l'acqua d'in sô
I soldi possono far salire l'acqua verso l'alto;

I giurnél, i scrìv i fùrb e i lezz i patèca
I giornali li scrivono i furbi e li leggono gli sciocchi;

I sold l'è come i dulur, ch j à i si tén
I soldi sono come i dolori, chi ce l'ha se li tiene.

L
La bona moj la fa e' bon marì
La buona moglie rende buono il marito;

La brasùla 'd chietar la pê sèmpar piò grânda
La braciola del vicino è sempre più grande;

La neva marzulena la fa la sera e va via la matena
La neve marzolina arriva la sera e va via la mattina;

La pida sé parsot la pis un po m' a tot
La piadina col prosciutto fa piacere un poco a tutti;

L'a piò côran lò che un zezt d'lumêgh
Ha più corna lui che un cesto pieno di lumache;

L'aqua la fa mêl, e' ven e' fa cantê
L'acqua fa male e il vino fa cantare;

L'è mei un mort ad chesa che un marchigien sla porta
È meglio un triste evento in casa che avere un marchigiano dietro la porta;

L'ha più corni quel chi lè, ca ne un baratal d lumeghie
Ha più corna quello lì di una scatola piena di lumache;

L'ov binidet, l'è bon enca dop la Pasqua
L'uovo benedetto è buono anche dopo la Pasqua.

M
Maz, mes di mat e di sumer
Maggio è il mese di matti e somari;

Mérz e marzett e fa murì chepra e caprett
Marzo e marzetto fa morire capra e capretto;

Mêrz marzòt, lóngh è dé quânt dla nòtt
A Marzo il giorno è lungo quanto la notte;

Murìr e parturìr, an i è òura
Per morire e partorire c'è sempre tempo.
[next] N
Nadèl a è sol, Pasqua a è fugh
Se a Natale c'è sole, a Pasqua si gela;

Nèiva d'f'rvar, Pan in t'al granar
Se c'è neve a Febbraio, il pane è nel granaio;

Nissun piat gòsta e vèl come i caplètt al dè'd Nadèl
Nessun piatto è gustoso quanto i cappelletti a Natale;

Nuvembar è trema tot, dizembar'e spless l'an
Novembre trema tutto, dicembre finisce l'anno.

O
O voja d'lavurè non m'saltè adòss
Voglia di lavorare non saltarmi addosso;

Ogni an l'ha i su malan
Ogni anno ha le sue calamità;

Oz un si bat ciod
oggi non si batte un chiodo. Non s'incassano soldi.

P
Panza tanda, l'è una famna
Se la pancia tonda, è femmina;

Par i'och an fa mai l'alba
Per le oche non fa mai giorno;

Par la Pasqueta, Carnvèl a bacheta
Per l'Epifania, Carnevale a tutto andare;

Par Santa Catarena o che neva o che brena o che tira la curena o che fa la paciarena
Per Santa Caterina o nevica o brina o soffia scirocco o fa le pozzanghere;

Per quan si invuieda si semper na suca!
Per quanto ti agiti sei sempre una zucca vuota;

Per San Zemian do ori al fan
A San Geminiano la giornata si allunga di due ore;

Pr'i ghengh l'è sempar festa
Gli oziosi sono sempre in festa;

Prit e frè i n'vo cantè se i quatren i n'sent sunè
Preti e frati non si mettono a cantare se prima il denaro non sentono suonare;

Putòst che gnenta l'è mei putòst
Piuttosto che niente è meglio piuttosto.

Q
Quand al gal canta da galen-na, la ca va in arven-na
Quando il gallo canta come la gallina, la casa va in rovina;

Quand che al nuval al va a bulogna e piòv c'un s'vargogna!
Quando le nuvole vanno verso Bologna, c'è pioggia senza vergogna;

Quatrén suplè, in frùten
Il denaro seppellito non frutta;

Quattrein e amizeiza velen piò dla giustezia
Denaro e amicizia valgono più della giustizia;

Quest e dura da Nadel a Sent Stefan
Il tempo che dura tra Natale e Santo Stefano. Qualcosa di poca durata.
[next] R
Rèmin da navighê, Cesena da cantê, Furlé da ballé, Ravena da magnê, Lugh da imbrujê, Faenza da lavurê, Jemula da fè l'amor
Rimini per navigare, Cesena per cantare, Forlì per ballare, Ravenna per mangiare, Lugo per imbrogliare, Faenza per lavorare, Imola per l'amore.

S
S' un sbaglies neca i sapiènt, un 'i sarèb piò post par ij ignurènt
Se non sbagliassero pure i sapienti non ci sarebbe più posto per gli ignoranti;

S'am met a f ê e' caplêr la zenta la ness senza la testa
Se mi metto a confezionare cappelli la gente nasce senza testa. Lo dice chi è sfortunato;

Sent Antoni un'ora bona
A Sant'Antonio la giornata si allunga di un'ora;

Setémbar e utòbar cun dal bél giurnèdi, temp ad fè dal scampagnèdi
A settembre e a ottobre quando le giornate sono belle, è il momento di fare delle scampagnate.

T
T'am per e fiol de pori sugamen
Sembri il figlio di un povero asciugamano. Si dice a chi è messo così male da sentirsi uno straccio;

T'è una testa com una mazola
Hai la testa dura come una mazzola;

T'è una testa come al do ad coppi
La tua testa è come il due di picche. Non vale nulla;

Tri cvel ji è bel da znèn: e' sumàr, e' pôrc e e' cuntadèn
Tre sono le cose belle da piccoline: l'asino, il maiale e il contadino;

T'vò che un nespul e faza i figh?
Vuoi che da un nespolo nascano dei fichi? Si usa dire a una persona non molto rispettabile;

T'vu insgnì e gat a rapè so?
Vorresti insegnare a un gatto come arrampicarsi? In risposta a una cosa data per scontato.

U
U j è chi ch' mâgna par campê e chi ch'mâgna par s-ciupê
C'è chi mangia per campare e chi si abbuffa per scoppiare;

Un basta avèr rasòn, bsogna ch'i t'la dèga
Non basta avere ragione, occorre che venga riconosciuta;

Un gòt e' fa ben, du i n' fa mel, u t'arvena un buchel!
Un gotto di vino fa bene, due non fanno male, ma un boccale sì.

V
Vala ben, a n' vala ben, bsogna tula cma ch'la vèn
Va bene o non va bene, bisogna prendere la vita come viene;

Vén e lat, vulain bèl e fat
Vino e latte, veleno bello e fatto;

Vlé dê da inténdar che e' Signor l'è môrt da e' fred
Non si può dire che il Signore è morto di freddo.

Z
Znêr e' fa e' pont e fabrêr u'l romp
Gennaio fa il ponte e febbraio lo rompe;

Zogn la felza int e' pogn
A giugno la falce in pugno.
Acquario Aeronautica Militare Amazon Animali Anonimo Ariete Ascendente Astrologia Belle Benessere Bilancia Buddha Caccia Cancro Capricorno Carabinieri Charles Perrault Compatibilità Concorsi Cuspidi Decani Divertenti Domande frequenti Esercito Italiano Esopo Ex Facebook Faidaté Favole Fedro fratelli Grimm Gemelli Guardia di Finanza Hans Christian Andersen La Fontaine Leone Libri Luoghi Marina Militare Oroscopo Pesci Polizia Polizia di Stato Polizia Penitenziaria Proverbi Ricette Sagittario Scorpione Social Sport Storie Tecnologia Toro Trilussa Tristi Vere Vergine Video Vigili del Fuoco
false
ltr
item
2.3: Raccolta di proverbi emiliani e romagnoli più belli
Raccolta di proverbi emiliani e romagnoli più belli
Le perle più belle tra i proverbi in dialetto emiliano e romagnolo, con sotto la spiegazione in modo che sappiate come usarli.
https://1.bp.blogspot.com/-KteH1eLzeqw/YC26f3LGffI/AAAAAAAAFW0/x3BlxkrtFC87AVMJVn8RFSX7Pia6Zo2SACLcBGAsYHQ/s696/emilia_romagna.jpg
https://1.bp.blogspot.com/-KteH1eLzeqw/YC26f3LGffI/AAAAAAAAFW0/x3BlxkrtFC87AVMJVn8RFSX7Pia6Zo2SACLcBGAsYHQ/s72-c/emilia_romagna.jpg
2.3
https://www.duepuntotre.it/2021/02/raccolta-proverbi-emiliani-e-romagnoli.html
https://www.duepuntotre.it/
https://www.duepuntotre.it/
https://www.duepuntotre.it/2021/02/raccolta-proverbi-emiliani-e-romagnoli.html
true
6528433828354979305
UTF-8
Nessun contenuto VEDI TUTTO Leggi tutto Rispondi Cancella Cancella di Home PAGINE POSTS Vedi tutto CONSIGLIATI TAG ARCHIVIO CERCA TUTTI I POSTS Nessun contenuto Vai alla home Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Gen Feb Mar Apr Maggio Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic adesso un minuto fà $$1$$ minuti fà un'ora fà $$1$$ ore fà ieri $$1$$ giorni fà $$1$$ settimane fà più di 5 settimane fà Followers Follow CONDIVIDI PER SBLOCCARE QUESTO CONTENUTO Condividi Copia Seleziona Copiato! Impossibile copiare, clicca [CTRL] + [C] (o CMD + C per Mac) per copiare