Il libro dei proverbi e detti napoletani

Proverbi napoletani e antica saggezza del Vesuvio

Il libro dei proverbi e detti napoletani Questa raccolta di antichi proverbi vesuviani è il frutto di mesi di accurata ricerca e racchiude antichi detti, citazioni e proverbi che sono ancor oggi di evidente attualità.

Che cos'è un proverbio napoletano?

Il proverbio napoletano è un'espressione colorita, a volte cruda, altre volte tenera, oppure sarcasticamente arguta. È la valvola di sfogo del Popolo vesuviano immerso in mille problemi. A qualcuno resta difficile coglierne la sottile ironia ed il suo significato, ma, vi assicuro, se fossi una tela vorrei essere dipinto da un pittore napoletano.

'A bbona campana se sente 'a luntano.
Una buona campana si sente da lontano (la persona seria si nota subito).

'A cammisa d' 'o curto nun va bbona 'a nisciuno.
La camicia dell'uomo di bassa statura, non si adatta agli altri (le cose strette fanno male).

'A campana fa: damme e dongo.
La campana fa: dammi che ti do (il comunista fa solo "damme").

'A carciòffola s'ammonna 'a 'na fronna 'a vota.
Il carciofo va pulito foglia per foglia (bisogna fare le cose con pazienza).

'A carne 'a sotto e 'e maccarune 'a coppa.
La carne sotto e i maccheroni sopra (quando le cose vanno al contrario).

'A carne è bella pure 'ncuollo 'a gatta.
La carne è bella anche addosso al gatto (riferito alle donne bruttine ma ben "carrozzate").

'A carne fa carne, 'o vino da' sango e 'a fatica fa jittà 'o sango.
La carne dà carne, il vino fa sangue e il lavoro ammazza (antica saggezza napoletana).

'A carne se jetta e 'e cane s'arraggiano.
La carne viene buttata via e i cani si inferociscono (c'è chi ha tanto e lo spreca, in spregio a chi non ha niente).

'A casa d' 'e sunature nun se portano serenate.
In casa dei musicisti non si portano serenate (correreste il rischio che vi rompano gli strumenti in testa).

'A casa d' 'o ferraro, 'o spito 'e lignammo.
In casa del fabbro, c'è lo spiedo di legno (è per la par-condicio).

A cavallo sicco 'o Pataterno 'nce manna 'e mmosche.
Al cavallo magro il Padreterno gli manda le mosche (i guai chiamano altri guai).

A caròcchia a carocchia Pullecenella accedette 'a mugliera.
Con ripetuti colpetti alla testa, Pulcinella ammazzò la moglie (tante piccole azioni, singolarmente innocue, sommate possono portare a gravi conseguenze - "carocchia": colpetto al capo con le nocche della mano chiusa).

A chièreca a chiereca s'addiventa caruso.
Perdendo una ciocca di capelli per volta si diventa calvi (come sopra - chierica = alopecia).

A criature nun prumettere e a sante nun fa voto.
Non si fanno promesse a bambini né voti a santi (voi ve ne dimenticate, ma loro hanno una memoria di ferro).

A cuoppo cupo poco pepe cape.
Nel cartoccio stretto entra poco pepe (cervello piccolo, poche idee).

'A cera se struje e 'a prucessione nun cammina!
Il cero si consuma e la processione non avanza! (quando si ha fretta, ma qualcuno o qualcosa ci fa perdere del tempo).

'A cerevella è 'na sfoglia 'e cepolla.
Il cervello è come la sfoglia di cipolla (è molto delicato).

A che serve parlà si nisciuno te dà aurienzio?
A cosa serve parlare se nessuno ti da ascolto? (è chello che dico sempe pur'io!).

A chella casa ca nun si' chiammato nun ce jì' ca ne sì' cacciato.
Dove non sei benvoluto non andarci, ne saresti scacciato (e poi dicono che l'ospite è sacro!).

A chi me da 'o ppane, je 'o chammo pate.
A chi mi dà da mangiare, io lo rispetto come fosse mio padre.

A chi nun tene figlie nun ghì né pe' denare né pe' cunziglie.
A chi non ha figli non chiedere né soldi né consigli (si sa, gli zitelli sono acidi).

A chi parla areto 'o culo 'o risponne.
A chi parla alle spalle gli risponde il sedere (una bella pernacchia forse sarebbe già sufficiente).

A chi pazzea cu' 'o ciuccio nun le mancano cauce.
A chi gioca con l'asino non mancheranno calci (sono i rischi di chi azzarda nelle scelte).

A chi se fa puntone 'o cane 'o piscia 'ncuollo.
A chi diventa cantone - rimanendo inerme, senza reagire - il cane gli orina addosso (è il destino dei troppo educati).

A chi te dice 'e fatte 'e ll'ate, nun dicere 'e fatte tuje.
A chi ti racconta i fatti degli altri, non confidare i tuoi segreti - se non vuoi che siano di dominio pubblico.

A chillu cantero ca 'nce cachi tu, nun ce fa cacà all'ate.
Sul pitale che usi tu, non farci sedere altre persone (gelosia delle cose proprie).

'A ciuccia 'e Tatunnielle, caca tutte mele limuncelle.
Gli escrementi dell' asina di Antonello sono simili a "mele limoncelle" (le lodi dell'egocentrico).

'A collera è fatta a cuoppo, chi s' 'a piglia schiatta 'ncuorpo.
L'ira è come il cartoccio, chi si adira esplode come un palloncino (ma dopo il botto s'affloscia).

'A collera è petrosa, va 'ncuorpo e fa 'o pertuso.
La collera è come una pietra, entra in corpo e perfora l'intestino (e dopo so' cazzi da cacare).

A copp' 'o cuorio, jesce 'a curreja!
È dal cuoio che si ricava la cintura (ad ogni azione corrisponde una conseguenza).

A copp' 'o cuotto, acqua vulluta.
Sulla scottatura, acqua bollente (non bastavano i guai, se ne aggiungono altri).

A coppo 'a Sant' Elmo vo' piglià 'o purpo a mmare
Da sopra Sant'Elmo vuole prendere il polipo a mare (intestardirsi nel voler fare una cosa impossibile da realizzare).

'A Cunferenza è padrona d' 'a malacrianza.
Troppa confidenza porta alla maleducazione (manteniamo le distanze).

'A scalogna d' 'o 'mbrello è quanno chiove fino fino.
La disgrazia dell'ombrello è la pioggia sottile (se c'è diluvio c'è più gusto).

'A famma fa ascì 'o lupo 'a fora 'o bosco.
La fame fa uscire il lupo dal bosco (la necessità fa abbassare la guardia).

'A famma me travaglia: mo' m' 'a piglio 'sta tuvaglia; tu me guarde cu' st' uocchie fisse: mò m' 'o piglio 'stu crucifisso.
La fame mi fa soffrire: ora mi prendo questa tovaglia; tu mi guardi con gli occhi fissi: ora mi prendo questo Crocefisso (non sarebbe meglio un panino?)

'A farina d' 'o diavulo fernesce 'a vrenna.
La farina del diavolo finisce in crusca (le cattive azioni portano solo guai).

'A femmena bella nun è puverella.
Una bella donna ha una grande ricchezza (la bontà paga sempre).

'A femmena 'nciuciera è 'na mala mugliera.
La donna chiacchierona è una cattiva moglie (tutto fumo e niente arrosto).

'A femmena è comme 'a campana, si nunn' 'a scutulìa nun sona.
La donna è coma la campana, se non la scuoti non suona (se nella vita si vuole ottenere qualcosa, allora bisogna agire).

'A femmena è comme 'a gatta, scippa e fuje.
La donna è come il gatto, graffia e scappa via (ha unghie che arrivano fino al cuore).

'A femmena è comme 'o tiempo 'e marzo: mo' t'alliscia e mò te lassa.
La donna è instabile come il mese di marzo, mentre ti accarezza, ti lascia (cambia ad ogni istante).

'A femmena è 'nu vrasiere ca s'ausa sulo 'a sera.
La donna è come il braciere che si adopera soltanto di sera (i tempi sino cambiati).

'A femmena 'na vota è gravida, nata vota allatta, e nun s'adda maje tuccà.
La donna una volta è in cinta, un' altra volta allatta, e non si deve mai toccare (le solite scuse che troviamo un po' tutti quanti).

'A femmena nun se sposa 'o ciuccio, pecchè le rompe 'e lenzole.
La donna non prende per marito l'asino, perché le strappa le lenzuola (il corredo costa).

'A femmena te porta 'ncielo e 'a femmena t'atterra.
Una donna ti può portare in alto oppure ti può sotterrare (confermo!!).

'A figlia 'e don Camillo, tutt' 'a vonno e nisciuno s' 'a piglia.
La figlia di don Camillo, tutti la vogliono ma nessuno la sposa (a chiacchiere siamo tutti prodighi verso gli altri).

'A figlia 'e zi' Francisco, s'astipa 'o mellone 'nfrisco.
La figlia di Francesco conserva l'anguria al fresco (mantiene lo spasimante sulla corda).

'A furtuna è comm' 'o capitone, chiù penzammo d' 'a putè afferrà e cchiù 'nce sciulia.
La fortuna è come l'anguilla, quando crediamo di averla presa, ci sfugge dalle mani (non va rincorsa ma attesa).

'A gallina fa fessa 'a femmena e 'o puorco strunzea l'ommo.
La gallina inganna la donna e il maiale prende in giro l'uomo (ognuno ha il suo lato debole).

'A gallina fa l'ova e 'o gallo l'abbrucia 'o mazzo.
La gallina fa l'uovo e il gallo sente dolore al sedere (c'è chi fa finta d'immedesimarsi nelle disgrazie altrui).

'A gallina se spenna morta, no viva.
La gallina va spennata quando è morta e non da viva (occhio non vede cuore non duole).

'A gatta d' 'e tittole, fotte e chiagne.
Il gatto dei tetti fa l'amore e piange (ottenere con lamentele).

'A gatta d' 'o speziale, allicca 'a fora 'a puteca.
Il gatto del salumiere, lecca la vetrina dall'esterno (ottenere con la seduzione).

'A gatta d' 'o studiente, magna 'nu chilo e pesa tre quarte.
Il gatto dello studente, mangia un chilo e pesa sette etti e mezzo (chiede più di quello che gli è necessario).

'A gatta 'e dispenza, comm' 'a fa, accussì 'a penza.
Il gatto di dispensa, come fa lei, così pensa degli altri (pensa che tutti si comportano come lei).

'A gatta 'e zi Mari, 'nu poco chiagne e 'nu poco ride.
Il gatto della signora Maria, un po' piange e un po' ride (è così che veniamo presi in giro).

'A gatta quanno sent' 'addore d' 'o pesce, maccarune nun ne vo' cchiù.
Il gatto, al sentire l'odore del pesce, rifiuta i maccheroni (con l'abbondanza arrivano i difetti).

'A gatta pe' ghjì 'e pressa facette 'e figlie cecate.
La gatta frettolosa fece i figli ciechi (ci vuole pazienza in tutte le cose).

'A gatta quanno nun pò arrivà 'o lardo dice ca' fete.
Il gatto, non riuscendo ad afferrare il pezzo di lardo, dice che puzza (la supremazia dello sciocco).

'A gatta scippa pure quanno l'accarizze.
Il gatto graffia anche quando l'accarezzi (fare del bene a volte può essere controproducente).

'A gatta se sonna 'e piscetielle fritte.
Il gatto sogna i pesciolini fritti (sperare va bene, però non abusiamo).

A' ghiuòrno se vèdono 'e mmacchie!
È di giorno che si notano le macchie! (i contratti vanno firmati alla luce del sole).

'A guallera e 'o scartiello 'e vedono tutti quanti
L'ernia e la gobba sono due cose che non si possono nascondere.

'A guapparia 'e Peppe Nasella: Accerette 'a jatta dint' 'a senga d' 'a porta.
La bravata di Giuseppe Nasella: Uccise il gatto soffocandolo tra la porta e il battente.

A lavà 'a capa 'o ciuccio se perde 'o tiempo, l'acqua e 'o sapone.
A lavare la testa all'asino si perde tempo, acqua e sapone (spiegare più volte una cosa a qualcuno senza che questi abbia capito un tubo).

A' lietto astritto, cuccate ammiezo.
Sul letto stretto mettiti al posto di centro.

A' lo friere siente l'addore! A li cunte siente dulore!
Con il fritto senti l'odore, al momento di pagare sentirai dolore.

'A lucerna senz' uoglie se stuta
La lampada senza l'olio si spegne (bisogna alimentare sempre i sentimenti).

'A mana è bona, è 'a valanza ca vò essere accisa!
La mano è buona, è la bilancia che vuol essere uccisa! (La dose è esatta, è la bilancia che sbaglia).

A marito muscio, mena assaje pepe e scioscia.
Al marito mollaccione, dagli molto pepe e soffia.

'A meglia parola è chella ca nun se dice.
La parola migliore è quella che non si pronuncia (il più delle volte è meglio non rispondere alle provocazioni).

'A mèrola cecata, 'a notte faceva 'o niro.
Il merlo cieco costruiva il nido di notte.

'A mmèrda sott'acqua nun se vede.
La cacca sott'acqua non si nota (certe persone, apparentemente buone, nascondono una profonda malvagità).

'A moneca 'e Chianura, tuosto nun 'o vuleva e muscio nun le piaceva.
La monaca di Pianura, duro non lo voleva e morbido non le piaceva (difficoltà nelle scelte).

'A mugliera d' 'o mariuolo nun sempe sciala e ride.
La moglie del ladro non sempre gode e ride (i facili guadagni possono nascondere dei guai).

'A mugliera è sango 'mprestato.
La moglie è sangue preso in prestito.

A Natale tutte scurzetelle, a Pasca tutte mullechelle.
A Natale tutti gusci, a Pasqua tutte briciole (riferito al fatto che a Natale si mangia la frutta secca e a Pasqua i dolci).

'A nave cammina e 'a fava se coce.
La nave va e nel frattempo la fava si cuoce (Raggiungere più obiettivi insieme con un colpo di fortuna, senza penare).

'A nave 'e Franceschiello: a prora se cumbatteva e a poppa nun se sapeva.
La nave di Franceschiello, a prora si combatteva e a poppa non si sapeva (si dice quando manca l'organizzazione nel fare le cose).

'A nicessità rompe 'a legge.
La necessita fa infrangere la legge.

A nomm' 'e Ddio!... E s'ammuccaje 'na zeppola.
In nome di Dio! E addentò una frittella (le persone che meno ci aspettiamo possono tradirci).

A 'nu cetrangolo spremmuto, chiavace 'nu càucio 'a coppa.
Schiaccia la melarancia già spremuta con una pedata (quando una cosa non serve più va buttata).

A 'nu palmo d' 'o culo mio facite chello ca vulite.
Ad un palmo dal mio sedere fate ciò che vi pare.

'A pacienza arriva fin' 'a cimma d' 'e capille e po' te lassa.
La pazienza arriva fino alla cima dei capelli, poi ti lascia.

'A pacienza vale cchiù d' 'a scienzia.
La pazienza vale più della scienza.

'A panza è pellecchia, cchiù 'nce miette e cchiù se stennècchia.
La pancia è fatta di pelle, più roba si introduce e più si distende (riferito all'uomo che non si accontenta mai.

A Papièto 'nce fa acqua 'a pippa!.
A Pietro la pipa fa acqua - Perde colpi (in genere ci si riferisce alla perdita della memoria).

'A pàva 'e surdato e 'o sfizio 'e generale.
La paga da soldato e le mansioni da generale (spesso le responsabilità sul lavoro non vengono retribuite come meritano).

A primma trasetura, guardateve 'e ssacche!
Appena entrate, fate attenzione alle tasche (entrando nei locali pubblici, sui tram e sui treni, per prima cosa bisogna guardarsi dai ladri.

'A pràteca spràtteca, e 'a scola 'nzegna.
La pratica rende pratici e la scuola insegna (la strada insegna più della scuola).

'A pulizzìa, sulo dint' 'a sacca nunn' è bbona!
Solo nella tasca non e buona la pulizia (senza soldi in tasca si vive male).

A Pullecenella 'o vedono sulo quanno va 'ncarrozza.
Pulcinella viene notato solo quando va in carrozza (le persone agiate sono invidiate, ma quando lavorano sodo per potersi permettere gli agi, nessuno le nota).

A Quaraesema, va 'o scerocco dint' 'e vruòccole.
Quando arriva la Quaresima il vento di scirocco entra nei broccoli.

'A quanno è mort' 'a criatura nun simme cchiù cumpare.
Da quando è morta la bimba non siamo più parenti (succede quando vengono meno le ragioni di interesse reciproco).

'A raggione è d' 'e fessi.
Gli stupidi pretendono di avere per forza ragione.

'A ramma 'a sceriàmmo e appennìmmo, e sempe cchiù belle parìmmo.
Le stoviglie di rame le puliamo e le appendiamo, così sembrerà tutto più bello.

'A salute s'abbusca e nun s'accatta.
La salute si riceve in dono, non può essere comprata.

'A sciorta d' 'o piecuro: nasce curnuto e more scannato!
La malasorte del capretto: nasce cornuto e muore sgozzato (la sfortuna non viene mai da sola).

'A sciorta 'e Cazzetta, jette a piscià e se ne cadette.
La sfortuna del signor Cazzetta, mentre orinava gli cadde (proprio quando serve una cosa, questa viene meno).

'A scopa nova scopa buono sulo tre ghiuorne.
La scopa nuova spazza bene solo per tre giorni. [next] 'A sfrunnata 'e l'albere ne parlammo.
Quando cadranno le foglie dagli alberi ne riparliamo (si dice quando si vuole prendere del tempo per fare una cosa).

A santa Lucia 'a jurnata fa 'nu passo 'e gallina; a sant'Aniello fa 'nu passo 'e pucuriello.
A santa Lucia la giornata fa un passo da gallina; a sant'Aniello ne fa uno da agnello (a Santa Lucia la giornata è più corta mentre a Sant'Aniello il giorno si allunga).

A 'stu munno 'nce stanno tre specie d'omme: Uommene, uomenicchie e quaquaraquà.
Sulla terra vi sono tre categorie di uomini: Uomini, ominidi e "comunisti" (mannaggia 'a lengua!)

A 'stu munno sulo 'o cantero è nicessario.
A questo mondo è necessario solamente il pitale.

'A vacca pe' nun movere 'a cora se facette magnà 'e ppacche d' 'e mmosche.
La mucca per non muovere la coda si lasciò mangiare le natiche dalle mosche (sottile definizione della pigrizia).

'A vecchia all'otto e maggio vuttaje o trapanaturo 'ncoppa 'o ffuoco.
L'otto maggio la vecchia mise un ciocco sul fuoco (a maggio può ancora far molto freddo).

'A verità è 'a figlia d' 'o tiempo.
La verità è figlia del tempo.

'A verità e comm' 'a l'uoglio, assomma sempe!.
La verità è come l'olio, viene sempre a galla.

'A vita è n' affacciata 'e fenesta.
La vita è un'affacciata di finestra (la vita è breve, bisogna viverla bene).

'A vocca nun tene gabella e 'o culo nun tene purtella.
Per la bocca non c'e tassa e il sedere non ha chiusura.

'A zezzenella è bbona!
L'abbondanza è una cosa buona! (viene detto in modo ironico, di fronte allo spreco).

Accide cchiù 'a lengua ca 'a spata.
Uccide più la lingua che la spada.

Accide cchiù l'uocchie ca 'na schiuppettata.
Uccide piu il malocchio che una fucilata.

Accussì va 'o munno, chi anata e chi va 'nfunno.
Cosi va il mondo, chi rimane a galla e chi sprofonda (la vita è varia).

Acquajuò, l'acqua è fresca? Manco 'a neve!
Acquaiolo, l'acqua è fresca? Più fredda del ghiaccio!

Addu' amice e addu' parienti nun accattà e nu' vinnere niente.
Da amici e da parenti non comprare e non vendere niente.

Adda' fernì! Dicette chillo ca' ruciliava p' 'e scale.
Dovra pur finire! Disse il tizio mentre ruzzolava per le scale - Inviato da Gino di Portici.

Addo' 'e fatte Pasche llà faje Natale.
Dove hai fatto Pasqua lì fai pure Natale (dove fai primavera, fai anche l'inverno).

Addo' magnano duje ponno magnà pure tre.
Dove mangiano due persone possono mangiare anche in tre.

Addo' trase 'o sole, nun trase 'o duttore.
Dove entra il sole non entra il dottore.

Agge pacienza e fatt' ji' 'nculo è una cosa.
Abbi pazienza e fregati è la stessa cosa.

Agge sciorta e menate 'a mmare.
Abbi fortuna e buttati a mare (augurio che si fa allo scocciatore nel mandarlo via).

Aje voglia 'a mettere 'o rrum, 'nu strunzo nun po' addiventà maje babbà.
Hai voglia ad aggiungere rum, lo sterco non può diventare mai babà (uno stupido non sarà mai intelligente).

Ammore verace, primma s'appicceca e doppo fa pace.
Quando c'è vero amore, prima si litiga e poi si fa pace.

Ammuina è bbona p' 'a guerra.
La confusione va bene per la guerra (il disordine genera caos).

Appaùrate 'e ll'acqua cheta, s' appantana e feta.
Preoccupati dell'acqua ferma, perché dopo un po' emana cattivo odore (le persone silenziose, apparentemente innocue, se pungolate possono diventare molto pericolose e aggressive).

Appusà 'o culo 'a culonna.
Mettersi in posizione supina (prepararsi a pagare lo scotto di un errore commesso).

Arbere e figli s'adderizzano quanno so' piccirille.
Alberi e figli si correggono quando sono piccoli.

Aria netta nun ave paura 'e tronole.
L'aria pulita non teme i tuoni (l'uomo che vive onestamente non ha paura di niente).

Arrimediammo pe' mo', ca po' Ddio 'nce penza.
Arrangiamoci per ora, poi ci penserà Dio (la speranza è l'ultima a morire).

Aspettà e nun venì, è 'na pena da murì.
Aspettare chi non viene è una pena da morire (le mogli dei pescatori stavano sempre in ansia per i mariti).

Aspiette, ciuccio mio, ca mo' arriva 'a paglia nova.
Aspetta, asino mio, che sta per giungere la paglia nuova.

Astipa e miette 'ncore, quanno è tiempo caccia 'o fore.
Conservalo nel cuore, al momento opportuno tiralo fuori.

Astipate 'o piezzo janco pe' quanno veneno 'e tiempe nire.
Conserva il pezzo bianco per quando arrivano i tempi neri (il "pezzo bianco" è il pane da conservare per i tempi di magra).

Aurie pe' cient'anne, cu 'o scartiello e 'a vozzola 'nganna.
Auguri per cento anni, con la gobba e il gozzo alla gola (i napoletani sono convinti che le persone con determinati difetti fisici siano portatori di fortuna, o di sventura, a seconda dei casi).

Aurio senza canisto, è comme si nun l'avisse visto.
L'augurio senza dono, è come se non l'avessi avuto.

Avàsciame 'o donno e aìzame 'a mesata.
Riducimi il don e aumentami lo stipendio (la persona venale preferisce ricevere meno titoli onorifici ma più soldi).

Avutàto 'o vicariello, mena 'e vermicielli!.
Girato l'angolo, butta la pasta (la gente mostra interesse alle disgrazie altrui, ma una volta allontanatasi diventa indifferente).

Baccalà 'e copp' 'e quartiere: se fa notte e nisciuno me 'ncujeta.
Baccalà dei quartieri: si fa notte e nessuno mi stuzzica.

Bella fuje 'a festa: 'nu poco scarzulella 'e scisto.
La festa fu bella, ma carente di petrolio (gli ospiti a pranzo lamentano sempre la mancanza qualcosa).

Bella vita fosse; ma si durasse!
La vita sarebbe bella, se durasse (e cose belle non durano mai a lungo).

Bona Maria va sola p' 'a via.
La buona Maria va sola per strada (una persona che si comporta bene con tutti, non ha nulla da temere e camminerà sempre a testa alta).

Bongiorn' 'e frasche, dicette 'a crapa 'nfaccia 'o vosco.
Buongiorno alle frasche, così salutò la capra al bosco - frasche = legna, rami, alberi.

Cammina cammina pedezzullo, ca stenteniello sciala
Vai, vai piedino, che pancino gode (una passeggiata fa bene alla digestione)

Cane e cane nun se mozzecano
Tra cani non ci si morde (tra potenti non si litiga).

Carte e femmene fanno chello ca vonno
Le carte da gioco e le donne fanno quel che vogliono (sono entrambe capricciose ed imprevedibili).

Carute, catarro e cacarella so' 'e tre malanne d' 'e vicchiarielle
Cadute, influenza e intestino sono i malanni a cui si va incontro con la vecchiaia.

Cca' nisciuno è fesso!
Qui nessuno è stupido! (Si dice quando non se ne può più di ripetuti soprusi).

Cerca 'e mettere 'a capa 'a fa bene
Cerca di mettere la testa a posto e di rigare diritto.

Chella cammisa ca nun vo' sta cu' te', pigliala e stracciala
La camicia che non vuole stare con te, prendila e strappala (se una persona non ti vuole, lasciala perdere).

Chello ca 'a vecchia vulette 'nzuonno le jette
Quello che la vecchia desiderava lo ebbe in sogno (quando accade qualcosa di buono di cui quasi non si sperava più).

Chello ca nun se fa, nun se sape
Solo quello che non si fa non si saprà mai.

Chello ca pe' te nun vuoje, pe' l'ate nun sia
Quello che non vuoi per te non augurarlo agli altri.

Che te cride, ca Pasca vene sempe 'e dummeneca?
Cosa credi, che Pasqua viene sempre di Domenica? (del domani non c'è certezza).

Chi 'a avuto, 'a avuto, e chi 'a dato, 'a dato.
Chi ha avuto, ha avuto, e chi ha dato ha dato.

Chi 'a fa se ne scorda, ma chi l'ave s'arricorda
Una cattiva azione viene dimenticata da chi l'ha fatta ma non da chi l'ha ricevuta.

Chi 'a femmena crede, Paraviso nun vede
Chi crede alle donne farà una vita d'inferno.

Chi 'a mmasciata te porta, 'ngiuria te vo fa
Chi ti riferisce fatti che ti riguardano lo fa con l'intenzione di ingiuriarti.

Chi ave 'na cummedità e nun se ne serve, nun trova cunfessore ca l'assolve
Che possiede una comodità e non se ne serve, non trova confessore che lo assolve.

Chi 'a vo' cotta e chi 'a vo' crura
Chi la vuole cotta e chi la vuole cruda.

Chi arrobba poco arrobba assaie
Chi ruba poco per volta ruba di più.

Chi ato nun ave cu' 'a mugliera se cocca
Chi altro non ha, va a letto con la propria moglie.

Chi bello vo' parè, guaje e pene adda patè
Chi bello vuol sembrare, guai e pene deve soffrire.

Chi buono vo' accumincià, figlia femmena adda fa
Chi bene vuol cominciare deve fare una figlia femmina.

Chi cagna 'a via vecchia pe 'a nova sape chello ca lassa e no' chello che trova
Chi cambia la strada vecchia per la nuova sa ciò che lascia ma non quello che trova.

Chi campa d'entrata, campa penato
Chi vive di stipendio, vive di stenti.

Chi campa deritto campa affritto; chi campa sturtariello campa bunariello
Chi campa rettamente, vive di stenti; chi campa di espedienti, vive benino.

Chi cchiù allucca cchiù ave raggione
Chi più grida, più ha ragione.

Chi cchiù spenne meno spenne
Chi più spende meno spende (volte spendendo di più si risparmia).

Chi chiagne fotte a chi ride
Chi piange frega chi ride.

Chi chiano cammina fa bona 'a jurnata
Chi cammina piano ha una buona giornata (chi va piano va lontano).

Chi cu' 'a freva e chi cu' 'e pezze 'nfronte
Chi con la febbre e chi con gli stracci bagnati sulla fronte.

Chi cumanna nun suda
Chi comanda non si affatica.

Chi dorme sulo, largo se cocca
Chi dorme da solo sta più comodo.

Chi è malamente, dice 'o male 'e tutte quante
Il malvagio parla male di tutti (chi è cattivo crede che tutti gli altri siano come lui).

Chi è parente d' 'a coppola va p' 'a casa e 'ntroppeca; chi è parente d' 'o maccaturo va p' 'a casa e va sicuro
Il parente del berretto gira per casa e inciampa; il parente del fazzoletto gira per casa con sicurezza.

Chi è puntuale è patrone d' 'a sacca 'e l'ate
Chi è puntuale nel pagare alle scadenze è padrone della tasca altrui.

Chi è puveriello 'e denare, è ricco 'e core
Chi è povero è sempre buono.

Chi 'e suonne s' abboffa, 'e famma se fotte
Chi dorme troppo rimane senza mangiare.

Chi fa 'a legge l'adda rispettà
Chi fa la legge deve per primo rispettarla.

Chi fatica 'o ghiuorne 'e festa, niente l' 'e resta
A chi lavora nel giorno festivo non rimane nulla.

Chi fatica magna; chi nun fatica magna e beve
Chi lavora mangia: chi non lavora mangia e beve.

Chi forza nun ave, s'arma 'e 'ngegno
Chi non ha forza si arma d'ingegno.

Chi fraveca e sfraveca nun perde maie tiempe
Chi fa e disfa non perde mai tempo (a volte si fa prima a ricominciare tutto da capo).

Chi guverna 'a robba 'e ll'ate nun se cocca senza cena
Chi amministra i beni altrui non va a letto senza cena.

Chi jetta strille, gran dulore sente
Chi urla sicuramente sta soffrendo.

Chi magna a Natale e pava a Pasca, fa 'nu buono Natale e 'na mala Pasca
Chi mangia a Natale e paga a Pasqua farà un buon Natale ed una cattiva Pasqua (facendo debiti si risolvono le cose solo temporaneamente).

Chi mette 'a pezza a culore, è 'o vero duttore
Chi mette la "pezza a colori" è il vero dottore (Chi riesce a trovare una buona giustificazione ad una sua mancanza, è in gamba).

Chi 'mpasta assaie fa 'o ppane bbuono
Chi impasta a lungo fa il pane saporito (colui che lavora molto avrà buoni frutti.

Chi nasce afflitto more scunzulato
Chi nasce pessimista vivrà male.

Chi nasce ciuccio nun po' murì cavallo
Chi nasce asino non potrà divenire cavallo (non si può cambiare razza nel crescere).

Chi nasce p' 'a forca nun po' muri pe' mare
Chi nasce per la forca non morirà a mare (ad ognuno il suo destino).

Chi nasce tunno nun po' murì quadro
Chi nasce tondo non potrà morire quadrato.

Chi 'nfruce nun luce
Chi nasconde non è chiaro.

Chi nun sta 'a sentì a mamma e pate va a murì addò nun sape
Chi non ascolta i consigli dei propri genitori non sa dove andrà a morire.

Chi nun accatta e nun venne, nun saglie e nun scenne
Chi non compra e non vende non guadagna e non perde.

Chi nun accetta, nun merita
Non accettare un dono significa non meritarlo.

Chi nun conta denare, nun se sporca 'e mane
Chi non maneggia il denaro, non si sporca le mani.

Chi nun more sempe se vede
Chi non muore si rivede.

Chi nun po' magnà carne, s' accuntenta d' 'o brodo
Chi non può permettersi la carne si deve accontentare del brodo.

Chi nun refonne, nun perde
Chi non ci rimette non perde.

Chi nun s' 'a po' piglià cu 'a chiesia, s' 'a piglia cu 'o campanaro
Chi non può prendersela con la chiesa, se la prende col sagrestano (quando non possiamo arrivare al potente, cerchiamo un capro espiatorio più debole).

Chi nun sape chiagnere, nun sape manco ridere
Chi non sa piangere è insensibile anche alla gioia.

Chi nun semmena, nun raccoglie
Chi non semina non raccoglie. [next] Chi nun sente raggione è pazzo
Chi non intende ragioni è un pazzo.

Chi nun sta dinto 'o mulino nun se 'nfarina
Chi non usa la farina non se ne sporcherà le mani (chi non partecipa all'azione non avrà meriti.

Chi nun tene che perdere, arreseca
Chi non ha nulla da perdere, rischia (tentare il tutto per tutto).

Chi nun tene denari, ave sempe tuorto
Il povero che non ha soldi ha sempre torto.

Chi nun tene denari, va facenno zelle
Chi non ha soldi va in giro a fare debiti.

Chi nun tene diebbete, è ricco
Chi non ha debiti è un uomo ricco.

Chi nun vo' perdere, ca nun ghioca
Chi non vuole perdere, non deve giocare.

Chi parla assaje, arraggiona sempe poco
Chi parla troppo di solito ragiona poco.

Chi passa currenno, nun se n'addona
Chi passa correndo non se ne accorge nella fretta non notiamo ciò che succede intorno a noi).

Chi pava 'o diebbeto, acquista capitale
Pagare un debito è come costituire un capitale (per "capitale" si intende il buon nome).

Chi pe' 'stu mare va, chisti pisce piglia
Chi va per questo mare, questi pesci prenderà.

Chi pecura se fa, 'o lupo s' 'o magna
Chi si fa pecora il lupo se lo mangia (quando si è troppo buoni la gente ne approfitta).

Chi penza troppo more ampressa
Chi pensa troppo, morirà presto.

Chi poco tene caro tene
Chi poco possiede se lo tiene da conto.

Chi ponta 'a cicciuvettola, guaragna
Chi punta sulla civetta guadagna (la civetta è simbolo di malaugurio, per cui è un detto scaramantico).

Chi primma nun penza, doppo se pente
Chi agisce senza riflettere dopo se ne pentirà.

Chi ringrazia esce for' obbligo
Chi ringrazia si libera dall'obbligo.

Chi rompe pava e chi scassa acconcia
Chi rompe paga e chi danneggia ripara.

Chi s'aiza 'a matina, s'abbusca 'o carrino; chi s'aiza 'o ghiuorno s'abbusca 'nu cuorno
Chi si leva di buon mattino, guadagna soldi; chi si alza a giorno fatto, avrà un bel niente.

Chi s'annammora d' 'e capille e d' 'e diente, nun s'annammora 'e niente
Chi si innamora dei bei capelli e dei denti, non è innamorato di niente (la bellezza è effimera, infatti, i capelli e i denti sono due cose che con gli anni si perdono).

Chi saglie e scenne 'e scale d' 'e pagliette, nun passa tiempo ca s'arricetta
Chi sale e scende le scale degli avvocati, presto finirà male.

Chi se fa masto, va dint' 'o mastrillo
Chi si dice esperto, finisce in trappola.

Chi se guarda 'o ssujo, nun fa latro 'a nisciuno
Chi ben custodisce i propri beni non rende ladro nessuno.

Chi se mette appaura, nun se cocca cu 'e femmene belle
Chi ha paura non andrà a letto con le belle donne (è difficile che il timido faccia colpo sulle belle ragazze).

Chi se mette cu' 'e criature, cacato se trova
Chi si mette con i bambini, si ritrova sporco di cacca (riferito a persone adulte "non cresciute" con i quali ci si ritrova nei guai).

Chi se mette pe' mmare, adda sapè primma anatà
Chi va per mare deve saper nuotare (prima di cominciare qualcosa, è bene sapere a cosa si va incontro).

Chi se 'ntrica, resta 'ntricato
Chi cerca di imbrogliare rimane imbrogliato.

Chi se perde pe' 'o troppo sapè e chi pe' nun addumannà
C' è chi si perde perché crede di sapere tutto, e chi, invece, per non chiedere ad altri.

Chi se piglia, s' assumiglia
A volte si sceglie il partner a cui si assomiglia.

Chi se ricusa, è miezo vattuto
Chi si contraddice, è per metà sconfitto.

Chi se sceta pe' primma se beve 'o latte
Chi per primo si sveglia beve il latte.

Chi se venne 'o culo, doppo nun se pò assetta
Chi vende il proprio sedere, poi, non potrà sedersi.

Chi semmena 'o grano nun coglie ardica
Chi semina grano non raccoglie ortiche.

Chi semmena spine nun adda ji scauzo
Chi semina spine non deve camminare scalzo.

Chi sparte allave 'a peggia parte
Chi fa le divisioni riceve la parte peggiore.

Chi sta vicino 'o sole, nun sente friddo
Chi sta vicino alla fonte di calore non sente freddo (chi ha protezione si sente tranquillo).

Chi te sape nun t'accatta
Chi ti conosce non cercherà di comprarti.

Chi te sape t'arape
Chi ti conosce ti apre e ti deruba.

Chi tene 'a lengua va 'nZardegna
Chi ha la lingua arriva in Sardegna.

Chi tene assai nemice nun more maie
Chi ha molti nemici vive a lungo.

Chi tene belli denare sempe conta; chi tene bella mugliera sempe canta
Chi ha bei denari sempre conta; chi ha bella moglie sempre canta.

Chi tène cchiù povere spara
Chi ha più polvere spara.

Chi tene cchiù sante va 'mParaviso
Chi ha più santi va in paradiso (in tema di raccomandazioni).

Chi tene 'e crape, s'adda tenè pure 'e corne
Chi possiede le capre deve tenersi anche le corna (chi vuole una cosa buona deve accettarne anche i lati negativi).

Chi tène 'e mmane 'mpasta nun mette 'o dito areto 'a gallina
Chi ha le mani in pasta non mette il dito nel sedere alla gallina (non sconfessa ad altri ciò che fa).

Chi tene mamma, nun chiagne
Chi ha la mamma non piange - poiché trova sempre conforto.

Chi tene 'nu male, mièttelo 'nponta 'a 'nu pale
Chi lamenta di un male, mettilo in cima a un palo.

Chi tene 'nu puorco sulo 'o cresce gruosso; chi tène 'nu figlio sulo 'o cresce fesso
Chi ha soltanto un maiale lo alleva perché ingrassi; chi ha un figlio solo, ne fa uno stupido.

Chi tene 'o pepe ne metta dint' 'a menesta
Chi ha del pepe ne metta nella minestra (se si ha qualcosa bisogna che si adoperi).

Chi tene tiempo, tene vita
Chi ha tempo ha vita (la fretta accorcia l'esistenza).

Chi tene vacche, ducate e turnese, sotto sotto se crère marchese
Chi possiede bestiame e soldi, in cuor suo si ritiene un nobile.

Chi tropp' 'a tira 'a spezza
Chi troppo la tira, la spezza (chi chiede troppo alla fine non avrà nulla).

Chi troppo faticaje dint' 'a 'nu sacco s' atterraje; si nun avesse faticato, manco 'o sacco se sarria truvato
Chi troppo lavorò, fu seppellito dentro un sacco; se non avesse lavorato, non si sarebbe ritrovato neanche il sacco.

Chi troppo penza, more ampressa
Chi troppo rimugina morirà presto (pensare sempre a qualcosa non deve diventare una fissazione).

Chi troppo s'acala, 'o culo mosta
Chi troppo s'inchina, mette in mostra il sedere.

Chi troppo s'avanta nun vale niente
Chi troppo si vanta non vale niente (solo l'inetto vanta se stesso.

Chi troppo vo' sagliere, subbeto cade
Chi vuole salire in fretta in alto cadrà subito (le cose vanno fatte per gradi).

Chi troppo vò sparagnà, vene 'a gatta e s' 'o magna
Chi troppo vuole risparmiare, arriva il gatto e se lo mangia (si fanno tanti sacrifici per risparmiare, alla fine i figli scialacquano tutto).

Chi va cu' 'o zuoppo accummènce 'a zuppecà
Chi cammina con lo zoppo impara a zoppicare.

Chi va pe' chistu mare, chisti pisce piglia
Chi va per questo mare, questi sono i pesci che prende.

Chi vò mettere 'o pere 'ncoppo 'a tutte 'e prete, nun arriva maje
Chi vuol poggiare il piede su tutte le pietre non arriva mai a destinazione (chi troppo vuole nulla stringe).

Chi vo' 'o male 'e chesta casa, adda crepà primma ca trase
Chi vuole il male di questa casa, deve morire prima d'entrare.

Chi vo' tenere aret' 'o guardio, nun porta 'o curtiello dinto 'a sacca
Chi vuole tenere lontano la Polizia, non porta armi addosso.

Chiamma a S. Paolo primma e vedè 'a serpe
Chiede protezione a San Paolo ancor prima di vedere il serpente.

Chiamma mamma e pate a chi te dà 'a magnà
Chiama madre e padre coloro che ti nutrono.

Chiano chianillo s' 'o pigliaie
Piano piano se lo prese (con calma ottenne ciò che voleva).

Chianu chiano 'o coce e senza pressa 'o venne
Lentamente lo cuoce e senza fretta lo vende.

Chiove dint' 'a terra toia
Piove nella terra tua (sei fortunato. Ti va tutto bene).

Chiove e maletiempo fa, 'a casa 'e ll' ate nun è buono a sta!
Piove ed è maltempo, non è bene stare in casa altrui.

Chiste so 'e vere turmiente, quanno tutte magneno e uno tene mente
Questi sono i veri tormenti, quando tutti mangiano e uno soltanto guarda.

Cielo a pecurelle acqua a carraffelle
Cielo a pecorelle acqua a boccette.

Cient'anne 'e chiante nun pavano 'na lira 'e diebbeto
Cento anni di sofferenza non ripagano un piccolo debito.

Ciente carre 'e penziere, nun pavano 'nu sulo diebbeto
Meglio avere molti grattacapi che un solo debito.

Ciert' e' vvote s' adda vasà 'o culo ca te caca 'ncuollo
Alcune volte bisogna baciare il sedere che espelle le feci su di te (fare buon viso a cattivo gioco).

Cinco e cinco 'a diece, e 'o parrucchiano 'a quinnece
Cinque e cinque fanno dieci, con il parroco siamo a quindici.

Ciruzzo Caramella, quanno chiove porta 'o 'mbrello, quanno chiove fino fino, porta pure 'o bastuncino
Ciruzzo Caramella, quando piove porta l'ombrello, quando pioviggina, porta pure il bastone (antico scioglilingua napoletano per bambini)

Cola fatica e pezzecata magna
Nicola lavora e la "butterata" mangia.

Comme Catarenea, accussì Barbarea; comme Barbarea, accussì Natalea
Come sarà il tempo a Santa Caterina, così sarà Santa Barbara e così pure a Natale.

Comme dicette zi' Nennella: è fernuta 'a zezzenella!
Come disse la signora Anna: è finita la pacchia.

Conta, conta, e 'o riavulo se piglia 'a jonta
Conta, conta, che il diavolo si prenderà il di più (si dice degli avari che conservano vere fortune che lasciano quando muoiono).

Cu 'a gente d' 'e ddoje porte, votta 'o fierro areto 'a porta
Con chi ha la casa con due ingressi, metti la sbarra dietro la porta.

Cu 'a prova se cunosce 'o mellone!
Con la prova si vede l' anguria! (Bisogna sempre accertarsi per essere sicuri).

Cu 'a vocca chiusa nun traseno mosche
Con la bocca chiusa non entrano mosche (certe volte è meglio tacere).

Cu 'e chiacchiere se fanno 'e chierchie
Con le chiacchiere non si combina nulla.

Cu 'nu no te spicce, cu 'nu si te 'mpicce
Con un no ti liberi, con un si t'impegoli.

Cu 'o chiuovo areto e portame 'a festa
Col chiodo nel sedere, e portami alla festa.

Cu 'o vicino se cucina
Col vicino si cucina (bisogna sempre mantenere i buoni rapporti con la gente vicina a noi).

Cummannà è meglio do' fottere
Comandare e meglio che fare l'amore.

Cummuoglieme 'sto pietto, ca 'o culo me sta scupierto
Coprimi il petto, che ho il sedere scoperto (A volte cerchiamo di nascondere piccoli difetti lasciando trasparire altri ben più gravi).

Cumpagno: tu fatiche e je magno!
Compagno: tu lavori e io mangio!

Cunziglio 'e volpe, rammaggio 'e gallina
Consiglio di volpe, danno di gallina (non bisogna mai farsi consigliare dalle persone infide).

Cuovere e cuovere nun se cecano l'uocchie
Fra corvi non ci si acceca.

Cuscienza e denare hanna passà pe' una mana
Coscienza e denaro devono passare per una mano sola (la persona onesta non si approfitta del denaro altrui).

D' 'o muorto e dd' 'a sposa se parla pe otto juòrne
Del morto e della sposa se ne parla per otto giorni

Dalle e dalle pur' 'o cucuzziello addeventa tallo
Dai e dai finchè la zucchina diventa foglia

Dàtte da fà: ca 'a jurnata è 'nu muòrze!
Datti da fare: la giornata passa in un baleno

Ddio ce ne libera d' 'e mali vicine e princepiante 'e viulino
Dio ci liberi da cattivi vicini e da principianti di violino

Ddio 'o ssape e pure 'a Maronna 'o vvede!
Dio lo sa e la madonna lo vede

Dduje solde, p' 'a vàvera, capille, e 'a mullechella mmocca
Due soldi, barba, capelli e la mollica in bocca

Dice sì, ca nun è peccato
Dì di si, che non è peccato

Dicette accussì 'a vecchia: "Aggio campato nuantanov' anne, e vulesse campà n' ato, pe' me 'mparà ancora"
Disse la vecchia:"Ho vissuto novantanove anni, e vorrei viverne un'altro, per apprendere ancora

Dicette 'o serpe 'a 'o voje: Me puo' pure scamazzà; ma sempe curnuto addimani!
Disse il serpente al bue: Mi puoi anche schiacciare ma sempre cornuto rimani

Dicette don Lione: "'O viecchio s' add' accidere quann' è ancora guagliòne"
Disse don Leone: "Il vecchio deve essere ucciso quando è ancora ragazzo"

Dicette accussi' Nunziata: "Fa sempe bene 'na rattata"
Disse Nunziata: "Fa sempre bene una grattata" [next] Dicette 'o cacciatore 'nquollo 'a quaglia: "Cchiù àuto vaje e cchiù 'o bbùtto piglie"
Disse il cacciatore alla quaglia: Più in alto voli e più ti fai male quando cadi

Dicette 'o cafone: 'Na vota sola me faje fesso!
Disse il cafone: Mi puoi imbrogliare una volta soltanto

Dicette 'o miedeco 'e Chianura: Chesta cca' è 'a ricetta, e ca 'o Signore t' 'a manna bbona!
Disse il medico di Pianura: Questa è la ricetta, e che il Signore te la mandi buona!

Dicette 'o pàppece 'nfaccia 'a noce: damme 'o tiempo ca te spertoso
Disse il tarlo alla noce: dammi un pò di tempo che ti buco

Dicette 'o parrucchiano: "Fa chello ca te dico je e no chello ca facc' je"
Disse il prete: "Fa quel che dico, ma non ciò che faccio"

Dicette Paglialone: "Ccà sta 'a pezza e ccà 'o ssapone"
Disse Paglialone: Qua la pezza "merce" e qua il sapone "denaro"

Dicette Pulecenella: ‘Nu maccarone vale cchiù 'e ciente vermecielle
Disse Pulcinella: Una persona intelligente vale più di cento inetti

Dicette Pulecenella: "'A ccà me trasuto e p' 'o culo me asciuto"
Disse Pulcinella: "Di qua mi è entrato e per il sedere mi è uscito"

Dicette Ramunno: "Accussì adda ji' 'o munno"
Disse Raimondo: "Così deve andare il mondo"

Dicètte 'o figlo vicino 'o schiattamuòrto: "A pesièlle te pavo!"
Disse l' erede al becchino: "Quando sarà il tempo dei piselli, pagherò!

Don Giuvanno, 'o tène annanze e 'o va' truvanno
Don Giovanni, ce l' ha davanti e non lo vede

Dopp' arrubbate, Pullecenella mettette 'e cancielle 'e fierro
Dopo il furto Pulcinella mise le porte in ferro

Dopp' 'e cunfiette jesceno 'e defiette
Dopo i confetti emergono i difetti

Doppo Natale, famma e friddo
Dopo Natale, fame e freddo

Doppo Pasca vièneme 'a pèsca
Dopo Pasqua, vieni a pescarmi

Doppo tant' anne che è mmuorto Pieto, mò se n' addòna d' 'o fieto
Dopo tanti anni che è morto Pietro, ora se ne avverte il cattivo odore

Doppo vippeto: "'a saluta vosta!"
Dopo aver bevuto: "alla vostra salute!"

E' acqua ca nun leva 'a sete
E' acqua che non disseta - una cosa che non da' soddisfazione

E' arrivato 'o 'mbrelline 'e seta!
A chi si atteggia a raffinato

E' asciuto pazzo 'o patrone!
Il padrone è impazzito

'E bizzoche prejano a Ddio e sfessano 'o prossemo
Le bigotte pregano Dio e sparlano del prossimo

'E cavure 'a rinta e 'e fridde 'a fore
I caldi dentro e i freddi fuori

'E chiacchiere s' 'e pporta 'o viento; 'e maccarune jengheno 'a panza
Le chiacchiere se le porta il vento; i maccheroni riempiono la pancia

E' cchiù facile 'ncappà 'nu terno 'a lotto, ca 'ncappà 'na bbona mugliera
E' più facile indovinare i numeri, che trovare una buona moglie

'E cchiù fesse songo sempe 'e primme a ffarse sentì
I primi a protestare sono sempre i meno qualificati

'E ccose longhe addeventano sierpe
Quando non si porta celermente a termine una cosa poi diventa più difficile ultimarla

'E ccose pruibbite songo 'e cchiù sapurite
Le cose vietate sono le più eccitanti

'E chestu' lignammo, se fanno 'e strummole
Con questo legno, si fanno le trottole

'E ciucce s' appiccecano e 'e varrile se scassano
Gli asini litigano e i barili si rompono

'E ciucce viecchie hanna murì dint' 'e stalle nove
Gli asini vecchi devono morire dentro le stalle nuove

'E denare d' 'o 'nfinferinfì se ne vanno c' 'o 'nfinferinfà
Il guadagno facile se ne va altrettanto facilmente

'E denare sò 'a voce 'e l'ommo
Il denaro è la voce dell'uomo

'E denare sò comme 'e chiattille, s' attaccano a 'e cugliune
I soldi sono come le piattole si attaccano ai coglioni...

'E deritte moreno pe' mmane d' 'e fessi
A volte i furbi soccombono agli stupidi

'E ditte antiche nun fallisceno maje
I detti antichi non falliscono mai

'E fatte d' 'a pignatta 'e ssape 'a cucchiara
I fatti della pentola li conosce il mestolo

E' fernuta 'a zezzenella
E' finita la pacchia

E' fernuta l'evera oj piécuro!
Non c'è più erba, o agnello!

'E fesse songo sempe 'e primme a parlà
I fessi sone sempre i primi a parlare

'E ffemmene ne sanno una cchiù ddò riavulo
Le donne ne sanno una più del diavolo

'E ffemmene so' comme 'e mellune, ogne ciento, una
Le donne sono come le angurie, solo una su cento è buona

'E fierre fann' 'e maste
Con buoni attrezzi si fanno buoni lavori

'E figlie se vasano 'nzuonno
Le effusioni ai figli vanno fatte solo quando dormono

'E figlie sò piezze 'e core
I figli sono una parte del nostro cuore

E' gghiuta 'a carta 'e musica 'nmane 'e cecate
E' finito lo spartito in mano ai ciechi

E' gghjuta 'a mosca dint' 'o viscuvato
E' finita la mosca nel vescovado

E' gghjuta 'a pazziella mman' 'e ccriature
E' finito il giocattolo in mano ai bambini

E' gghjuto 'e sotto 'e 'ncoppa
Ha avuto un dissesto finanziario

E' gghjuto 'mparaviso pe' scagno
Gli è andata bene per una conbinazione

E' gghjuto 'o ccaso 'a sotto e 'e maccarune 'a coppa
E' finito il formaggio sotto e i maccheroni sopra

'E ll' evera moscia ognuno s' annetta 'o culo
Con l'erba tenera ognuno ci si pulisce il sedere

'E lloffe d' 'e moneche addorano 'e cienzo
I peti delle monache profumano d'incenso

'E maccarune se magnane teniente teniente
Gli affari vanno conclusi rapidamente

'E miso 'o lupo a guardà 'e pecure
Hai messo il lupo a guardia delle pecore

'E mmalatìe veneno a cavallo e se ne vanno 'a ppère
Le malattie arrivano velocemente ma tardano ad andare via

E mo' te prore 'o mazzo!
Ed ora ti prude il sedere - Adesso sei nervoso!

'E mo' trova 'na pezza 'a culore!
Adesso trovati una buona scusa

E' n' uosso 'e presutto
E' un avaraccio!

E' 'nu pallone 'e viento
E' un pallone gonfiato

E' 'nu scoglio ca nun fa patelle
E' uno scoglio piatto - è un avaro

'E peccate ccà se fanno e ccà se chiagneno
I peccati qui si fanno e qui si scontano

'E peccate 'e mamma e pate 'e cchiangh' ìe ca sò ll'erede
I peccati dei genitori li sconto io che sono l'erede

'E peccate sò chille ca gghjèsceno, no chille ca tràseno
I peccati sono quelli che escono, non quelli che entrano

'E penziere mieje lassatele, 'e vuoste pigliàtele
Lasciate i pensieri miei e prendete i vostri

'E perzo 'a Filippo e ‘o panaro
Hai perso sia Filippo che il paniere

'E perzo chesto, chella e Mariastella!
Hai perso questo, quello e Mariastella

E' piscetiello 'e cannuccia
E' un pesciolino da piccola canna - uno di poco conto

'E ppèrete 'e Munzignore so' tutte quante limuncelle fresche
I peti del vescovo sono cone piccoli limoni freschi - riferito a chi decanta troppo ciò che ha

'E ppernacchie 'e ttène pe' ssurdigline
Considera i pernacchi come fossero suoni di campanelline

'E sciabbule stann' appese e 'e fodere cumbattono
Le sciabole rimangono appese e i foderi combattono

'E sische 'e ttène p'applause
Considera i fischi come fossero applausi

'E solde fanno venì 'a vista 'e cecate
il denaro fa tornare la vista ai ciechi

'E ssòvere 'e Natale: s' arrappeno ma nun se magneno
Le sorbe di Natale: si aggrinziscono ma non si mangiano

E' stata n' acqua 'e maggio!
E' stata una pioggia di maggio - un caso fortunato, imprevisto

E' stritto 'e pietto
E' stretto di petto (cuore) - è un avaro

'E strunze saglieno sempe a galla
Gli idioti, prima o poi, vengono scoperti

'E strunze: Die 'e fà e po' l'accoppia
Gli stupidi: Dio li crea e poi li mette insieme

E' succieso 'o quarantotto
E' successo il finimondo

E' trasuto 'e spighétte e s' è mmise 'e chiatto
E' entrato di fianco e poi si è messo di fronte - chi entra defilato in una situazione e poi ne vuole diventare il protagonista

E' tutto casa e cchiesia
Persona onesta, che percorre la retta via

E' tutto fummo e niente arrusto
E' uno che fa solo chiacchiere

E uno; dicette chillo ca cecàje l' uocche 'a mugliera
E uno; disse colui che accecò l'occhio alla moglie

E’ caruta 'a copp’ ‘o pere ‘e aulìvo
E' caduta dall' albero di ulivo - E' diventata signorina

E’ caruto ‘o maccarone dint ‘o ccaso
E' caduto il maccherone nel formaggio - cosa che capita opportuna

E’ 'na pasta d’ommo
E' una pasta d' uomo - persona docile e buona

Era bello 'o ppetrusino: jette 'a gatta e ce pisciaje 'ncoppo
Era bello il prezzemolo: vi andò il gatto e ci urinò sopra.

Essa leva 'o quadro, e isso scippa 'o chiuovo
Lei toglie il quadro e lui estrae il chiodo - una coppia di sposi spendacciona

Essere 'na malacarne
Essere un osso duro

Essere 'na meza pugnetta
Essere una mezza cartuccia - un inetto

Essere nato cu 'a cammisa
Essere nato con la camicia - essere fortunato

Fa ‘e maccarune cu’ l’acqua
Fa i maccheroni con l' acqua - tenta di fare l’impossibile

Fa l'arte ca saje, ca si nun t'arrecchisce camparraje
Fai il mestiere che conosci, anche se non diventerai ricco, almeno avrai di che vivere

Fa' 'na cosa 'e juorno!
Due Punto Tre dice: Fai presto!

Fa 'o bbene 'a ppuorce, 'nce pierde 'e cugliandre
Far del bene ai maiali ci si rimette

Fa 'o bbene 'a ppuorce, si' mmussiato appriesso
Fai del bene ai maiali, ti grugniranno alle spalle

Fa 'o bbene e scuordate, fa 'o mmale e arricuordate
Fai del bene e dimenticalo, fai del male e ricordatene

Fa 'o scemo pe nun ghjì 'a guerra
Fare il finto tonto

Fa scennere 'o latte 'a dint' 'e cugliune
Far cadere le braccia

Fa sulo, comm' 'e 'nu fasulo
Fa da solo, come un fagiolo

Facesse 'na culata e ascesse 'o sole!
Uscisse il sole, quando faccio il bucato

Facimmo ambressa, ca 'o guallo canta matina!
Muoviamoci che sta facendo giorno!

Faje comme 'a zì Pinotto: chiagne e fotte
Fai come il sig. Giuseppe: si lamenta e accumula ricchezze

Famme fa l'opere 'e pupe
Laciami lavorare

Fatte 'a nnummenata e scassa 'a carrozza
Creati la fama e poi rompi la carrozza [next] Fatte benedicere 'a 'nu prevete ricchione!
Fatti benedire da un prete gay!

Fatte 'e fatte tuoje e vire chi t' 'e ffa fà
Pensa ai fatti tuoi e accertati chi ti ci fa pensare

Fattella cu chi è megli' 'e te e fanc' 'e spese
Pratica chi è migliore di te e sostieni la spese

Febbraro, curto e amaro
Febbraio, breve ma con la neve

Femmena curtulélla, diavulo, pigliatélla
Donna bassina, diavolo, prenditela

Femmene corte e meneste crure, portano l'ommo 'a sepoltura
Femmine corte e minestre crude, portano l'uomo alla tomba

Fémmene e ggravùne, stutàte tègneno e appicciàte còceno
Donne e carboni, spenti tingono e accesi scottano

Femmene, ciucce e crape, tèneno una capa
Donne asini e capre hanno la stessa testa

Fernesce tutto a tarallucce e vino
Tutto è bene quel che finisce bene

Fernùta 'a festa, è fernuto 'o santo
Finita la festa è finito anche il santo

Fete cchiù 'na pruvasa c' addorano ciente mazze 'e rose
Una latrina puzza più di quanto profumano cento fasci di rose

Fidate d' 'o signore 'mpuverito, ma nun te fidà d' 'o pezzente sagliuto
Fidati del signore impoverito ma non fidarti del povero arricchito

Figlio d' 'o vuto, figlio perduto
Figlio di voto, figlio perduto

Figlio 'e 'ntrocchia
Persona capace - scaltra

Frje 'o pesce e guard' 'a jatta
Frigge il pesce e sta attento al gatto

Gaità: sciusceme mmocca c’ ‘a patana me coce
Gaetano: soffiami in bocca che la patata scotta

Gennarino nun dice bucie ma dice 'nu cuofeno 'e fesserie
Gennarino non dice bugie ma un'infinità di stupidaggini

Gente 'e quatto solde
Gente di nessun valore

Ggiuvà .. aparate 'a palla!
Giovanni .. stai attento!

Giacchino mettette 'a legge e Giacchino fuje 'mpiso
Gioacchino dettò la legge ed egli stesso fu impiccato

Gièsucristo 'a matina pruvede apprimma p' 'e verole
Gesù, al mattino, provvede innanzitutto per le vedove

Gièsucristo addò vede 'a neve, spanne 'o sole
Gesù fa splendere il sole dove vede la neve

Giorgio se ne vò jì e 'o vescovo n' 'o vò mannà
Giorgio vuole andarsene e il vescovo vuole licenziarlo

Gira 'a capa 'o ciuccio!
Gira la testa all' asino!

Giuvinò, s' è 'mbrugliata 'a matassa: o te spuse o pave 'a tassa!
Giovanotto, s'è imbrogliata la matassa: o ti sposi o paghi la tassa

Guaie e maccarune se magnano caude
I guai devono essere affrontati al momento

Guallere e pazze, vèneno 'e razza
Alcune malattie sono ereditarie

Ha addurato 'o fieto d' 'o miccio
Ha sentito odore di bruciato

Ha fatt' doje ove dint' a 'nu piatt'
Ha fatto due uova in un piatto - Si è sistemato bene

Ha fatto 'o pireto cchiù dò culo
Ha fatto il peto più grande del proprio sedere

Ha fatto 'o scrupolo d' 'o ricuttaro
Ha i sensi di colpa come il magnaccia

Ha 'ngrussato 'a capa, 'a cepolla!
Ha ingrossato il capo, la cipolla!

Ha perzo 'e vuoje e va truvanno 'e corne
Ha perso i buoi e pretende le corna

Ha pierzo a Filippo e 'o panaro
Ha perduto tutto.. l'amico e il paniere

Ha pigliato 'o culo pe' 'na mmummera d' acqua
Che cantonata

Ha pigliato asso pe' ffiura
Ha preso un granchio

Ha pigliato 'e sputazze pe' 'e lir'argiente
Ha confuso lo sputo per la moneta d'argento

Ha pigliato 'o cazzo p' 'a banca 'e l'acqua
Ha confuso il pene per il distributore dell'acqua

Ha pigliato 'o cazzo p' 'a lanterna a 'o molo
Che svista!

Ha pigliato 'o stipo pe' ddon Rafele
Ha preso una cantonata

Ha pigliato 'o terno
E' stato fortunato

I fatte d' 'a pignatta 'e ssape 'a cucchiara
I fatti del tegame li conosce il mestolo

'I parienti sò comme 'e scarpe, cchiu sò strette e cchiù fanno male
I parenti sono come le scarpe, più sono stretti, più fanno male

Ie dicette nun "parlazzo", e tu vuò "parlazzo" 'a fforza
Io dissi non "parlazzo" e to vuoi "parlazzo" a tutti i costi

Ie faccio 'o pertuso e tu 'a gavèglie
Io faccio il buco e tu il gavitello

Ie me chiammo cannovaccio: nun me 'ntrico e nun me 'mpaccio
Io mi chiamo canovaccio penso soltanto ai fatti miei

Ie me chiammo Vicienzo e 'e fesse nun 'e ddongo aurienzia
Io mi chiamo Vincenzo e non dò ascolto agli stupidi

Ie nun so' fesso, ma aggi' 'a fà 'o fesso, pecché facenno 'o fesso, ve pozzo fà fesse
Io non sono fesso, ma devo fare il fesso, perché così facendo, potrò farvi fessi

Ie torno d' 'o muorto e vuje dicite ch’ è vivo!
Io torno dall’aver visto il morto e voi dite che è vivo!

Invece d' 'a cernia, 'mpàrate 'a magnà 'o baccalà
Impara a mangiare cibi meno costosi ma che sono ottimi lo stesso

Jamme 'a ccà, jamme 'a llà; e che simme, baccalà?
Andiamo di quà, andiamo di là; siamo forse diventati matti?

Jamme a Sessa ca nun c' è llegge
Andiamo a Sessa che non c'è legge

Jamme p'aiuto e trovamme sgarrupo
Cerchiamo aiuto e troviamo difficoltà

Jastemma senza colpa, addò jesce, llà se cocca
Bestemmia ingiustificata si si ritorce contro

Jesce arrùsto, ha ditto mamma ca 'o ppruove
Esce l'arrosto, ha detto mamma di assaggiarlo

Jetta 'a pretella e nasconne 'a manella
Getta la pietruzza e nasconde la manina

Jetteche e pazze, vènono 'e razza
Tisi e pazzia sono ereditarie

L'aggio mannato ‘o paese ‘e pullecenella
L' ho mandato a quel paese

L'altarino è piccerillo ma è chino 'e revezione
E' un piccolo altare ma pieno di devoti

L'ammore d' 'o lietto fa scurdà chillo d' 'o pietto
La passione per una donna fa dimenticare perfino il bene per una madre

L'ammore 'e mamma nun te 'nganna
Solo l'amore della mamma è veramente sincero

L'ausà e 'o strausà sò dduje malanne
Timidezza e ardimento sono due mali

L'avaro nun magna pe' 'nu cacà
L'avaro non mangia per non andare di corpo

L'avimmo fatto 'e stramàcchio
L'abbiamo fatto di nascosto

L' ha avuto dint' 'e mmole
Lo ha avuto sui denti - Si è offeso

L'omme spusato 'a fune s' è attaccato
L'uomo sposato si è legato con una corda

Lassa ca 'o bastimiento va 'nfunno, abbasta ca moreno 'e zoccole
Affondi pure, la nave, basta che muoiano i topi

Lassa sta 'o munno comme se trova!
Lascia stare il mondo così com' è

Lasseme stà ca stongo 'nquartato!
Lasciami perdere che sono nervoso!

Levamme 'a tavern' 'a nanz' a Carnevale
Togliamo la taverna davanti a Carnevale

Levamme 'a frasca 'a miezo
Togliamo questo tema dalla discussione

Levamme 'e prete 'a nanze 'e cecate
Togliamo le pietre davanti ai ciechi

Lèvate 'a miezo, e famme fa 'o spezziale
Togliti dai piedi e lasciami "lavorare"

Liève mane
Lascia perdere - Finiscila

Lievete 'o pilo 'a vocca
Togliti il pelo dalla bocca - Parla con onestà

L'abbrucia 'o paglione
E' rimasto scottato

L'acqua è poca e 'a papera nun galleggia
L'acqua è bassa e l' oca non sta a galla

L'acqua 'nfràceta 'e bastemiente 'a mmare
L' acqua fa marcire le navi a mare - Lo dice chi beve solo vino

L'acqua vo' 'a pennenza, l'ammore 'a speranza
L'acqua vuole la pendenza, l'amore la speranza

L'arte d' 'e pazze pure è arte
L'arte dei pazzi a volte è arte

L'Asteco chiòve e 'a fenesta scorre..
Il tetto è bucato e la finestra è rotta.. - Quando non si trovano scuse adatte

L'aucielle s'apparano 'ncielo e 'e chiaveche 'nterra
Gli uccelli si accoppiano in cielo e gli esseri spregevoli sulla terra

L'auciello c' 'o musso pizzuto jette pe' fotte e fuje futtuto
L' uccellino col becco appuntito, voleva imbrogliare e fu fregato

L'evera 'e Cazzella; je dico: "Crisce", e chella arrogna
L'erba di Cazzella; io dico "cresci" e quella rimpiccolisce

L'ommo è cacciatore, addò vede 'a quaglia là 'a spara
L'uomo è cacciatore dove vede la quaglia, là spara

L'ommo faticatore è 'a rruìna d' 'a casa
L' uomo lavoratore è la rovina della casa

L'ordine d' 'a marina, se mettono 'a sera e se levano 'a matina
Le ordinanza della Marina, si applicano la sera e si revocano al mattino

L’aucièllo dint’ ‘a cajòla canta p’ ‘a rràggia e no’ p’ ammore
L’ uccellino in gabbia canta per rabbia e non per amore

L’uocchie d’ ‘o patrone 'ngrassa ‘o cavallo
L 'cchio del padrone ingrassa il cavallo

Luna allerta, marenaro cuccato
Con la luna piena i pesci non abboccano

M 'aggia suppuntà nu poc' 'o stommaco
Devo fare uno spuntino

M' aggio levato 'na preta 'a dint' 'a scarpa
Mi sono vendicato di un torto subito

M' 'e abbuffato 'a guallera!
Mi hai gonfiato l'ernia - Mi hai rotto la scatole!

M' è asciuto 'a dint' 'a ll' anema
M' è venuto in modo spontaneo

M' 'e rutto ll' ova dint' 'o panaro
Mi hai fatto saltare l'affare

Ma sì ppropio n' alice 'e matenata!
Sei proprio un ingenuo

Ma tu vide 'nu poco quant' è bbell' Parigge!
Ma tu guarda un po’ quanto è bella Parigi!

Maccarune e matremmuonie caure caure
Maccheroni e matrimoni .. caldi caldi - I contratti si concludono a caldo

Maccarune, carne e vino ‘e cannata, fanno buono sanghe pe’ tutta l’annata
la salute trae giovamento dal cibo buono ed abbondante

Magna 'a ggusto tuojo e vièste 'a ggusto 'e ll'ate
Mangia secondo i tuoi gusti e vesti secondo quello degli altri

Magna, ca d' 'o ttuojo magne
Mangia .., tanto è roba tua

Magnanno magnanno vène 'a famma
L'appetito vien mangiando

Maje cchiù nera d' 'a mezanotte po' vvenì
Mai più buio di mezzanotte può farsi [next] Mal' 'a chi add' avè e viat' 'a chi adda dà
Meschino chi deve avere e beato chi deve dare

Manco pittato se po' ffà 'nu bbuono matremmonio
Neanche dipinto si può fare un buon matrimonio

Mannà a accattà 'o ppepe
Trovare una scusa per allontanare momentaneamente qualcuno

Mannà a carte quarantotto
Mandare tutto all' aria

Mannaggia 'o suricillo e 'a pezza ’nfosa!
Mannaggia al topolino e alla pezza bagnata!

Mantenè 'o carro p' 'a scesa
Mantenere un carro in discesa - Tenere duro

Maria cuntrariosa, quanno chiove arracqua 'e rrose
Maria bastiancontrario, quando piove annaffia le rose

Mariantò 'o terremoto! "Mo', mo!..."
Mariantonia, il terremoto! "Un momento!"

Marito geluso, more curnuto
Marito geloso viene tradito

Marònna mia, nun fa murì a Nerone!
Madonna mia, non far morire Nerone! - Potrebbe essere sostituito da uno peggiore

Masaniello fà 'e ccose 'a ccàpa 'e 'mbrello
Masaniello fa le cose a manico d'ombrello

Masto a uocchie, masto 'e papuocchie
Chi lavora in modo approssimativo e superficale

Mazza e panella fanno 'e figlie belle; panella senza mazza fanno 'e figlie pazze
Bastone e pagnotta rendono i figli belli; pagnotta senza bastone rende i figli pazzi

Me facette afferrà d' 'e turche
Mi feci prendere per pazzo

Me pare .., pigliaje trent' anni
Mi sembra .., fu condannato a trent'anni

Me pare 'o culo 'e malassietto
Non stai mai fermo

Me pare 'o ppetrusino dint' 'a menesta
Sei come il prezzemolo nella minestra - Stai dappertutto

Me pare 'o puzzo e san Patrizio
Sembri un pozzo senza fondo

Me pare Pascale passaguaje
Sembri Pasquale sempre nei guai

Me parono ddoje maruzze, una fete e ll'ata puzza!
A due pesone una peggio dell'altra

Me sento accussì 'nfurncuso, accussì arraggiato, ca si me va coccheccosa ‘e travierzo cu coccheruno, m’ ‘o magno a morze.
Sono così nervoso, così "arrabbiato" che se litigo con qualcuno me lo mangio a morsi

Me so' vvisto piglià d' 'e turche
Mi sono innervosito

Me staje purtanno p' 'e viche e vicarielle
Mi stai portando per vie e vicoli

Meglio c' 'a panza schiatta, c' 'a rrobba resta
Meglio che la pancia esplodi piuttosto che avanzi il cibo

Meglio cap' alìce ca' cora 'e céfaro
Meglio testa d'alice che coda di cefalo

Meglio disperato, ca malato
Meglio senza soldi ma in salute

Meglio 'na mala jurnata, e no 'na mala vicina
Meglio una cattiva giornata che una cattiva vicina

Meglio 'nu mal' accordo ca 'na causa vinciuta
Meglio un cattivo accordo che una causa vinta

Meglio 'nu puorco 'e città ca 'nu sinnico 'e paese!
Maglio un maiale di città che un sindaco di paese

Meglio 'nu quintale 'ncapa ca n' onza 'nculo!
Meglio un quintale in testa che un' oncia nel sedere

Meglio sulo ca male accumpagnato
Meglio solo che male accompagnato

Menarse 'a mmare c' 'o tutte 'e panne
Buttarsi a capo fitto in una situazione critica

Mentre 'a bbella se pretène, 'a bbrutta se marita
Mentre la bella si dà delle arie, la brutta trova marito

Mercante fallito, mièz' arricchito
Mercante fallito, mezzo arricchito

Mettere ‘o ppepe 'nculo 'a zòccola
Mettere il pepe nel sedere del topo - Istigare

Mettere ‘o ssale 'ncopp’ ‘a còra
Mettere il sale sulla coda - cercare di ottenere con astuzia

Mettere 'na bbona parola
Parlare a favore

Mettere 'o ppepe 'nculo 'a zoccola
Consigliare male - Sobillare una persona

Metterse 'a ppaura 'e ll' ombra soja
Aver paura di tutto

Meza signora, meza pèttola
Donna di umili orgini

Miètt' 'o lupo a guardà 'e ppecore
Stai mettendo il lupo a protezione delle pecore

Miettatèllo dint' 'e cchiocche
Ficcatelo bene in testa

Mièttete dint’ ‘e panne mje
Mettiti nei miei panni

Mmità 'a ccarne e maccaruni
Un invito che non si può rifiutare

Mò c' è rrimasto sta' capa 'e sarachiello
D' ora in poi dovremo arrangiarci

Mo' se màgnano 'e ffiche, mo' c' ha chiuoppeto!
Ora si mangiano i fichi, ora ch'è piovuto

Mo' te vanno 'e scarpe astrette!
Adesso sei in difficoltà!

Mo' te vanno 'e scarpe strette
La cosa non ti va più a genio

Mpìcciate d' 'e cazzi tuoje
Fatti gli affari tuoi

Muglièrema, 'na vota è prena, 'na vota allatte, nun 'a pozzo maje vàtte
Mia moglie una volta è in cinta, un' altra volta allatta, non la posso mai picchiare

Muntagna e muntagna nun s' affronnano
Montagna e montagna non si affrontano

Muorto 'nu Papa, se ne fà n' ato
Morto un papa se ne elegge un altro

N' 'a fatto chiagnere asteche e lavature e mo' chiagne isso cu' tutt' 'o cufenaturo
Ha fatto piangere terrazzi e lavatoi, e ora piange insieme con la tinozza del bucato

'Na bott' 'o chirchio e 'n at' 'o tumbagno
Un colpo al cerchio e uno alla doga

'Na femmena e 'na papera arrevutajeno Napule
Una donna e un'oca sconvolsero Napoli

'Na mela vermenosa 'nfraceta 'nu muntone
Una mela coi vermi fa marcire tutte le altre

'Na mugliera 'mpicciosa è pegg' 'e 'nu riebbeto
La moglie assillante è peggiore di un debito

'Na vota 'a ped' uno, nun fa male a nisciuno
Una volta ciascuno, non fa male a nessuno

'Nce ha jettato 'ncuollo 'o nniro d' 'a seccia
Ha fatto in modo che tutto andasse storto - Ci ha portato jella

'Nce vò pacienzia 'a magnà 'e carcioffole
Occorre pazienza per mangiare carciofi

'Ncopp' 'a fossa 'nce sta 'o cupierchio: annante 'o giovene e appriesso 'o viecchio
Sulla tomba c'è il coperchio: avanti il giovane e appresso il vecchio

Ne' femmene ne' tele, 'a lume 'e cannela
Non bisogna credere nè a donne né a tessuti alla luce artificiale

'Nfilace 'nu spruoccolo dint' a stu' purtuso!
Infilaci un rametto in questo boco

'Nfronte nun tengo scritto: Giucondo
Sulla mia fronte non c'è scritto Giocondo - Non sono scemo

Nisciuno dice: Lavate 'a faccia ca pare cchiù bell' 'e me
Nessuno dice: Lavati la faccia così sei più bello di me

Nisciuno è sazzio da' furtuna soja
Nessuno è mai sazio di quello che ha

'Ntiempo 'e tempesta ogni pertuso è puorto
Quando c'è tempesta ogni "buco" è porto

Nu' chiammà triste, ca peggio te vene
Non lamentarti del male che ti verrà peggio

Nu' ghjì a sfruculià 'a mazzarella 'e San Giuseppe
Non prendere in giro il bastone di San Giuseppe

'Nu juorne 'e sfizzio, cient' anne 'e guaje
Una giornata di piacere, cento anni di guai

'Nu muorze 'nnante l'ora, dà forza e culore
Un boccone fuori orario dà forza e colorito

'Nu pate dà a mangnà a ciente figlie, ciente figlie nun danno a mangnà 'o pate
Un padre riesce a sfamare cento figli, è difficile che accada l'inverso

'Nu pollece cecaje l'uocchie 'a n' alifante
Una pulce accecò un occhio all' elefante

Nu' sputà 'ncielo ca 'nfaccia te torna
Non sputare in cielo, che ti ricadrà sul volto

'Nu suovero peluso nun po' fa 'na fica trujana
Da un corbezzolo non si può avere un fico troiano

Nun credere 'a ll'ommo ca giura, 'a femmena ca chiagne, 'a cavalla ca sura
Non credere all' uomo che giura, alla donna che piange, alla cavalla che suda

Nun è carne, ca fète 'a chianca
Non è carne, che rende maleodorante la macelleria

Nun è pane pe' diente tuoje
Non è pane per i tuoi denti!

Nun fa a l'ate chello ca nun vuò ess' fatt' 'a te
Non fare agli altri ciò che non vuoi sia fatto a te

Nun fa ben' 'o populo, ca 'o pierde
Non far del bene al popolo che lo perderai

Nun fa nè lardo e nè 'nzogna, e manco l'osse pe' 'e cane
Non se ne ricava nè grasso nè sugna e nemmeno ossa per i cani

Nun fann'ascì 'o llardo a for' 'a pignatta
Non fanno uscire il lardo fuori dalla pentola - Dividono tra loro i guadagni

Nun fujite, Turrise, ca 'o castigo è dd' 'o mio
Non scappate, Torresi, che il castigo è per me

Nun me sfruculià 'o pasticciotto
Non mi dare fastidio

Nun pazziammo a fa male, alluccàva 'o sòrice 'a mmièze 'e cciànfe d' 'a jatta
Non scherziamo a far male, gridò il topo tra alle grinfie del gatto

Nun scetà 'e cane ca dormono
Non svegliare i cani che dormono

Nun se fa niente pe' senza niente
Non si fa nulla gratuitamente

Nun se sape tenè tre cicere mmocca
Non sa tenersi tre ceci in bocca - non è capace di tenere un segreto

Nun sempe lilia fròlia e cecalia canta
Non sempre il giglio fiorisce e la cicala canta

Nun sputà dint' 'o piatte addò magne
Non sputare nel piatto in cui mangi

Nun t' 'a piglià cu chi è cchiù forte e te
Non scontrarti con chi è più forte di te

Nun tene l'uocchie manco pe' chiagnere
Chi ha avuto ripetuti dispiaceri e non ha più lacrime

Nun tenite sango, eppure jate sfuttenn' 'e 'nzugnature
Non avete sangue, eppure infastidite i salassatori.

'O barbiere te fa bello, 'o vino te fa guappo e 'a femmena te fa fesso
Il barbiere ti rende bello, il vino coraggioso e la donna ti rende stupido

'O bongiorno se vede d' 'a matina
Il buongiorno si vede dal mattino

'O cane d' 'o cacciatore, 'o mumento 'e sparà 'nce vene voglia 'e piscià
Il cane del cacciatore, quando il padrone deve sparare gli viene voglia di orinare

'O cane mozzeca semp' 'o stracciato
Il cane morde sempre l'indifeso

'O carro s'acconcia p' 'a via
Le cose si aggiustano strada facendo

'O cavallo bbuono se vede 'ncoppa 'a sagliuta
Il buon cavallo si nota in salita

'O cavallo jastemmato lle luce 'o pilo
Il cavallo colpito da inprecazioni ha il pelo sempre lucido

'O cchù bunariello tene 'a guallera e 'o scartiello
Sono uno peggiore dell' altro

'O chin' 'e pepe sta dint' 'o guardarrobba
Il gamberetto sta nel guardaroba

'O ciuccio 'e scialone, nuantanove chiaje e 'a cora fraceta
L'asino di "Scialone", 99 piaghe e la coda marcia

'O ciuccio porta 'a sarma e 'o ciuccio s' 'a magna
L'asino porta il basto e l'asino ne mangia il contenuto [next] 'O ciuccio, addò è carùto 'na vota nun ce càre cchiù
L' asino, dove è già caduto non cadrà più

'O cucchiere 'e piazza: Te piglia cu 'o ccellenza e te lassa cu 'o chi t' è mmuorto
L'autista di piazza: Ti accoglie facendoti complimenti e ti lascia bestemmiandoti

'O culo cacato cammina pèsolo
Chi ha il sedere sporco, cerca di darsi un contegno nel camminare

'O cunfessore se pò dicere quacche buscìa, 'o miedeco no
Al confessore si può dire qualche bugia, non al medico

'O figlio muto 'a mamma 'o 'ntende
La mamma comprende il figlio muto

'O guallo fotte e se scorda
Il gallo fa l' amore e se lo dimentica

'O guallo 'ncoppa 'a munnezza!
Il gallo sull'immondizia - chi se la prende coi più deboli

'O lietto se chiamma "Rosa", si nun se dorme s'arriposa
Il letto si chiama "Rosa" se non si dorme si riposa

'O maccarone 'e zito se jette a cunfessà; dicette 'o cunfessore: Sale e pepe maccarò!
Vecchia filastrocca che insegna a non confessare i propri segreti

'O maccarone se magna guardanno 'ncielo!
Ringraziamento a Dio per il buon cibo

'O maccarone mio nisciuno 'o tene: 'o metto tosto e tosto se mantene!
La qualità della mia pasta è ottima, mantiene la cottura!

'O mare, cchiù ttène, cchiù vvò
Il mare, più ha e più vuole - In riferimento all'avaro

'O miédeco piatùso facette fa 'a chiaja vermenosa
Il medico pietoso fece formare i vermi nella piaga

'O munno è fatto 'a pitaturo, oggi vai 'nculo 'a me e dumani puro
E' sempre la stessa storia

'O 'nu ricco marisciallo o 'nu povero ballarino
O tanto o niente

'O palazzo è àuto e 'a signora è sorda
Il palazzo è alto e la signora non ascolta le voci che vengono dal basso

'O passatiempo d' 'e zitelle so' 'e capille
Le ragazze stanno ore e ore a pettinarsi

'O Pataterno dà 'o ppane a chi nun tène 'e diente
Il Padreterno dà il pane a chi non ha i denti

'O patrone songh' ie, ma chi cummanna è muglierema
Il padrone sono io ma chi comanda è mia moglie

'O pazzo fa 'a festa e 'o savio s' 'a gode
Il pazzo organizza la festa e il saggio se la gode

'O peggio passo è chillo d' 'a porta
Il peggior passo è quello della porta

'O perdono è 'e ll'uommene, 'o scurdà è dd' 'e bbestie
L' uomo perdona, la bestia dimentica

'O pesce fete d' 'a capa
Il pesce puzza dalla testa

'O pesce gruosso se magna 'o piccerillo
Il pesce grande mangia quello piccolo

'O piecuro s' adda carusà ma nun s' adda scurtecà
L'agnello si deve tosare, non scorticare

'O pietto forte vence 'a mala sciorta
Il coraggio vince la sfortuna

'O pparlà chiaro è fatto pe' ll' amice
Tra amici si deve parlare con chiarezza

'O puorco chiatto se cocca sempe 'ncuollo 'o sicco
Il ricco vive sempre alle spalle del povero

'O puorco cu 'e denare se chiamma "don puorco"
Al ricco si dà sempre il "don" anche se si tratta di un maiale

'O puorco miettence 'a sciassa, sempe 'a cora 'nce pare
Anche indossando un abito elegante, il maiale rimane tale

'O puorco se 'ngrassa pe ne fà sacicce
Il maiale s'ingrassa per farne salsicce

'O puorte appiso 'ngànne
Ce l' hai appeso alla gola - E' il tuo preferito

'O purpo s' adda cocere cu' ll' acqua soja
Il polipo deve cuocere nel suo brodo

'O purtualle, 'a matina è oro, 'o juorno è argiento e 'a sera è chiummo
L'arancio, la mattina è oro, il pomeriggio è argento e la sera è piombo

'O rancio 'e copp' 'o scoglie; doj' vocche e 'a cascia 'e mmerda
Il granchio degli scogli: due bocche e la cassa degli escrementi

'O ravanuottolo chiagne quanno fa bontiempo
Il rospo si lamenta quando fa bel tempo

'O ricco fa chello che vò, 'o pezzente fa chello che pò
Il ricco fa quello che vuole, il povero fa quello che può

'O sacco vacante, allerto nun se mantène
Il sacco vuoto, in piedi non ci rimane

'O saluto è 'e ll'Angelo
Il saluto è degli Angeli

'O sazio nun crere 'o riuno
Il sazio non ascolta chi ha fame

'O scarparo porta 'e ppeggio scarpe
Il ciabattino calza le scarpe rotte

'O Signore è lungariello, ma nun è scurdariello
Il Signore prende tempo, ma non dimentica

'O Signore manna 'e vascuòtte a chi nun tène 'e diente
Il Signore manda i biscotti a chi non riesce a sgranocchiarli

'O Signore nun è mercante, ca pava 'o sabbato
Il Signore non è mercante, che paga il sabato

'O sparagno nun è maje guaragno
Il risparmio non è mai guadagno

'O spasso d' 'o cardillo è 'a pappamosca
Il divertimento del cardellino è la cinciallegra

'O supierchio rompe 'o cupierchio
Il soverchio rompe il coperchio

'O tirchio è comme 'o puorco è bbuono sulo doppo muorto
L'avaro è come il maiale: è buono solo da morto

'O tirchio, pare ca 'o culo l' arrobba a cammisa
All'avaro sembra che il suo sedere gli ruba la camicia

'O turco fatto cristiano vo' 'mpalà tutte chille ca jastemmano
Il turco convertito al cristianesimo vuole impalare tutti quelli che bestemmiano

'O vero pezzente nun cerca 'a lemmosina
Il vero povero non cerca la carità

'O viecchio le prore 'o cupierchio
Al vecchio prude il coperchio

'O vino sta bbuono dint' 'a mezavotta
Il vino sta bene nei tini

'O vojo chiamma curnuto all'aseno
Il bue dà del cornuto all'asino

Ogne acqua scorre 'a mmare
Ogni cosa ha una fine

Ogne altare tene 'na croce
Ognuno ha i suoi problemi

Ogne bella scarpa addeventa scarpone
Ogni bella scarpa diventa ciabatta

Ogne cuoll' 'e butteglie tene 'o suvero ca l'appila
Ogno collo di bottiglia ha il sughero che lo tura

Ogne gghiuòrno è taluòrno
Ogni giorno è monotonia

Ogne lassato è perdute
Il lasciato è ormai perso

Ogne 'mpedimento è giuvamento
Quando non si vuol portare a termine qualcosa e si cerca il pretesto per abbandonare

Ogni capa è 'nu tribbunale
Ognuno vuole emettere sentenze

Ogni scarrafone è bell' 'a mamma soja
Ogni scarafaggio è bello per la propria mamma

Ognuno sape 'e fatte suoje
Ognuno conosce le cose proprie

Ognuno tira ll' acqua p' 'o mulino sujo
Ognuno pensa per se

Ordine 'e Quistura vintiquatt' ore dura
L'ordinanza del Questore dura ventiquattro ore

P'avè piatà 'e l'ate, 'e ccarne mje s' 'e mmagnajeno 'e cane
Per avere pietà degli altri, le mie carni le mangiarono i cani

Pare 'a fraveca e San Pietro, nun fernesce maje
Cose iniziate e mai portate a termine

Pare 'a sporta d' 'o tarallaro
Sembro la borsa del venditore di teralli - vado avanti e indietro

Pare ca cammina 'ncopp' 'a ll' ove
Sembra che stia camminando sulle uova

Pare nu' maccarone senza pertuso
E' un uomo senza personalità

Pare 'o cannone 'e miezejuorno
Chi ha un gran vocione

Parlanno d' 'o riavulo spuntajene 'e ccorne
Parlando del diavolo comparvero le corna

Parle comm' 'a 'nu libbro stracciato
Non ti capisco quando parli

Pasca d' 'e fiore, se 'ngegnano 'e signure; Pasca d' 'e casatièlle, se 'ngegnano 'e puverielle
Per la Pentecoste, si vestono a nuovo i signori; per Pasqua, i poveretti

Pascale spacca 'a scala 'a scala nu' pò spaccà a Pascale
Pasquale spacca la scala, la scala non può spaccare Pasquale

Pascale, saglie p' 'a fune e scenne p' 'a scala
Pasquale, sale con la fune e scende per le scale

Passasse l'Angelo e dicesse Ammenne!
Magari passasse un Angelo per una benedizione

Passato 'o santo, passata 'a festa
Passato il santo, passata la festa

Passere, frungille e male juorne, addò vaje subbeto ne truove
Passeri , fringuelli e jettatori non mancano da nessuna parte

Patte chiare e amicizia 'a luongo
Patti chiari e amicizia lunga

Pazzo è chi se cunfida cu 'na femmena
Non confidarsi mai con una donna

Pe' campà aggiu fa 'e ccapriòle
Per tirare avanti, devo fare i salti mortali

Pe' ghjulìo 'e larde, vasa 'ncul' 'o puorco
Per avere il lardo, bacia il sedere del maiale

Pe' mancanza d'uommene se fanno 'e ciucce cape e casa
Per mancanza di uomini si nominano gli asini capi di casa

Pe' mmare e pe' cielo nun ce stanno taverne
Per mare e in cielo non ci sono ripari

Pe' n'aceno 'e sale 'e perzo 'a menesta
Per un granello di sale hai perso la minestra

Pe' pavà e pe' murì, 'nce sta tiempo
Per pagare e per morire c'è tempo

Pezzulo puzzolente, pure l'evera è fetente
Pozzuoli maleodorante, anche l'erba ha cattivo odore

Pigliate 'a bbona quanno te vene, ca 'a malamente nun manca maje
Prenditi la buona occasione quando ti capita, che la cattiva non manca mai

Pigliate l'ommo 'e stoppa quanno 'a sciorta te va 'mpoppa
Prenditi l'uomo di stoppa quando la sorte ti va in poppa

Piscia acqua santa d' 'o vellicolo
La sua orina è acqua santa ed esce dall' ombellico - riferito a persona bigotta

Pizzeche 'e vase nun fanno pertose e maniate 'e zizze nun fanno criature
Pizzicotti e baci non perforano e i palpeggiamenti non generano bambini

Po' chiovere gnostia comme vò isso, maje cchiù niro pozzo addiventà
Anche se piovesse inchiostro, non potrei mai diventare più nero

Porta aperta a chi porta
Chi entra con le mani piene è bene accetto

Prima ca trase, pane e cas; roppo trasuto, pane piruto
Prima di entrare, pane e formaggio; dopo, pane raffermo

Pullecenella, quanno nun tene che dicere, arape e chiure 'a vocca
Pulcinella, quando non ha nulla da dire, apre e chiude la bocca

Puozz' ave' 'a sciorta d' 'a puttana!
Che tu possa avere la fortuna delle prostitute!

Puozze murì 'e truono a chi nun piace 'o bbuono
Possa essere fulminato colui che afferma di non piacergli il buono

Puozze volle e malo cocere
Che tu possa bollire e cuocere male

Pur' 'e ciucce teneno 'e pariente
Anche gli asini hanno i parenti

Pur 'e mmure tenono 'e rrecchie
Anche i muri hanno orecchie

Pur' 'e pullece teneno 'a tosse
Anche le pulci si fanno sentire

Pure 'a riggina avette bisogno d' 'a vicina
Anche la regina ebbe bisogno della vicina [next] Pure 'ndurata, a cajola pe' l'auciello, è sempe 'nu carcere
La gabbia, anche se dorata, è pur sempre un carcere per l'uccello

Pure 'o ciuccio è ommo
Anche l'asino è maschio

Quann' jesce 'a strazziona, ogne fesso è prufessore
Dopo l'estrazione dei numeri, ogni stupido è professore

Quann' 'o cavallo nun vò vevere aje voglia 'e siscà
Se il cavallo non vuole bere è inutile che fischi

Quann' 'o ciuccio parla latino, è signo 'e mal' annata
Quando l'asino parla latino, è segno di cattiva annata

Quann' 'o culo speretea 'o miedeco s' 'a passea
Quando si hanno flatulenze è segno che il corpo sta bene

Quann' 'o mellone jèsce russo, ognuno ne vò 'na fella
Quando il cocomero è rosso, ognuno ne vuole una fetta

Quann' 'o peducchie saglie 'ngloria, perd' 'a scienza e 'a memoria
Quando il pidocchio sale in gloria, perde la scienza e la memoria

Quann' 'o piro è ammaturo, care senza turceturo
Quando la pera è matura, cade senza necessità del bastone

Quann' 'o riavulo t'accarezza dice ca vò l'anema
Quando il diavolo ti accarezza è perchè vuole l'anima

Quann' uno s' addà 'mbriancà, è mmeglio ca 'o ffà c' 'o vino bbuono
Se qualcuno deve ubriacarsi è meglio che lo faccia col vino buono

Quanne tante e quanno niente
O tanto o niente

Quanno 'a caurara volle, mena subbeto 'e maccarune
Quando l' acqua nella pentola bolle, cala subito i maccheroni

Quanno 'a cemmenera pe' mme nun funziona, lassa ca chella 'e ll' ate se ne cade
Quando il comignolo non funziona per me, lascia pure che quello altrui crolla

Quanno 'a femmena bbona è tentata e resta onesta, vò dicere ca nun è stata tentata bbuono
Quando una bella donna è tentata e resta onesta, significa che non è stata tentata bene

Quanno 'a furmicola mett' 'e scelle, è segno ca vò murì
Quando alla formica spuntano le ali, è il momento che deve morire

Quanno 'a gallina scacatea, è signo ca ha fatto l'uovo
Quando la gallina fa coccodè vuol dire che ha fatto l'uovo

Quanno 'a gatta 'nce sta 'e surice abballano
Quando manca il gatto, i topi ballano

Quanno 'a zita è maretata tutt' 'a vonno
Dopo che la giovane ha preso marito, tutti la vogliono in sposa

Quanno nun haje che gghjucà, joca coppe
Quando nun hai nulla da giocare, gioca coppe

Quanno 'o ciuccio è tuosto, mazza cchiù tosta
Quando l' asino fa il duro, bisogna trattarlo con durezza

Quanno 'o mare nun è muorto, 'e pisce so' vvive
Col mare mosso, la pesca è abbondante

Quanno 'o mellone jesce russo, ognuno ne vo' 'na fella
Quando c'è un buon affare, ognuno vuol partecipare

Quanno scioscia viento 'e terra, 'o pesce nu' zompa dint' a' tiella
Quando soffia il vento di terra, il pesce non salta nel tegame

Quanno se magna se cuntratta c' 'a morte
Quando si mangia si ha a che fare con la morte

Quanno se magna se cuntratta cu 'a morte
quando si mangia si ha a che fare con la morte

Quanno sì' 'ncunie, statte; Quanno sì' martiello, vatte!
Quando sei incudine resta fermo, quando sei martello, approfitta!

Quanno so secure secure 'e maccarune se ne fujeno 'a 'int' 'o piatto
Proprio quando credi di essere al traguardo esso ti sfugge

Quanno spienne tanto appienne
Il guadagno è proporzionato alla somma che si investe

Quanno stanno tropp' 'e gualle a cantà nun schiare maje juorno
Quando ci sono molti galli che cantano non spunta mai il giorno

Quanno te miette 'ncopp' a doje selle, primm' o poie vaje cu 'o culo 'nterra
Quando ti siedi su due selle, prima o poi ti troverai col sedere per terra

Quanno vide 'a mala parata è meglio ca te ne vaje
Quando le cose si mettono male è meglio filarsela

Quanno vide ca 'o pagliaio 'e llate sta brucianno, dice ca 'o tujo è già bruciato
Quando vedi bruciare il fienile degli altri, vuol dire che il tuo è già bruciato

Quanto cchiù ne simmo, cchiù belle parimmo
Più siamo e più ci divertiamo

Rafaniè.. fatt'accattà 'a chi nun te sape!
Ravanello.. fatti acquistare da chi non ti conosce!

Rerimmo e pazziammo, e 'a tabbacchera nun 'a tuccammo
Ridiamo e scherziamo, ma non tocchiamo la tabacchiera

Rotta pe' rotta, miettece 'a pezza
Rotta per rotta, metti una toppa

S' add'arrispettà 'o cane pe 'o patrone
Si deve rispettare il cane per il suo padrone

S'adda parlà 'a 'nu fesso 'a vota
Deve parlare un fesso per volta

S'appiccia comme a 'nu micciariello
Si accende come un fiammifero - è un tipo irascibile

S'è affucato dint' 'a 'nu bicchiere d'acqua
E' affogato in un bicchiere d' acqua - Si è fatto prendere dal panico

S'e' aunita 'a limma e 'a raspa
Si sono riunite la lima e la raspa - Inteso a due persone note per la loro lingua tagliente

S''è aunito 'o strummolo 'a tiriteppola e 'a funicella corta.
Sisono uniti: La trottola che gira fuori centro e lo spago corto

S''e fatto 'a barba 'a zzizze 'e pacchiana
Radersi facendo diventare la pelle liscia come il seno d' una contadina

S'e' 'mbrugliata 'a matassa
Si sono ingarbugliate le cose

S'è mmagnato 'e maccarune
Non ha abboccato alla trappola

S'e' pperzo 'o stampo
Si è perso lo stampo. Non ce ne sarà mai più uno simile - Persona eccezionale e insostituibile

S'e' squagliato 'o sanghe 'a dint' 'e vvene
Si è raggelato il sangue nelle vene - dallo spavento

S' 'o sta magnanno cu l'uocchie
Se lo sta mangiando con gli occhi - Lo desidera ardentemente

San Giuseppe nc' ha passato a chianozza
San Giuseppe le ha passato la pialla - la donna priva di curve

Sant'Uliviero, Sant'Uliviero, ogge nun è comme ajere
Sant' Oliviero, Sant' Oliviero, oggi non è come ieri

Sarchiapone tene 'e ghiorde
Sarchiapone non sta mai fermo

Scarta fruscio e piglia primmera!
Scarta flush e prendi primiera - "flush è il termine inglese della scala reale"

Scetate Carulì ca l'aria è ddoce
A chi ha la testa fra le nuvole

Sciacqua Rosa e bive Agnese, ca 'nce sta chi 'nce fa 'e spese
Sciacqua Rosa e bevi Agnese, che c'è chi sostiene le spese

Sciorta e cauce 'nculo, viato chi n' ave
Fortuna e calci nel sedere, beato chi ne riceve

Sciorta e morte, addereta 'a porta
La sfortuna e la morte stanno in agguato dietro la porta

Scugnate senza riente vase 'nculo a zi' Vicienze, scugnato senza mole vase 'nculo a zi' Nicola
Sdendato senza denti bacia il sedere di zio Vincenzo, sdendato senza molari bacia il sedere di zio Nicola

Scuòrno murette e facc' 'e cuorno campaje
Timidezza morì e sfrontatezza visse

Scuòrno murette, e facc' 'e cuòrno campaje
Vergogna morì e faccia tosta visse

Scuro comme 'a 'na vocca 'e lupo
Buio comme la gola d' un lupo

Se chiure 'na porta e s'arape 'nu purtone
Si chiude una porta e si apre un portone

Se dice 'o peccato e no 'o peccatore
Si racconta il fatto senza dire chi è l'autore

Se fruscia Pintauro, d' 'e sfugliatelle jute 'acito
Si vanta Pintauro, delle sfogiatelle andate a male

Se pava niente? E sedugneme 'a cap' 'o pere
Non si paga? Allora ungimi dalla testa ai piedi

Se piglieno cchiù mmosche cu' 'na goccia 'e mele, ca cu' 'na vott' acìto
Si prendono più mosche con una goccia di miele che con una botte d'aceto

Se so' rutti 'e tiempe, bagniajuo!
Si è guastato il tempo, bagnino

Sempe mmiria e mai pietà
Meglio avere l' invidia della gente che la loro pietà

Senza denare nun se cantano messe
Senza soldi non si celebrano messe

Senza 'e fesse 'e deritte nun campano
Senza stupidi, i furbi non vivono

Si 'a carretta nun se sedùgna, nun cammina
Se il carro non viene unto, non cammina

Si 'a mmiria tenesse 'a guallera, ognuno s' 'a schiattasse
Se l'invidia avesse l'ernia, ognuno la eliminerebbe

Si carta coglie jucatore s'avanta
Se carta prende, giocatore si vanta

Si marzo 'ngrogna, te fa zumpà 'o dito cu ttutta ll' ogna
Se marzo incalza, ti fa saltare il dito compresa l'unghia

Si marzo nun te ciònca, abbrile nun te manca
Se marzo non ti paralizza, aprile non ti manca

Si me n'esco 'a chesti botte, maje cchiù a cacà 'e notte!
Se ne esco da questo guaio non andrò più in giro la notte

Si nun e' lupo, sarrà cane niro
Se non è un delinquente ci manca poco

Si nun è zuppa è pan bagnato
Gentilmente inviato dall' amico Ciro da Vico Equense, e come dice Lui: .. è sempre la stessa cosa

Si 'o dicesse 'a moda, 'e ffemmene jarriano pure cu' 'o culo 'a fora
Se lo dicesse la moda, le donne andrebbero pure col sedere scoperto

Si 'o 'mpriesteto fosse buono, ognuno se 'mprestasse 'a mugliera
Se il prestito fosse buono, ognuno presterebbe la moglie

Si 'o Signore me pruvede, m' aggia fa 'nu quàcquaro anfin' abbascie 'e piede
Se il Signore mi aiuta, mi farò un cappotto lungo fin sui piedi

Si Salierno tenesse 'o puorto, Napule fosse muorto
Se Salerno avesse il porto, Napoli sarebbe morta

Si si' nnato furtunato, jettate 'a mmare, ca 'o mare te caccia 'a fore
Se sei nato fortunato, buttati a mare, tanto il mare ti ricaccia fuori

Si vuò campà anne e annune, vive vino 'ncopp' 'e maccarune
Vita lunga per chi beve vino e mangia maccheroni

Si zompi 'ngoppo 'e pale, coccheduno se po' 'mpizzà 'nculo
Se ti metti a saltare sui pali, uno di essi ti si può conficcare nel sedere

So' ghjuto a Puortece pe' 'na rapessa
Sono arrivato fino a Portici per comprare un ravanello

So' gghjuto 'mparaviso pe' scagno
Sono andato in paradiso per combinazione

So' gghjùto pe' me fa 'a Groce e m' aggio cecato n' uocchio
Per farmi il segno della Croce, mi sono accecato un occhio

Spanne 'sti ppenne e pò vall'arrecuzzà
Spargi queste piume e poi và a raccoglierle

Sparte ricchezza e addeventa puvertà
Dividendo, la ricchezza diventa povertà

Spione 'e pulezzia porta 'a lettera 'a casa mia
Spione di Polizia porta la lettera a casa mia

Squagliatella, 'sta 'nzogna
Fattela liquefare, questa sugna

Sta sott' 'a pettola d' 'a mugliera
E' succube della moglie

Staje sempe 'ntrìrice
Stai sempre dappertutto

Staje zucanno 'a doje zizze
Stai succhiando da due seni - La vita ti va bene

Stammatina me so' susuto cu 'o culo 'a smerza
Stamattina mi sono svegliato col sedere storto

Stammatina muglierema steva tutta 'ntufàta
Stamane mia moglie era gonfia d' ira

Stò verenno 'a morte cu' l'uocchie
Sto vedendo la morte con gli occhi

Stongo attaccato mane e ppère
Ho le mani legate

Stongo campanno 'a nnascusa d' 'o Pataterno
Sto facendo una vita da eremita

Stongo co 'e ppacche dint' 'a ll'acqua
Sto con le natiche nell' acqua - Sono al verde

Stongo cu 'o culo dint' 'e ppummarole
Sto col sedere nei pomodori - Sono rovinato

Storta va deritta vène
Storta va diritta viene

Surco cummoglia surco
Solco copre solco [next] Susete culillo e siervete padrone
Alzati sederino e serviti, padrone

T'aggia f' ascì 'e ssovere 'a culo
Te la farò pagare amaramente

T'aggia fa cacà l'uva l'aceno e 'o streppone
Te la farò pagare molto amaramente

T'aggià 'mparà e pò t' aggia perdere
Ti devo insegnare e poi devo perderti

T'aggio fatto truvà 'nu bello piattino
Ti ho ripagato per quello che mi hai fatto

T'e' luvato 'a vocca a 'o cane e t' 'e miso mmocca 'o lupo
Ti sei tolto da un guaio e ti sei cacciato in un altro peggiore

T'hanno fatto 'a serrènga
Ti hanno fatto la siringa - ti hanno fregato

T'he fatto 'e cunti senza 'o tavernaro
Hai fatto i conti senza l' oste

Tacche 'e cchiuovo, tacche 'e cchiuovo
Botta e risposta

T'aggia 'mparà e pò t' aggia perdere!
Ti devo istruire e poi ti devo perdere!

Tanno voglio murì, quanno tre rilorge vann' eguale
Voglio morire quando tre orologi segneranno la stessa ora

Tanta vote s' adda jènchere 'o sacco, 'nfin' 'a cchè se schiatta
Tante volte si deve riempire il sacco, finchè scoppia

Tante niente, accedettero 'o ciuccio
Tanti pesi modesti, uccisero l'asino

Tanto c' 'a fatto, ha girato 'a frittata
Tanto ha fatto, ha girato le carte

Te faccio 'o culo a cappiello 'e prevete
Ti do una lezione che non dimenticherai

Te fete ancora 'a vocca 'e latte
Ti puzza ancora l' alito di latte - Sei ancora piccolo

Te sì ddate 'a zappa 'ncopp' 'o père
Ti sei dato la zappa sui piedi - Ti sei tradito

Te si' mmiso cu dduje piere dint' 'a 'na scarpa
Ti sei messo con due piedi in una scarpa - Ti sei messo in un bel guaio

Te staje appennenno a 'e ffeline
Ti stai arrampicando sugli specchi

Te tengo appiso all' urdemo buttone d' 'a vrachetta
Per me sei l'ultima persona sulla faccia della terra!

Te tengo stampato 'ncuorpo
Ti conosco come le mie tasche

Tene 'a bbellezza d' 'o ciuccio
Essere belli solo perchè si è giovani

Tene 'a capa fresca
Non ha problemi - è spensierato

Tene 'a cazzimma ca le jiesce 'a fora
Ha una furbizia esagerata

Tene 'a faccia d' 'e ccorne vecchie
Ha una faccia da schiaffi

Tene 'a mugliera 'ncampagna
Ha la moglie in campagna - ha l'amante

Tené 'a neve dint' a' sacca
Ha la neve in tasca

Tene 'a pòvere 'ncopp' 'e rrecchie
Ha la polvere sulle orecchie - E' ricchione

Tene 'a sàraca dint' 'a sacca
Nasconde certamente qualcosa - non la dice tutta

Tene 'a zeppola mmocca
Ha un difetto di pronuncia

Tene cchiù culo ca cereviello
Essere fortunato senza sapere il perchè

Tene 'e rrènnete spase 'o sole
Ha le rendite stese al sole - E' ricchissimo

Tene 'o pizzo bbuono e 'e scelle rotte
Ha buon gusto nello scegliere però non vuole pagare molto

Tene 'o scurriato senza 'a carrozza
Ha la frusta senza avere la carrozza e come avere la patente e non l' auto

Téne 'o serpone dinto 'o manicone!
Ha una serpe nella manica

Tene tanta corne quann' 'a 'nu cesto 'e maruzze
Ha tante corna quante quelle in un cesto di lumache

Teng' 'e lappese ca m' abballano p' 'a capa
Ho le matite che mi ballano in testa - Sono nervoso

Tèngo 'nu chiuovo fisso 'ncapa
Ho un pensiero fisso in testa

Tiempo e frònne vò 'a crapa
Tempo e foglie vuole la capra

Tiempo perduto, nun s' acquista cchiù
Il tempo perso non si riacquista

Tieni 'o core dint' 'o zucchero
Hai il cuore nello zucchero

Tira 'a varca 'o sciùtto
Mettiti al riparo, sistemati

Tre cose 'a femmena addà sfujì: Renare, vino e fenesta
La donna deve rifiutare soldi, vino e finestra

Tre cose nun s' 'anna maje 'mprestà: Libbre, denari e muglièra
Non prestare mai libri ,soldi e moglie

Tre so' 'e fetienti: Mimì, Cocò e Carmene 'o pazzo
Tre sono i cattivi: Mimì, Cocò e Carmine il pazzo

Tre so' 'e putiente: 'o Papa, 'o rrè e chi nun tène niente
Tre sono i potenti: il Papa il re ed il nullatenente

Trica, e vene pesante
Aspetta, e viene considerevole

Trica malanno e guaje a chi aspetta
Tardi il malanno e male per chi attende

Tricchitracche, tant' 'a pparte
Tric-trac, tanto per ciascuno

Trova cchiù ampressa 'a femmena 'a scusa, ca 'o sorice 'o pertuso
Trova prima la donna il pretesto, che il topo la tana

Truòvate chiuso e pierdete st'accunto
Trovati chiuso e perditi questo cliente

Tu duorme c' 'a zizza mmocca
Tu dormi tranquillo mentre intorno a te le cose precipitano

Tu si' proprio 'nu guajo 'e notte
Sei uno che arreca solo danni

Tutt' 'e guaje dint' 'a veste 'e muglierema
Tutti i guai nella veste di mia moglie

Tutt' 'o lassato è perduto
Tutto ciò che si lascia è perduto

Tutt' 'o stuorto s' 'o pporta ll'ascia
Tutto lo storto lo porta via l'ascia

Tutto a Giesù e nient' 'a Maria
Tutto a Gesù e niente a Maria

'U ppoco abbasta, 'o supierchio avanza
Il poco basta, il superfluo avanza

'U scutulià d' 'e ssacche se vede si è pòvere 'e farina
Scuotendo le tasche, si vedrà se è polvere di farina

'U sfizio d' 'o viento è 'a mmùmmera
Il divertimento del vento è l'anfora

'U velluto è addiventato raso
Il velluto è diventato raso

Una mamma ha fatte Ddio!
Una sola madre ha fatto Dio

Una noce dinto 'o sacco nun fa rummore
Una sola noce nel sacco non fa rumore

Una pe' bevere e n' ata pe' sciacquà
Una per bere e un'altra per sciacquare

Uocchie chine e mane avvacante
Occhi pieni e mani vuote

Uocchie chine 'e mane vacante
Occhi pieni e mani vuote

Uocchie 'nterra e 'a mente a Dio
Lo sguardo verso il suolo e la mente a Dio

Va' a fa' 'o bene, muor' acciso
Fai del bene, muori ucciso

Va 'a scavà 'e vide ca truove
Va a scavare e vedi che troverai

Va tanto n' acqua 'e maggio, quanno va 'o carro e 'o vojo c' 'o tira
Vale tanto una pioggia di maggio, quanto il carro e il bue che lo tira

Va' truvanne 'a Cristo 'a dint' 'e lupine
Cerca Cristo nei lupini (pignoleria)

Va' truvanno 'o pilo dint' 'a ll'uovo
Va cercando il pelo nell'uovo

Và, 'e ca 'o riavulo t' aiuta.. Ogne passo n' 'a caruta
Vai, e che il diavolo ti aiuti.. Ad ogni passo una caduta

Vabbene! dicette donna Lena, quanno vedette 'a mamma, 'a figlia e pur' 'a jatta prena
"Va bene!", disse donna Lena, quando vide la mamma, la figlia e la gatta in cinta

Vaco e vengo, cu 'a guallera che tengo
Vado e vengo nonostante l'ernia

Vajassa: Cotena grassa
Serva: Cotoca grassa

Vaje truvanne 'e guaje cu 'a lanternella
Vai cercando i guai con la lanterna

Vaje truvanne 'o spiccicaturo 'a quinnece riente
Cerchi il pettine con quindici denti

Vaje vuttanno 'o carro p' 'a scesa!
Stai spingendo il carro in discesa

Valeno cchiù l'uocchie che 'e schiuppettate
Colpiscono più gli occhi che le fucilate

Vatte 'o fierro quann' è ccàvero
Batti il ferro quando è caldo

Vène vierno p' 'e male vestute
Viene l'inverno per chi non è ben vestito

Viàt' 'a chi nu' vvère e nu' ssente: ije veco, sento e schiatto 'ncuorpo
Beato chi non vede e non sente: io vedo, sento e mi addoloro

Vide che culo a mandulino
Guarda che bel sedere!

Vide chi parla d'onore: Francischiello 'o sapunaro
Vedi chi parla d'onore: Franceschino il rigattiere

Vide Napule e po' muore
Vedi Napoli e poi muori

Vide 'o mare quanno è bello
Guarda che bel mare

Vieste sciccone ca pare barone
Vesti elegante che sembri nobile

Vino e maccarune songo 'a cura p' 'e purmone.
Curare le malattie bevendo e mangiando

Vizio 'e natura, 'a 'nfin' 'a morte dura
Vizio di natura dura fino alla morte

Vo 'o cocco mmunnato e buono
Vuole il cocco bello pulito

Vo' tenè 'a votte chiena e 'a mugliera 'mbriaca
Vuole avere la botte piena e la moglie ubriaca

Voce 'e popolo voce 'e Ddio
Voce di popolo voce di Dio

Vota vota, 'o cetrullo va 'ncul' 'a l'urtulano
Gira gira, il cetriolo va nel sedere dell'ortolano

Vruòccole, gnuòccole e predecatùre, fatta Pasca nun sèrveno cchiù
Broccoli, gnocchi e predicatori, trascorsa Pasqua, non servono più

Vuje site masto 'e chianozza?
Scusi, lei è falegname?

Vuò piscià e vuò ghi' 'ncarrozza
Vuoi fare pipì e andare in carrozza

Vuo' trasi' 'a forza dint' 'a scazzetta d' 'o prèvete!
Vuoi impicciarti dei fatti miei

Vuommeche 'e vecchia attaccàte co' 'e nnucchetèlle gialle
Capricci di vecchia legati coi fiocchettini gialli

Zi' pre' 'o cappiello va stuorto.. Accussì addà jì!
Parroco, ha il cappello storto . . Così deve andare!

Zìmbare 'e caprette; 'na sola 'mbulletta
Montone e agnello allo stesso prezzo

Zitto chi sape 'o juòco
Taccia chi conosce il gioco

Zitto zitto 'a mmièzo 'o mercato
A bassa voce al mercato - Dire un segreto in pubblico raccomandando di non riferirlo ad altri

Zitto, chi sape 'o juoco
Taccia chi conosce il gioco

Zòccole, cane e figli' 'e puttane nun chiudeno maje 'a porta co' 'e mmane
Topi, cani e figli di ... non chiudono mai la porta con le mani

Zompa chi pò!... Dicette 'o ranavuòttolo
Salti chi può!... Disse il ranocchio
Acquario Aeronautica Militare Amazon Animali Anonimo Ariete Astrologia Belle Benessere Bilancia Buddha Caccia Cancro Capricorno Carabinieri Charles Perrault Compatibilità Concorsi Divertenti Domande frequenti Esercito Italiano Esopo Ex Facebook Faidaté Favole Fedro fratelli Grimm Gandhi Gemelli Guardia di Finanza Instagram La Fontaine Leone Libri Luoghi Marina Militare Oroscopo Pesci Polizia di Stato Polizia Penitenziaria Proverbi Ricette Sagittario Scorpione Social Sport Storie Tecnologia Toro Trilussa Tristi Vere Vergine Video Vigili del Fuoco
false
ltr
item
2.3: Il libro dei proverbi e detti napoletani
Il libro dei proverbi e detti napoletani
Proverbi napoletani e antica saggezza del Vesuvio
https://3.bp.blogspot.com/-mG91blmUvkE/ViOF4gxg7SI/AAAAAAAABT4/kCBsPt7xOtY/s320/Pulcinella.jpg
https://3.bp.blogspot.com/-mG91blmUvkE/ViOF4gxg7SI/AAAAAAAABT4/kCBsPt7xOtY/s72-c/Pulcinella.jpg
2.3
https://www.duepuntotre.it/2020/04/il-libro-dei-proverbi-e-detti-napoletani.html
https://www.duepuntotre.it/
https://www.duepuntotre.it/
https://www.duepuntotre.it/2020/04/il-libro-dei-proverbi-e-detti-napoletani.html
true
6528433828354979305
UTF-8
Nessun contenuto VEDI TUTTO Leggi tutto Rispondi Cancella Cancella di Home PAGINE POSTS Vedi tutto CONSIGLIATI TAG ARCHIVIO CERCA TUTTI I POSTS Nessun contenuto Vai alla home Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Gen Feb Mar Apr Maggio Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic adesso un minuto fà $$1$$ minuti fà un'ora fà $$1$$ ore fà ieri $$1$$ giorni fà $$1$$ settimane fà più di 5 settimane fà Followers Follow CONDIVIDI PER SBLOCCARE QUESTO CONTENUTO Condividi Copia Seleziona Copiato! Impossibile copiare, clicca [CTRL] + [C] (o CMD + C per Mac) per copiare