$show=search

$show=label

Proverbi - detti e soprannomi salentini

Ecco tantissimi proverbi e modi di dire del Salento con i soprannomi, ingiurie e nomee sugli abitanti di Lecce e dintorni, in dialetto salentino.

Proverbi - detti e soprannomi salentini Molti proverbi rimangono inalterati nel tempo, quindi, dopo qualche generazione si potrebbe pensare che siano un po' strani. Poi ci sono dei modi di dire che si evolvono negli anni per cui li sentiamo più vicini al nostro modo di vivere. In ogni caso, come tutte le massime, anche i detti leccesi del Salento, generalmente si basano su identità, analogie e metafore.

Ecco i più bei proverbi e modi di dire salentini con traduzione in italiano:

A
A ccì sparte la parte cchiù fessa (A colui che fa le parti va la parte più piccola)
A Ddiu ddumi 'na candila, allu diavulu ddoi (A Dio accendi una sola candela, al diavolo accendine due)
A fimmina sape addhru 'u diaulu tène a cuda (La donna conosce il posto dove il diavolo tiene la coda)
A masciu pare ci la ciuccia ete prena (A maggio si nota se l'asina è incinta)
A santa Marina la mennula ete china (A santa Marina la mandorla è piena)
A santu Lorenzu lu noce ete menzu (A san Lorenzo la noce è a metà maturazione)
A Santu Martinu ogne mostu denta vinu (A San Martino ogni mosto è vino)
A Santu Pati le fave chiantati (A Sant'Ippazio si piantano le fave)
A stu munnu nu ai gnenti se nu llu tiri cu lli denti (In questo mondo niente ricevi se non lo tiri con i denti)
A tiempu de guerra ci cchiùi pote cchiùi 'nferra (In tempo di ristrettezze si accetta tutto quello che capita)
Abbitu nun fa mmonicu, però dice lu tata: comu vai vistutu cusì si' ccarculatu (L'abito non fa il monaco, ma papà dice: come vai vestito così sei considerato)
Acqua e gelu nu resta mai n'celu (Acqua e neve non rimane mai in cielo)
Addhru 'nc'è fumu nc'è focu, ma no sempre carne 'rrustuta (Dove c'è fumo c'è fiamma, ma non sempre è carne arrostita)
Addhru 'nce muti càddhri nu lucìsce mai (Laddove ci sono molti galli a cantare non spunta mai giorno)
Aggi bona furtuna e futtite a mare (Abbi buona sorte e gettati a mare)
All'aria sputi? A 'nfacce te cate (Se sputi in aria, in faccia ti cade)
Allu squagghiare te la nie, parenu li strunzi (Allo scogliersi della neve, emergono gli stronzi)

B
Batti lu fierru finché ete cautu (Batti il ferro finché è ancora caldo)
Bìvite lu mieru cautu ca te passa la tosse (Beviti il vino caldo che ti passa la tosse)
Bbonu cervieddhru tene bbone anche (Lo smemorato possiede delle buone gambe)

C
Cchiù àutu se sale, cchiùi cculu se 'mmoscia (Più in alto si sale, più sedere si vede)
Ce hai ca soni le campane, ca ci nun è ddevotu non ci vene (Suona pure le campane, ma chi non è devoto non viene a messa)
Chiove a su i ricchi e a su i poveri, allu stessu modu, sulamente ca i ricchi tenine lu mbrellu (Piove uguale sia sui ricchi che sui poveri, solo che i ricchi hanno l'ombrello)
Ci ave face nave, ci nun ave, perde ccenca ave (Chi ha va avanti, chi non ha, perde tutto ciò che ha)
Ci cchiù tene, cchiù bbole (Chi più ha, più desidera)
Ci lassa la strata ecchia pe lla noa, sape cce lassa ma nu ssape cce troa (Chi lascia la via vecchia per la nuova, sa quello che lascia ma non sa ciò che trova)
Ci lu stommicu bonu ole cu staje cipuddhra e tiaulicchiu aje te manciare (Per far stare bene lo stomaco cipolla e peperoncino si deve mangiare)
Ci manci pane e pummitoru nu vai allu duttore (Chi mangia pane e pomodoro non va dal dottore)
Ci mangia sulu se 'nfoca (Chi mangia da solo si strozza)
Ci nasce beddhra, nasce maretata (La donna nata bella è già sposata)
Ci nasce ciucciu nu pote murire cavaddhru (Chi nasce asino non potrà morire cavallo)
Ci no risica no rosica (Chi non risica non rosica)
Ci nu ttene furtuna, se ceca facènduse la croce (Lo sfortunato si acceca facendosi il segno della croce)
Ci ole lu male dell'autri, lu sou è vicinu (Chi si augura il male degli altri, il suo è dietro l'angolo)
Ci parla mutu unchia palloni (Chi parla assai dà aria alle palle)
Ci pècura si fa', lupu ssu mància (Se pecora si fa, il lupo se lo mangia)
Ci rite urtimu, rite meju (Chi ride per ultimo ride meglio)
Ci se ccuttenta, gode e stenta (Chi si accontenta, gode e stenta)
Ci se stuscia cu ll'ardica, lu culu li usca (Chi si pulisce con l'ortica, il sedere gli brucia)
Ci sputa a 'ncelu, a 'nfacce ni hae (Chi sputa in cielo, in faccia gli cade)
Ci ta Caremma nu fila, te Pasca nu minte la tila (Chi durante la Quaresima non tesse, a Pasqua non si veste)
Ci te speranza vive, tesperatu more (Colui che vive di speranza, muore disperato)
Ci tieni tortu fanne causa, ci tieni raggione 'ncordate (Se hai torto vai dall'avvocato, se hai ragione trova un accordo)
Ci vole la grazia, tocca sse trova lu santu (Chi vuole la grazia, deve votarsi al santo)
Cielu stellatu, disciunu passatu (Vedere il cielo stellato fa passare la fame)
Cinca nasce dèstinatu vince li terni senza aggia sciocatu (I fortunato vince il terno al lotto senza che abbia giocato)
Comu spienni cusì mangi (Come spendi così mangi)
Cummare, se voi cu te nvitu, tie minti la carne e jeu mintu lu spiedu (Comare, se vuoi che t'inviti, tu porta la carne e io metto lo spiedo)

D
De na sciumenta càmbara nu tte pijare fija: se nu nn'è ttutta càmbara, a ccàmbara ssumija (Di una cavalla storpia non ti prendere la figlia: se non è tutta storpia, a una storpia somiglia)
De Santu Pati o chiove o nivicati (A Sant'Ippazio o piove o nevica)

E
È meju niuru pane ca niura fame (È meglio il pane nero che la fame nera)
È meju puzzare te mieru ca te oiu santu (È meglio emanare puzza di vino che di olio santo)
Entre china cerca riposu (La pancia piena vuole riposare)

F
Fanne comu te fannu e nu bbhe peccatu (Comportati come gli altri si comportano con te e non fai peccato)
Fiju de ggiùdice nu ttime tribbunale (Il figlio di giudice non teme processi)
Finca alla bara sempre se 'mpara (Finché non si muore sempre si impara)
Finu a Natale, né friddu, né fame, te Natale a 'nnanzi, tremane puru li pariti ca stannu vacanti (Fino a Natale, né freddo, né fame, da Natale in poi tremano anche i muri dalla fame)

G
Guardalu bbonu, guardalu tuttu, l'ommu senza sordi è sempre bruttu (Guardalo come vuoi, ma un uomo senza soldi sempre brutto è)

I
I diritti su' dde li patruni, i doveri de li cuijuni (I diritti ce l'hanno i padroni, i doveri ce l'hanno i minchioni)
I pariti nu n'hannu occhi, ma hannu ricchie (Le pareti non vedono, ma sentono)
I sordi de l'avaru se li manga lu sciampagnone (I soldi del taccagno se li spende lo sciupone)

L
La caddhina face l'ou e a lu iaddhu ni uschia lu culu (La gallina fa l'uovo e al gallo brucia il sedere)
La mamma de lu fessu ete sempre prena (La madre del cretino è sempre incinta)
La morte nu vaje a ci tocca, ma vaje a ci ttoppa (La morte non va a chi spetta, ma dove capita)
L'acqua piu piu te futte (La pioggia fina fina ti bagna)
L'ecchiu te lu patrunu 'ngrassa lu cavaddhru (L'occhio del padrone ingrassa il cavallo)
Lettu e manciare picca, vita longa e ricca (riposo e poco mangiare allunga la vita e la rende ricca)
Li uai te la pignata li sape la cucchiara (I guai della pentola li conosce il mestolo)
L'oiu te ulia lu male porta via (Secondo un'antica credenza popolare: L'olio d'oliva guarisce tutti i mali)
L'ommu face le leggi e sse pija li privileggi (L'uomo che fa le leggi prende i suoi privilegi)
Lu bbinchiatu nu crite allu disciunu (Chi ha la pancia piena non crede al digiuno)
Lu centu per centu, mancu lu papa ete cuntentu (Al 100% neanche il papa è felice)
Lu ciucciu se canusce de le ricche e lu fessu de le chiacchere (L'asino si riconosce dalle orecchie e il fesso dalla bocca)
Lu giudizziu è cca te campa, lu pane quantu pare ca te bbinchia (È il buonsenso che ti fa vivere, il pane serve solo a saziarti)
Lu mieru bonu ete lu bastone te li vecchi (Il buon vino è il sostentamento della vecchaia)
Lu pane è sempre tostu a ci fatica (Il pane è sempre duro per chi lavora)
Lu pisce rande se mangia lu piccinnu (Pesce grande mangia quello piccolo)
Lu primu annu core a core, lu secondu culu a culu, lu terzu caggi 'nculu (Il primo anno cuore a cuore, il secondo fianco a fianco, il terzo calci nel sedere)
Lu punente te scitta lu dente (Il freddo ponente ti fa cadere i denti)
Lu Sule te scarfa ci te ite (Il Sole ti riscalda se ti arriva)
Lu superchiu inchie lu cuperchiu (L'eccesso fa saltare il coperchio)

M
Male cumune, ddifriscu de fessi (Mal comune, sollievo degli stolti)
Mancia piseddhri ca te ntostane le carcagne (Mangiare i piselli rafforza i calcagni)
Mare: viti e fuci, taverna: viti e trasi (Per mare non ci sono taverne)
Meju cu bbiti nu riccu 'mpuverire ca nu poveru rricchire (Meglio assistere un ricco impoverito che un povero arricchito)
Meju curnutu ca ffessa: se si' ffessa te sannu a ddhu vai vai, se si' curnutu, sulu a ddhunca stai (Meglio essere cornuti che che fessi: se sei fesso ti riconoscono dappertutto, se sei cornuto, solo dove vivi)
Meju nna fiata a rrussire ca centu a 'ngiallinire (Meglio una sola volta arrossire che cento volte ingiallire)
Mmara a cìnca nu se gràtta cu l'ùgne sòi (Disgraziato colui che non riesce a grattarsi con le proprie unghie)
Morse lu suscettu e nu fomme cchiù cumpari (Una volta morto il figlioccio, non siamo più compari)

N
'Na cipoddha nnanzi-rretu no si carcula (Una cipolla in eccesso o in difetto non si calcola)
'Na fimmena, 'na papara e 'na picaloia ficera 'na fera (Una donna, una papera e una gazza, fecero una baraonda)
Natale cu lu Sule, Pasca cu llu tizzune, ci hoi cu bene la bona stagiune (Natale al caldo, Pasqua al freddo, se vuoi avere una buona la stagione)
Natale ssuttu, Pasca mujusa (Natale asciutto, Pasqua bagnata)
'Ncùcchiate cu chi ete meju de tie, e fànnine le spese (Aggregati a chi è meglio di te e fanne le spese)
No n'essere cuijune comu Adamu, ca pe 'nu pumu perdìu lu sciardinu (Non essere stupido come Adamo, che per una sciocchezza perse il Paradiso)
Nu bbulare mutu autu mò ca tieni l'ale, ca sempre si suggettu allu catire (Non volare molto in alto ora che hai le ali, perchè puoi sempre cadere)
Nu ncè pescju cchiù surdu te quiddhru ca nu bbole cu sente (Non c'è pesce più sordo di colui che non vuole ascoltare)
Nu puei tenire la utte china e la mugghera 'mbriaca (Non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca)
Nu ti putìa vitire mancu cu llu binoculu (Non ti posso vedere nemmeno col binocolo)
Nu tràse mai Gesu Cristu allu sibburchiu, si nu n'ete quinta decima te marzu (Gesù non entra nel sepolcro se non alla quinta decima di marzo)

O
Occhiu nu bite core nu scanta (Occhio che non vede, il cuore non soffre)
Ogne petra azza parite, e se ete grossa cunta pe ddoi (Ogni mattone alza la parete, e se è grande aumenta il doppio)
Ou te caddhrina e vinu te cantina su la meju medicina (L'uovo fresco di gallina e vino di cantina sono meglio delle medicine)

P
Pé 'nu caddhri te sale se perde la minescia (Per un pizzico di sale si perde la minestra)
Peddrhe mini, peddrhe ccoji (Sassi lanci, sassi ricevi)
Punente la Tramuntana si sente (L'arrivo del ponente anticipa il vento di Tramontana)
Puru all'infernu ete meju cu vai a cavaddhu ca all'am pete (Anche all'inferno è meglio andare a cavallo anziché a piedi)

Q
Quandu addhu no teni, cu mammata te curchi (Quando altro non hai, ti corichi assieme alla tua mamma)
Quandu ccappi alla cargiula ete sulu pe lla 'ngula (Quando cadi in una trappola è perché vieni preso per la gola)
Quannu chiù forte chioe, cchiùi prima scampa (Più forte piove, più presto spiove)
Quannu l'ommu suspira, ete percè la fimmena lu tira (Quando l'uomo sospira è perché sta pensando a una donna)
Quannu lu ciucciu no bbole cu bbia, magari ca fischi (Quando l'asino non vuole bere è inutile che fischi)
Quannu lu ciucciu raja, ete cu cchiama la paja (Quando l'asino raglia è perché vuole la paglia)
Quannu lu diaulu te 'ncarizza, l'anima 'nde ole (Quando il diavolo t'accarezza, è la tua anima che vuole)
Quannu nc'è oju e sale tutta l'erba ete comu pane (Quando c'è olio e sale c'è tutto)

S
Se le corne spuntavane, lu munnu era na foresta (Se spuntassero le corna, il mondo diventerebbe una foresta)
Se mangiandu te sira te strafuechi, lu sennu te la notte te lu sciuechi (Se la sera ti abbuffi di cibo, il sonno notturno te lo giochi)
Se oi l'amicizzia cu mantegna, nu panaru cu bbae e unu cu bbenga (Se vuoi mantenere l'amicizia, una cosa a te e una cosa a me)
Se unu nu more l'addhru nù gode (A questo mondo c'è chi muore e c'è chi gode)
Se vole lu Patreternu, simini a giugnu e meti de njernu (Se Iddio vuole, semini per giugno e mieti d'inverno)
Senza lu fessa lu furbu nù campa (Senza i fessi, il furbo non campa)
Sichijati 'ccìdi patucchi, vai 'lla chiesia e nun te 'ngenucchi (Secliota - abitante di Seclì - uccidi pidocchi, vai in chiesa e non ti inginocchi)
Stiendi lu pete pe quantu ete lengu lu passu (Allunga il piede per quanto misura il tuo passo)
Sulu alla morte nu nc'ete rimediu (Solo alla morte non esiste rimedio)
Sulu la morte ete giusta a stu mundu (Solo la morte è equa in questo mondo)
Sulu lu culu face n'arte sula (Solo il deretano fa un'arte sola)
Sutta la nive pane, sutta ll'acqua fame (Sotto la neve c'è pane, sotto l'acqua c'è fame)

T
Te fimmina mustazzuta, Ddiu cu tte juta (Dalla donna baffuta, che Iddio ti aiuti)
Te la capu mpuzzùna lu pesce (Il pesce puzza dalla testa)
Tira cchiù lu pilu di na fimmina ca lu 'nzartu (Tira più il pelo di una donna che una grossa fune)
Tira lu ciucciu a ddù ole lu patrunu (L'asino va dove vuole il padrone)
Torci lu vinchiareddhru quannu ete tennereddhru (Il ramo d'albero va piegato quando è tenero)
Tutti li giurni falli cu ci hoi, l'urtimi falli culli toi (Tutti i giorni vai con chi vuoi, gli ultimi resta con i tuoi)
Tutti nascimu chiangendu e nisciunu more ridendu (Tutti nasciamo piangendo e nessuno muore ridendo)

U
U jientu 'ccoie li fùmuli e lle campane li prèiti (Il vento raccoglie i cespi sradicati e i preti le campane)
U purpu cu l'acqua soa stessa se coce (Il polpo va cotto nella sua stessa acqua)
U vinu face bonu u sangu (Il vino rende buono il sangue)
Uecchi chini e mane acanti (Occhi pieni e mani vuote)
Utai, utai, utai, megghiu te la casa mia nu truai (Ho girato, girato girato, meglio di casa mia nulla ho trovato)

V
Vale cchiui l'acqua de marzu e de aprile ca lu cavaddu de lu re cu tutte le tire (Ha più valore l'acqua di marzo e di aprile che il cavallo del re con tutti i suoi ori e diamanti)
Ventre chinu riposu cerca (La pancia piena cerca riposo)
Ventre vacante male conziju porta (La pancia vuota porta cattivi consigli)

Alcuni preconcetti vogliono che i vari abitanti delle città del Salento si chiamino così:


A
Acayesi: fimmene culippuntate (abitanti di Acaya = Donne sfacciate)
Acquaricesi: spurtari e canìscie (Acquarica del Capo = Commercianti in vimini - sporte e canestri)
Alessanesi: sciudei (abitanti di Alessano = Ebrei)
Aletini: picciuttari (abitanti di Alezio = Baldanzosi)
Allistini: argerini (abitanti di Alliste = Algerini)
Andranesi: mangia-brufìchi (abitanti di Andrano = Mangia caprifichi)
Aradeini: taradiauli (abitanti di Aradeo = Attira diavoli)
Arnesanesi: mozzica-santi (abitanti di Arnesano = Empi, blasfemi)

B
Bagnolesi: zzucàri (abitanti di Bagnolo del Salento = Cordai)
Barbaranesi: ciole (abitanti di Barbarano del Capo = Gazze ladre)
Borgagnesi: spustati (abitanti di Borgagne - fraz. Melendugno = Sbandati)
Botrugnesi: cucummeràri (abitanti di Botrugno - Butrugnu = Cetrioli)

C
Calimeresi: lu porcu de San Brizio (abitanti di Calimera = Allevatori di suini)
Campioti: babbi te Campie (abitanti di Campi Salentina = Babbei)
Cannolesi: cuzzari (abitanti di Cannole = Allevatori di lumache)
Capraresi: pecurai (abitanti di Caprarica di Lecce = Caprai)
Carmianesi: fìmmene beddhe (abitanti di Carmiano = Belle donne)
Carpignanesi: cacorsi (abitanti di Carpignano Salentino = Cattivelli)
Casamassellesi: bella citate (abitanti di Casamassella = Bella città)
Casaranesi: zocculari (abitanti di Casarano - Casaranu = Imbroglioni)
Castrisani: cuccuiu (abitanti di Castrì di Lecce = Sempliciotti)
Castrignanesi: mangia cuzziddhi (Castrignano del Capo = Mangia lumache)
Castrignanesi: lardusi (abitanti di Castrignano de' Greci = Spacconi e boriosi)
Castrioti: carzi-larghi (abitanti di Castro = Guance larghe, boriosi)
Cavallinesi: fiji te muli (abitanti di Cavallino = Figli di muli - testardi)
Collepassesi: saraceni (abitanti di Collepasso = Insensibili e crudeli)
Copertinesi: mangia ciucci (abitanti di Copertino = Mangia asini)
Coriglianesi: mangani (abitanti di Corigliano d'Otranto = Stupidi)
Corsanesi: carcagni tisi (abitanti di Corsano = Pelle dura ai piedi)
Cursini: cola (abitanti di Cursi = Ebeti, tonti)
Cutrofianesi: cutumari (abitanti di Cutrofiano = Terracottai)

D
Disini: unagnuli (abitanti di Diso = Agnellini)

F
Fellinesi: argerini (abitanti di Felline - fraz. di Alliste = Algerini)

G
Gaglianesi: capi vacanti (abitanti di Gagliano del Capo = Teste vuote)
Galatinesi: cuccuasci (abitanti di Galatina = Civettuoli)
Galatonesi: autru dicune, autru facune (Galatone = Dicono una cosa e ne fanno un'altra)
Gallipolini: pupiddhuzzi (abitanti di Gallipoli = Pupilli)
Giuggianellesi: carniocculari (abitanti di Giuggianello = Ranocchi)
Giurdignanesi: coji mucci (abitanti di Giurdignano = Mocciosi)
Guagnanesi: tuttu sensu (abitanti di Guagnano = Tutto senno - intelligenti)

L
Leccesi: sonacampani (abitanti di Lecce = Suonatori di campane)
Lequilesi: mangiaracali (abitanti di Lequile = Mangia rospi)
Leveranesi: ranucchiulari (abitanti di Leverano = Allevatori di rane)
Lizzanellesi: fimmene bestie (abitanti di Lizzanello = donne lavoratrici)

M
Magliesi: ricottari (abitanti di Maglie - Maje in dialetto salentino = Sfruttatori)
Manduriani: 'ccitipiducchie e mangiacàni (Manduria = Uccidi pidocchi e mangia cani)
Marittimesi: naneddhi (Abitanti di Marittima - frazione di Diso = Nanetti)
Martanesi: pacciareddhi (abitanti di Martano - Martanu in lingua Griko = Pazzerelli)
Martignanesi: ciucci (abitanti di Martignano = Asini)
Matinesi: bruscia pajare (abitanti di Matino = Brucia pagliai)
Melendugnesi: musi moddhi (abitanti di Melendugno = Facce molli)
Melendugnesi: puerci binchiati (abitanti di Melendugno = Porci sazi)
Melissanesi: cargnocculari (abitanti di Melissano = Rospi e rane)
Melpignanesi: sciusci (abitanti di Melpignano = Ciuchi)
Miggianesi: mangia-mìju (abitanti di Miggiano = Mangia papaveri)
Minervinesi: cappieddhuzzi (abitanti di Minervino di Lecce = Cappellini)
Monteronesi: passaricchi (abitanti di Monteroni di Lecce = Sempliciotti)
Montesanesi: tignusi (abitanti di Montesano Salentino = Scansafatiche)
Morcianesi: tadduti (abitanti di Morciano di Leuca = Mangia cipolle)
Muresi: lu porcu meu (abitanti di Muro Leccese = Allevatori di porci)

N
Neretini: nessun soprannome (abitanti di Nardò = Una porta si e una no)
Nevianesi: najanisi (abitanti di Neviano = Testa dura)
Nocigliesi: craunari (abitanti di Nociglia = Carbonai)
Novolesi: facce te quatari (abitanti di Novoli = Facce annerite)

O
Ortellesi: nigghiati (abitanti di Ortelle = Annebbiati)
Otrantini: figghi te turchi (abitanti di Otranto = Figli di turchi)

P
Palmariggini: carnocculari (abitanti di Palmariggi = Pieni di rane e rospi)
Parabitani: ventri janchi (abitanti di Parabita = Pance bianche)
Patuensi: mùsci (abitanti di Patù = Furbi come gatti)
Poggiardesi: sardàri (abitanti di Poggiardo = Allevatori di sardine)
Cesarini: piscaturi (abitanti di Porto Cesàreo = Pescatori)
Presiccesi: mascarani (abitanti di Presicce = Mascherati)

R
Racalini: pacci (abitanti di Racale = Pazzi)
Ruffanesi: mangia-friseddhe (abitanti di Ruffano = Mangia freselle)

S
Salicesi: giaccure stritte (abitanti di Salice Salentino = Giacche strette)
Salvesi: cututi (abitanti di Salve = Quelli con la coda)
Sampietrani: stumpa-crìta (abitanti di San Pietro in Lama = Artigiani della creta)
Sanarichesi: tira trai (abitanti di Sanarica = Tira la trave)
Sancassianesi: cuccuàsci (abitanti di San Cassiano = Civette)
Sancesaresi: mangia-pasùli (abitanti di San Cesario di Lecce = Mangia fagioli)
Sandonatesi: cucùmmeri (abitanti di San Donato di Lecce = Coltivatori di cetrioli)
Sannicolesi: nniculàri (abitanti di Sannicola = Dal nome del paese tutto attaccato)
Cesarini: denti nìuri (abitanti di Santa Cesarea Terme = Denti neri)
Scorranesi: pedi nìuri (abitanti di Scorrano = Piedi neri)
Seclioti: 'ccìdi patucchi (abitanti di Seclì = Schiaccia pidocchi)
Serranesi: macennulari (abitanti di Serrano - fraz. Carpignano Salentino = Opportunisti)
Soglianesi: 'mposimati (abitanti di Sogliano Cavour = Inamidati)
Soletani: mangia-cozze (abitanti di Soleto = Mangia lumache)
Specchiesi: scurlìsci (abitanti di Specchia = Che scivolano)
Sponganesi: pacci lunatici (abitanti di Spongano = Pazzi lunatici)
Squinzanesi: randi e piccinni, tutti curnuti (abitanti di Squinzano = Grandi e piccoli, tutti cornuti)
Sternatesi: mangia-ciucci (abitanti di Sternatia = Mangia Asini)
Strudesi: panze 'nchiate (abitanti di Strudà = Pance gonfie)
Supersanesi: porci (abitanti di Supersano = Allevatori suini)
Suranesi: ciucci (abitanti di Surano = Asini)
Surbini: cazzamalòte (abitanti di Surbo = Schiaccia scarafaggi)

T
Taurisanesi: mangia-culùmmi (abitanti di Taurisano = Mangia fichi)
Tavianesi: ventri 'nchiati (abitanti di Taviano = Pance gonfie)
Tiggianesi: gente cu do facci (abitanti di Tiggiano = Gente con 2 facce)
Trepuzzini: tutti fetusi (abitanti di Trepuzzi = Tutti furiosi)
Tricasini: cucuzzari (abitanti di Tricase = Coltivatori di zucchine)
Tugliesi: puricìni (abitanti di Tuglie = Pulcini)

U
Ugentini: uscèntu, né fede né sacramentu (abitanti di Ugento = Senza fede)
Uggianesi: babarabbà (abitanti di Uggiano la Chiesa = Creduloni)

V
Vegliesi: zingari (abitanti di Veglie = Zingari)
Vernolesi: lenghi e ressi (abitanti di Vernole = Lunghi e grossi)
Vignacastrisi: mangia lupini (abitanti di Vigna Castrisi - fraz. di Ortelle = Mangia mitili)

Z
Zollinesi: cufiàri (abitanti di Zollino = Schivi - riservati).

COMMENTI

Nome

Acquario Aeronautica Militare Animali Anonimo Ariete Armi Astrologia Belle Benessere Bilancia Buddha Caccia Cancro Capricorno Carabinieri Charles Perrault Concorsi Divertenti Domande frequenti Esercito Italiano Esopo Facebook Fascino Favole Fedro fratelli Grimm Gemelli Guardia di Finanza Instagram La Fontaine Leone Libri Luoghi Marina Militare Oroscopo Paulo Coelho Pesci Polizia di Stato Polizia Penitenziaria Proverbi Ricette Sagittario Scorpione Selma Lagerlof Snapchat Social Società Sport Storie Tecnologia Toro Trilussa Tristi Vere Vergine Video Vigili del Fuoco
false
ltr
item
2.3: Proverbi - detti e soprannomi salentini
Proverbi - detti e soprannomi salentini
Ecco tantissimi proverbi e modi di dire del Salento con i soprannomi, ingiurie e nomee sugli abitanti di Lecce e dintorni, in dialetto salentino.
https://2.bp.blogspot.com/-tF33EkQVOgg/Xg0MNQNV9xI/AAAAAAAAE3M/QezMsz_zzigKz09PNQFlDKxevkJKZGBAACLcBGAsYHQ/s1600/pane-salento.jpg
https://2.bp.blogspot.com/-tF33EkQVOgg/Xg0MNQNV9xI/AAAAAAAAE3M/QezMsz_zzigKz09PNQFlDKxevkJKZGBAACLcBGAsYHQ/s72-c/pane-salento.jpg
2.3
https://www.duepuntotre.it/2020/01/proverbi-detti-e-soprannomi-salentini.html
https://www.duepuntotre.it/
https://www.duepuntotre.it/
https://www.duepuntotre.it/2020/01/proverbi-detti-e-soprannomi-salentini.html
true
6528433828354979305
UTF-8
Nessun contenuto VEDI TUTTO Leggi tutto Rispondi Cancella Cancella di Home PAGINE POSTS Vedi tutto CONSIGLIATI TAG ARCHIVIO CERCA TUTTI I POSTS Nessun contenuto Vai alla home Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Diecmbre Gen Feb Mar Apr Maggio Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic adesso un minuto fà $$1$$ minuti fà un'ora fà $$1$$ ore fà ieri $$1$$ giorni fà $$1$$ settimane fà più di 5 settimane fà Followers Follow CONDIVIDI PER SBLOCCARE QUESTO CONTENUTO Condividi Copia Seleziona Copiato! Impossibile copiare, clicca [CTRL] + [C] (o CMD+C per Mac) per copiare