Proverbi napoletani sulla donna

La donna non poteva trovare che a Napoli l'espressione migliore, capace di saper cogliere appieno la sua femminilità.

Proverbi napoletani sulla donna (fémmena) Cantori appassionati, sensibili, sempre innamorati, i napoletani hanno saputo afferrare, comprendere e decantare i pregi e le virtù, ma anche i difetti della donna.

Proverbi, detti e dicerie napoletane sulla donna:

A altare sgarrupato nun s'appìcciano cannele.
Alle donne avanti con gli anni non si fanno moine.

'A bbòna mercanzia trova priésto a ghjì pe' 'n'àutra via.
Se si litiga con la propria ragazza e questa è bella, fa molto presto a trovarsi un altro fidanzato.

'A bbòna zita subbeto se marita.
La brava ragazza trova subito marito.

'A bella 'e cìglie, tutte quante 'a vonno ma nisciuno s' 'a piglia.
La ragazza bella viene molto corteggiata ma nessuno la sposa.

'A bella fémmena nun ce manca 'o nnammurato.
Ogni bella ragazza ha sempre un innamorato.

'A fémmena 'a la casa a faticàre, vale tant'oro quanto sta a pesare.
La donna casalinga vale tanto oro quanto pesa.

'A fémmena aggrazziata vo' essere priata.
La donna bella vuole essere pregata.

'A fémmena bbòna mantene 'na casa.
La brava moglie porta avanti una casa.

'A fémmena bbòna vale 'na curona.
Una brava ragazza vale quanto un reame.

'A fémmena bbòna, si tentata resta onesta, nun è stata bbòna tentata.
Se una bella donna viene tentata e rimane onesta, vuol dire che non è stata tentata abbastanza.

'A fémmena bella nunn' è puverèlla.
Una bella ragazza ha una grande ricchezza.

'A fémmena bella s'appretènde, e 'a brutta se marita.
La donna bella si fa pretendere mentre la brutta trova marito.

'A fémmena bella, cchiù s'accummoglia e cchiù fa venì 'a voglia.
Più la donna bella naturale si copre e più piace all'uomo.

'A fémmena cchiù se nega, e cchiù allumma l'appetito.
La donna più si nega e più desta interesse.

'A fémmena ciarliera è pesta nera.
La donna chiacchierona è insopportabile.

'A fémmena corta, e 'a menesta crura, portano l'ommo 'a sepoltura.
Le donne basse e le minestre crude, portano l'uomo alla tomba.

'A fémmena curtulella fa figlie a tummulelle.
La donna bassina fa figli a iosa.

'A fémmena curtulélla, riàvulo pigliatélla.
Donna bassina, se la prenda il diavolo.

'A fémmena è comm' 'o mellòne: ogne ciènte, una.
La donna è come l'anguria: su cento ne esce una buona.

'A fémmena è comm'aulive, prima d'abbraccià guardala 'nfaccia.
La donna è come le ulive, prima di abbracciarla guardala negli occhi per capire se è pura.

'A fémmena è comme 'a campana, si nunn' 'a scutulìa nun sona.
La donna è coma la campana, se non la scuoti non suona.
[next] 'A fémmena è comme 'a jatta, scippa e fuje.
La donna fa come il gatto, graffia e scappa via.

'A fémmena è comme 'a sacca.
Le donne vogliono sempre più soldi.

'A fémmena è comme all'onna d' 'o mare: o te sulleva o t'affonna.
La donna può farti gioire o soffrire.

'A fémmena è comme 'o tiempo 'e marzo: mò t'alliscia e mò te lascia.
La donna è come il mese di marzo, mentre ti accarezza, ti tradisce.

'A fémmena 'e lavinaro: scenne 'o marito e saglie 'o cumpare.
La lavandaia: scende il marito e sale l'amico.

'A fémmena è 'na croce: abbracciatélla a nomme e Ddio.
Anche se la donna è una croce, bisogna abbracciarsela in nome del Signore.

'A fémmena è 'nu vrasière, ca s'aùsa sulo 'a sera.
La donna è come il braciere, va adoperata soltanto di sera.

'A fémmena è 'o temmone d' 'a casa.
Duepuntotre dice: la donna è il timone della casa.

'A fémmena e 'o vino fanno perdere 'a capa a ll'uommene.
Donne e vino fanno impazzire l'uomo.

'A fémmena 'e tutti quanti è 'a fémmena 'e nisciuno.
la donna che va con tutti nessuno la sposa.

'A fémmena fina accatta 'e matina.
la donna scaltra va a far spesa al mercato di prima mattina.

'A fémmena 'nciucèra, è 'na mala muglièra.
La donna che parla troppo non è una buona moglie.

'A fémmena ne sape una cchiù d' 'o riavulo.
La donna ne sa una più del diavolo.

'A fémmena 'nfenesta nun fa maje festa.
Per la donna che sta sempre alla finestra le giornate sono tutte uguali.

'A fémmena nun sape tené tre cìcere 'mmocca.
Le donne non riescono a mantenere i segreti.

'A fémmena nun se sposa 'o ciuccio, pecché tène 'a paùra ca le rompe 'e lenzòle.
La donna non sposa l'àsino perché teme che le strappi le lenzuola.

'A fémmena, 'o ciùccio e 'a crapa, tèneno tutt' 'a stessa capa.
La donna, l'àsino e la capra hanno lo stesso modo di vedere le cose.

'A fémmena pe' dispietto quanno l'ommo fa' difietto dice ca è 'nu scarfalietto.
Nei litigi la donna accusa il marito di non valere nulla nella vita.

'A fémmena pe' l'ommo addivènta pazza, l'ommo p' 'a fémmena addivènta scemo.
La donna impazzisce per l'uomo. L'uomo si rimbambisce per la donna.

'A fémmena, 'a papera cennerina, e gallina chella janca.
La donna, l'oca cenerina e tra le galline è meglio la bianca.
[next] 'A fémmena quanno è bbòna po' sta 'mmiez' 'a n'armata.
La donna onesta rimane tale anche in mezzo a un esercito di uomini.

'A fémmena sàpia tène sempe 'a dispenza chiena.
Alla donna saggia non manca mai da mangiare.

'A fémmena senza grazia è 'na menesta senza sale.
La donna senza avvenenza è insipida.

'A fémmena tene cchiù capricce ca ricce.
La donna fa più capricci dei ricci che ha in testa - è frivola.

'A fémmena, come nasce accussì pasce.
la donna è una mantenuta dalla nascita.

A fémmena, o' 'a spusi a diciott'anni, o niente.
La donna va maritata fino a 18 anni.

'A gallina fa scema 'a fémmena, e 'o puòrco fa scemo l'ommo.
La gallina inganna la donna, mentre il maiale prende in giro l'uomo.

A la fémmena s'accommène lo tenère la casa coièta.
Spetta alla donna mantenere la famiglia unita.

A la figlia fémmena denari se ponno dà, ma sciorta mai.
Alla figlia femmina si può dare la dote ma non si è mai sicuri che si sposi.

'A lana, quanno nun se vatte s'ammataràzza.
Le donne, ogni tanto hanno bisogno di essere scosse.

A lo pover'ommo, e 'a la mala fémmena, dàlle 'o sujio, e làssali ghjì.
Meglio perderli.

'A mala nuttata e 'a figlia fémmena.
Cattive notizie su tutti i fronti.

'A mugliera brutta è peggio 'e 'nu riebbeto.
Avere la moglie brutta è peggio di un debito.

'A mugliera è comme 'a mamma: o sana 'o malato o 'nce 'o manna.
Le cure della moglie sono come quelle della mamma, o ti guariscono o ti fanno ammalare.

'A mugliera è cunfessore 'e notte.
Di notte la moglie riesce a farsi raccontare tutto.

'A muglièra 'e ll'ate è sempe cchiù bella.
La moglie degli altri è sempre più bella.

'A mugliera è miezo pane.
La moglie è l'altra metà del pane.
[next] 'A prena s'abbnitìsce e 'a zetèlla se scemunìsce.
La donna incinta s'imbruttisce e la zitella diventa acida.

'A pupata 'e Guidotte!.
Una vera bambola.

'A robba bella se caccia 'a fora.
Le bellezze di una donna vanno mostrate.

A San Vito ogni mugliera vatte 'o marito.
A San Vito la moglie le suona al marito.

'A socra cu' a nora adda tènere a vorza aperta e 'a vocca chiusa.
La suocera con la nuora deve avere la borsa aperta e la bocca chiusa.

'A sta vunnèlla non ce sòngo fojie p'appènnere.
Di questa donna non si può dire male.

A sto munno quatte cose 'nce fanno cunzulà: 'a fenìmena, l'argiàmma, 'o suonno, e 'o magnà.
Sono quattro le cose più belle al mondo: la donna, il denaro, il sonno e la buona tavola.

A tavola se po' assettà sulo chi fatica e chi accuntenta 'a mugliera.
A tavola può sedersi solo chi lavora e accontenta la moglie.

'A vipera ca muzzecajie a muglièrema murette 'e tuòsseco.
Il serpente che morsicò mia moglie morì avvelenato.

Addò stanno 'e fémmene ce stanno appicceche e 'nciuci.
Dove ci sono le donne ci sono litigi e chiacchiere.

Bella tavernàra, cùnto caro.
Locandiera bella, conto salato.

Bizzòche e spìngule 'nganne: marito quanno? marito quanno?
Le zitelle vogliono far credere che pregano e invece ...

Bbòna maritata, né socra né cainata.
È un buon matrimonio per la donna se non c'è la suocera né la cognata, cioè: marito orfano e figlio unico.

Brutta brùuu, chi fùje chillu pittore ca te pittàje?
Si dice per prendere in giro una donna non molto bella ma spiritosa.

Brutta 'e faccia e bbòna 'e core.
Brutta di faccia ma buona dentro.

Carte e ffémmene fanno chello ca vonno.
Le carte da gioco sono capricciose e imprevedibili come le donne.

Chi 'a fémmena crere, zappa 'o mare e sémmena a' rena.
Colui che crede alla donna, zappa il mare e semina sulla sabbia.

Chi 'a fémmena vo' bbene e nunn è lòcco, se ne va 'nfùmmo peggio d' 'o tabbàcco.
Per una donna si può perdere la testa di brutto.

Chi bbuòno vò accummincià, figlia fémmena adda fa.
Avere la prima figlia femmina è di buon augurio.

Chi bella vò parè, stiente e guàie adda patè.
Per essere belle le donne si sottopongono a grossi sacrifici.

Chi 'e ffémmene crère paravìso nun vère.
Chi crede alle donne fa una vita grama.

Chi se 'mpiccia cu' 'e ffémmene, malanne sémmena.
Mai confidarsi con le donne.
[next] Chi tène appaùra nun se cocca cu 'e ffémmene belle.
Chi è timido non andrà mai con le belle donne.

Cìccio mio allàscame 'o busto.
Quando la donna vuole pungolare.

Cuorne 'e 'nnamurate so' cuorne arraggiate, cuorne 'e marite so' chelle sapurite, cuorne 'e mugliere so' cuorne overe.
I tradimenti tra fidanzati avvengono per dispetto, quelli del marito sono stuzzicanti, quelli della moglie sono tradimenti veri.

Cunnìscela comme vuòjie, sempe cucùzza è.
Se una donna è brutta, è brutta!

D' 'e ffémmene oneste una sola 'nce steva, e addiventàje Marònna.
C'è stata una sola donna onesta e diventò Madonna.

D' 'e ffémmene, 'e giùdece, e d' 'e sbìrre, nun te fidà maje.
Non fidarsi mai delle donne, dei giudici e dei poliziotti.

Ddoje fémmene: 'nu raggiunamento, tre: 'nu mercato, quatto: 'na fera.
Con due donne si ha una discussione, con tre sembra un mercato, con quattro, una fiera.

Dicette 'a fémmena a 'o 'nnammurato: ddoje cose nun 'e puo' fa, o me accarezzà, o mé vasà.
Disse la donna al fidanzato: due cose insieme non le puoi fare, o mi accarezzi o mi baci.

Dicette a vecchia cu' bbòna memoria: tanno è Staggione quann'è Sant'Antuono.
Disse la vecchia con buona memoria: allora è Estate quando è Sant'Antonio.

Duòrme zetèlla, ca 'a sciorta veglia.
Campa cavallo che l'erba cresce ...

'E cchiacchiere so' ffémmene, 'e fatte songo mascule.
Le donne fanno chiacchiere, gli uomini i fatti.

'E denare d' 'a bella se ne vanno 'nchianchètto.
Le donne spendono molti soldi in cosmetici.

'E ffémmene d' 'o Pennìno, s'accòvano 'nterra comme' 'e gallìne.
Le donne del quartiere Pendino (Napoli), giocano sedute per terra.

'E ffémmene sò comm' 'e gravùne, stutàte tégneno, e appicciàte còceno.
Le donne sono come il carbone, spente tingono e accese scottano.

'E ffémmene tèneno sette spìrite comm' 'e ghjiàtte.
Le donne hanno una grande vitalità.

'E ffiglie fémmene sò comm 'e sièrpe dint 'o manecòne.
Le figlie femmine sono come avere dei serpenti nella manica

'E ffiglie zetelle nun s'anna tené 'nzerrate.
Le figlie zitelle non devono stare chiuse in casa.

È meglio a tenè 'na mugliera zellosa ca 'mpicciosa.
meglio avere la moglie calva che pedante.

'E mmònache 'e casa: 'o riàvulo ghjièsce e tràse.
Le donne asseriscono di condurre vita pia, ma a volte non è così.

'E pparole d 'e ffémmene se tèneno pe' serenàta.
Delle chiacchiere da donne non si deve tenere conto.

Felice è chi tene 'a mugliera, cchiù felice ancora chi nun 'a tene.
Chi ha moglie vive felice, chi non ce l'ha ancora di più.
[next] Fémmena 'ncannaccata, ommo 'ncuorniciato.
Donna improfumata, marito tradito.

Fémmene cra e uommene po', maje bbuoni so'.
Le donne che gracidano e gli uomini che rimandano, non servono a niente.

Fémmene e denare nun téneno cumpare.
Donne e denari non hanno amici.

Fémmene, cavalle e varche so' e chi 'e carca.
Donne, cavalli e barche appartengono a chi le ha.

Fémmene, ciucci e crape, téneno tutti 'a stessa capa.
Donne, asini e capre, hanno tutti la stessa testa.

Fémmene, ciucci e noce, mana feroce.
Con le donne, gli asini e le noci, occorre usare carattere.

Fémmene, giùdece e sbirre, nun te a maje fidà.
Non fidarti delle donne, dei giudici e dei poliziotti.

Fémmene, tiempo e furtuna, vèneno e vanno come fa 'a luna.
Donne, tempo e fortuna, vanno e vengono come fa la luna.

Gravune 'e castagne e fémmene 'e muntagne, càgnale ampressa ca' sparàgne.
Carboni di castagno e donne di montagna, cambiali subito che risparmi.

I lignammi s'apprezzano all'erta, 'e ffémmene cuccate.
Le assi di legno si apprezzano in piedi, le donne coricate.

L'ammòre fa passà 'o tièmpo e 'o tiempo fa passà l'ammòre.
Il tempo cancella i ricordi.

L'ommo cu' 'o carro e 'a fémmena cu' 'o sacco, vence 'a fémmena.
L'uomo sul carro e la donna dentro il sacco, vince la donna.

Madama se cauza e 'o sole se auza.
La donna si veste mentre il sole si alza.

Mannàggia 'a capa toja, alluccava 'o pùrpo 'nfàccia 'a purpéssa.
Si dice tanto per dare la colpa a qualcuno.

Marito geluso more cuornificato.
Il marito troppo geloso spesso viene tradito.

Mugliera giovane e vino viecchio.
Moglie giovane e vino invecchiato.

Muglièra 'ncannaccàta, marito 'ncuorniciàto.
Da qualche parte i gioielli dovranno pur venire.

Muglière e vuòje d 'o paese tuoje.
Moglie e buoi dei paesi tuoi.

Muglièrema era bella, sulo 'a zenniàta 'nce mancava.
Mia moglie già era brutta. Adesso ha anche il tic all'occhio.

'Na fémmena e 'na papera arrevutàjeno Nàpule.
Una donna e un'oca misero Napoli sottosopra.

'Na fémmena fa 'a casa e n'ata 'a scassa.
Una donna mette casa e un'altra la rovina.
[next] 'Na fémmena te porta 'ncièlo, e 'na fémmena t'atterra.
Una donna ti può portare in paradiso, o all'inferno.

'Na mala nuttata, e 'a figlia fémmena.
Quando va tutto storto.

'Na muglìera brutta è peggio 'e 'nu diébbeto.
Meglio avere un debito che una moglie brutta.

'Na sola fémmena 'nce steva bbòna, e 'a facèttero Maronna.
Una sola brava donna è venuta al mondo, la Madonna.

Né a figlio, né a scularo, e né a muglièra, se 'mposta bbòna cera.
Figli, studenti e le mogli bisogna trattarli con distacco.

Né ffémmene né ttéle, 'a lume 'e cannéla.
Non credere nè alle donne e né a tessuti alla luce artificiale.

'Nu bbuòno marito fa 'na bbòna muglièra.
Un bravo marito rende buona la moglie.

Nun c'è 'ntonaco senza canniatura, né fémmena senza fessura.
Non c'è intonaco senza screpolature, né donna senza rughe.

Nun crérere a l'ommo ca giura, 'a fémmena ca chiagne, e 'a cavalla ca sura.
Non bisogna credere all'uomo che giura, la donna che piange e alla cavalla che suda.

Nun ve 'ntricàte fra marito e muglièra.
Tra moglie e marito non mettere il dito.

Nunn è pussìbbele tenère grièco e cappucce, 'a votta chiena 'e a muglièra 'mbriàca.
Non si può avere tutto dalla vita.

'O barbiere te fa bello, 'o vino te fa guappo e 'a fémmena te fa scemo.
Il barbiere ti rende bello, il vino ti da coraggio e la donna ti rende stupido.

'O cielo scanza d' 'a mugliera gelosa e d' 'o marito 'mbriacone.
Il cielo scansi l'uomo dalla moglie gelosa e la donna dal marito ubriacone.

'O palazzo è àvuto e 'a signora è sorda.
Detto che indica la donna che fa finta di non sentire.

'O puorco fète vivo e addora mmuorto, l'ommo addora vivo e fète muorto, 'a fémmena fète viva e morta.
Il maiale è maleodorante da vivo e odora da morto, l'uomo odora da vivo ed è maleodorante da morto, la donna è maleodorante sia viva che morta.

'O ràncio va sèmpe apprièsso 'a mosca.
E' destino dell'uomo fare la corte alla donna.

'O spasso d' 'e zzetèlle so' 'e capìlle.
Le ragazze che non hanno marito perdono ore ed ore a pettinarsi.

'O zappà d' 'a fémmena e 'o faticà d' 'a vacca, povera a chella terra ca ce acchiappa.
Il zappare della donna e il lavorare della mucca, danneggiano la terra.

Ogne riccio 'nu capriccio.
La donna riccioluta è assai capricciosa.

Oh, puverella chella fémmena ca troppo se 'mprena d' 'e pparole 'e ll'uòmmene.
Poverina quella donna che crede negli uomini.

Ommo 'e vintotto e fémmena 'e diciotto.
Coppia ideale: uomo di 28 anni e la donna di 18.

Pare 'a figlia 'e don Camillo, tutt'a vonno ma nisciùno s'a pìglia.
Sono quelle donne molto corteggiate, ma che non riescono a trovare mai marito.
[next] Pare 'na pupata 'e Guidotte.
Sembra una bambolina.

Pare 'o tavulìno d' 'a bizzòca: 'na vota pénne annànze e 'na vota arrèto.
La donna che non riesce a prendere una decisione.

Pazzo chi se cunfìda cu 'na fémmena.
Mai confidarsi con le donne.

Pe' 'e ffémmene annuràte, è cchiù brutt' 'a vriògna ca 'a morte.
Per la donna onesta la vergogna è peggiore della morte.

Piglià 'a fémmena 'nparola e comme a vulé piglià 'o capitone p' 'a cora.
Prendere in parola la donna è come voler prendere l'anguilla per la coda.

Puòzze avè a sciòrta d' 'a brutta.
Le donna brutta trova per prima il marito.

Quann'è bbella quann'è bbella: me pare 'o fondo d'a tièlla.
Si dice per scherzo alla donna vanitosa.

Quann'è bbòna Maria, va sola p' 'a via.
La donna onesta cammina da sola.

Quanno 'a fémmena bbòna è tentàta e resta onesta, vò dìcere ca nunn' è stata tentata bbuòno.
Se una bella donna viene tentata e rimane onesta, vuol dire che non è stata tentata bene.

Quanno 'a fémmena è bbòna, pò sta 'a 'mmièzo a n'armata.
Una donna onesta rimane tale anche tra un reggimento di soldati.

Quanno 'a fémmena vò filà, fila pure cu 'o spruòccolo.
Se vuole, la donna può filare anche con un pezzo di legno.

Quanno 'a zita è mmaretàta, tutte quanne 'a vonno.
Quando la ragazza prende marito, tutti la vogliono in sposa.

Quanno ll'ossa se fanno pesante, pure chellillà addivèntano sante.
Con l'avanzare dell'età, anche quelle là diventano sante.

S'appìccicano 'e vvajasse, e se sbrògliano 'e matasse.
Quando le servette litigano tra loro se ne dicono di cotte e di crude.

Scarpa leggia e mugliera brutta fanno 'na bbòna riuscita.
Fortunato chi ha scarpe leggere e larghe e la moglie brutta.

Si 'a bella è senza dote, trova cchiù cumpare ca marito.
Senza la dote, una bella ragazza trova più facilmente l'amico che un marito.

Si 'a fémmena cammìna e mmòve ll'ànca, si nunn' è liggèra poco ce manca.
Se la ragazza ondeggia camminando, non viene considerata una donna seria.

Si 'o dicesse 'a moda, 'e ffémmene jarrìano cu tutte cose 'a fora.
Per la moda le donne camminerebbero tutte scoperte.

Tira cchiù 'nu pìlo 'e 'na fémmena, ca 'na parèglia 'e vuòje.
Attrae più una bella donna che una coppia di buoi.

Tre ccose 'a fémmena adda sfujì: renare vino e fenèsta.
La donna non dovrebbe accettare soldi né vino e némmeno uscire dalla finestra.

Tre cose nun se ponno annasconnere: l'ommo muorto, 'a varca scassata e 'a fémmena prena.
Tre cose non è possibile nascondere: la salma di un uomo, la barca che fa acqua e la donna incinta.

Trova cchiù ampressa 'a fémmena 'a scusa, ca 'o sòrice 'o pertuso.
Fa prima la donna a trovare un pretesto, che il topo la sua tana.

Tutt' 'e peccate murtale sò ffémmene.
I sette peccati mortali sono tutti al femminile.

Uommene 'e vino diece 'nu carlino; fémmene 'e vino ciento 'nu carlino.
All'uomo è concesso bere, alla donna no.

Uovo 'e n'ora, pane 'e 'nu ghjuòrno, vino 'e n'anno, e guagliona piccerella.
Uova freschissime, pane casereccio del giorno prima, vino invecchiato e la ragazza giovane.

Vajàssa: còtena e grasse.
Le donne di basso ceto sociale sono solitamente ben messe.

Vale cchiù 'na bella fémmena, ca ciénte cuoppe allesse.
Attira di più una bella donna che cento coppetti di castagne lesse.

Viecchie alliffàte: fémmene, scappate!
Donne, state alla larga da quegli uomini anziani, eleganti e profumati.
Acquario Aeronautica Militare Amazon Animali Anonimo Ariete Ascendente Astrologia Belle Benessere Bilancia Buddha Caccia Cancro Capricorno Carabinieri Charles Perrault Compatibilità Concorsi Divertenti Domande frequenti Esercito Italiano Esopo Ex Facebook Faidaté Favole Fedro fratelli Grimm Gemelli Guardia di Finanza Hans Christian Andersen La Fontaine Leone Libri Luoghi Marina Militare Oroscopo Pesci Polizia Polizia di Stato Polizia Penitenziaria Proverbi Ricette Sagittario Scorpione Social Sport Storie Tecnologia Toro Trilussa Tristi Vere Vergine Video Vigili del Fuoco
false
ltr
item
2.3: Proverbi napoletani sulla donna
Proverbi napoletani sulla donna
La donna non poteva trovare che a Napoli l'espressione migliore, capace di saper cogliere appieno la sua femminilità.
https://3.bp.blogspot.com/-OUc-wfIlJ-w/VdjFKh1BdVI/AAAAAAAAAJs/B4MwvG-PsmI/s320/d0569bf4d3-napoli_pulcinella_mandolino_quadro_ceramica.JPG
https://3.bp.blogspot.com/-OUc-wfIlJ-w/VdjFKh1BdVI/AAAAAAAAAJs/B4MwvG-PsmI/s72-c/d0569bf4d3-napoli_pulcinella_mandolino_quadro_ceramica.JPG
2.3
https://www.duepuntotre.it/2015/10/proverbi-napoletani-sulla-donna-femmena.html
https://www.duepuntotre.it/
https://www.duepuntotre.it/
https://www.duepuntotre.it/2015/10/proverbi-napoletani-sulla-donna-femmena.html
true
6528433828354979305
UTF-8
Nessun contenuto VEDI TUTTO Leggi tutto Rispondi Cancella Cancella di Home PAGINE POSTS Vedi tutto CONSIGLIATI TAG ARCHIVIO CERCA TUTTI I POSTS Nessun contenuto Vai alla home Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Gen Feb Mar Apr Maggio Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic adesso un minuto fà $$1$$ minuti fà un'ora fà $$1$$ ore fà ieri $$1$$ giorni fà $$1$$ settimane fà più di 5 settimane fà Followers Follow CONDIVIDI PER SBLOCCARE QUESTO CONTENUTO Condividi Copia Seleziona Copiato! Impossibile copiare, clicca [CTRL] + [C] (o CMD + C per Mac) per copiare