$show=search

$show=label

A scampagnata de' tre disperate - Copione della farsa di A. Petito

Conosciuto anche come "Totonno 'o pazzo", Antonio Petito è stato attore, autore e capocomico napoletano di fama mondiale.

A scampagnata de' tre disperate - Copione della farsa di A. Petito Antonio Petito (Napoli 1822 - 1876), è stato forse il più grande attore-autore della commedia napoletana.

Maestro di Eduardo Scarpetta (altra stella del teatro partenopeo), A. Petito è stato l'attore che ha saputo meglio esprimere nel mondo la maschera di Pulcinella.

'a scampagnata de' tre disperate

Copione completo della farsa in atto unico di Antonio Petito (Pulcinella, 1853)
(libero adattamento di Due Punto Tre)

Personaggi:

Carluccio, Oste della Taverna del Cerriglio
Felice Sciosciammocca
Don Attanasio
Luisella
Burzacchiello
Don Anselmo


Quadro Unico - Scena Prima

Carluccio, l'oste, sotto l'ingresso della taverna, fraseggiando si porta ai tavoli e rassetta.

Carluccio ~ E chest'è n'ata jurnata ch'è schiarata! Mo' vedimmo si è tal'e quale ajere, ca comm'arrapette, accussì chiurette, senza m'abbuscà nemmeno 'nu sordo.. ma oggi me sento accussì 'nfurncuso, accussì arraggiato, ca si me va coccheccosa 'e travierzo cu' coccheruno, m''o magno a morze. (con sarcasmo, ironico) Jamme a vedè qualu menù avimma appriparà. (mentre si avvia a rientrare, da una voce abbastanza di tono triviale rivolta alla cameriera che si trova dentro l'Osteria) Assuntì..i..i..i, miette la cavurara ncopp''o fuoco, jamme belle jà!.. rientra


Seconda scena

entra Felice, poi entra don Attanasio, poi Luisella


Felice ~ (quasi lamentandosi) Madonna e che famma, io me sento 'e svenì, io mo' vaco 'nterra, (appoggiandosi alla spalliera di una sedia) e comme faccio? Comme voglio magnà? Mannaggia 'a capa mia e 'stu vizzo maleritto ca tengo 'e jucà, stò perdenno sorde a zeffunno; e zio Attanasio me n'ha cacciato 'a dint'a casa soja, e nun me vo' vedè e sentì cchiù, e io comme 'a combino... io stò riuno a tre sere, tre matine 'e tre notte. Basta, mo' faccio n'anema e curaggio e vaco a tuzzulià 'a porta d'o zio, po' essere ca stammatina 'o trovo 'e bbòna lena, po' essere ca è 'nu poco magnanimo (ha uno scatto, emette quasi un lamento) "magnanimo" 'sta parola me fa venì a mente 'o maggnà, mannaggia chillo puorco d'o diavolo. Mo' vaco. (avviandosi verso il portone di fronte) San Cazzillo, protettore d'e muorte 'e famme, faciteme a grazia. (bussa due volte)

don Attanasio ~ (da dentro) Chi è?

Felice ~ Songh'io.

don Attanasio ~ E chi sarebbe io?

Felice ~ so' Felice, 'o nepuote vuosto.

Terza Scena

entra don Attanasio


don Attanasio ~ (ha aperto il portone, esce con la prima battuta, poi si sposta al centro) E che vaje truvanne, piezzo 'e malvivente! nun te miette scuorno e venì ccà, doppe 'e malazione ca m''e fatto?

Felice ~ 'nu poco 'e pane, 'o Zì, io me moro 'e famma.

don Attanasio ~ 'nu poco 'e pane!.. Chiùttosto 'o gghiétto mieze a via, ma a te nun te dongo niente! A chesto te si arridotto? A cercà 'a lemmòsena? 'E meglio sorde mie t'e juto a ghiucà, lazzarone, vatténne 'ananza all'uocchie mie, vatténne!!

Felice ~ 'O Zì, jamme, nun facite accussì, vi prometto che da oggi non gioco più, abbiate compassione di un povero affamato. Dateme qualche cosa, a me m'abbasta pure 'nu palatone cu' ddoje felle 'e ventresca...

don Attanasio ~ 'O palatone?, 'o palatone, chillo t''o faccio subbeto, ribusciato (tra se) "e chillo sfotte pure..."

Scena Quarta

entra Luisella


Luisella ~ (uscendo dal portone, inizia a recitare, per poi spostarsi al centro) Statte zitto Felì, nun te ne incaricà, aggiu mise 'affà 'na bella caccavella chin''e fasule mmiscate pure c''o bicarbonato pe' ffà cocere ambresse, aspetta 'nu poco ca te ne astipo 'nu piatto accupputo.

Felice ~ (dal tono pietoso) Brava chella Luviselluccia mia, ma sora mia bella, che miette 'o bocarbonato dent'e fasule?... e si ce miette 'nu poco 'e limone faje pure la cassosa dint'a caccavella.

don Attanasio ~ (rivolto a Luisella, irritato e minaccioso) Che vuò astipà, quà piatto accupputo, nun te permettere''e ce dà coccòsa ca ve struppèo a tè e a isso. (tra se) 'E fasule ce vo' astipà, chillo fa pure 'o spiritoso!

Luisella ~ (rivolta allo zio) Sentite chillo m' è fratemo cugino, io nun m''o firo 'e sentì 'e dicere ca se more di famma, si vuje nun site d'accordo, afferro e me ne vaco 'nzieme cu' isso!

Felice ~ Si, bella d'ò cuginetto tuojo, vieneténne cu' mmico, ca io te faccio fà 'a signora, lascia questa casa che non è degna di te (facendo segno allo zio) qui ci sono soltanto caini!...

don Attanasio ~ Vatténne pezzente disperato, a chella la farrìa addiventà n'ata morta 'e famma. Guè sa che ti dico? mo' m''e scucciato, io t'avverto: nun te permettere 'e venì cchiù a tuzzulià 'a porta mia ca scengo e te jengo e mazzate! 'stu ribusciato jucatore, vatténne 'annanze a me!! (rivoltosi a Luisella) a te, nenné, cammina 'a via 'e coppa si nò t'adderizzo''e cosce pure a te. Jesce ncoppa, jesce! escono Luisella e don Attanasio

Felice ~ Buonanotte! Accussì aggio fernuto 'e tené pure quacche speranza.. e io comme 'a cumbino? Io si stongo nata jurnata riuno addivento 'na mummia ntesecata! Ah mannaggia 'a sciorta mia, me vene proprio 'o desiderio da fernì, me hi a ghittà 'a coppe 'o ponte d'a Sanità. Sì accussì aggia fà. Porrò fine a questa vita odiosa. Mannaggia 'a sciorta malamenta, mannaggia pure llà nunn'è cosa 'a me menà abbasce, hanno miso a pochi juorne 'a ferriata. Ma che sasiccio, voglio murì e nunn' è cosa!!... (riflette con pochi attimi di silenzio) Aggiu capito, ho deciso, mo me vaco a vennere 'sta sciammeria c'a tubba, e si me danno almeno 'na bella summetella, la vaco a mettere 'ncoppa 'a 'nu bellu ternicciullo ca so' sicuro ca 'sta vota tre 'nummere l'azzecco e me jenco 'e denare. Embè quanno è certa 'a vista 'e lluocchie, aggia passà ccà sotto 'e m'aggi'appiccià 'a pippa cu' 'na carta e mille lire!! Addà schiattà chillu zelluso e tirchio 'e donn'Attanasio (si avvia ad uscire) Si accussì faccio!... Ah! Zio porco e senza coscienza! Ce la vedremo, c''o verimmo, c''o vedimmo!..esce Felice, da lontano si odono note di mandolini e chitarre
entra l'oste Carluccio

Carluccio ~ 'A vi'lloca 'a pusteggia, chiste so' certamente Lurenziello cu' Rusinella, duje sunature ch'e fiocche, songhe'e meglio ca ce stanno 'ncopp'a piazza. mo' ch'arrivano l'aggià fa stà ccà 'nzino a stasera a sunà.'E cliente s'hanna'arricrià, s'hanna'arricrià. (dando una guardata nel fondale, si frega allegramente le mani tornando dentro l'Osteria) esce l'oste

Scena Quinta

entra Burzacchiello, poi Luisella


Burzacchiello ~ Porco del Demonio con le corna, so' corruto, m'aggiu fatto tarde. Io ll'ati vote vengo a primma matina, appena se fa juorno, prima ca chillu bellu coso 'e don Attanasio se scete, pe' purtà la serenatella alla mia odorosa Luisuccia, ma stamattina aggiu fatto tarde pecchè aggio juta 'a chiamà 'e sunature, e chilli duje ribusciate avevano vevute e steveno già 'mbriache a primma matina, e che vuò sunà. Ma mo' ce faccio 'nu sischetto, accussì 'o zuccariello mio capisce''e s'affacciarrà e la serenata ce la faccio sul'io (fa un fischio con le dita).

si affaccia Luisella alla finestra, Burzacchiello, con la chitarra, attacca in plaibak il motivo che verrà diffuso dall'impianto sonoro. Finito il brano

Luisella ~ (batte le mani e gli getta un fiore) Bravo Burzacchié, si 'nu vero artista, aspetta 'nu mumente ca mo scengo.

Burzacchiello ~ (ha raccolto il fiore da terra che odora, è raggiante) Uh! Che bella nammurata ca m'aggiu truvate! Ma si nun fosse pe chill'urzo do zio suoio, ca nunn'la fà manco risciatà 'a chill'angiulillo mio, c''o pozzano accidere a chillu viecchio rug'nuso (nota che si apre il portone) A vì lloco 'a vì, Madonna io mo moro 'e quant'è bella...

entra Luisella, i due si abbracciano, fanno le varie coccole da innamorati

Luisella ~ Guè Burzacchiè, comme và, stammatina 'e fatto chiù tarde? Me fatto 'sta cu' 'nu penziero!..

Burzacchiello ~ Core mio, è stato ca so' ghjuto a chiammà 'e duje sunature 'e già steveno mbriache.

Luisella ~ Ma dimme 'na cosa, tu quanno vuò parlà cu' ziemo pe te dichiarà e ce nzurà? Quanno po' ghj annanze 'sta storia 'e ce vedè a matina primma ca schiar''o sole, pe nun ce fa vedè d'o zio Attanasio? È 'o vere ca isso tene 'o suonno pesante, ma cocchevvota po' essere ca se sceta e ce ncoccia, e allora succede chella ca nunn'addà succedere. Chill'è 'nu tipo ca subbeto vott''e mane,'e capito?

Burzacchiello ~ (facendo lazzi, nel senso di atteggiarsi, ma poi barcolla al solo timore di avere una bastonatura) Eh... 'e mane 'e votto pur'io... che te cride?...

Luisella ~ Fa 'o serio nun pazzià!

Burzacchiello ~ sono in corrispondenza con un grande organizzatore di attività lavorative, che dovrà organizzare una vera organizzazione ad alto livello organizzata e poi...

Luisella ~ .. e pò, m''o ddice quanno ha fernisce 'e fa 'o farenella?

Burzacchiello ~ Ma quà farenella, io non scherzo, stò pensando di intraprendere un lavoro di alta qualità di piena attitudine dell'escoriazione e lastricato polpacciamento, una cosa che tu non potrai mai comprendere! Luisè, nunn''o può capì.

Luisella ~ Forse è vero, io nunn''o pozzo capì, però a mé me pare 'e capì ca tu me vulisse sfruculià cu' sti parole accussì difficile, (si altera) inzomma tu vuò hj a faticà, sì o nò?

Burzacchiello ~ Ma si capisce core mio, però io faticherò quando vene a staggione.

Luisella ~ E pecche la staggione?

Burzacchiello ~ Perchè con quel clima, mi sarà assicurato un vero e duraturo lavoro di alta professionalità che si potrà estrinse...

Luisella ~ (di 'nuovo si irrita) ..Qua fatica?..

Burzacchiello ~ Fammi finire, non mi interrompere! Dicevo un lavoro che ha bisogno di grandissimo comprendiscimento con l'applicazione della cervice, tu sai cos'è la cervice? È questa quà (indica la testa)

Luisella ~ (sempre irritata)  Chillo 'o zio, chestaccà (toccandogli la fronte) te la farrà ddoje parte. E ferniscele ca si nò me ne saglio! Dimme 'sta sasiccia 'e fatica qual'è!

Burzacchiello ~ Aggiaì a scartà 'e musce a dinto 'e tuoste..

Luisella ~ (di scatto 'sta per tornarsene) Aggiu capito, tu tiene 'o genio 'e me sfottere..

Burzacchiello ~ (la prende per il braccio) Ma viene accà, cuore del tuo Burzacchio, dico sul serio: d'estate ci stanno i puparuole?

Luisella ~ Sissignore 'e con ciò?

Burzacchiello ~ Allora, ja'sapè ca 'e puparuole, primma de vennere, se scartano chilli tuoste ca se so' scetate buone 'e primma matina, da chilli arrappate ca se so' scetate stuorte, ca po...

Luisella ~ .. Ma insomma c'accucchie, né Burzacchiè?.. io penzo ca tu te si scetate strevezo stammatina!...

Burzacchiello ~ .. Uh, beneditto Santu Virzo vergine e Martire, ma pecchè nun vuò capì? "scartà 'e musce a dint''e tuoste, è un modo di dire, cioè 'e buone da 'e malamente, haje capito? Stellina odorata?

Luisella ~ Ma, sarrà, però, a ma 'stu fatte nun me convince, tu forse me vuò fessià!..

Burzacchiello ~ .. Ma che fessià, core mio, t''oggiure ncoppe 'a salute d'e figlie mie..

Luisella ~ 'E figlie tuoie?

Burzacchiello ~ E sì, 'e figlie c'hanna venì. Comunque Luisè, io stonghe overe dint''e guaje, sissignore, stò mmieze 'a via. 'O Zio Anselmo me n'ha cacciato da casa, e io me trovo comm'a Cristo 'nCroce, comma 'a San Francisco 'ncoppe 'o ffuoco, comm'e Santu Cazziano Apuostolo... ah... ah... (sospirando)

Luisella ~ (dolce) Uh puveriello, 'e pecchè, ch'è succieso?

Burzacchiello ~ È succieso ca io campavo 'ngrazie d'o Pataterno dint'a casa con lo Zio, a mugliera, a figlia, servitori, e cammarere, e cuoche,  chino di abbundanza affà 'o signore. 'nu bello juorno, anzi 'nu tristissimo giorno Zio Anselmo s'addunaje che dinto alla casciaforte ce mancavano  lire. Zio Ansè accumminciaje alluccà pe tutta 'a casa: "m'hanno fregate 'e sorde, m'hanno arrubbate!" Ciccillo 'o servitore, sapenno ca io songo sempe stato 'nu poco abbunatuello, dette la colpa a me, dicenno m'aveva visto ca io mettevo 'e mmane dint'a casciaforte, mentre 'o disgraziatone era stato isso a se fruculià 'e duiciente lire. Zio Anselmo, nun vulette sentì ragione da parte mia di discopolavalevolezza, gli stragiurai ncoppa 'a ll'anema soja, 'ncoppa all'anima 'e tutt'e muorte 'e stramuorte tuje, mie, suoje, ca nunn'ero stato io, e me cacciaje da dint'a casa, però ija sapè 'o riesto ca è 'na cosa importante tanto, tanto importante...

Luisella ~ Quà cosa, Burzacchiè?..

Burzacchiello ~ ..'o chè?.. a.. già.. la cosa,.. la cosa, sarebbe ca 'o Zio Anselmo, prima e me ne caccià, me facette uno 'e chilli paliatone ca so' state tre semmane dint''o lietto ricoverato dint''o spitalo da Misericordia...

Luisella ~ Povero Burzacchiello mio, ma dimme, comme faciste 'a arrivà 'o spitalo, ch''e piede tuoje?

Burzacchiello ~ Ch''e piede mie? Ma si pazza, chillo me purtaje 'e corza dinto a 'nu carro 'e muorto cu' sette cavalle.

Luisella ~ Dint''o carro 'e muorte?

Burzacchiello ~ 'E sì, dint''o carro 'e muorto, a chillu momento, 'o carro se truvava a passà. Ma 'nu me fa arricordà, che tragedia: stevo tutto
scunquassate ch''e costole rotte, la milza fatt''a pezzettini, 'o fegato ca s'era diviso in un modo a quadrettielle ca certamente se puteva fà....

Luisella ~ ..ndurate 'e fritte.. Burzacchiè.. e.. e..

Burzacchiello ~ ..'E viscere curatella, milza 'e purmone, steveno mieze 'a via mmiscate ncoppa 'a...

Luisella ~ .. A bancarella da trippa 'e pariata ..

Burzacchiello ~ Eh Luisè tu pazzie? Chillo 'o fatto è tragico. Tu 'e penzà che quanno me pigliàjeno, io tenevo 'nu pero che s'era sturzellato 'e renza, n'atu pero ca steve tutto 'o cuntrario, po' n'atu pero c'era miso...

Luisella ~ .. Ma se po' sapè quanta caspete 'e pere tiene, nè Burzacchiè?

Burzacchiello ~ Inzomma chest'è 'a storia, e conclusianno, dint'alla casa d''o Zio Anselmo nun ce pozzo trasì cchiù, ma tu 'e capito? Mannaggia 'nu gallerino preno!!

Luisella ~ nun da rette sciusciriello mio, nun t'abbattere, ca vedimme di accuncià 'e cose. Dimme, chiuttosto sciusciù ma tu me vuò sempe bene?

Burzacchiello ~ Sempe sciascionamia! Je sapé ca primma ca io me mettevo a ffà l'ammore cu' te, un quarto 'e vermicielli nun tenevo genio 'e m'e magnà, mo tre chile 'e maltagliati nun m'abbastano.

Luisella ~ Maliziusiello mio, tu si troppo bello.

Burzacchiello ~ Sciansciuscianella mia, tu si troppo bbòna.

Luisella ~ Nasillo 'e pappavallo mio!

Burzacchiello ~ Vucchella 'e purpetiello mio!

Luisella ~ Garufaniello mio!

Burzacchiello ~ Friariello mio!

Luisella ~ Nin'nuzzo, mo' me n'aggia trasì, ca si s'è scetato 'o Zio e me trova cà bascio, fa succedere 'a guerra. nun te disperà ca vire ca tutto se putarrà accuncià, abbasta ca uno tiene la fiducia, tu la tieni 'a fè?...

Burzacchiello ~ (con grandemeraviglia, avendo capito male) ..C'aggia tenè?

Luisella ~ Abbi speranza, ho detto, "tu 'a tiene''a fè?..

Burzacchiello ~ 'E chest'è 'na cosa da toja, jà vedè tu..

Luisella ~ (caricando) ..'A fede!!..

Burzacchiello ~ ...'A fede?.. 'e fatte capì, tu parle sott''a lengua, figlia mia!..

Scena Sesta

entra Liborio, amico di Burzacchiello, poi entrerà don Attanasio


Liborio ~ Salute a te, frinscallanema toja, finalmente t'aggiu truvato caro amico mio disperato... (dandogli una violenta pacca sulla spalla da farlo barcollare).

Burzacchiello ~ (tossisce con forza) Ahca... ahca... ahca... Puozzittà 'o sanghe, mo me scassavo 'a vertebra d'o schienale, t'hannà'accidere!!... Vedite chi parla 'e disperazione!...

Luisella ~ (fra se, sottovoce) E addò è asciuto sto bellimbusto?...

Liborio ~ Amico mio caro (fraseggia in un tono da lettura di atto notarile): "oggi 24 dicembre 1853, nel giorno di venerdì, Santa Carolina, onomastico della nostra agosta Regina, parafraseggiando tra me, e con me, mi ho domandato se potressi incontrare l'amico Burzacchiello, al qualo potrevo rincorrere per ottenere un aiuto in vile denaro. Addì, come sopra, letto, approvato, 'e sottoscritto!

Burzacchiello ~ 'E miettece 'e timbre ncoppa, e la carta bollata! Libò, ma tu tiene sempe 'a stessa capa? 'E po' nun venì a spennere 'a la parta mia, ch'è proprio maletiempe! Va, va, vide addò jaih!!

Liborio ~ Orsù Borzacchio, figlio di chi sà quale padre, cosa fai costì?

Burzacchiello ~ " (sottovoce) Facimmece a Santa Croce cu' 'stu mamozio 'O che?

Liborio ~ Cosa fai costì? Che stai facenne llòco?

Burzacchiello ~ (dal tono annoiato) Sto parlanno ca nammurata mia!

Liborio ~ (vedendo Luisella, si inebria, ecc. ecc.) Oh, che vedo, qua ventata di primavera s'annebbia alla mia vista, o purpurea pulzella, bramerei baciar la candida tua man...

Burzacchiello ~ (mentre Luisella fa l'inchino a Liborio, egli inizia ad irritarsi) Libò, t'aggiu ditto ca oggi nunn' è ghjurnata! Fatte capì quanno parle!! Che buò?!

Liborio ~ Ardirei baciar qualcosa della quì presente donzella, se non altro mi accontenterò dalla sua mano.

Burzacchiello ~ Si, mo 'e ditto buono, non c'è altro, anzi nun cè 'sta proprio niente! 'e si po' nun ne può fà ammeno, vase la mano a me 'e aize 'e tacche!!

Liborio ~ cu' tè? 'E che sfizio a vasà 'a te, tu mi abrutisci lo povero stomaco.

Burzacchiello ~ Nò io ti abbruttisco sano sano cu' 'na bella mazziata!

da dentro si ode la voce di don Attanasio

don Attanasio ~ (voce) Nhe! Luisè addò staje?

Luisella ~ (sorpresa) Ziemo! E come faccio? Lasseme fuì ncoppe, Burzacchié statte buono. (si avvia verso il palazzetto, ma sotto di esso è già presente lo zio, per cui la ragazza arretra spaventata)

entra don Attanasio

don Attanasio ~ (sempre burbero e minaccioso verso Luisella) Guè, e tu che faje a primma matina abbascio''o palazzo?

Luisella ~ (smarrita) Vedite 'o Zì, io ero scesa per..

don Attanasio ~ Jesce a via 'e coppa!!

Luisella ~ (mentre entra nel portone, tra se abbassa la voce, facendo segni di saluto a Burzacchiello) Mannaggia 'e quann'è brutto, ma stà sempe buono 'e salute, ma nun more maje 'stu viecchio rappuso? esce Luisella

don Attanasio ~ (dal tono minaccioso si rivolge a Burzacchiello) Sentite giovane, io vulesse sapè vuje chi site 'e che ghjate truvanne da nepotema Luisella?

Burzacchiello ~ (È intimidito, confuso, non sa cosa rispondere) Ma veramente io..

don Attanasio ~ E allora? chedè, avite perze 'a lengua?

Liborio ~ Vi dirò io, egregio signore, egli, il qui presente caro e mio amico Borzacchiello, dal parentato illustre così nobile, ma così nobile che voi nemmeno potete immaginare deve...

Burzacchiello ~ (sottovoce) Libò, mo' pure a chisto vuò sfottere? Guarda te fa una purpetta, tu 'e . . .

Liborio ~ (sottovoce a Burzacchiello, poi conti'nua con Attanasio) Lascia fare . . . . . dovete sapere, o mio illustre signore, che il compianto (Burzacchiello fa segno delle corna) testè compagno di ventura, blasonato e di grande elevazione amorale e tutto indegno, nonchè appartenente a un ceto di elastricazionamentopornografico, nel pieno delle facoltà mentali, così come andrà di corpo, intende chiedere in sposa la vostra leggiadra nipote Luisella. Egli, il povero disgraziato, non ha avuto la facoltà di parlare, perchè imbevuto di suggestione, per cui lo quale, le feci le ho fatte io! S'hè (nell'occhio di Burzacchiello).

don Attanasio ~ Sentite giuvinò, io 'e tutte sti stròppole che avita vuttate fora, nunn'aggiu capito quase niente, però forse vuje avite ditto ca 'o giovane amico vuosto se vulesse nzurà 'a nepotema Luvisella, ma 'a po' dà 'a magnà?

Liborio ~ (sempre sbruffoneggiando) ma per tutte le trecce di mia nonna Cornelia, ma che vi rendete conto di ciò che affermate? Quì si parla di uomini veri, uomini di grande elevazione morale, forse nun me so' spiegato: caro signore, chist'è nommo 'e mmer . . .

Burzacchiello ~ (troncandogli la battuta con la mano sulla bocca) Libò, falle pe Dio, ferniscele!!

Liborio ~ (velocemente si libera della mano) . . . . . uomo di grande merito e risorse economiche, e poi ci sono quà io, secondo vio che ci stono affare io? Allora vuol dire che io non servo a niente? "Chi offende è 'nu piezze e feten... insomma, signore mio caro, egli èqquì sofferente, glaudicante, e assolutamente impotente è vero, però ha un portafogli lungo così (facendo il gesto classico), perquindi, logica traduzione, potrà aprire una poteca di strummoli, che oggi vanno tanto di portamento, e nel caso eglio potesse pigliare qualche sciuliamazzofinanziario, io, da vero galantuomo gli fornirò le stanfelle, in questo modo andremo tutti.....

Burzacchiello ~ .....'O Spital'e Pellegrine.... Libò, ma che staje acucchianno, si tu sì cchiù disperato 'e me!

Liborio ~ Burzacchié, m''o buò fa fà?

don Attanasio ~ Mamma da Salette 'e quanta mpapucchiamiente cu' 'sta vocca vosta, ma'allora si aggiu capito buono, vuje a chist'amico vuosto 'o serugnate a denare p''o fa arrapiì 'na puteca?.. Ma scusate, vuje state 'e chesta manera cumbinato!

Liborio ~ Caro mio buon signore, avete mai sentito parlare del recinto degli uomini illustri? Quello..

Burzacchiello ~ .. Stà 'o Cimitero d'o Pianto, ncoppa 'a Ruanella..

Liborio ~ È un recinto riservato a tutti quelli come me, è una cosa apparte, una casta! Dovete sapere che noi uomini illustri, siamo estrosi, filosofi, per cui viviamo celandoci, nascondendo la nostra vera identità. Ci piace vivere così, nel rincognito. Insomma! Siamo dei travestiti.

don Attanasio ~ Ah, site tutt'accussì?

Liborio ~ Certo, ma scusate, caro don Anastasio..

don Attanasio ~ (gli risponde alterato).. Attanasio..

Liborio ~ .. ho capito, don Gervasio..

don Attanasio ~ (ancora più irritato) Aggiù ditto ca me chiammo Attanasio, 'e mo' vedimmo!!..

Liborio ~ .. nò, dicevo, forse v'è venuto coccòsa?

don Attanasio ~ (all'eccesso della nevrosi, minaccioso) Ma pecchè nun te vene a te? (fra se) San Cuosomo nun me fa perdere 'a pacienza!!

Liborio ~ Eh, voi m'interrompete, e fatemi finire, benedetto pover' uomo .. dicevo: vi è venuto qualcosa nel senso che vi è venuta curiosità, siete incuriosito dal mio discorso, è vero?

don Attanasio ~ (dal tono indeciso) Oh Dio, ma forse, si uno ce penza..

Liborio ~ ..'O vedite ca ve 'sta venenno coccosa?..

don Attanasio ~ (di 'nuovo irritato) ..Nata vota mò?.. (fra se)..Embè, si chisto me vo' fessià, giuro ca stammatina m''o magno!!...

Liborio ~ Sentite don Vastasio, non ci inoltriamo molto, gradirei solo una risposta a quanto ho ciò detto, , ho ciò!

don Attanasio ~ Mo vedimmo, vaco ncoppa 'e parlo cu' nepotema.

Burzacchiello ~ Ma vuje avisseva tricà?

don Attanasio ~ Ma vuje che dicite? Io scengo subbeto, 'e si nun ve pigliate collera, ve porto pure 'nu bicchiero 'e resolio. Dateme 'o permesso (avviandosi verso il portone).

Liborio ~ Jate, jate, ite vulgaris omnes..

don Attanasio ~ (sospettoso della frase che non ha capito) C'avite ditto?

Liborio ~ Andate, andate caro pover'uomo..

esce don Attanasio

Burzacchiello ~ Libò, ma che c''e ditto, comm''e parlate?

Liborio ~ Gli ho parlato in latino, l'ho burlato, tanto quello è un rustico, non capisce niente.

Burzacchiello ~ Embè, tu me faje murì a me, stammatina! Chillo si se ne addona ca ll''e sfruculiato, ce manna 'o spitalo a tutt''e duje. Ma che dice, se sarrà cunvinto?

Liborio ~ Ma si capisce che si è convinto, quello ha parlato con un galantuomo e si è fatto capace. Il guaio è che tu rimani sempre uno zoticone ignorante!

Burzacchiello ~ Tu po' fusse 'o struito 'e 'o galantomo?

Liborio ~ Ma certamente! Perchè hai forse qualche dubbio?

Burzacchiello ~ (dandogli uno spintone) Vallà, nun me fa ridere, tu te mparaste sti quatte stroppole 'e accussì 'e dice sempe (si è accorto che Attanasio è ricomparso fuori al portone con un grosso bastone dall'aria minacciosa) 'E, mo' ce facimme ddoje risate Libò. Tu 'e sentuto a don Attanasio c'ha ditto ca ce purtava 'o rusolio?

Liborio ~ Sissignore, perchè, cos'è?

Burzacchiello ~ Nò, nunn'è niente, avotate 'nu mumente, 'o vide a mastu Attanasio che c'ha purtato? 'na bella peroccola ca sicuramente mo c'ha sona ncapa. Siente a me, fujmmencenne!!

Liborio ~ (spaventato, corre verso l'uscita) Uh Mamma do Carmene!!

Burzacchiello ~ (anch'egli spaventato fugge) Libò, chedé mo' nun parle chiù 'o latrino? escono Liborio e Burzacchiello
entra di 'nuovo don Attanasio, poi entra Luisella

don Attanasio ~ (con un grosso bastone rincorre i due che scompaiono) Venite accà, muort'e famme, ve voglio adderezzà 'nu poco l'ossa!.... Chedè ve ne fuite? Galiote?

Luisella ~ 'O Zì, nun mporta, jammuncenne a via 'e coppa!

don Attanasio ~ Tutto chesto pe meza toja, pecchè si tu nun ghisse facenna 'a cutumbrina cu' 'e giuvene, chesto nun succedesse! Però si 'e bbeco nata vota vicino 'o palazz'a ciunciulià cu' tiche, ve struppeo a tutte'e tre, quann'è vero ca me chiammo Attanasio 'e coppa 'a Nfrascata!!

Scena Settima

entra don Anselmo


don Anselmo ~ Nè, ma che so' stì grille?.. Che so' sti strille?

don Attanasio ~ Avita sapè, don Anselmo mio, che primma'aggiu truvate a chesta faccia tosta (indica Luisella) parlanne cu' duje giuvene, duje disperatune, uno vestuto giallo, natu russagne, 'e uno 'e chesto s'è permesso pure 'e me fa la richiesta 'e s'e nzurà 'a 'sta guagliona!

don Anselmo ~ Cò. . cò. . come! Come! 'nu.. 'nu.. gio.. gio.. giovane era tu.. tu.. tu. .tutto ve.. ve.. s.. s.. s.. vestuto co culo.. co culo. . culore 'e papagno.. russagno?

Luisella ~ Gnossì, 'e 'era pure 'nu bellu giuvinotto (facendo un segno di dispetto a don Attanasio).
don Anselmo ~ Teneve a burraccia ca neve?

Luisella ~ (ridicolizzandolo) Eh, và buò, era n'Alpino..

don Anselmo ~ Teneve nfaccia 'nu neo?

don Attanasio ~ Proprio accussì, ma però io 'o conosco, e sempe c''o trovo 'o voglio spezzà 'e cosce!

don Anselmo ~ Nò vuje 'nu. . 'nu.. nun puzzate 'e ntoscia. . vuje nunn''o spezzate 'e cosce, pe. . pe. . pecchè chillo m'è nepote, m'è'n!

don Attanasio ~ Comme, 'o nepote vuosto?

Luisella ~ (con meraviglia) Vuje vedite 'nu poco.

don Anselmo ~ 'O sà.. sà. . pepè.. avita sapè, cacà.. cacà.. cacà.. io chistu nepopò.. nepopò.. ne..

Luisella ~ (gli tronca la parola sempre dal tono ironico, volendo prenderlo in giro) ..'E buonanotte, se ne parla dopp'a cummedia!..

don Anselmo ~ 'stu nepoto, io 'o tenevo dinto a cacà.. cacà.. cacà.. casa mia pecchè è scurfeno .. è orfano, 'e 'o popò.. poi tenevo pure pure 'nu secatore..

Luisella ~ .. Ca faceva 'o falegname (dal tono di certezza).

don Anselmo ~ 'nu servitore. 'O sapite me ratto?..

Luisella ~ 'E faciteve allà, ca tenite''e pulece!!

don Anselmo ~ 'O sapite 'o fatto?

Luisella ~ Nò. Dite pure.

don Anselmo ~ Pepè.. pepè.. però vuje l'avisseva fà ch''e rise?

Luisella ~ Veramente 'e faccio assolute..

don Anselmo ~ L'avisseva piglià 'a rise?

Luisella ~ Pe' ccarità, nuje simme perzone serie.

don Anselmo ~ Allora stevemo a dicembre..

Luisella ~ Nò, mo' stammo a Marzo..

don Anselmo ~ Stevemo dicenno: io tenevo 'na cascia 'e zizze..

Luisella ~ Erano chell'e vuoje, o chell'e vacca?

don Anselmo ~ Tenevo 'na cacà.. cacà. . cascia 'o pizzo 'e m'ero arrugnate..

Luisella ~ E po' ve site stise?..

don Anselmo ~ M.. m.. m.. m'ero astipate.. coccò.. coccò.. coccòsa pa rogna..

don Attanasio ~ 'E mo' c''a vulisseve miscà 'a 'nuje?

don Anselmo ~ Coccò. . coccò. . coccòsa p'abbisogna, 'na guà. . 'na guà.. 'na guallerella.. 'na vranchetella 'e sorde, ma chillo; Peppe 'e nguenta..

Luisella ~ No.. o.. o.., Nicola 'o scartellato è meglio..

don Anselmo ~ Chichì chichì.. chillo delinquente do servitore faceva 'nu poco 'o femmenello..

Luisella ~ Ma faceva'apposta, o era n'affeminato?

don Anselmo ~ Faceva 'nu poco''o mariunciello.. e, a cucù..

Luisella ~ Ze te..

don Anselmo ~ .. Cicù..

Luisella ~ .. Ze te ..

don Anselmo ~ Accussì s'arrubbaje 'na grossa mbomma, 'na grossa somma, ma però .. io sei per otto ..

Luisella ~ .. Quarantotto ..

don Anselmo ~ Sento 'o botto, 'o botto d'ò scassinatore 'e vaco a cacà ..

Luisella ~ E m'ò dicite a me? ..

don Anselmo ~ .. A caricà 'a scuppetta pe pisc.. pisc.. pisc..

don Attanasio ~ (caricando verso Luisella) Piscatore!! ..

don Anselmo ~ Pe piscà 'o lardo.. 'o.. ladro. . ma. . ma. . Ischia. . isso già era fu. . fu. . fu. . fujto. . si. . si, fuite..

Luisella ~ Addò avimma fuì, accà, o allà? ..

don Anselmo ~ Era già fujuto, 'o vermiciello .. 'o mariunciello.

don Attanasio ~ (in segno di noia, lo sollecita) Don Ansè, 'e ghiamme belle!

don Anselmo ~ Ma la cosa nguacchiosa.. cucù.. cucù.. curiosa è ca la casa mia, è tutta'allagata ..

Luisella ~ .. 'E chiammate 'e Pumpiere ..

don Anselmo ~ .. È tutta legata .. (canticchiando) allallà.. allallà ..

Luisella ~ (canticchiando e facendo qualche passo di danza) Lariulì e lariulà ..

don Anselmo ~ Legata all.. all.. all..

don Attanasio ~ ..all'anema 'e ziete!! ..

don Anselmo ~ (annaspando quasi a volersi strozzare) A.. a.. a.. a..

Luisella ~ 'O zì, 'nu poco d'acqua, chisto se strafoca ..

don Anselmo ~ (pro'nuncia, finalmente, la parola accompagnata da una specie di grido liberatorio) Allarme .. ah.. ah.. ah ..

Luisella ~ .. ll'è asciuto, finalmente!!

don Anselmo ~ E pure sul cesso ..

Luisella ~ (dal tono di riprenderlo) Don Ansè.. e.. e.. e.. !!

don Anselmo ~ E pure'è successo, pepè pepè.. però io metto 'a botta 'a muro..

Luisella ~ No.. o.. o.., è passato Natale..

don Anselmo ~ Però io metto sotto'o muro 'nu pilo luongo d'ò Tenente.. 'nunù.. 'nunù.. filo luongo da currente..

Luisella ~ E facite buono!!

don Anselmo ~ A.. a.. a .. accussì la prossima volta le vene 'a mossa 'e piscia nterra..

Luisella ~ 'E.. 'e .. 'e.., ih che zuzzeria!!

don Anselmo ~ Piglia 'a scossa 'e striscia nterra, chella zampogna.. chella carogna! Ma 'o Sergente s'appilaje..

Luisella ~ ..È sciorta da soja ..

don Anselmo ~ ..'o fetente s'addunaje cacà.. cacà.. cacà.. ca nun steve 'o cupierto..

Luisella ~ ..steve ncoppa all'asteche?

don Attanasio ~ Luisé, a vuò fernì, lass'ò stà, ca 'e chistu passo facimme notte!..

don Anselmo ~ Era stato scupierto. Che vuò, l'accio sciugliuto?

Luisella ~ No.. o.. o.., voglio 'a masenicòla mmiscata..

don Anselmo ~ .. Io ca l'aggiù saputo, dette 'a limunata..

Luisella ~ .. Ma chell'è stringente..

don Anselmo ~ .. dette 'a nummenata a ne.. popò.. ne popò.. ne;..

Luisella ~ .. Nata vota c'ò popò? Ma ve site fissato, Don Ansè!

don Anselmo ~ A nepoteme. Ma io aggiù fatto la pipì..

Luisella ~ .. ccà nterra? ..

don Anselmo ~ Aggiù fatto la piena luce sulla sua .. nun fa 'e schifezze (detto dal tono perentorio, autoritario).

Luisella ~ (risentita) Don Ansè, ma ve sentite buono?

don Attanasio ~ Nepotema è 'na guagliona apposta!! ..

don Anselmo ~ .. Ih.. ih.. ih.. incolpevolezza .. si, si (canticchia il motivo della canzone "Dicitincello vuje) "Dicitincelle ..

Luisella ~ (stessa cosa) .. Ch'è 'na rosa 'e maggio ..

don Anselmo ~ Dicitincelle ca io ce dongo'o purmone ..

Luisella ~ ..Ma nò, è meglio 'a curatella..

don Anselmo ~.. cecè . .cecè . . ce dongo 'o perdono, 'E ghiamme, Signurì faciteme 'a pulenta ..

Luisella ~ .. No.. o.. o.., oggi faccio 'o gattò 'e patane..

don Anselmo ~ ... Faciteme cuntente, aiutateme a truvà'a chillu popò.. chillu popò .. povero nepoto mio, pecchè, mo' c'aggio 'a puppù .. 'a puppù ..

Luisella ~ E dalle!!..

don Anselmo ~ Aggio appurato cacà.. cacà.. isso è di nucera..

Luisella ~ ..Nossignore, è d'Afragola..

don Anselmo ~ .. È nnucente e 'o vaco cercanno pe pugnalarlo ..

Luisella ~ ..'e vuje jate 'ngalera ..

don Anselmo ~ Pe perdonarlo. Nè, Signurì, vuje site prene cu' 'sta panza?

don Attanasio ~ Don Ansè, embè? ..

Luisella ~ Io? ..

don Anselmo ~ A vuje preme la costanza.. dodò.. dodò.. case rattato?

Luisella ~ Ncoppe'e pacchere ca ricotta..

don Anselmo ~ Caso così bistrattato.. fifì.. fifì..

Luisella ~ .. A jatta cenerella ..

don Anselmo ~ ..Finisce cacà.. cacà.. cacà.. ca 'a nucella tene.. 'a palla .., ca l'innocenza vene a galla. Jamme, venniteve 'e purpe ..

Luisella ~ .. No . . o . . o . ., stamattina vengo 'e sarde ..

don Anselmo ~ .. Venite pure, jammele a truvà, accussì 'na vota che l'aggiù squartate ..

Luisella ~ Madonna, ma fusseve pazze? ..

don Anselmo ~ .. L'aggiù truvate, m'ò stregno dint''e brache ..

Luisella ~ .. He' .. he'.. he'.., 'e che schifezza! ..

don Anselmo ~ .. Stregno dint''e braccia. Jamme venite, vaco ca paranza .. vaco annanze. si incammina per uscire

escono Luisella, don Attanasio, don Anselmo

Scena Ottava

scena vuota e silenziosa per pochi minuti

entra Felice

Felice ~ Mamma mia nun me fido cchiù 'e cammenà, s''o ghiuto a du don Emanuele 'o sarto, ca s'accatte pure''e vestite 'e ce vuleve vennere 'sta ricca sciammeria, ma chillo appena 'ha vista, m'ha fatto 'na resata nfaccia e m'ha ditto: sentite, avite sbagliate, avitaj a nati doje puteche appriesse. Allora io aggiu pensato ca don Emanuele nun ce la faceva, nun teneve abbastanza denare a me rimborsà, e s''o ghiuto a chell'ata puteca. Neh, comme s''o trasuto, m'aggio accorto ca chella era 'na puteca 'e 'nu sapunaro, naturalmente io, 'nu poco scucciato, me ne steve jenno, ma m'aggio sentuto 'e chiamà: "né cumpariè, cheste so' pezze a una tinta, oppure s''o miscate?. . . Aggiu risposto: "sentite amico, cheste nun s''o pezze, chest'è 'na sciammeria fatta 'e casturino cusuta'a mano! Chillo ha ntiso chesto, m'ha chieduto 'e me la luvà pecchè la vuleva vedè, accussì io ce l'aggiu data. Chillu bellu mobbele, dope ca la girata e avutata m'ha ditto: "me dispiace giuvinò, ma nun ce ne stanno cchiù., scusate, ma che cosa'nun ce ne stanno cchiù, aggio ditto io, e isso: "'e cicere'e semmente, comme, aggiu ditt'io "e cicere'e semmente? Ma vuie fusseve pazze? Questa è una zimarra d'o setteciento, dell'apoca della Regina Giovanna d'Angiò! Nhe, vuje sapite chillo c'ha fatto? Ha pigliate 'a sciammeria'e me l'ha menata mieze 'a via comme 'na pezza vecchia, 'e ha ditto: "allora purtatancella alla Regina Giovanna. Ma vuje vedite 'nu poco che se passa, vedite che figura che aggia fà io con la gente, vedite che brutta sciorta ca me vo' persequità; tutto pe mezzo 'e chillu tiranno d''o zio Attanasio, Mannaggia 'o sorece prene, mannaggia!! 'E mo c'omma'arrisolvo 'sta faccenda d''o magnà? Io me moro 'e famma, io veco tutte palomme vestute ca cammisa 'e notte annanze all'uocchie (un attimo di silenzio, si mette a riflettere guardando i tavoli fuori l'Osteria) Mo sa che faccio? M'assetto 'nu poco vicino a 'sta Taverna, chi sà, po' essere ca coccheruno jettasse quacche uosso accussì m''o roseco, e poi, si pure 'nu magno, almeno sento addoreca vene a dint''e cucine ( si siede).

da dentro ~ (voce femminile) 'nu vermiciello c''o zuffritto al tavolo 'numero tre.

Felice ~ Mh, Mamma bella, 'e vermicielle c''o zuffritto, io ce vaco pazzo.

da dentro ~ (voce femminile) 'na porzione'e fegatielle'e maiale al tavolo 'numero sei.

Felice ~ Arrusto? 'E io mo' moro ccà nterra!!


Scena nona

entrano Burzacchiello e Liborio, i due sostano all'ingresso della scena parlando sottovoce



Burzacchiello ~ Mannaggia'a capa 'e chiuove ca tiane, si nun ce ne fujeveme, sa che paliata avevamo a don Attanasio, tu te crire proprio ca chillo s'ammuccave tutte le scemità ca dicive tù?

Liborio ~ Quello è un povero idiota che capisce solo il villico, comunque io per correre mi si è scompisciato tutto l'apparato che dà il via all'evaquazione, porco di un gambero vedovo!

Burzacchiello ~ Libò, ma si proprio 'na carogna sa, ma comme, tu saje ca io me moro 'e famma, cioè 'nuje ce murimme''e famme'e tu an'nuommene 'o puorco, 'o jammere? 'O, ma pò, che sasicc'e ditto? "t'è asciuta'a prucessione'eppure 'o scompisciamento, inzomma quà stroppole vaje dicenno?

Liborio ~ (ride) Ah.. ah.. ah.. ma cosa dici? Ho detto mi è ve'nuta voglia di evaquazione.. inzomma Burzacchiè m'è venuto 'nu sciuglimiento 'e viscere pe correre, va buò?

Burzacchiello ~ Aggiu capito, comunque siente Libò, chest'è propeto 'na tragedia, io pe' correre m'è ve'nute cchiù famma; proprio nun ce la faccio cchiù!

Liborio ~ Certo anch'io un pochino di languidezza.. aspetta, ho un'idea.. vedo quel signore lì seduto al tavolo dell'Osteria (indica Felice), potremmo escogitare un sistema per mangiare, 'o facimme, comme se dice a Napule, fesso! Io ho un buon presentimento.

Burzacchiello ~ Libò, escogitammo 'o stesso sistema c'avimmo fatta a don Attanasio? Io pure 'o tengo 'nu presentimento!! E cioè ca stammatina jamme a fernì 'e Pellegrine!

Liborio ~ Tu sei uomo di poca fede! Vieni meco, o zotico e molto primitivo, segui la luce, segui! (sottovoce, cambiando il tono) Jafà tutto chello ca facc'io!..

Burzacchiello ~ E ghiammo a vedè.. (insieme vanno da felice)

Liborio ~ Oh caro don Luigi (felice si volta e li guarda con meraviglia)

Burzacchiello ~ Oh! Carissimo don Cuosemo.

Liborio ~ nuje simme da vecchia guardie, caro don Eustacchio.

Burzacchiello ~ Salute a vuje, amico don Girolamo.

Liborio ~ Provvidenza e salute, don Pascalotto mio.

Felice ~ E! E! E! Ma quanta riavule 'e nomme m'avita date? Ma n'avisseve azzaccate almeno uno. Il mio nome'è Felice Sciosciammocca.

Burzacchiello ~ (ridendo) Ussevera! Sciosciammocca!

Felice ~ Pecchè, tu comme te chiamme?

Burzacchiello ~ Burzacchiello Cetrulo.

Felice ~ E il signore? (indicando Liborio)

Liborio ~ Liborio Pellecchia.

Felice ~ I che razza 'e nomme c'avimmo accucchiate!

Liborio ~ (a felice) Ditemi signore, siete venuto a mangiare in questa locanda stamattina? E si mangia bene?

Felice ~ (tra se sottovoce) E io mo che l'aggia dicere? (risponde agli altri) .. Già.. mi ho fatto una passiata, mi è sagliuta un pocoriello di appetito, accossì abbio preso la decisione di mangiare a questa Ustaria, tanto'ora non bato a spese (fra se) Io nun tengo manco a croce''e 'nu centesimo!

Liborio ~ E noi pure. E quindi, se possiamo ricevere l'alto onore di stare insieme..

Burzacchiello ~ E già, come dice il quì presente mio amico, facimmo una tavuliata, cioè 'na tavula tutta''aunata.

Felice ~ Comme?

Liborio ~ Egli vuole dire stiamo insieme tutti e tre allo stesso tavolo, voi che ne dite?

Felice ~ Ma certamente, con vero piacere, così stiamo in compagnia. (fra se) mo' veco si 'e pozze fa sceme a tutt'e dduje.

Liborio ~ (parla piano, sottovoce a Burzacchiello) Siente Burzacchiè, 'nuje pe' ce assicurà ca 'stu signore tene 'e denare, con la scusa ca c'abbracciamme, tu 'o manie 'a 'na parte, io 'a nata parte, pe vedè si tene 'e ssacche chiene. Comme te pare?

Burzacchiello ~ Si, dice buono.

Liborio ~ Allora carissimo don Felice, che cosa vogliamo farci portare, quali cibarie, e poi tracannare?

Felice ~ Quello che volete voi, purchè cominciamo a spizzichillare per aprire lo stomaco.

Liborio ~ E bravo don Felice, vedo che siete veramente simpatico, quindi da questo momento dobbiamo unirci nella vera amicizia, diamoci un abbraccio.

Felice ~ Certo, abbracciamoci. (fra se) Mo c''a scusa che l'abbraccio veco si teneno 'e sorde dint''a sacca.

i tre, scambiandosi gli abbracci, si rovistano nelle proprie tasche, ma ognuno nulla trova dell'altro

Burzacchiello ~ (rivolto a Liborio) Libò, io nunn'aggiu truvato manco 'nu sordo spaccato.

Liborio ~ (rivolto a Burzacchiello ~ ) 'E io nemmeno, Burzacchiè, chisto stà cchiù nguajate''e 'nuje!

Felice ~ (dando uno spintone ai due amici) Ma nun me facite ridere, vuje tenite''e sacche vacante 'e facite pure sbruffunarìe?

Liborio ~ Caro amico, noi veramente siamo dei falsi ricchi, cioè..

Felice ~ ..aggio capito, vuje site..

Burzacchiello ~ ..duje sfasulate!

Felice ~ Jh che bella cosa, avimmo fatto 'a scampagnata de tre disperate!! Comunque restiamo uniti, amici di sventura, facimmece curagge a tre, compagni della miseria e di quella carogna sfortunazione!

Liborio ~ Carissimo Felice, 'nuje stamme a duje juorne diune.

Burzacchiello ~ Peggio d'e carcerate, nemmeno pane''e acqua.

Felice ~ (li prende per mano) Furtunate vuje, a me so' tre giorni.

Burzacchiello ~ E che cunsulazione, avimmo furmato proprio 'nu terno della fame.

Liborio ~ E comme facimme pe magnà?

Felice ~ Sentite io vi propongo una cosa. Facciamo una lega, un'associazione offensiva e difensiva, cioè, ce aiutammo uno cu' ll'ato, e quanno uno 'e 'nuje nun ce la fa cchiù . . .

Burzacchiello ~ ..se magna''all'ato!

Felice ~ Nossignore, dico quanno vulimme mangià, ci uniamo in gruppo e troveremo il mezzo.

Liborio ~ Forse qualcosa avrei capito, però ditemi quale sarebbe il mezzo?

Felice ~ (parlando sottovoce) Ssss.. assettammece tutte''e tre cà fora''a l'osteria, chiammamme 'o trattore, e urdinamme 'nu bellu prenzetto, magnammo cu' bona salute, e po' isso, 'o tavernaro, mentre trase dinto pe ghj a piglià coccòsa, 'nuje ce ne fuimme!

Liborio ~ Benissimo, l'idea è buona, però nun avimma trasì dinto, dobbiamo cercare che lui insiste a farci rimanere, accussì si ce arrestano, putimme dicere ch'è stato''o tavernaro a ce chiammà pefforza, 'nuje nun tenevemo famme.

Burzacchiello ~ Libò, ma cheste 'o dice apposta, pecchè 'nuje veramente tenimme famma, è accussì?

Felice ~ Ma certo che' è così, jammo, nun ce perdimme in chiacchiere, facimme avvedè ca ce appiccecamme: io dico ca te so' pate (a Liborio), e tu (a Burzacchiello) invece si' 'o pate 'e chill'ato, ca po' 'o pate 'e chillo dice a ll'atu figlio e chill'atu pate, e po' tutt''e tre dicimme 'o nomme d'o pate..

Burzacchiello ~ ..d'o figlio 'e d'o spirito santo, nèh Felì, ma che staje accucchianne, se po' sapè quanta figlie e quanta pate ce stanno?

Felice ~ Haje ragione, me stò mbruglianne piere e piere. Dunque ricapitoliamo: tu Liborio sei mio fratello 'e purtate 'a mala strada a figliemo che saresti tu, Burzacchiè, allora io ti voglio dare addosso (a Liborio) e tu (a Burzacchiello) ti spaventi e non devi fare altro che gridare sempre "Papà.. Papà". Mo ce simme capito?

Burzacchiello ~ No! Cioè sì, ma tutto chesto pecchè?

Felice ~ Uh, Gesù, ma pecchè avimma fà ammuina che adda correre fora 'o tavernaro, ca certamente cercarrà 'e ce spartere e poi da questo jamme affernì 'o fatto d'o pappatorie, cioè isso, 'o patrono certamente diciarrà: jamme assettateve, facite pace''e magnate ccà.  Mo 'e capito?

Liborio ~ 'E capito, capa 'e 'mbomba? E vide 'e nun ce rompere ll'ove dinto 'o panare, fà bona 'a parta toja!

Felice ~ Dunque, jamme a vedè (gridando). Grandissimo birbante, t'aggia fà 'nuovo 'nuovo! Staje svianne a chistu figliu mio!

Burzacchiello ~ Papà, papà mio!..

Liborio ~ Guè nun te permettere''e alluccà, ca io songo''o frate ca è cchù gruosso 'e te!

Felice ~ È si cchiù grosso 'e me? Allora avissa fà ll'ommo serio 'e capito? Mo te nzegno io.. (si azzuffano fingendo di darsi a botte).

Burzacchiello ~ (griderà sempre) Papà!.. Papà!.. Papà!..

Scena Decima

entra Carluccio, l'oste


Carluccio ~ (uscendo dall'Osteria) Guè! Signori miei, e chedè tutto 'stu burdello? i due si fermano facendosi solo segni

Burzacchiello ~ Papà!.. Papà!.. Papà!..

Liborio ~ Sei un mezza pognetta, fratello snaturato, me la devi pagare! (nell'intento di dare addosso a Felice)

Carluccio ~ (mettendosi in mezzo ai due) Stateve sora, ca site frate!

Felice ~ Luvateve a mieze vuje; c'aggià dà 'na bbona lezione!

Liborio ~ Chedè, te miette paura, miez'ommo!

Burzacchiello ~ Papà!.. Papà!.. Papà!..

Carluccio ~ Allanema d''o nennillo!

Felice ~ M''o porta'a ghiucà, nunn'o fa hj a scola, 'o 'sta mparanne 'nu veru scugnizzo a st'angiulillo mio!

Liborio ~ Chillo ven'isso appriesso a me, io parlo seriamente, nun dico buscie, 'o giuro ncoppa 'a ll'anema soja (indicando l'oste), avessa perdere a 'stu frate (poggiando la mano sulla spalla del medesimo)!

Carluccio ~ (si irrita) Nè, giuvinò, embè? Jammo, luvate l'occasione, site frate''e frate, chesto nunn' è cosa bbòna, facite pace.

Felice ~ Niente pace, nemmeno si esce a sora e stù signore (indicando l'oste) e se vulesse mbruscenà cu' miche!

Carluccio ~ (sempre abbastanza irritato) Ma pecchè 'nu faje venì a soreta?

Burzacchiello ~ Jamme papà, facite pace c''o zio, io nunn'o faccio cchiù.

Felice ~ V'abbuò, te voglio credere.

Carluccio ~ Meh levate sti quistione 'a miezo.

Felice ~ (a Liborio) Chest'è l'urdema vota ca faccio pace cu' ttico.

Liborio ~ Và buono, facimmo pace''e nun ne parlammo cchiù (abbraccio).

Burzacchiello ~ Papà, 'na vota che avite fatto pace c'o zio, pecchè nun c'assettammo a 'sta taverna 'e magnammo 'nu poco?

Felice ~ Ccà? Ma comme nuje tenimme chella bella cantina 'e don "Peppe 'a Chiereca" ca stà''a Pusilleco, c'avimma fà ccà?

Carluccio ~ Pecchè neh signò, a Pusilleco se magna meglio 'e ccà? E po' nun 'sta bene, io v'aggiu spartuto 'e vuje tenite 'o curaggio e me fà 'sta offesa?

Liborio ~ Ma pe carità, sapete che cos'è, è che noi siamo di difficile digestione, per cui, dove siamo abituati ad andare, ci cucinano a uoglie crure.

Carluccio ~ Sangue di una maruzza vergine, e pecchè, io nun saccio fa la stessa cosa? Ma vuje 'o sapite ca io faccio risuscità 'e muorte ca tavula mia?

Burzacchiello ~ (fra se, a bassa voce) Chisto mo ll'e 'sta piglianno 'a scippacentrella 'e vide c'abbuscammo primm'e magnà.

Felice ~ Ma caro mio, io non volevo offendervi.

Liborio ~ E poi sapete, noi si parlava di posillipo per dicere un posto arioso, ma è cosa saputa che quì da voi, p''o fatto d''o magnà, sulo ccà s'adda venì!

Burzacchiello ~ (fra se) E se capisce, ccà se magna e nun se pava.

Carluccio ~ Allora quann'è così, assettateve ccà, pecchè v'aggia dà 'a magnà io, mo' ve faccio 'nu bellu servizio.

Felice ~ (fra se) 'E chisto'overamente c''o farrà 'o servizio (poi si rivolge all'Oste) Mbè, quando così volete, vuol dire ca ce fermamme ccà.

Carluccio ~ E trasite dinto c''a è già tutto pronto.

Felice ~ No veramente preferesseme ccà, sapite se stà all'aria fresca.

Carluccio ~ Ma ccà ce tira 'o viente.

Burzacchiello ~ E a nuje accussì ce piace''e magnà, c''o viente arrete.

Carluccio ~ Comm'a vuje piace. Jamme dateme''e cumanne.

Felice ~ Facite comme ve pare a vuje.

Carluccio ~ Allora pe primma cosa, ve cumbino 'na bella mmaretata.

Burzacchiello ~ No.. o.. o.., pe carità, nuje già tenimme'e guaje nuoste, va'affernì ca ce nguitamme c''o marito. Sentite tavernà, nun ce stessa 'na zetella?

Carluccio ~ Ma vuje che avite capito? Io dicevo 'a menesta mmaretata.

Felice ~ Nò, veramente a me nun piace tanto, vedite nata cosa.

Carluccio ~ Allora pe vuje tengo astipate cierti pacchere pesante.

i tre si guardano con una carta preoccupazione facendosi tra loro dei segni

Felice ~ (fra se) E chello accussì'jarra'a fernì. (poi a Carluccio) Ma nun se putesse fà 'na cosa cchiù liggiera?

Burzacchiello ~ Siente a me, Felì, accuntientete d'e pacchere, ca puteve'essere peggio.

Carluccio ~ Appriesso v'allongo 'e stentine''e po' vemmesco nzieme c''o sanghe'e cepolla.

Liborio ~ (fra se) Io m''o sentevo ca chisto ce allungava 'e stentine, cà pure va''a fernì ca ce portano c'a barella.

Burzacchiello ~ (piagnucolando a bassa voce) Mamma.. a.. a.. voglio a mammà

Felice ~ (a Burzacchiello) Statte zitto, mannaggia'a capa toja!

Carluccio ~ E pò, appriesso ve voglie rompere doje custate a tutt'e tre, ca ve faccio arrecreà.

Burzacchiello ~ (sempre piagnucolando sottovoce) Ih.. ih . ih.. anema de muorte mieje, aiutateme.

Liborio ~ (sottovoce) 'E ferniscele!

Carluccio ~ E pò, che dicite, mo' v''o squarto?

Felice, Liborio, Burzacchiello ~ (insieme) Gesù, a te affidiamo le nostre anime!

Carluccio ~ 'nu bellu purciello, mo' v''o squarto?

Burzacchiello ~ (con un filo di voce, tremante) Comme fa piacere a V.S.

Carluccio ~ Ah, è po' ve vulesse da nata cosa, ma pe carità, vuje avisseva parlà cu' coccheruno?

Liborio ~ Fidatevi don Carlù, fidatevi, saremo come le mummie.

Carluccio ~ Nò sapete chello si 'o sape a gente, correno tutte ccà. Avita sapè, ca stammatina aggio acciso 'nu monaco 'e 'o tengo appiso abbascio 'a cantina, mo ne taglio 'nu piezzo 'e v''o faccio''o furno.

i tre si alzano e fanno per scappare

Carluccio ~ Scusate, ma''addo jate?

Burzacchiello ~ Ma tu a chì vuò fà passà 'nu guajo, tu 'e acciso'o monaco e c''o vuò fa magnà, ma fusse pazzo?

Carluccio ~ Ma che''e capito? Io aggiu ditto''o monaco, cioè 'o pecuriello lattante, chell'è 'na cosa prelibbata, ca si'o sanno l'ati cliente 'o vonno pure ll'oro, e nunn'abbasta, chill'è piccerillo.

Liborio ~ Ah, allora benissimo, vi ringraziamo, poi passeremo alle vivande: "vinis allungavit vitam"

Carluccio ~ Ma c'avite ditto? Comme parlate?

Felice ~ Overe, Libò, che ditto?

Burzacchiello ~ 'E, è 'na parola'a capì, chisto parla tutto strevezo!

Liborio ~ Vuje site 'na manjate''e gnurante, io parlo con la nostra lingua madre, l'idioma dei nostri avi, la nostra progenie, il latino! Da quel grembo noi nassemmo 'e siamo i legittimi figli! Vuje site tre figlie''e latine!

Carluccio ~ (irritato, avendo capito tutt'altro..) Nhè, giuvinò, ma vulesseme fà l'opera 'e pupe? Guarda ca io t'alliscio 'o pilo!!

Felice ~ (sottovoce a Loborio) Io t'aggiu ditto ca fernesce malamente! Ma te pare chist''o mumento 'e pazzià?

Liborio ~ Ma scusate, che avete capito? Io parlavo del popolo Latino, i Romani, da cui discendiamo noi. Se non lo sapete il nostro dialetto, 'o napulitano, ha qualcosa della lingua latina. (tra se) Oh San Virgilio, che ignoranti!

Carluccio ~ Embè quann'è accussì, songh'io a ve cercà 'o perdono. Allora stevemo dicenne 'o fatto d'a gnostra, che vino ve porto? Io dicesse 'nu bellu quartarulo 'e Chianto, oppure 'na lacrema Cristo? Però; doppe, facimmo correre 'o russo vivo comm''e 'o sanghe.

Felice ~ Ma no, facimme 'na cosa cchiù allere, don Carlù.

Burzacchiello ~ (a Liborio) 'E sentute? Chiste ce scomm''e sanghe!

Carluccio ~ 'E pò, pe frutta, v'arape 'o mellono!

Burzacchiello ~ (sottovoce ai due amici) Avite visto? Che vi dicevo?

Felice ~ Uh, anema santa 'e mamma mia, aiutace tù!

Carluccio ~ 'E mo' dateme 'o permesso, vaco a piglià e sciure cu' tre cannele, voglio apparicchià ..

Burzacchiello ~ .. la camera ardente

Carluccio ~ Aggiu ditto 'e sciure ch''e cannele p'apparicchià bello 'o tavulo, po' 'e perette c''o vino 'e 'o mesale (mentre si avvia) scusate ma io proprio nun ve capisco a tutt''e tre!

Felice ~ Scusate don Carlù, chisti so' gnurante, jate a fà 'e fatte vuoste, abbasta ca ce accuminciate a purtà 'nu bellu piatto 'e maccarune.

Carluccio ~ Subbeto ve servo (dando la voce verso dentro) Menechiè mena'a pasta, jamme belle!! esce Carluccio

Felice ~ Nè guagliù, m'arraccumanno, appena'avimmo fernuto 'e magnà, subbeto facimme 'o fuja fuja, va buò?

Liborio ~ Nun cè penzà, io piglio 'na renzecata comma 'na lepre.

Burzacchiello ~ Io fuje sempe io comme 'nu ragnatelo, po' m'arrampecheo pure ncoppe all'asteche, po' me metto..

Felice ~Liborio ~ (lo zittiscono con fastidio) 'E.. vàbuò.. Burzacchiè ..

rientra Carluccio

Carluccio ~ (tiene tra le mani tutto l'occorrente per apparecchiare il tavolo, cosa che fà, poi se ne torna nell'Osteria) Ecco quà tavola imbandito perbene.. priparateve ca 'e maccarune so' pronte, po' sentite che raù ca v'aggio cucenate. Va trovanne Pusilleco.. shè!

da dentro si sente abbaiare un grosso cane

I TRE (insieme) Madonna, ch'è stato?

Carluccio ~ No, niente'è assassino ca stà abbaianno.

Liborio ~ E chi è assassino?

Carluccio ~ È 'nu cagnolino ca tengo io, mo' v''o faccio vedè.

Carluccio esce e rientra Carluccio con un cane enorme

Burzacchiello ~ E chisto sarebbe 'o cagnolino?

Felice ~ Chisto veramente è 'nu lione!

Liborio ~ Santu Giosafatte, io me ne fuje! (viene trattenuto da Felice)

Carluccio ~ Nò, ma nunn'avite paura, mò''o vaco a pusà.. esce e rientra Carluccio dopo aver riposto il cane

Carluccio ~ Chillo''o canillo nunn'è feroce, però sapite, quann'io 'o cumanno, allora addiventa 'na belva.. anze sentite che me cumbinaje l'autriere.

Burzacchiello ~ (fra se) Chisto tene genio 'e parlà; e io invece voglio magnà, se vede ca isso tene 'a panza chiena!

Carluccio ~ L'autriere venetteno a magnà ccà tre disperatune, uno ca era cchiù muorte''e famme''e nato (i tre fanno gesta insieme di preoccupazione, ecc. ecc.) 'E doppo magnate sti miei signori chi cu' 'na scusa, chi cu' nata, a uno 'a vota se susettene''e c'a squagliajene. Allora io nun facette niente, chiammaje a 'stu canillo e ce dette 'o cumanno a llè correre appriesso. 'sta povera bestiolina, arrivata vicini a chilli tre marpiune''e muzzicaje 'nu pucurillo: a uno se magnaje 'o nase, 'o siconde se magnaje 'na recchia, 'o terzo giovane po' fuje a ridere, nientemeno ca llè luvaje 'o musso 'e me purtaje''e piezze''e carne pe me fà vedè, vedete che intelligenza ca tene 'stu canillo mio? (a questo punto i tre si alzano e fanno per fuggire) 'e mo' ve ne vulite turnà'a ghi?

Felice ~ No, sapete che cos'è, nuje ce mettimmo paura dò canillo vuosto.

Burzacchiello ~ 'E pò, v'aggia dicere la verità, a me m'è passato l'appetito.

Liborio ~ A me poi mi sono venuti dei dolori addominali, meglio che vada dal medico.

Carluccio ~ Ma qualu miedeco, ccà stà''a mmericina, dint'a taverna mia! Sentite a me, nunn'avite paura, mo' cò servizio ca ve faccio, vuje turnate a nascere. mo' vaco a piglià 'e maccarune, vacconc'io pe feste, dateme 'o permesso.Carluccio esce e rientra

Felice ~ Neh, guagliù, 'o fatto ca chisto c'ha cuntato, comme ve pare?

Burzacchiello ~ Pare ca venesse proprio a nuje.

Liborio ~ 'O fatto d''o cane m'ha fatto smovere tutt''o sanghe.

Carluccio ~ (porta i piatti a tavola) Ccà stanno 'e maccarune, quanno me vulite me chiammate, a saluta vosta, ca ve pozz'ascì pe tutte parte!
Carluccio esce

Burzacchiello ~ A te t'addà''ascì, puozze ittà 'o sanghe'è quant'è brutto!

con grande avidità, i tre mangiano

Liborio ~ Felì, benedico, tiene 'sta stizza!

Felice ~ 'O bbaje dicenne, io so' tre ghjuorne ca nun magno.

Liborio ~ Chiammamme 'o riesto (chiama Carluccio): Oste mio caro, se vi aggrada, portateci altre pietanze luculliane, orsù.

Carluccio ~ (da dentro) Che v'aggià purtà?

Burzacchiello ~ Tavernà, puortece 'o sicondo piatto. (a Liborio) Ma è possibile che jè parlà sempre strvezo, ma'addò te vene?

quì, a soggetto, i tre chiameranno l'oste ogni qual volta avranno finito una pietanza, mangiando tutto in fretta e avidamante. Carluccio entra ed esce varie volte portando i vassoi colmi di cibaria

Liborio ~ Burzacchiè, nientemeno ca te fatto 'nu tortano sano sano, allanema da lopa!

Felice ~ (a Liborio) Magna, statte zitto, 'e fa''ambresse ca ce n'avimma fuj! (chiama Carluccio) Nhe! Tavernà? . . . .

entra Carluccio

Carluccio ~ Commannate?..

Felice ~ Tiene cocc'ata cosa 'e magnà?

Carluccio ~ Signò, aggiu fernuto tutte cose.

Liborio ~ Buonuomo, avete ancora del licor di Bacco?

Carluccio si è bloccato, non capisce

Felice ~ ..'E dalle! Tavernà, il signore ha chiesto dell'altro vino. (a Liborio) 'E vide si la fernisce!!

Carluccio ~ Subbeto v''o porto. esce ed entra Carluccio

Burzacchiello ~ Uh Dio, 'a panza, 'na magnata accussì nun me l'avevo mai fatto.

Carluccio ~ (porta un fiasco di vino) Eccovi servute. esce

Liborio ~ Ah, ecco il dolce Licor di Bacco, mesciuto nelle arciuole (beve con il fiasco) Orsù, tracannate amici tracannate.

Burzacchiello ~ Ch''e ditto, addò t'è asciuto?

Liborio ~ Che cosa dove mi è uscito?

Burzacchiello ~ Tu 'e ditto ca t'è asciuto, a che parte nhè Libò?

Liborio ~ Ma che cosa? Che hai capito? Ho detto mesciuto, cioè messo nel bicchiere, inzomma rigniuto, vabuò?

Burzacchiello ~ E parla comme t'ha fatto mammeta, fratu mio!  Però primma ca me ne vaco, me voglio magnà 'nu bellu dorce, 'nu sciù ca crema 'e a ciucculata.

Felice ~ Ma nun me fa ridere, mo' vuò pure 'o pasticciotto? Ringrazia a Dio ca te si abbuffate fino a mò, e nunn''e abbuscate! Va truvanne 'o sciù, tu te si magnate sempe 'o castagnaccio!

entra Carluccio

Carluccio ~ Scusate don Felì, ma'aggiu sentuto ca 'o guaglione vuosto va truvanne 'o dorce, mo''ò manno a piglià p''o giovane mio, ccà 'o pentono ce stà 'o culuniale.

Felice ~ No.. o.. o.. , ve ringrazio, mo' vach'io, c'aggià piglià pure 'nu tuscano.

Carluccio ~ Comm'a vuje piace, dateme 'o permesso. esce

Felice ~ (sottovoce) Nhè sapite che facimme? Mo' a uno a uno ce ne fujmme, mo' accumencio io ca scusa 'e hj a piglià 'o dorce a figliemo (si alza e alla chetichella và via)

esce Felice

Liborio ~ Burzacchiè, mo' vene 'o bello, mo ce vo''o curaggio, 'e capito?

rientra Carluccio

Carluccio ~ Tengo 'na fella 'e pizza rustica, la vuli .. (si accorge della scomparsa di Felice).. E papà'addò stà?

Burzacchiello ~ (fingendo di non essersi accorto) Uh, papà'addò stà? Papà, papà, addò'staje?

Liborio ~ (stessa finzione) E già, è vero, ma pàteto addò è ghjuto? Ah, mo' ca m'arricordo, è ghiuto a t'accattà 'o pasticciotto, ca tu t''e mise dint''e recchie!

Carluccio ~ (mangiando la foglia, se ne rientra) Ah, è ghjuto accattà 'o pasticciotto, 'e già .. 'e già .. esce Carluccio

Burzacchiello ~ (con voce tremante)  Libò, io me stò facenno sotto da paura.Chillo''o tavernaro chiamm'o cane, ca secondo me l'animale starrà diune. Uh Santa Vernicchia vescova e martire aiutace tu!!

Liborio ~ Ma nunn'avè paura, mo ce penzo io, mo faccio venì cocc'ata cosa 'e magnà, accussì magnanno e bevenno te passa'o spavento. Tavernà .. purtatancelle chelli felle'e pizza rustica, sapete, tanto p'aspettà a mio fratello Felice che rientra. (poi sottovoce al compagno) Guè, allora io me ne fuje, tu dopo ci raggiungi mieze'a piazza..

esce Loborio .. entra Carluccio

Carluccio ~ Ccà stànno 'e felle''e pi.. guè, e chèdè, se n'è ghjuto pure 'o zio?

Burzacchiello ~ (è smarrito, comincia ad impaperarsi) 'O zio? Chi è 'o Zio A si si, 'o zio 'e papà? Cioè nò papà è ghjuto add''o zio. Cioè nò

(fra se) Pozza jttà 'o sanghe a isso e Felice!!
'O pasticciotto è ghjute accattà'a zio liborio, cioè tutto''o cuntrarie (grida)  mammà . a .. a.. a..

Carluccio ~ Ma chedè, guagliò, pecchè t'appizze''e chesta manera? Statte calmo, statte calmo, aggiu capito, 'o zio è ghjut'accattà 'o pasticciotto, 'e mo' vene. È accussì? (con sarcasmo marcato, mentre si avvia ad uscire) Vanno tuttuquante accattà 'e pasticciotte! Vabbuò! (raggiunto l'ingresso dell'Osteria, commenta fra sè) mo' me metto arrete 'a porta e veco comme va''a fernì stà storia. esce Carluccio

Burzacchiello ~ (si imbottisce le tasche di cibarie, poi prende una sedia, la pone sulla testa, e con passo felpato si incammina ad uscire) mo' me la squaglio pure io ..

entra Carluccio

Carluccio ~ (porta tra le mani un grosso bastone,  minaccioso) Nè guè, addò vuliss'j? ..

Burzacchiello ~ (spaventato si ferma girandosi, sempre con la sedia che tiene sulla testa) Avite cu' miche? No, io veramente aggià scappà 'addò miedeco, ca m'addà dà 'na purga pecchè nun me sento buono.

Carluccio ~ Ah, accussì è? Mo t''a faccio piglià io 'a purga, brutto delinquente! Viene accà, mo t'acconc'io p''e feste (lo ha preso per il bavero della giacca e stà per alzare il bastone, lo scuote, ecc.).

Burzacchiello ~ (gridando e dimenandosi) Aiuto!.. Gente!.. Aiutateme!.. chisto me struppea!..

Scena Ultima

entrano: don Attanasio, Luisella e don Anselmo

poi entreranno Felice e Liborio

don Attanasio ~ Che cosa è succiesso?

Luisella ~ ch'è stato?

don Attanasio ~ Ma che robb'è (ferma Carluccio), lassat'o stà, nunn''o vedite ca è 'nu povero guaglione pure mieze scemo?

Luisella ~ (inviperita, prende Burzacchiello e lo abbraccia) Nhè, lassatelo, ma comme, ve sapite mettere gruosso gruosso ncuolle a nù criaturo? Ma che cristiano site?

don Anselmo ~ (è entrato in quel momento) Che veco? Burzacchiello, nepoteme. Viene 'o zio, caro neputiello mio.

Carluccio ~ 'O neputiello, 'o scemo, 'o criaturillo? Chisto è 'nu delinquente farabutto! L'aggià rompere''e denocchie (con il bastone alzato in segno minaccioso)!

Burzacchiello ~ (sentendosi protetto, carica maggiormente la parte della vittima) Zio Ansè, aiutateme, chisto è 'na bestia ca nun raggiona!

Carluccio vuol dare addosso a Bulzacchiello ma viene nuovamente bloccato da don Attanasio

Carluccio ~ (sempre infuriato) Avita sapè ca stammatina s'è presentato 'stu bellu mobbele cu' nati duje suggette dicenno ca uno era 'o pate 'e nato era 'o zio, s'hanno mangiato a bellezza 'e trenta mila lire, shanno abbuffate buono e meglio e po' a uno 'a vota se ne so' fujute! Sti carugnune muort''e famme!!

don Anselmo ~ Embè, t'ha vuò piglià c''o cisto! T'ha vuò piglià cu' chisto?

Carluccio ~ Isso c'è rimasto, isso me pava!!

don Anselmo ~ Basta,nun facimme a mennela atterrata, basta facimme a mene'e fa 'o tiatro, iammo a Pavia, stammo pa via! Che'avè''e quadrucce? Che avè Carluccio? Tremila galline? Te pogn'io, tedongh'io. Tecchete 'o guallenaro, techeto 'o denaro,'e nunn''o squartamme, sù,  nunne parlamme cchiù! (dà il denaro a Carluccio, preso dalla tasca dei pantaloni)

Carluccio, controllando il denaro, si reca verso l'osteria

Luisella ~ (scambiandosi gesti amorosi con Burzacchiello) Povero Burzacchio mio, 'o vulevano scannà. Nun 'e da rette a Luisella toja, mo' è fernuto tutte cose.

don Attanasio ~ Nhè, Luisè, che so' sti smargiassarie?

Luisella ~ (terribilmente infastidita, ha uno scatto di nervi con don Attanasio, il quale atterrito, si blocca) 'O zì, pe piacere, mo' nunn''è  propeto''o mumento, avite capito?  Nunn''è 'o mumento!!

don Anselmo ~ (a Burzacchiello ~ ) Guagliò, ma dimme, chill'ati duje giuvene chi sò?

Burzacchiello ~ Uno è n'amico d''o mio ca se chiamma Liborio, e nato se chiamma Felice Sciosciammocca.

don Attanasio ~ Che sento? Felice nepoteme!

Luisella ~ (abbastanza irritata nei confronti di Don Attanasio) Avite visto''o zì, pemmezza vosta puteva succedere seriamente 'nu guaio? Si vuje Nunn''o cacciaveve da casa al povero Felice, mo' nun steveno a 'stu punto!!

don Attanasio ~ Haie ragione Luisella mia, ma mo' addò stà chillu povero guaglione, ca io''o perdono.

entrano Felice e Liborio

Felice ~ Stò ccà, zio ingrato, ve pare bello ca'aggià fà chesti figure?

don Attanasio ~ (abbraccia Felice tenendogli fino alla fine un braccio sulla spalla) Viene accà nepote mio, io ti perdono, tuorne dint'a casa mia. Però, Felì, t'e luvà 'o vizio do juoco, chillo porta 'e guaie, 'e capito?

Tutti in scena meno Carluccio che poi entrerà

Felice ~ Gnorsì m''o levo 'o vizio d'ò juoco, tanto nunn'ha maje arreccuto a nisciuno! E pò, 'na cosa è certa: ca diuno nun se po' stà!

Burzacchiello ~ (allo zio, Don Anselmo) 'O zì, ma diciteme 'na cosa, comm'è ca m'avite perdunate?

don Anselmo ~ Perchè 'o fatto pipi..

Luisella ~ (dal tono di riprenderlo)  Don Ansè, questo non stà bene, quà stiamo in un teatro pubblico! ..

don Anselmo ~ ..Ho fatto piena luce, è stata'a scuppetta .. è stato scoperto la nnucelle toja .. la innocenza toja, fuje 'o cusetore..'o servitore ca s'arrugnaje ..

Luisella ~ ..'E pò''o ìstevo atterrà? (ridendo) Ah .. ah.. ah..

don Anselmo ~ .. ca s'arrubbaje'e denare.

Burzacchiello ~ Allora mo ch'e arrivata la quietitudine vi voglio presentare 'o meglio amico mio, Liborio, eccolo quà.

Liborio ~ Onorato, signori, siamo amici di sventura, ma anche amici di Lucullo, maestro nell'arte culinaria co ..

Felice ~ Libò ,o frate, 'e nun accumincià nata vota cu' 'stu parlà curiuso, chest'è gente semplice''e tu ja parlà con un sistema di semplicitudine!

Burzacchiello ~ Zio Ansè, una cosa: primme ca fernesce 'a Cummedia, io me vulesse nzurà'a chesta sciasciarella ccà. La vedete quant'è bella, è 'na vera ananassa.

don Anselmo ~ Io s'ò cuntento, ma avimma vedè si 'o zimbero, .. si 'o zio t''a vo' dà?

don Attanasio ~ Mo ch'avite fatto pace, c''o tenite dint''a casa vosta io ce 'a dongo.

don Anselmo ~ Và! Lavate''e mmane, .. dateve''e mmane tutt''e duje 'e cercate a zì Sufia, ..cercate a via d''o subblimate, .. ve sistemate, accussì chi 'o tavuto ..

Tutti ~ .. Eh .. eh.. eh.. (facendo gli scongiuri)

don Anselmo ~ Chi avuto avuto, chi arape.. a date a date''e tuttu quante simme c'alice, .. simme felice.

Liborio ~ Ecco, si avvicina il lieto fine (fra se) farò un brindisi che sarà una vera commemorezione.

Felice ~ Luisè, sora mia, ca puozz'essere cuntente pe' cientanne!

don Attanasio ~ Guè, m'arraccumanno, facite ambressa 'nu neputillo, n'Attanasiello c'addà assumiglià a me.

don Anselmo ~ Allora mo' tuttu quante a fà l'anguria cu' zimbere e caprette, fa l'augurio cu' zia Ndunetta, mugliarema!

Scena conclusiva della Commedia

Felice ~ (fra se) Ah, San Gennaro mio te ringrazio, s''o fernute le mie sventure.

Liborio ~ Felì, e le mie sventure come'e quando avranno fine?

Felice ~ Ma s''o già fernute Libò, perchè penseremo noi a te.

Burzacchiello ~ Si, è così, tu restarraje sempe cu' mico, simme state amice nella miseria 'e guaje, sarrammo amice pure mo.

Liborio ~ Certo, sia ringraziato San Criozio, protettore dei disperate.

don Attanasio ~ Nhè gente, c'avimma fà?

don Anselmo ~ T''o dico io c'avimma fà! (chiama l'oste) Nhè taavernà, addò staje?

entra Carluccio

Carluccio ~ St''o ccà, cummannate.

don Anselmo ~ Appriparace 'nu bellu muorte.

Carluccio ~ E che faccio 'o terrasantiere?

don Anselmo ~ Vo.. vo... vo... voglio dire 'nu muorze''e magnà, ca pe coppe ce facimme 'o brinnese.

mentre Luisella già si era recata dentro a prendere dei bicchieri, che poi entra in scena con questi già pieni di vino e li offre ad ognuno dei presenti. Carluccio esce, entra esce e rientra con vassoio

Carluccio ~ 'nu sicondo 'e v'accuntento

don Anselmo ~ (alzando il bicchiere) Jamme amice, brinnamme, nuje; ..

Burzacchiello ~ (stessa cosa) Nò, scusate Don Ansè, dateme 'o permesso, 'o vulesse fa io 'o brinneso, ca si no chisto a fernesce dimana matina (detto fra se, a bassa voce): Voglie brinnà cu' 'na bona salute per noi tutti, ma però sapite pe chì?

TUTTI ~ Pe chì?

Burzacchiello ~ (si porta al proscenio con tutti) Per questo rispettabile pubblico che con pazienza c'ha suppurtate.

Sipario

COMMENTI

Nome

Acquario Aeronautica Militare Animali Ariete Armi Astrologia Belle Bilancia Buddha Caccia Cancro Capricorno Carabinieri Charles Perrault Concorsi Divertenti Domande frequenti Esercito Italiano Esopo Facebook Favole Fedro fratelli Grimm Gemelli Guardia di Finanza Instagram La Fontaine Leone Luoghi Marina Militare Oroscopo Pesci Polizia di Stato Polizia Penitenziaria Proverbi Ricette Sagittario Scorpione Selma Lagerlof Snapchat Social Sport Storie Toro Trilussa Tristi Vere Vergine Video
false
ltr
item
2.3: A scampagnata de' tre disperate - Copione della farsa di A. Petito
A scampagnata de' tre disperate - Copione della farsa di A. Petito
Conosciuto anche come "Totonno 'o pazzo", Antonio Petito è stato attore, autore e capocomico napoletano di fama mondiale.
http://3.bp.blogspot.com/-gyRTE4CnOB0/VmtGqyiquOI/AAAAAAAAC1s/Cwgb4KWopug/s320/Teatro.jpg
http://3.bp.blogspot.com/-gyRTE4CnOB0/VmtGqyiquOI/AAAAAAAAC1s/Cwgb4KWopug/s72-c/Teatro.jpg
2.3
http://www.duepuntotre.it/2015/12/a-scampagnata-de-tre-disperate-copione.html
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/2015/12/a-scampagnata-de-tre-disperate-copione.html
true
6528433828354979305
UTF-8
Nessun contenuto VEDI TUTTO Leggi tutto Rispondi Cancella Cancella di Home PAGINE POSTS Vedi tutto CONSIGLIATI TAG ARCHIVIO CERCA TUTTI I POSTS Nessun contenuto Vai alla home Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Diecmbre Gen Feb Mar Apr Maggio Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic adesso un minuto fà $$1$$ minuti fà un'ora fà $$1$$ ore fà ieri $$1$$ giorni fà $$1$$ settimane fà più di 5 settimane fà Followers Follow CONDIVIDI PER SBLOCCARE QUESTO CONTENUTO Condividi Copia Seleziona Copiato! Impossibile copiare, clicca [CTRL] + [C] (o CMD+C per Mac) per copiare