$show=search

$show=label

Il libro di antichi proverbi e detti napoletani - parte 2

Proverbi napoletani e antica saggezza del Vesuvio - seconda parte lettera D - N

Il libro di antichi proverbi e detti napoletani - parte 2 Seguito della la raccolta di antichi proverbi vesuviani.

Che cos'è un proverbio napoletano?

E' un'espressione colorita, a volte cruda, altre volte tenera, oppure sarcasticamente arguta. È la valvola di sfogo del Popolo Vesuviano" immerso in mille e mille problemi. A volte resta difficile coglierne la sottile ironia ed il suo significato, ma vi assicuro, se fossi una tela vorrei essere dipinto da un pittore napoletano.

D

D' 'o muorto e dd' 'a sposa se parla pe otto juòrne
Del morto e della sposa se ne parla per otto giorni

Dalle e dalle pur' 'o cucuzziello addeventa tallo
Dai e dai finchè la zucchina diventa foglia

Dàtte da fà: ca 'a jurnata è 'nu muòrze!
Datti da fare: la giornata passa in un baleno

Ddio ce ne libera d' 'e mali vicine e princepiante 'e viulino
Dio ci liberi da cattivi vicini e da principianti di violino

Ddio 'o ssape e pure 'a Maronna 'o vvede!
Dio lo sa e la madonna lo vede

Dduje solde, p' 'a vàvera, capille, e 'a mullechella mmocca
Due soldi, barba, capelli e la mollica in bocca

Dice sì, ca nun è peccato
Dì di si, che non è peccato

Dicette accussì 'a vecchia: "Aggio campato nuantanov' anne, e vulesse campà n' ato, pe' me 'mparà ancora"
Disse la vecchia:"Ho vissuto novantanove anni, e vorrei viverne un'altro, per apprendere ancora

Dicette 'o serpe 'a 'o voje: Me puo' pure scamazzà; ma sempe curnuto addimani!
Disse il serpente al bue: Mi puoi anche schiacciare ma sempre cornuto rimani

Dicette don Lione: "'O viecchio s' add' accidere quann' è ancora guagliòne"
Disse don Leone: "Il vecchio deve essere ucciso quando è ancora ragazzo"

Dicette accussi' Nunziata: "Fa sempe bene 'na rattata"
Disse Nunziata: "Fa sempre bene una grattata"

Dicette 'o cacciatore 'nquollo 'a quaglia: "Cchiù àuto vaje e cchiù 'o bbùtto piglie"
Disse il cacciatore alla quaglia: Più in alto voli e più ti fai male quando cadi

Dicette 'o cafone: 'Na vota sola me faje fesso!
Disse il cafone: Mi puoi imbrogliare una volta soltanto

Dicette 'o miedeco 'e Chianura: Chesta cca' è 'a ricetta, e ca 'o Signore t' 'a manna bbona!
Disse il medico di Pianura: Questa è la ricetta, e che il Signore te la mandi buona!

Dicette 'o pàppece 'nfaccia 'a noce: damme 'o tiempo ca te spertoso
Disse il tarlo alla noce: dammi un pò di tempo che ti buco

Dicette 'o parrucchiano: "Fa chello ca te dico je e no chello ca facc' je"
Disse il prete: "Fa quel che dico, ma non ciò che faccio"

Dicette Paglialone: "Ccà sta 'a pezza e ccà 'o ssapone"
Disse Paglialone: Qua la pezza "merce" e qua il sapone "denaro"

Dicette Pulecenella: ‘Nu maccarone vale cchiù 'e ciente vermecielle
Disse Pulcinella: Una persona intelligente vale più di cento inetti

Dicette Pulecenella: "'A ccà me trasuto e p' 'o culo me asciuto"
Disse Pulcinella: "Di qua mi è entrato e per il sedere mi è uscito"

Dicette Ramunno: "Accussì adda ji' 'o munno"
Disse Raimondo: "Così deve andare il mondo"

Dicètte 'o figlo vicino 'o schiattamuòrto: "A pesièlle te pavo!"
Disse l' erede al becchino: "Quando sarà il tempo dei piselli, pagherò!

Don Giuvanno, 'o tène annanze e 'o va' truvanno
Don Giovanni, ce l' ha davanti e non lo vede

Dopp' arrubbate, Pullecenella mettette 'e cancielle 'e fierro
Dopo il furto Pulcinella mise le porte in ferro

Dopp' 'e cunfiette jesceno 'e defiette
Dopo i confetti emergono i difetti

Doppo Natale, famma e friddo
Dopo Natale, fame e freddo

Doppo Pasca vièneme 'a pèsca
Dopo Pasqua, vieni a pescarmi

Doppo tant' anne che è mmuorto Pieto, mò se n' addòna d' 'o fieto
Dopo tanti anni che è morto Pietro, ora se ne avverte il cattivo odore

Doppo vippeto: "'a saluta vosta!"
Dopo aver bevuto:"alla vostra salute!"

E

E' acqua ca nun leva 'a sete
E' acqua che non disseta - una cosa che non da' soddisfazione

E' arrivato 'o 'mbrelline 'e seta!
A chi si atteggia a raffinato

E' asciuto pazzo 'o patrone!
Il padrone è impazzito

'E bizzoche prejano a Ddio e sfessano 'o prossemo
Le bigotte pregano Dio e sparlano del prossimo

'E cavure 'a rinta e 'e fridde 'a fore
I caldi dentro e i freddi fuori

'E chiacchiere s' 'e pporta 'o viento; 'e maccarune jengheno 'a panza
Le chiacchiere se le porta il vento; i maccheroni riempiono la pancia

E' cchiù facile 'ncappà 'nu terno 'a lotto, ca 'ncappà 'na bbona mugliera
E' più facile indovinare i numeri, che trovare una buona moglie

'E cchiù fesse songo sempe 'e primme a ffarse sentì
I primi a protestare sono sempre i meno qualificati

'E ccose longhe addeventano sierpe
Quando non si porta celermente a termine una cosa poi diventa più difficile ultimarla

'E ccose pruibbite songo 'e cchiù sapurite
Le cose vietate sono le più eccitanti

'E chestu' lignammo, se fanno 'e strummole
Con questo legno, si fanno le trottole

'E ciucce s' appiccecano e 'e varrile se scassano
Gli asini litigano e i barili si rompono

'E ciucce viecchie hanna murì dint' 'e stalle nove
Gli asini vecchi devono morire dentro le stalle nuove

'E denare d' 'o 'nfinferinfì se ne vanno c' 'o 'nfinferinfà
Il guadagno facile se ne va altrettanto facilmente

'E denare sò 'a voce 'e l'ommo
Il denaro è la voce dell'uomo

'E denare sò comme 'e chiattille, s' attaccano a 'e cugliune
I soldi sono come le piattole si attaccano ai coglioni...

'E deritte moreno pe' mmane d' 'e fessi
A volte i furbi soccombono agli stupidi

'E ditte antiche nun fallisceno maje
I detti antichi non falliscono mai

'E fatte d' 'a pignatta 'e ssape 'a cucchiara
I fatti della pentola li conosce il mestolo

E' fernuta 'a zezzenella
E' finita la pacchia

E' fernuta l'evera oj piécuro!
Non c'è più erba, o agnello!

'E fesse songo sempe 'e primme a parlà
I fessi sone sempre i primi a parlare

'E ffemmene ne sanno una cchiù ddò riavulo
Le donne ne sanno una più del diavolo

'E ffemmene so' comme 'e mellune, ogne ciento, una
Le donne sono come le angurie, solo una su cento è buona

'E fierre fann' 'e maste
Con buoni attrezzi si fanno buoni lavori

'E figlie se vasano 'nzuonno
Le effusioni ai figli vanno fatte solo quando dormono

'E figlie sò piezze 'e core
I figli sono una parte del nostro cuore

E' gghiuta 'a carta 'e musica 'nmane 'e cecate
E' finito lo spartito in mano ai ciechi

E' gghjuta 'a mosca dint' 'o viscuvato
E' finita la mosca nel vescovado

E' gghjuta 'a pazziella mman' 'e ccriature
E' finito il giocattolo in mano ai bambini

E' gghjuto 'e sotto 'e 'ncoppa
Ha avuto un dissesto finanziario

E' gghjuto 'mparaviso pe' scagno
Gli è andata bene per una conbinazione

E' gghjuto 'o ccaso 'a sotto e 'e maccarune 'a coppa
E' finito il formaggio sotto e i maccheroni sopra

'E ll' evera moscia ognuno s' annetta 'o culo
Con l'erba tenera ognuno ci si pulisce il sedere

'E lloffe d' 'e moneche addorano 'e cienzo
I peti delle monache profumano d'incenso

'E maccarune se magnane teniente teniente
Gli affari vanno conclusi rapidamente

'E miso 'o lupo a guardà 'e pecure
Hai messo il lupo a guardia delle pecore

'E mmalatìe veneno a cavallo e se ne vanno 'a ppère
Le malattie arrivano velocemente ma tardano ad andare via

E mo' te prore 'o mazzo!
Ed ora ti prude il sedere - Adesso sei nervoso!

'E mo' trova 'na pezza 'a culore!
Adesso trovati una buona scusa

E' n' uosso 'e presutto
E' un avaraccio!

E' 'nu pallone 'e viento
E' un pallone gonfiato

E' 'nu scoglio ca nun fa patelle
E' uno scoglio piatto - è un avaro

'E peccate ccà se fanno e ccà se chiagneno
I peccati qui si fanno e qui si scontano

'E peccate 'e mamma e pate 'e cchiangh' ìe ca sò ll'erede
I peccati dei genitori li sconto io che sono l'erede

'E peccate sò chille ca gghjèsceno, no chille ca tràseno
I peccati sono quelli che escono, non quelli che entrano

'E penziere mieje lassatele, 'e vuoste pigliàtele
Lasciate i pensieri miei e prendete i vostri

'E perzo 'a Filippo e ‘o panaro
Hai perso sia Filippo che il paniere

'E perzo chesto, chella e Mariastella!
Hai perso questo, quello e Mariastella

E' piscetiello 'e cannuccia
E' un pesciolino da piccola canna - uno di poco conto

'E ppèrete 'e Munzignore so' tutte quante limuncelle fresche
I peti del vescovo sono cone piccoli limoni freschi - riferito a chi decanta troppo ciò che ha

'E ppernacchie 'e ttène pe' ssurdigline
Considera i pernacchi come fossero suoni di campanelline

'E sciabbule stann' appese e 'e fodere cumbattono
Le sciabole rimangono appese e i foderi combattono

'E sische 'e ttène p'applause
Considera i fischi come fossero applausi

'E solde fanno venì 'a vista 'e cecate
il denaro fa tornare la vista ai ciechi

'E ssòvere 'e Natale: s' arrappeno ma nun se magneno
Le sorbe di Natale: si aggrinziscono ma non si mangiano

E' stata n' acqua 'e maggio!
E' stata una pioggia di maggio - un caso fortunato, imprevisto

E' stritto 'e pietto
E' stretto di petto (cuore) - è un avaro

'E strunze saglieno sempe a galla
Gli idioti, prima o poi, vengono scoperti

'E strunze: Die 'e fà e po' l'accoppia
Gli stupidi: Dio li crea e poi li mette insieme

E' succieso 'o quarantotto
E' successo il finimondo

E' trasuto 'e spighétte e s' è mmise 'e chiatto
E' entrato di fianco e poi si è messo di fronte - chi entra defilato in una situazione e poi ne vuole diventare il protagonista

E' tutto casa e cchiesia
Persona onesta, che percorre la retta via

E' tutto fummo e niente arrusto
E' uno che fa solo chiacchiere

E uno; dicette chillo ca cecàje l' uocche 'a mugliera
E uno; disse colui che accecò l'occhio alla moglie

E’ caruta 'a copp’ ‘o pere ‘e aulìvo
E' caduta dall' albero di ulivo - E' diventata signorina

E’ caruto ‘o maccarone dint ‘o ccaso
E' caduto il maccherone nel formaggio - cosa che capita opportuna

E’ 'na pasta d’ommo
E' una pasta d' uomo - persona docile e buona

Era bello 'o ppetrusino: jette 'a gatta e ce pisciaje 'ncoppo
Era bello il prezzemolo: vi andò il gatto e ci urinò sopra.

Essa leva 'o quadro, e isso scippa 'o chiuovo
Lei toglie il quadro e lui estrae il chiodo - una coppia di sposi spendacciona

Essere 'na malacarne
Essere un osso duro

Essere 'na meza pugnetta
Essere una mezza cartuccia - un inetto

Essere nato cu 'a cammisa
Essere nato con la camicia - essere fortunato

F

Fa ‘e maccarune cu’ l’acqua
Fa i maccheroni con l' acqua - tenta di fare l’impossibile

Fa l'arte ca saje, ca si nun t'arrecchisce camparraje
Fai il mestiere che conosci, anche se non diventerai ricco, almeno avrai di che vivere

Fa' 'na cosa 'e juorno!
Due Punto Tre dice: Fai presto!

Fa 'o bbene 'a ppuorce, 'nce pierde 'e cugliandre
Far del bene ai maiali ci si rimette

Fa 'o bbene 'a ppuorce, si' mmussiato appriesso
Fai del bene ai maiali, ti grugniranno alle spalle

Fa 'o bbene e scuordate, fa 'o mmale e arricuordate
Fai del bene e dimenticalo, fai del male e ricordatene

Fa 'o scemo pe nun ghjì 'a guerra
Fare il finto tonto

Fa scennere 'o latte 'a dint' 'e cugliune
Far cadere le braccia

Fa sulo, comm' 'e 'nu fasulo
Fa da solo, come un fagiolo

Facesse 'na culata e ascesse 'o sole!
Uscisse il sole, quando faccio il bucato

Facimmo ambressa, ca 'o guallo canta matina!
Muoviamoci che sta facendo giorno!

Faje comme 'a zì Pinotto: chiagne e fotte
Fai come il sig. Giuseppe: si lamenta e accumula ricchezze

Famme fa l'opere 'e pupe
Laciami lavorare

Fatte 'a nnummenata e scassa 'a carrozza
Creati la fama e poi rompi la carrozza

Fatte benedicere 'a 'nu prevete ricchione!
Fatti benedire da un prete gay!

Fatte 'e fatte tuoje e vire chi t' 'e ffa fà
Pensa ai fatti tuoi e accertati chi ti ci fa pensare

Fattella cu chi è megli' 'e te e fanc' 'e spese
Pratica chi è migliore di te e sostieni la spese

Febbraro, curto e amaro
Febbraio, breve ma con la neve

Femmena curtulélla, diavulo, pigliatélla
Donna bassina, diavolo, prenditela

Femmene corte e meneste crure, portano l'ommo 'a sepoltura
Femmine corte e minestre crude, portano l'uomo alla tomba

Fémmene e ggravùne, stutàte tègneno e appicciàte còceno
Donne e carboni, spenti tingono e accesi scottano

Femmene, ciucce e crape, tèneno una capa
Donne asini e capre hanno la stessa testa

Fernesce tutto a tarallucce e vino
Tutto è bene quel che finisce bene

Fernùta 'a festa, è fernuto 'o santo
Finita la festa è finito anche il santo

Fete cchiù 'na pruvasa c' addorano ciente mazze 'e rose
Una latrina puzza più di quanto profumano cento fasci di rose

Fidate d' 'o signore 'mpuverito, ma nun te fidà d' 'o pezzente sagliuto
Fidati del signore impoverito ma non fidarti del povero arricchito

Figlio d' 'o vuto, figlio perduto
Figlio di voto, figlio perduto

Figlio 'e 'ntrocchia
Persona capace - scaltra

Frje 'o pesce e guard' 'a jatta
Frigge il pesce e sta attento al gatto

G

Gaità: sciusceme mmocca c’ ‘a patana me coce
Gaetano: soffiami in bocca che la patata scotta

Gennarino nun dice bucie ma dice 'nu cuofeno 'e fesserie
Gennarino non dice bugie ma un'infinità di stupidaggini

Gente 'e quatto solde
Gente di nessun valore

Ggiuvà .. aparate 'a palla!
Giovanni .. stai attento!

Giacchino mettette 'a legge e Giacchino fuje 'mpiso
Gioacchino dettò la legge ed egli stesso fu impiccato

Gièsucristo 'a matina pruvede apprimma p' 'e verole
Gesù, al mattino, provvede innanzitutto per le vedove

Gièsucristo addò vede 'a neve, spanne 'o sole
Gesù fa splendere il sole dove vede la neve

Giorgio se ne vò jì e 'o vescovo n' 'o vò mannà
Giorgio vuole andarsene e il vescovo vuole licenziarlo

Gira 'a capa 'o ciuccio!
Gira la testa all' asino!

Giuvinò, s' è 'mbrugliata 'a matassa: o te spuse o pave 'a tassa!
Giovanotto, s'è imbrogliata la matassa: o ti sposi o paghi la tassa

Guaie e maccarune se magnano caude
I guai devono essere affrontati al momento

Guallere e pazze, vèneno 'e razza
Alcune malattie sono ereditarie

H

Ha addurato 'o fieto d' 'o miccio
Ha sentito odore di bruciato

Ha fatt' doje ove dint' a 'nu piatt'
Ha fatto due uova in un piatto - Si è sistemato bene

Ha fatto 'o pireto cchiù dò culo
Ha fatto il peto più grande del proprio sedere

Ha fatto 'o scrupolo d' 'o ricuttaro
Ha i sensi di colpa come il magnaccia

Ha 'ngrussato 'a capa, 'a cepolla!
Ha ingrossato il capo, la cipolla!

Ha perzo 'e vuoje e va truvanno 'e corne
Ha perso i buoi e pretende le corna

Ha pierzo a Filippo e 'o panaro
Ha perduto tutto.. l'amico e il paniere

Ha pigliato 'o culo pe' 'na mmummera d' acqua
Che cantonata

Ha pigliato asso pe' ffiura
Ha preso un granchio

Ha pigliato 'e sputazze pe' 'e lir'argiente
Ha confuso lo sputo per la moneta d'argento

Ha pigliato 'o cazzo p' 'a banca 'e l'acqua
Ha confuso il pene per il distributore dell'acqua

Ha pigliato 'o cazzo p' 'a lanterna a 'o molo
Che svista!

Ha pigliato 'o stipo pe' ddon Rafele
Ha preso una cantonata

Ha pigliato 'o terno
E' stato fortunato

I

I fatte d' 'a pignatta 'e ssape 'a cucchiara
I fatti del tegame li conosce il mestolo

'I parienti sò comme 'e scarpe, cchiu sò strette e cchiù fanno male
I parenti sono come le scarpe, più sono stretti, più fanno male

Ie dicette nun "parlazzo", e tu vuò "parlazzo" 'a fforza
Io dissi non "parlazzo" e to vuoi "parlazzo" a tutti i costi

Ie faccio 'o pertuso e tu 'a gavèglie
Io faccio il buco e tu il gavitello

Ie me chiammo cannovaccio: nun me 'ntrico e nun me 'mpaccio
Io mi chiamo canovaccio penso soltanto ai fatti miei

Ie me chiammo Vicienzo e 'e fesse nun 'e ddongo aurienzia
Io mi chiamo Vincenzo e non dò ascolto agli stupidi

Ie nun so' fesso, ma aggi' 'a fà 'o fesso, pecché facenno 'o fesso, ve pozzo fà fesse
Io non sono fesso, ma devo fare il fesso, perché così facendo, potrò farvi fessi

Ie torno d' 'o muorto e vuje dicite ch’ è vivo!
Io torno dall’aver visto il morto e voi dite che è vivo!

Invece d' 'a cernia, 'mpàrate 'a magnà 'o baccalà
Impara a mangiare cibi meno costosi ma che sono ottimi lo stesso

J


Jamme 'a ccà, jamme 'a llà; e che simme, baccalà?
Andiamo di quà, andiamo di là; siamo forse diventati matti?

Jamme a Sessa ca nun c' è llegge
Andiamo a Sessa che non c'è legge

Jamme p'aiuto e trovamme sgarrupo
Cerchiamo aiuto e troviamo difficoltà

Jastemma senza colpa, addò jesce, llà se cocca
Bestemmia ingiustificata si si ritorce contro

Jesce arrùsto, ha ditto mamma ca 'o ppruove
Esce l'arrosto, ha detto mamma di assaggiarlo

Jetta 'a pretella e nasconne 'a manella
Getta la pietruzza e nasconde la manina

Jetteche e pazze, vènono 'e razza
Tisi e pazzia sono ereditarie

L

L'aggio mannato ‘o paese ‘e pullecenella
L' ho mandato a quel paese

L'altarino è piccerillo ma è chino 'e revezione
E' un piccolo altare ma pieno di devoti

L'ammore d' 'o lietto fa scurdà chillo d' 'o pietto
La passione per una donna fa dimenticare perfino il bene per una madre

L'ammore 'e mamma nun te 'nganna
Solo l'amore della mamma è veramente sincero

L'ausà e 'o strausà sò dduje malanne
Timidezza e ardimento sono due mali

L'avaro nun magna pe' 'nu cacà
L'avaro non mangia per non andare di corpo

L'avimmo fatto 'e stramàcchio
L'abbiamo fatto di nascosto

L' ha avuto dint' 'e mmole
Lo ha avuto sui denti - Si è offeso

L'omme spusato 'a fune s' è attaccato
L'uomo sposato si è legato con una corda

Lassa ca 'o bastimiento va 'nfunno, abbasta ca moreno 'e zoccole
Affondi pure, la nave, basta che muoiano i topi

Lassa sta 'o munno comme se trova!
Lascia stare il mondo così com' è

Lasseme stà ca stongo 'nquartato!
Lasciami perdere che sono nervoso!

Levamme 'a tavern' 'a nanz' a Carnevale
Togliamo la taverna davanti a Carnevale

Levamme 'a frasca 'a miezo
Togliamo questo tema dalla discussione

Levamme 'e prete 'a nanze 'e cecate
Togliamo le pietre davanti ai ciechi

Lèvate 'a miezo, e famme fa 'o spezziale
Togliti dai piedi e lasciami "lavorare"

Liève mane
Lascia perdere - Finiscila

Lievete 'o pilo 'a vocca
Togliti il pelo dalla bocca - Parla con onestà

L'abbrucia 'o paglione
E' rimasto scottato

L'acqua è poca e 'a papera nun galleggia
L'acqua è bassa e l' oca non sta a galla

L'acqua 'nfràceta 'e bastemiente 'a mmare
L' acqua fa marcire le navi a mare - Lo dice chi beve solo vino

L'acqua vo' 'a pennenza, l'ammore 'a speranza
L'acqua vuole la pendenza, l'amore la speranza

L'arte d' 'e pazze pure è arte
L'arte dei pazzi a volte è arte

L'Asteco chiòve e 'a fenesta scorre..
Il tetto è bucato e la finestra è rotta.. - Quando non si trovano scuse adatte

L'aucielle s'apparano 'ncielo e 'e chiaveche 'nterra
Gli uccelli si accoppiano in cielo e gli esseri spregevoli sulla terra

L'auciello c' 'o musso pizzuto jette pe' fotte e fuje futtuto
L' uccellino col becco appuntito, voleva imbrogliare e fu fregato

L'evera 'e Cazzella; je dico: "Crisce", e chella arrogna
L'erba di Cazzella; io dico "cresci" e quella rimpiccolisce

L'ommo è cacciatore, addò vede 'a quaglia là 'a spara
L'uomo è cacciatore dove vede la quaglia, là spara

L'ommo faticatore è 'a rruìna d' 'a casa
L' uomo lavoratore è la rovina della casa

L'ordine d' 'a marina, se mettono 'a sera e se levano 'a matina
Le ordinanza della Marina, si applicano la sera e si revocano al mattino

L’aucièllo dint’ ‘a cajòla canta p’ ‘a rràggia e no’ p’ ammore
L’ uccellino in gabbia canta per rabbia e non per amore

L’uocchie d’ ‘o patrone 'ngrassa ‘o cavallo
L 'cchio del padrone ingrassa il cavallo

Luna allerta, marenaro cuccato
Con la luna piena i pesci non abboccano

M

M 'aggia suppuntà nu poc' 'o stommaco
Devo fare uno spuntino

M' aggio levato 'na preta 'a dint' 'a scarpa
Mi sono vendicato di un torto subito

M' 'e abbuffato 'a guallera!
Mi hai gonfiato l'ernia - Mi hai rotto la scatole!

M' è asciuto 'a dint' 'a ll' anema
M' è venuto in modo spontaneo

M' 'e rutto ll' ova dint' 'o panaro
Mi hai fatto saltare l'affare

Ma sì ppropio n' alice 'e matenata!
Sei proprio un ingenuo

Ma tu vide 'nu poco quant' è bbell' Parigge!
Ma tu guarda un po’ quanto è bella Parigi!

Maccarune e matremmuonie caure caure
Maccheroni e matrimoni .. caldi caldi - I contratti si concludono a caldo

Maccarune, carne e vino ‘e cannata, fanno buono sanghe pe’ tutta l’annata
la salute trae giovamento dal cibo buono ed abbondante

Magna 'a ggusto tuojo e vièste 'a ggusto 'e ll'ate
Mangia secondo i tuoi gusti e vesti secondo quello degli altri

Magna, ca d' 'o ttuojo magne
Mangia .., tanto è roba tua

Magnanno magnanno vène 'a famma
L'appetito vien mangiando

Maje cchiù nera d' 'a mezanotte po' vvenì
Mai più buio di mezzanotte può farsi

Mal' 'a chi add' avè e viat' 'a chi adda dà
Meschino chi deve avere e beato chi deve dare

Manco pittato se po' ffà 'nu bbuono matremmonio
Neanche dipinto si può fare un buon matrimonio

Mannà a accattà 'o ppepe
Trovare una scusa per allontanare momentaneamente qualcuno

Mannà a carte quarantotto
Mandare tutto all' aria

Mannaggia 'o suricillo e 'a pezza ’nfosa!
Mannaggia al topolino e alla pezza bagnata!

Mantenè 'o carro p' 'a scesa
Mantenere un carro in discesa - Tenere duro

Maria cuntrariosa, quanno chiove arracqua 'e rrose
Maria bastiancontrario, quando piove annaffia le rose

Mariantò 'o terremoto! "Mo', mo!..."
Mariantonia, il terremoto! "Un momento!"

Marito geluso, more curnuto
Marito geloso viene tradito

Marònna mia, nun fa murì a Nerone!
Madonna mia, non far morire Nerone! - Potrebbe essere sostituito da uno peggiore

Masaniello fà 'e ccose 'a ccàpa 'e 'mbrello
Masaniello fa le cose a manico d'ombrello

Masto a uocchie, masto 'e papuocchie
Chi lavora in modo approssimativo e superficale

Mazza e panella fanno 'e figlie belle; panella senza mazza fanno 'e figlie pazze
Bastone e pagnotta rendono i figli belli; pagnotta senza bastone rende i figli pazzi

Me facette afferrà d' 'e turche
Mi feci prendere per pazzo

Me pare .., pigliaje trent' anni
Mi sembra .., fu condannato a trent'anni

Me pare 'o culo 'e malassietto
Non stai mai fermo

Me pare 'o ppetrusino dint' 'a menesta
Sei come il prezzemolo nella minestra - Stai dappertutto

Me pare 'o puzzo e san Patrizio
Sembri un pozzo senza fondo

Me pare Pascale passaguaje
Sembri Pasquale sempre nei guai

Me parono ddoje maruzze, una fete e ll'ata puzza!
A due pesone una peggio dell'altra

Me sento accussì 'nfurncuso, accussì arraggiato, ca si me va coccheccosa ‘e travierzo cu coccheruno, m’ ‘o magno a morze.
Sono così nervoso, così "arrabbiato" che se litigo con qualcuno me lo mangio a morsi

Me so' vvisto piglià d' 'e turche
Mi sono innervosito

Me staje purtanno p' 'e viche e vicarielle
Mi stai portando per vie e vicoli

Meglio c' 'a panza schiatta, c' 'a rrobba resta
Meglio che la pancia esplodi piuttosto che avanzi il cibo

Meglio cap' alìce ca' cora 'e céfaro
Meglio testa d'alice che coda di cefalo

Meglio disperato, ca malato
Meglio senza soldi ma in salute

Meglio 'na mala jurnata, e no 'na mala vicina
Meglio una cattiva giornata che una cattiva vicina

Meglio 'nu mal' accordo ca 'na causa vinciuta
Meglio un cattivo accordo che una causa vinta

Meglio 'nu puorco 'e città ca 'nu sinnico 'e paese!
Maglio un maiale di città che un sindaco di paese

Meglio 'nu quintale 'ncapa ca n' onza 'nculo!
Meglio un quintale in testa che un' oncia nel sedere

Meglio sulo ca male accumpagnato
Meglio solo che male accompagnato

Menarse 'a mmare c' 'o tutte 'e panne
Buttarsi a capo fitto in una situazione critica

Mentre 'a bbella se pretène, 'a bbrutta se marita
Mentre la bella si dà delle arie, la brutta trova marito

Mercante fallito, mièz' arricchito
Mercante fallito, mezzo arricchito

Mettere ‘o ppepe 'nculo 'a zòccola
Mettere il pepe nel sedere del topo - Istigare

Mettere ‘o ssale 'ncopp’ ‘a còra
Mettere il sale sulla coda - cercare di ottenere con astuzia

Mettere 'na bbona parola
Parlare a favore

Mettere 'o ppepe 'nculo 'a zoccola
Consigliare male - Sobillare una persona

Metterse 'a ppaura 'e ll' ombra soja
Aver paura di tutto

Meza signora, meza pèttola
Donna di umili orgini

Miètt' 'o lupo a guardà 'e ppecore
Stai mettendo il lupo a protezione delle pecore

Miettatèllo dint' 'e cchiocche
Ficcatelo bene in testa

Mièttete dint’ ‘e panne mje
Mettiti nei miei panni

Mmità 'a ccarne e maccaruni
Un invito che non si può rifiutare

Mò c' è rrimasto sta' capa 'e sarachiello
D' ora in poi dovremo arrangiarci

Mo' se màgnano 'e ffiche, mo' c' ha chiuoppeto!
Ora si mangiano i fichi, ora ch'è piovuto

Mo' te vanno 'e scarpe astrette!
Adesso sei in difficoltà!

Mo' te vanno 'e scarpe strette
La cosa non ti va più a genio

Mpìcciate d' 'e cazzi tuoje
Fatti gli affari tuoi

Muglièrema, 'na vota è prena, 'na vota allatte, nun 'a pozzo maje vàtte
Mia moglie una volta è in cinta, un' altra volta allatta, non la posso mai picchiare

Muntagna e muntagna nun s' affronnano
Montagna e montagna non si affrontano

Muorto 'nu Papa, se ne fà n' ato
Morto un papa se ne elegge un altro

N

N' 'a fatto chiagnere asteche e lavature e mo' chiagne isso cu' tutt' 'o cufenaturo
Ha fatto piangere terrazzi e lavatoi, e ora piange insieme con la tinozza del bucato

'Na bott' 'o chirchio e 'n at' 'o tumbagno
Un colpo al cerchio e uno alla doga

'Na femmena e 'na papera arrevutajeno Napule
Una donna e un'oca sconvolsero Napoli

'Na mela vermenosa 'nfraceta 'nu muntone
Una mela coi vermi fa marcire tutte le altre

'Na mugliera 'mpicciosa è pegg' 'e 'nu riebbeto
La moglie assillante è peggiore di un debito

'Na vota 'a ped' uno, nun fa male a nisciuno
Una volta ciascuno, non fa male a nessuno

'Nce ha jettato 'ncuollo 'o nniro d' 'a seccia
Ha fatto in modo che tutto andasse storto - Ci ha portato jella

'Nce vò pacienzia 'a magnà 'e carcioffole
Occorre pazienza per mangiare carciofi

'Ncopp' 'a fossa 'nce sta 'o cupierchio: annante 'o giovene e appriesso 'o viecchio
Sulla tomba c'è il coperchio: avanti il giovane e appresso il vecchio

Ne' femmene ne' tele, 'a lume 'e cannela
Non bisogna credere nè a donne né a tessuti alla luce artificiale

'Nfilace 'nu spruoccolo dint' a stu' purtuso!
Infilaci un rametto in questo boco

'Nfronte nun tengo scritto: Giucondo
Sulla mia fronte non c'è scritto Giocondo - Non sono scemo

Nisciuno dice: Lavate 'a faccia ca pare cchiù bell' 'e me
Nessuno dice: Lavati la faccia così sei più bello di me

Nisciuno è sazzio da' furtuna soja
Nessuno è mai sazio di quello che ha

'Ntiempo 'e tempesta ogni pertuso è puorto
Quando c'è tempesta ogni "buco" è porto

Nu' chiammà triste, ca peggio te vene
Non lamentarti del male che ti verrà peggio

Nu' ghjì a sfruculià 'a mazzarella 'e San Giuseppe
Non prendere in giro il bastone di San Giuseppe

'Nu juorne 'e sfizzio, cient' anne 'e guaje
Una giornata di piacere, cento anni di guai

'Nu muorze 'nnante l'ora, dà forza e culore
Un boccone fuori orario dà forza e colorito

'Nu pate dà a mangnà a ciente figlie, ciente figlie nun danno a mangnà 'o pate
Un padre riesce a sfamare cento figli, è difficile che accada l'inverso

'Nu pollece cecaje l'uocchie 'a n' alifante
Una pulce accecò un occhio all' elefante

Nu' sputà 'ncielo ca 'nfaccia te torna
Non sputare in cielo, che ti ricadrà sul volto

'Nu suovero peluso nun po' fa 'na fica trujana
Da un corbezzolo non si può avere un fico troiano

Nun credere 'a ll'ommo ca giura, 'a femmena ca chiagne, 'a cavalla ca sura
Non credere all' uomo che giura, alla donna che piange, alla cavalla che suda

Nun è carne, ca fète 'a chianca
Non è carne, che rende maleodorante la macelleria

Nun è pane pe' diente tuoje
Non è pane per i tuoi denti!

Nun fa a l'ate chello ca nun vuò ess' fatt' 'a te
Non fare agli altri ciò che non vuoi sia fatto a te

Nun fa ben' 'o populo, ca 'o pierde
Non far del bene al popolo che lo perderai

Nun fa nè lardo e nè 'nzogna, e manco l'osse pe' 'e cane
Non se ne ricava nè grasso nè sugna e nemmeno ossa per i cani

Nun fann'ascì 'o llardo a for' 'a pignatta
Non fanno uscire il lardo fuori dalla pentola - Dividono tra loro i guadagni

Nun fujite, Turrise, ca 'o castigo è dd' 'o mio
Non scappate, Torresi, che il castigo è per me

Nun me sfruculià 'o pasticciotto
Non mi dare fastidio

Nun pazziammo a fa male, alluccàva 'o sòrice 'a mmièze 'e cciànfe d' 'a jatta
Non scherziamo a far male, gridò il topo tra alle grinfie del gatto

Nun scetà 'e cane ca dormono
Non svegliare i cani che dormono

Nun se fa niente pe' senza niente
Non si fa nulla gratuitamente

Nun se sape tenè tre cicere mmocca
Non sa tenersi tre ceci in bocca - non è capace di tenere un segreto

Nun sempe lilia fròlia e cecalia canta
Non sempre il giglio fiorisce e la cicala canta

Nun sputà dint' 'o piatte addò magne
Non sputare nel piatto in cui mangi

Nun t' 'a piglià cu chi è cchiù forte e te
Non scontrarti con chi è più forte di te

Nun tene l'uocchie manco pe' chiagnere
Chi ha avuto ripetuti dispiaceri e non ha più lacrime

Nun tenite sango, eppure jate sfuttenn' 'e 'nzugnature
Non avete sangue, eppure infastidite i salassatori.

COMMENTI

Nome

Acquario Aeronautica Militare Animali Ariete Armi Astrologia Belle Bilancia Buddha Caccia Cancro Capricorno Carabinieri Charles Perrault Concorsi Divertenti Domande frequenti Esercito Italiano Esopo Facebook Favole Fedro fratelli Grimm Gemelli Guardia di Finanza Instagram La Fontaine Leone Luoghi Marina Militare Oroscopo Pesci Polizia di Stato Polizia Penitenziaria Proverbi Ricette Sagittario Scorpione Selma Lagerlof Snapchat Social Sport Storie Toro Trilussa Tristi Vere Vergine Video
false
ltr
item
2.3: Il libro di antichi proverbi e detti napoletani - parte 2
Il libro di antichi proverbi e detti napoletani - parte 2
Proverbi napoletani e antica saggezza del Vesuvio - seconda parte lettera D - N
http://3.bp.blogspot.com/-mG91blmUvkE/ViOF4gxg7SI/AAAAAAAABT4/kCBsPt7xOtY/s320/Pulcinella.jpg
http://3.bp.blogspot.com/-mG91blmUvkE/ViOF4gxg7SI/AAAAAAAABT4/kCBsPt7xOtY/s72-c/Pulcinella.jpg
2.3
http://www.duepuntotre.it/2015/10/il-libro-di-antichi-proverbi-e-detti.html
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/2015/10/il-libro-di-antichi-proverbi-e-detti.html
true
6528433828354979305
UTF-8
Nessun contenuto VEDI TUTTO Leggi tutto Rispondi Cancella Cancella di Home PAGINE POSTS Vedi tutto CONSIGLIATI TAG ARCHIVIO CERCA TUTTI I POSTS Nessun contenuto Vai alla home Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Diecmbre Gen Feb Mar Apr Maggio Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic adesso un minuto fà $$1$$ minuti fà un'ora fà $$1$$ ore fà ieri $$1$$ giorni fà $$1$$ settimane fà più di 5 settimane fà Followers Follow CONDIVIDI PER SBLOCCARE QUESTO CONTENUTO Condividi Copia Seleziona Copiato! Impossibile copiare, clicca [CTRL] + [C] (o CMD+C per Mac) per copiare