$show=search

$show=label

Il libro dei proverbi e detti napoletani - parte 3

Proverbi napoletani e antica saggezza del Vesuvio - terza parte lettera O - Z

Il libro dei proverbi e detti napoletani - parte 3 Con questa terza raccolta di antichi proverbi vesuviani si chiude il libro degli antichi detti, citazioni e proverbi napoletani.

Che cos'è un proverbio napoletano?

E' un'espressione colorita, a volte cruda, altre volte tenera, oppure sarcasticamente arguta. È la valvola di sfogo del "Popolo Vesuviano" immerso in mille e mille problemi. A volte resta difficile coglierne la sottile ironia ed il suo significato, ma vi assicuro, se fossi una tela, vorrei essere dipinto da un pittore napoletano.

O

'O barbiere te fa bello, 'o vino te fa guappo e 'a femmena te fa fesso
Il barbiere ti rende bello, il vino coraggioso e la donna ti rende stupido

'O bongiorno se vede d' 'a matina
Il buongiorno si vede dal mattino

'O cane d' 'o cacciatore, 'o mumento 'e sparà 'nce vene voglia 'e piscià
Il cane del cacciatore, quando il padrone deve sparare gli viene voglia di orinare

'O cane mozzeca semp' 'o stracciato
Il cane morde sempre l'indifeso

'O carro s'acconcia p' 'a via
Le cose si aggiustano strada facendo

'O cavallo bbuono se vede 'ncoppa 'a sagliuta
Il buon cavallo si nota in salita

'O cavallo jastemmato lle luce 'o pilo
Il cavallo colpito da inprecazioni ha il pelo sempre lucido

'O cchù bunariello tene 'a guallera e 'o scartiello
Sono uno peggiore dell' altro

'O chin' 'e pepe sta dint' 'o guardarrobba
Il gamberetto sta nel guardaroba

'O ciuccio 'e scialone, nuantanove chiaje e 'a cora fraceta
L'asino di "Scialone", 99 piaghe e la coda marcia

'O ciuccio porta 'a sarma e 'o ciuccio s' 'a magna
L'asino porta il basto e l'asino ne mangia il contenuto

'O ciuccio, addò è carùto 'na vota nun ce càre cchiù
L' asino, dove è già caduto non cadrà più

'O cucchiere 'e piazza: Te piglia cu 'o ccellenza e te lassa cu 'o chi t' è mmuorto
L'autista di piazza: Ti accoglie facendoti complimenti e ti lascia bestemmiandoti

'O culo cacato cammina pèsolo
Chi ha il sedere sporco, cerca di darsi un contegno nel camminare

'O cunfessore se pò dicere quacche buscìa, 'o miedeco no
Al confessore si può dire qualche bugia, non al medico

'O figlio muto 'a mamma 'o 'ntende
La mamma comprende il figlio muto

'O guallo fotte e se scorda
Il gallo fa l' amore e se lo dimentica

'O guallo 'ncoppa 'a munnezza!
Il gallo sull'immondizia - chi se la prende coi più deboli

'O lietto se chiamma "Rosa", si nun se dorme s'arriposa
Il letto si chiama "Rosa" se non si dorme si riposa

'O maccarone 'e zito se jette a cunfessà; dicette 'o cunfessore: Sale e pepe maccarò!
Vecchia filastrocca che insegna a non confessare i propri segreti

'O maccarone se magna guardanno 'ncielo!
Ringraziamento a Dio per il buon cibo

'O maccarone mio nisciuno 'o tene: 'o metto tosto e tosto se mantene!
La qualità della mia pasta è ottima, mantiene la cottura!

'O mare, cchiù ttène, cchiù vvò
Il mare, più ha e più vuole - In riferimento all'avaro

'O miédeco piatùso facette fa 'a chiaja vermenosa
Il medico pietoso fece formare i vermi nella piaga

'O munno è fatto 'a pitaturo, oggi vai 'nculo 'a me e dumani puro
E' sempre la stessa storia

'O 'nu ricco marisciallo o 'nu povero ballarino
O tanto o niente

'O palazzo è àuto e 'a signora è sorda
Il palazzo è alto e la signora non ascolta le voci che vengono dal basso

'O passatiempo d' 'e zitelle so' 'e capille
Le ragazze stanno ore e ore a pettinarsi

'O Pataterno dà 'o ppane a chi nun tène 'e diente
Il Padreterno dà il pane a chi non ha i denti

'O patrone songh' ie, ma chi cummanna è muglierema
Il padrone sono io ma chi comanda è mia moglie

'O pazzo fa 'a festa e 'o savio s' 'a gode
Il pazzo organizza la festa e il saggio se la gode

'O peggio passo è chillo d' 'a porta
Il peggior passo è quello della porta

'O perdono è 'e ll'uommene, 'o scurdà è dd' 'e bbestie
L' uomo perdona, la bestia dimentica

'O pesce fete d' 'a capa
Il pesce puzza dalla testa

'O pesce gruosso se magna 'o piccerillo
Il pesce grande mangia quello piccolo

'O piecuro s' adda carusà ma nun s' adda scurtecà
L'agnello si deve tosare, non scorticare

'O pietto forte vence 'a mala sciorta
Il coraggio vince la sfortuna

'O pparlà chiaro è fatto pe' ll' amice
Tra amici si deve parlare con chiarezza

'O puorco chiatto se cocca sempe 'ncuollo 'o sicco
Il ricco vive sempre alle spalle del povero

'O puorco cu 'e denare se chiamma "don puorco"
Al ricco si dà sempre il "don" anche se si tratta di un maiale

'O puorco miettence 'a sciassa, sempe 'a cora 'nce pare
Anche indossando un abito elegante, il maiale rimane tale

'O puorco se 'ngrassa pe ne fà sacicce
Il maiale s'ingrassa per farne salsicce

'O puorte appiso 'ngànne
Ce l' hai appeso alla gola - E' il tuo preferito

'O purpo s' adda cocere cu' ll' acqua soja
Il polipo deve cuocere nel suo brodo

'O purtualle, 'a matina è oro, 'o juorno è argiento e 'a sera è chiummo
L'arancio, la mattina è oro, il pomeriggio è argento e la sera è piombo

'O rancio 'e copp' 'o scoglie; doj' vocche e 'a cascia 'e mmerda
Il granchio degli scogli: due bocche e la cassa degli escrementi

'O ravanuottolo chiagne quanno fa bontiempo
Il rospo si lamenta quando fa bel tempo

'O ricco fa chello che vò, 'o pezzente fa chello che pò
Il ricco fa quello che vuole, il povero fa quello che può

'O sacco vacante, allerto nun se mantène
Il sacco vuoto, in piedi non ci rimane

'O saluto è 'e ll'Angelo
Il saluto è degli Angeli

'O sazio nun crere 'o riuno
Il sazio non ascolta chi ha fame

'O scarparo porta 'e ppeggio scarpe
Il ciabattino calza le scarpe rotte

'O Signore è lungariello, ma nun è scurdariello
Il Signore prende tempo, ma non dimentica

'O Signore manna 'e vascuòtte a chi nun tène 'e diente
Il Signore manda i biscotti a chi non riesce a sgranocchiarli

'O Signore nun è mercante, ca pava 'o sabbato
Il Signore non è mercante, che paga il sabato

'O sparagno nun è maje guaragno
Il risparmio non è mai guadagno

'O spasso d' 'o cardillo è 'a pappamosca
Il divertimento del cardellino è la cinciallegra

'O supierchio rompe 'o cupierchio
Il soverchio rompe il coperchio

'O tirchio è comme 'o puorco è bbuono sulo doppo muorto
L'avaro è come il maiale: è buono solo da morto

'O tirchio, pare ca 'o culo l' arrobba a cammisa
All'avaro sembra che il suo sedere gli ruba la camicia

'O turco fatto cristiano vo' 'mpalà tutte chille ca jastemmano
Il turco convertito al cristianesimo vuole impalare tutti quelli che bestemmiano

'O vero pezzente nun cerca 'a lemmosina
Il vero povero non cerca la carità

'O viecchio le prore 'o cupierchio
Al vecchio prude il coperchio

'O vino sta bbuono dint' 'a mezavotta
Il vino sta bene nei tini

'O vojo chiamma curnuto all'aseno
Il bue dà del cornuto all'asino

Ogne acqua scorre 'a mmare
Ogni cosa ha una fine

Ogne altare tene 'na croce
Ognuno ha i suoi problemi

Ogne bella scarpa addeventa scarpone
Ogni bella scarpa diventa ciabatta

Ogne cuoll' 'e butteglie tene 'o suvero ca l'appila
Ogno collo di bottiglia ha il sughero che lo tura

Ogne gghiuòrno è taluòrno
Ogni giorno è monotonia

Ogne lassato è perdute
Il lasciato è ormai perso

Ogne 'mpedimento è giuvamento
Quando non si vuol portare a termine qualcosa e si cerca il pretesto per abbandonare

Ogni capa è 'nu tribbunale
Ognuno vuole emettere sentenze

Ogni scarrafone è bell' 'a mamma soja
Ogni scarafaggio è bello per la propria mamma

Ognuno sape 'e fatte suoje
Ognuno conosce le cose proprie

Ognuno tira ll' acqua p' 'o mulino sujo
Ognuno pensa per se

Ordine 'e Quistura vintiquatt' ore dura
L'ordinanza del Questore dura ventiquattro ore

P

P'avè piatà 'e l'ate, 'e ccarne mje s' 'e mmagnajeno 'e cane
Per avere pietà degli altri, le mie carni le mangiarono i cani

Pare 'a fraveca e San Pietro, nun fernesce maje
Cose iniziate e mai portate a termine

Pare 'a sporta d' 'o tarallaro
Sembro la borsa del venditore di teralli - vado avanti e indietro

Pare ca cammina 'ncopp' 'a ll' ove
Sembra che stia camminando sulle uova

Pare nu' maccarone senza pertuso
E' un uomo senza personalità

Pare 'o cannone 'e miezejuorno
Chi ha un gran vocione

Parlanno d' 'o riavulo spuntajene 'e ccorne
Parlando del diavolo comparvero le corna

Parle comm' 'a 'nu libbro stracciato
Non ti capisco quando parli

Pasca d' 'e fiore, se 'ngegnano 'e signure; Pasca d' 'e casatièlle, se 'ngegnano 'e puverielle
Per la Pentecoste, si vestono a nuovo i signori; per Pasqua, i poveretti

Pascale spacca 'a scala 'a scala nu' pò spaccà a Pascale
Pasquale spacca la scala, la scala non può spaccare Pasquale

Pascale, saglie p' 'a fune e scenne p' 'a scala
Pasquale, sale con la fune e scende per le scale

Passasse l'Angelo e dicesse Ammenne!
Magari passasse un Angelo per una benedizione

Passato 'o santo, passata 'a festa
Passato il santo, passata la festa

Passere, frungille e male juorne, addò vaje subbeto ne truove
Passeri , fringuelli e jettatori non mancano da nessuna parte

Patte chiare e amicizia 'a luongo
Patti chiari e amicizia lunga

Pazzo è chi se cunfida cu 'na femmena
Non confidarsi mai con una donna

Pe' campà aggiu fa 'e ccapriòle
Per tirare avanti, devo fare i salti mortali

Pe' ghjulìo 'e larde, vasa 'ncul' 'o puorco
Per avere il lardo, bacia il sedere del maiale

Pe' mancanza d'uommene se fanno 'e ciucce cape e casa
Per mancanza di uomini si nominano gli asini capi di casa

Pe' mmare e pe' cielo nun ce stanno taverne
Per mare e in cielo non ci sono ripari

Pe' n'aceno 'e sale 'e perzo 'a menesta
Per un granello di sale hai perso la minestra

Pe' pavà e pe' murì, 'nce sta tiempo
Per pagare e per morire c'è tempo

Pezzulo puzzolente, pure l'evera è fetente
Pozzuoli maleodorante, anche l'erba ha cattivo odore

Pigliate 'a bbona quanno te vene, ca 'a malamente nun manca maje
Prenditi la buona occasione quando ti capita, che la cattiva non manca mai

Pigliate l'ommo 'e stoppa quanno 'a sciorta te va 'mpoppa
Prenditi l'uomo di stoppa quando la sorte ti va in poppa

Piscia acqua santa d' 'o vellicolo
La sua orina è acqua santa ed esce dall' ombellico - riferito a persona bigotta

Pizzeche 'e vase nun fanno pertose e maniate 'e zizze nun fanno criature
Pizzicotti e baci non perforano e i palpeggiamenti non generano bambini

Po' chiovere gnostia comme vò isso, maje cchiù niro pozzo addiventà
Anche se piovesse inchiostro, non potrei mai diventare più nero

Porta aperta a chi porta
Chi entra con le mani piene è bene accetto

Prima ca trase, pane e cas; roppo trasuto, pane piruto
Prima di entrare, pane e formaggio; dopo, pane raffermo

Pullecenella, quanno nun tene che dicere, arape e chiure 'a vocca
Pulcinella, quando non ha nulla da dire, apre e chiude la bocca

Puozz' ave' 'a sciorta d' 'a puttana!
Che tu possa avere la fortuna delle prostitute!

Puozze murì 'e truono a chi nun piace 'o bbuono
Possa essere fulminato colui che afferma di non piacergli il buono

Puozze volle e malo cocere
Che tu possa bollire e cuocere male

Pur' 'e ciucce teneno 'e pariente
Anche gli asini hanno i parenti

Pur 'e mmure tenono 'e rrecchie
Anche i muri hanno orecchie

Pur' 'e pullece teneno 'a tosse
Anche le pulci si fanno sentire

Pure 'a riggina avette bisogno d' 'a vicina
Anche la regina ebbe bisogno della vicina

Pure 'ndurata, a cajola pe' l'auciello, è sempe 'nu carcere
La gabbia, anche se dorata, è pur sempre un carcere per l'uccello

Pure 'o ciuccio è ommo
Anche l'asino è maschio

Q

Quann' jesce 'a strazziona, ogne fesso è prufessore
Dopo l'estrazione dei numeri, ogni stupido è professore

Quann' 'o cavallo nun vò vevere aje voglia 'e siscà
Se il cavallo non vuole bere è inutile che fischi

Quann' 'o ciuccio parla latino, è signo 'e mal' annata
Quando l'asino parla latino, è segno di cattiva annata

Quann' 'o culo speretea 'o miedeco s' 'a passea
Quando si hanno flatulenze è segno che il corpo sta bene

Quann' 'o mellone jèsce russo, ognuno ne vò 'na fella
Quando il cocomero è rosso, ognuno ne vuole una fetta

Quann' 'o peducchie saglie 'ngloria, perd' 'a scienza e 'a memoria
Quando il pidocchio sale in gloria, perde la scienza e la memoria

Quann' 'o piro è ammaturo, care senza turceturo
Quando la pera è matura, cade senza necessità del bastone

Quann' 'o riavulo t'accarezza dice ca vò l'anema
Quando il diavolo ti accarezza è perchè vuole l'anima

Quann' uno s' addà 'mbriancà, è mmeglio ca 'o ffà c' 'o vino bbuono
Se qualcuno deve ubriacarsi è meglio che lo faccia col vino buono

Quanne tante e quanno niente
O tanto o niente

Quanno 'a caurara volle, mena subbeto 'e maccarune
Quando l' acqua nella pentola bolle, cala subito i maccheroni

Quanno 'a cemmenera pe' mme nun funziona, lassa ca chella 'e ll' ate se ne cade
Quando il comignolo non funziona per me, lascia pure che quello altrui crolla

Quanno 'a femmena bbona è tentata e resta onesta, vò dicere ca nun è stata tentata bbuono
Quando una bella donna è tentata e resta onesta, significa che non è stata tentata bene

Quanno 'a furmicola mett' 'e scelle, è segno ca vò murì
Quando alla formica spuntano le ali, è il momento che deve morire

Quanno 'a gallina scacatea, è signo ca ha fatto l'uovo
Quando la gallina fa coccodè vuol dire che ha fatto l'uovo

Quanno 'a gatta 'nce sta 'e surice abballano
Quando manca il gatto, i topi ballano

Quanno 'a zita è maretata tutt' 'a vonno
Dopo che la giovane ha preso marito, tutti la vogliono in sposa

Quanno nun haje che gghjucà, joca coppe
Quando nun hai nulla da giocare, gioca coppe

Quanno 'o ciuccio è tuosto, mazza cchiù tosta
Quando l' asino fa il duro, bisogna trattarlo con durezza

Quanno 'o mare nun è muorto, 'e pisce so' vvive
Col mare mosso, la pesca è abbondante

Quanno 'o mellone jesce russo, ognuno ne vo' 'na fella
Quando c'è un buon affare, ognuno vuol partecipare

Quanno scioscia viento 'e terra, 'o pesce nu' zompa dint' a' tiella
Quando soffia il vento di terra, il pesce non salta nel tegame

Quanno se magna se cuntratta c' 'a morte
Quando si mangia si ha a che fare con la morte

Quanno se magna se cuntratta cu 'a morte
quando si mangia si ha a che fare con la morte

Quanno sì' 'ncunie, statte; Quanno sì' martiello, vatte!
Quando sei incudine resta fermo, quando sei martello, approfitta!

Quanno so secure secure 'e maccarune se ne fujeno 'a 'int' 'o piatto
Proprio quando credi di essere al traguardo esso ti sfugge

Quanno spienne tanto appienne
Il guadagno è proporzionato alla somma che si investe

Quanno stanno tropp' 'e gualle a cantà nun schiare maje juorno
Quando ci sono molti galli che cantano non spunta mai il giorno

Quanno te miette 'ncopp' a doje selle, primm' o poie vaje cu 'o culo 'nterra
Quando ti siedi su due selle, prima o poi ti troverai col sedere per terra

Quanno vide 'a mala parata è meglio ca te ne vaje
Quando le cose si mettono male è meglio filarsela

Quanno vide ca 'o pagliaio 'e llate sta brucianno, dice ca 'o tujo è già bruciato
Quando vedi bruciare il fienile degli altri, vuol dire che il tuo è già bruciato

Quanto cchiù ne simmo, cchiù belle parimmo
Più siamo e più ci divertiamo

R

Rafaniè.. fatt'accattà 'a chi nun te sape!
Ravanello.. fatti acquistare da chi non ti conosce!

Rerimmo e pazziammo, e 'a tabbacchera nun 'a tuccammo
Ridiamo e scherziamo, ma non tocchiamo la tabacchiera

Rotta pe' rotta, miettece 'a pezza
Rotta per rotta, metti una toppa

S

S' add'arrispettà 'o cane pe 'o patrone
Si deve rispettare il cane per il suo padrone

S'adda parlà 'a 'nu fesso 'a vota
Deve parlare un fesso per volta

S'appiccia comme a 'nu micciariello
Si accende come un fiammifero - è un tipo irascibile

S'è affucato dint' 'a 'nu bicchiere d'acqua
E' affogato in un bicchiere d' acqua - Si è fatto prendere dal panico

S'e' aunita 'a limma e 'a raspa
Si sono riunite la lima e la raspa - Inteso a due persone note per la loro lingua tagliente


S''è aunito 'o strummolo 'a tiriteppola e 'a funicella corta.
Sisono uniti: La trottola che gira fuori centro e lo spago corto

S''e fatto 'a barba 'a zzizze 'e pacchiana
Radersi facendo diventare la pelle liscia come il seno d' una contadina

S'e' 'mbrugliata 'a matassa
Si sono ingarbugliate le cose

S'è mmagnato 'e maccarune
Non ha abboccato alla trappola

S'e' pperzo 'o stampo
Si è perso lo stampo. Non ce ne sarà mai più uno simile - Persona eccezionale e insostituibile

S'e' squagliato 'o sanghe 'a dint' 'e vvene
Si è raggelato il sangue nelle vene - dallo spavento

S' 'o sta magnanno cu l'uocchie
Se lo sta mangiando con gli occhi - Lo desidera ardentemente

San Giuseppe nc' ha passato a chianozza
San Giuseppe le ha passato la pialla - la donna priva di curve

Sant'Uliviero, Sant'Uliviero, ogge nun è comme ajere
Sant' Oliviero, Sant' Oliviero, oggi non è come ieri

Sarchiapone tene 'e ghiorde
Sarchiapone non sta mai fermo

Scarta fruscio e piglia primmera!
Scarta flush e prendi primiera - "flush è il termine inglese della scala reale"

Scetate Carulì ca l'aria è ddoce
A chi ha la testa fra le nuvole

Sciacqua Rosa e bive Agnese, ca 'nce sta chi 'nce fa 'e spese
Sciacqua Rosa e bevi Agnese, che c'è chi sostiene le spese

Sciorta e cauce 'nculo, viato chi n' ave
Fortuna e calci nel sedere, beato chi ne riceve

Sciorta e morte, addereta 'a porta
La sfortuna e la morte stanno in agguato dietro la porta

Scugnate senza riente vase 'nculo a zi' Vicienze, scugnato senza mole vase 'nculo a zi' Nicola
Sdendato senza denti bacia il sedere di zio Vincenzo, sdendato senza molari bacia il sedere di zio Nicola

Scuòrno murette e facc' 'e cuorno campaje
Timidezza morì e sfrontatezza visse

Scuòrno murette, e facc' 'e cuòrno campaje
Vergogna morì e faccia tosta visse

Scuro comme 'a 'na vocca 'e lupo
Buio comme la gola d' un lupo

Se chiure 'na porta e s'arape 'nu purtone
Si chiude una porta e si apre un portone

Se dice 'o peccato e no 'o peccatore
Si racconta il fatto senza dire chi è l'autore

Se fruscia Pintauro, d' 'e sfugliatelle jute 'acito
Si vanta Pintauro, delle sfogiatelle andate a male

Se pava niente? E sedugneme 'a cap' 'o pere
Non si paga? Allora ungimi dalla testa ai piedi

Se piglieno cchiù mmosche cu' 'na goccia 'e mele, ca cu' 'na vott' acìto
Si prendono più mosche con una goccia di miele che con una botte d'aceto

Se so' rutti 'e tiempe, bagniajuo!
Si è guastato il tempo, bagnino

Sempe mmiria e mai pietà
Meglio avere l' invidia della gente che la loro pietà

Senza denare nun se cantano messe
Senza soldi non si celebrano messe

Senza 'e fesse 'e deritte nun campano
Senza stupidi, i furbi non vivono

Si 'a carretta nun se sedùgna, nun cammina
Se il carro non viene unto, non cammina

Si 'a mmiria tenesse 'a guallera, ognuno s' 'a schiattasse
Se l'invidia avesse l'ernia, ognuno la eliminerebbe

Si carta coglie jucatore s'avanta
Se carta prende, giocatore si vanta

Si marzo 'ngrogna, te fa zumpà 'o dito cu ttutta ll' ogna
Se marzo incalza, ti fa saltare il dito compresa l'unghia

Si marzo nun te ciònca, abbrile nun te manca
Se marzo non ti paralizza, aprile non ti manca

Si me n'esco 'a chesti botte, maje cchiù a cacà 'e notte!
Se ne esco da questo guaio non andrò più in giro la notte

Si nun e' lupo, sarrà cane niro
Se non è un delinquente ci manca poco

Si nun è zuppa è pan bagnato
Gentilmente inviato dall' amico Ciro da Vico Equense, e come dice Lui: .. è sempre la stessa cosa

Si 'o dicesse 'a moda, 'e ffemmene jarriano pure cu' 'o culo 'a fora
Se lo dicesse la moda, le donne andrebbero pure col sedere scoperto

Si 'o 'mpriesteto fosse buono, ognuno se 'mprestasse 'a mugliera
Se il prestito fosse buono, ognuno presterebbe la moglie

Si 'o Signore me pruvede, m' aggia fa 'nu quàcquaro anfin' abbascie 'e piede
Se il Signore mi aiuta, mi farò un cappotto lungo fin sui piedi

Si Salierno tenesse 'o puorto, Napule fosse muorto
Se Salerno avesse il porto, Napoli sarebbe morta

Si si' nnato furtunato, jettate 'a mmare, ca 'o mare te caccia 'a fore
Se sei nato fortunato, buttati a mare, tanto il mare ti ricaccia fuori

Si vuò campà anne e annune, vive vino 'ncopp' 'e maccarune
Vita lunga per chi beve vino e mangia maccheroni

Si zompi 'ngoppo 'e pale, coccheduno se po' 'mpizzà 'nculo
Se ti metti a saltare sui pali, uno di essi ti si può conficcare nel sedere

So' ghjuto a Puortece pe' 'na rapessa
Sono arrivato fino a Portici per comprare un ravanello

So' gghjuto 'mparaviso pe' scagno
Sono andato in paradiso per combinazione

So' gghjùto pe' me fa 'a Groce e m' aggio cecato n' uocchio
Per farmi il segno della Croce, mi sono accecato un occhio

Spanne 'sti ppenne e pò vall'arrecuzzà
Spargi queste piume e poi và a raccoglierle

Sparte ricchezza e addeventa puvertà
Dividendo, la ricchezza diventa povertà

Spione 'e pulezzia porta 'a lettera 'a casa mia
Spione di Polizia porta la lettera a casa mia

Squagliatella, 'sta 'nzogna
Fattela liquefare, questa sugna

Sta sott' 'a pettola d' 'a mugliera
E' succube della moglie

Staje sempe 'ntrìrice
Stai sempre dappertutto

Staje zucanno 'a doje zizze
Stai succhiando da due seni - La vita ti va bene

Stammatina me so' susuto cu 'o culo 'a smerza
Stamattina mi sono svegliato col sedere storto

Stammatina muglierema steva tutta 'ntufàta
Stamane mia moglie era gonfia d' ira

Stò verenno 'a morte cu' l'uocchie
Sto vedendo la morte con gli occhi

Stongo attaccato mane e ppère
Ho le mani legate

Stongo campanno 'a nnascusa d' 'o Pataterno
Sto facendo una vita da eremita

Stongo co 'e ppacche dint' 'a ll'acqua
Sto con le natiche nell' acqua - Sono al verde

Stongo cu 'o culo dint' 'e ppummarole
Sto col sedere nei pomodori - Sono rovinato

Storta va deritta vène
Storta va diritta viene

Surco cummoglia surco
Solco copre solco

Susete culillo e siervete padrone
Alzati sederino e serviti, padrone

T

T'aggia f' ascì 'e ssovere 'a culo
Te la farò pagare amaramente

T'aggia fa cacà l'uva l'aceno e 'o streppone
Te la farò pagare molto amaramente

T'aggià 'mparà e pò t' aggia perdere
Ti devo insegnare e poi devo perderti

T'aggio fatto truvà 'nu bello piattino
Ti ho ripagato per quello che mi hai fatto

T'e' luvato 'a vocca a 'o cane e t' 'e miso mmocca 'o lupo
Ti sei tolto da un guaio e ti sei cacciato in un altro peggiore

T'hanno fatto 'a serrènga
Ti hanno fatto la siringa - ti hanno fregato

T'he fatto 'e cunti senza 'o tavernaro
Hai fatto i conti senza l' oste

Tacche 'e cchiuovo, tacche 'e cchiuovo
Botta e risposta

T'aggia 'mparà e pò t' aggia perdere!
Ti devo istruire e poi ti devo perdere!

Tanno voglio murì, quanno tre rilorge vann' eguale
Voglio morire quando tre orologi segneranno la stessa ora

Tanta vote s' adda jènchere 'o sacco, 'nfin' 'a cchè se schiatta
Tante volte si deve riempire il sacco, finchè scoppia

Tante niente, accedettero 'o ciuccio
Tanti pesi modesti, uccisero l'asino

Tanto c' 'a fatto, ha girato 'a frittata
Tanto ha fatto, ha girato le carte

Te faccio 'o culo a cappiello 'e prevete
Ti do una lezione che non dimenticherai

Te fete ancora 'a vocca 'e latte
Ti puzza ancora l' alito di latte - Sei ancora piccolo

Te sì ddate 'a zappa 'ncopp' 'o père
Ti sei dato la zappa sui piedi - Ti sei tradito

Te si' mmiso cu dduje piere dint' 'a 'na scarpa
Ti sei messo con due piedi in una scarpa - Ti sei messo in un bel guaio

Te staje appennenno a 'e ffeline
Ti stai arrampicando sugli specchi

Te tengo appiso all' urdemo buttone d' 'a vrachetta
Per me sei l'ultima persona sulla faccia della terra!

Te tengo stampato 'ncuorpo
Ti conosco come le mie tasche

Tene 'a bbellezza d' 'o ciuccio
Essere belli solo perchè si è giovani

Tene 'a capa fresca
Non ha problemi - è spensierato

Tene 'a cazzimma ca le jiesce 'a fora
Ha una furbizia esagerata

Tene 'a faccia d' 'e ccorne vecchie
Ha una faccia da schiaffi

Tene 'a mugliera 'ncampagna
Ha la moglie in campagna - ha l'amante

Tené 'a neve dint' a' sacca
Ha la neve in tasca

Tene 'a pòvere 'ncopp' 'e rrecchie
Ha la polvere sulle orecchie - E' ricchione

Tene 'a sàraca dint' 'a sacca
Nasconde certamente qualcosa - non la dice tutta

Tene 'a zeppola mmocca
Ha un difetto di pronuncia

Tene cchiù culo ca cereviello
Essere fortunato senza sapere il perchè

Tene 'e rrènnete spase 'o sole
Ha le rendite stese al sole - E' ricchissimo

Tene 'o pizzo bbuono e 'e scelle rotte
Ha buon gusto nello scegliere però non vuole pagare molto

Tene 'o scurriato senza 'a carrozza
Ha la frusta senza avere la carrozza e come avere la patente e non l' auto

Téne 'o serpone dinto 'o manicone!
Ha una serpe nella manica

Tene tanta corne quann' 'a 'nu cesto 'e maruzze
Ha tante corna quante quelle in un cesto di lumache

Teng' 'e lappese ca m' abballano p' 'a capa
Ho le matite che mi ballano in testa - Sono nervoso

Tèngo 'nu chiuovo fisso 'ncapa
Ho un pensiero fisso in testa

Tiempo e frònne vò 'a crapa
Tempo e foglie vuole la capra

Tiempo perduto, nun s' acquista cchiù
Il tempo perso non si riacquista

Tieni 'o core dint' 'o zucchero
Hai il cuore nello zucchero

Tira 'a varca 'o sciùtto
Mettiti al riparo, sistemati

Tre cose 'a femmena addà sfujì: Renare, vino e fenesta
La donna deve rifiutare soldi, vino e finestra

Tre cose nun s' 'anna maje 'mprestà: Libbre, denari e muglièra
Non prestare mai libri ,soldi e moglie

Tre so' 'e fetienti: Mimì, Cocò e Carmene 'o pazzo
Tre sono i cattivi: Mimì, Cocò e Carmine il pazzo

Tre so' 'e putiente: 'o Papa, 'o rrè e chi nun tène niente
Tre sono i potenti: il Papa il re ed il nullatenente

Trica, e vene pesante
Aspetta, e viene considerevole

Trica malanno e guaje a chi aspetta
Tardi il malanno e male per chi attende

Tricchitracche, tant' 'a pparte
Tric-trac, tanto per ciascuno

Trova cchiù ampressa 'a femmena 'a scusa, ca 'o sorice 'o pertuso
Trova prima la donna il pretesto, che il topo la tana

Truòvate chiuso e pierdete st'accunto
Trovati chiuso e perditi questo cliente

Tu duorme c' 'a zizza mmocca
Tu dormi tranquillo mentre intorno a te le cose precipitano

Tu si' proprio 'nu guajo 'e notte
Sei uno che arreca solo danni

Tutt' 'e guaje dint' 'a veste 'e muglierema
Tutti i guai nella veste di mia moglie

Tutt' 'o lassato è perduto
Tutto ciò che si lascia è perduto

Tutt' 'o stuorto s' 'o pporta ll'ascia
Tutto lo storto lo porta via l'ascia

Tutto a Giesù e nient' 'a Maria
Tutto a Gesù e niente a Maria

U

'U ppoco abbasta, 'o supierchio avanza
Il poco basta, il superfluo avanza

'U scutulià d' 'e ssacche se vede si è pòvere 'e farina
Scuotendo le tasche, si vedrà se è polvere di farina

'U sfizio d' 'o viento è 'a mmùmmera
Il divertimento del vento è l'anfora

'U velluto è addiventato raso
Il velluto è diventato raso

Una mamma ha fatte Ddio!
Una sola madre ha fatto Dio

Una noce dinto 'o sacco nun fa rummore
Una sola noce nel sacco non fa rumore

Una pe' bevere e n' ata pe' sciacquà
Una per bere e un'altra per sciacquare

Uocchie chine e mane avvacante
Occhi pieni e mani vuote

Uocchie chine 'e mane vacante
Occhi pieni e mani vuote

Uocchie 'nterra e 'a mente a Dio
Lo sguardo verso il suolo e la mente a Dio

V

Va' a fa' 'o bene, muor' acciso
Fai del bene, muori ucciso

Va 'a scavà 'e vide ca truove
Va a scavare e vedi che troverai

Va tanto n' acqua 'e maggio, quanno va 'o carro e 'o vojo c' 'o tira
Vale tanto una pioggia di maggio, quanto il carro e il bue che lo tira

Va' truvanne 'a Cristo 'a dint' 'e lupine
Cerca Cristo nei lupini (pignoleria)

Va' truvanno 'o pilo dint' 'a ll'uovo
Va cercando il pelo nell'uovo

Và, 'e ca 'o riavulo t' aiuta.. Ogne passo n' 'a caruta
Vai, e che il diavolo ti aiuti.. Ad ogni passo una caduta

Vabbene! dicette donna Lena, quanno vedette 'a mamma, 'a figlia e pur' 'a jatta prena
"Va bene!", disse donna Lena, quando vide la mamma, la figlia e la gatta in cinta

Vaco e vengo, cu 'a guallera che tengo
Vado e vengo nonostante l'ernia

Vajassa: Cotena grassa
Serva: Cotoca grassa

Vaje truvanne 'e guaje cu 'a lanternella
Vai cercando i guai con la lanterna

Vaje truvanne 'o spiccicaturo 'a quinnece riente
Cerchi il pettine con quindici denti

Vaje vuttanno 'o carro p' 'a scesa!
Stai spingendo il carro in discesa

Valeno cchiù l'uocchie che 'e schiuppettate
Colpiscono più gli occhi che le fucilate

Vatte 'o fierro quann' è ccàvero
Batti il ferro quando è caldo

Vène vierno p' 'e male vestute
Viene l'inverno per chi non è ben vestito

Viàt' 'a chi nu' vvère e nu' ssente: ije veco, sento e schiatto 'ncuorpo
Beato chi non vede e non sente: io vedo, sento e mi addoloro

Vide che culo a mandulino
Guarda che bel sedere!

Vide chi parla d'onore: Francischiello 'o sapunaro
Vedi chi parla d'onore: Franceschino il rigattiere

Vide Napule e po' muore
Vedi Napoli e poi muori

Vide 'o mare quanno è bello
Guarda che bel mare

Vieste sciccone ca pare barone
Vesti elegante che sembri nobile

Vino e maccarune songo 'a cura p' 'e purmone.
Curare le malattie bevendo e mangiando

Vizio 'e natura, 'a 'nfin' 'a morte dura
Vizio di natura dura fino alla morte

Vo 'o cocco mmunnato e buono
Vuole il cocco bello pulito

Vo' tenè 'a votte chiena e 'a mugliera 'mbriaca
Vuole avere la botte piena e la moglie ubriaca

Voce 'e popolo voce 'e Ddio
Voce di popolo voce di Dio

Vota vota, 'o cetrullo va 'ncul' 'a l'urtulano
Gira gira, il cetriolo va nel sedere dell'ortolano

Vruòccole, gnuòccole e predecatùre, fatta Pasca nun sèrveno cchiù
Broccoli, gnocchi e predicatori, trascorsa Pasqua, non servono più

Vuje site masto 'e chianozza?
Scusi, lei è falegname?

Vuò piscià e vuò ghi' 'ncarrozza
Vuoi fare pipì e andare in carrozza

Vuo' trasi' 'a forza dint' 'a scazzetta d' 'o prèvete!
Vuoi impicciarti dei fatti miei

Vuommeche 'e vecchia attaccàte co' 'e nnucchetèlle gialle
Capricci di vecchia legati coi fiocchettini gialli

Z

Zi' pre' 'o cappiello va stuorto.. Accussì addà jì!
Parroco, ha il cappello storto . . Così deve andare!

Zìmbare 'e caprette; 'na sola 'mbulletta
Montone e agnello allo stesso prezzo

Zitto chi sape 'o juòco
Taccia chi conosce il gioco

Zitto zitto 'a mmièzo 'o mercato
A bassa voce al mercato - Dire un segreto in pubblico raccomandando di non riferirlo ad altri

Zitto, chi sape 'o juoco
Taccia chi conosce il gioco

Zòccole, cane e figli' 'e puttane nun chiudeno maje 'a porta co' 'e mmane
Topi, cani e figli di ... non chiudono mai la porta con le mani

Zompa chi pò!... Dicette 'o ranavuòttolo
Salti chi può!... Disse il ranocchio

COMMENTI

Nome

Acquario Aeronautica Militare Animali Ariete Armi Astrologia Belle Bilancia Buddha Caccia Cancro Capricorno Carabinieri Charles Perrault Concorsi Divertenti Domande frequenti Esercito Italiano Esopo Facebook Favole Fedro fratelli Grimm Gemelli Guardia di Finanza Instagram La Fontaine Leone Luoghi Marina Militare Oroscopo Pesci Polizia di Stato Polizia Penitenziaria Proverbi Ricette Sagittario Scorpione Selma Lagerlof Snapchat Social Sport Storie Toro Trilussa Tristi Vere Vergine Video
false
ltr
item
2.3: Il libro dei proverbi e detti napoletani - parte 3
Il libro dei proverbi e detti napoletani - parte 3
Proverbi napoletani e antica saggezza del Vesuvio - terza parte lettera O - Z
http://4.bp.blogspot.com/-A03zW_-Rgok/ViOGeEeN7PI/AAAAAAAABUA/-1kaiyc7jS0/s320/Pizza.jpg
http://4.bp.blogspot.com/-A03zW_-Rgok/ViOGeEeN7PI/AAAAAAAABUA/-1kaiyc7jS0/s72-c/Pizza.jpg
2.3
http://www.duepuntotre.it/2015/10/il-libro-dei-proverbi-e-detti.html
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/2015/10/il-libro-dei-proverbi-e-detti.html
true
6528433828354979305
UTF-8
Nessun contenuto VEDI TUTTO Leggi tutto Rispondi Cancella Cancella di Home PAGINE POSTS Vedi tutto CONSIGLIATI TAG ARCHIVIO CERCA TUTTI I POSTS Nessun contenuto Vai alla home Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Diecmbre Gen Feb Mar Apr Maggio Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic adesso un minuto fà $$1$$ minuti fà un'ora fà $$1$$ ore fà ieri $$1$$ giorni fà $$1$$ settimane fà più di 5 settimane fà Followers Follow CONDIVIDI PER SBLOCCARE QUESTO CONTENUTO Condividi Copia Seleziona Copiato! Impossibile copiare, clicca [CTRL] + [C] (o CMD+C per Mac) per copiare