$show=search

$show=label

I migliori proverbi romani in dialetto romanesco

Alcuni proverbi sono abbastanza intuitivi, per cui, facili da capire, mentre per altri c'è bisogno di più tempo per riflettere, ma tutti sono profondamente ispiratori.

I migliori proverbi romani in dialetto romanesco Un proverbio insegna più di una intera biblioteca piena zeppa di volumi filosofici.


Popoli di tutto il mondo hanno utilizzato nei millenni la narrazione orale per trasmettere i loro messaggi di saggezza. A questi popoli appartengono gli abitanti del Lazio. A Roma, Frosinone, Latina, Rieti e Viterbo, le antiche genti nella loro saggezza per secoli hanno condito storie e racconti di appropriati aforismi, parabole, massime e modi di dire, per aiutare le generazioni future a sviluppare una maggiore consapevolezza di sé.

Ecco qui una sfilza dei migliori proverbi romani, scritti in simpatico dialetto romanesco, disposti in ordine alfabetico e tradotti in italiano:

A

A Anagni si nun porti nun magni (Ad Anagni se non ti procuri non mangi)
A chi jè rode er culo jè puzza er dito de merda (A chi si gratta il sedere poi gli puzza il dito)
A chi tocca nun se 'ngrugna (A chi tocca non si inquieti)
A incazzatte fai du' fatiche: te incazzi te scazzi (Ad inquietarti lavori due volte, quando ti arrabbi e quando ti calmi)
A la fija de la vorpe nun je se 'nsegna 'a tana (Alla furba figlia della volpe c'è poco da insegnare)
A l'omo de poco faje accenne er foco (Un uomo che vale poco può solo accendere il fuoco)
A parlà chiaro se va! (Col parlare chiaro le cose vanno avanti)
A Roma Iddio nun è trino, ma quattrino (Detto uguale in italiano)
A Roma pe' fa fortuna ce vonno tre d, donne, denari e diavolo (Donne, diavolo e denari sono tre motivi di fortuna a Roma)
A sapé fa' la scena, quarcosa se ruspa (Facendo le moine qualcosa si mangia)
A ttutto c'è arimedio fora ch'a la morte (A tutto c'è un rimedio tranne alla morte)
A vorte pure 'e purci c'hanno 'a tosse (A volte anche gli esseri insignificanti fanno la voce grossa)
Accosta er pane ar dente che la fame s'arisente (avvicina il pane alla bocca che la fame si fa sentire)
Acqua passata nun macina più (Acqua passata non torna più indietro)
All'arbero der fico nun ce pò nasce a persica (Sulla pianta del fico non può nascere una pasca)
Amico de tutti e de gnisuno è tutt'uno (Essere amico con tutti o con nessuno è la stessa cosa)
Amore, tosse e rogna nun s'annisconneno (Amore, tosse e rogna non possono essere celate)
Anni e bbicchieri de vino nun se conteno mai! (Età e quantità di vino che si beve sono segreti che non vanno svelati)

B

Basta esse donna pe' avé er segreto de falli beve e cojonalli tutti (Le donne hanno l'abilità, ma soprattutto le caratteristiche, per abbindolare tutti)
Botta sparata e lepre scappata nun s'arichiappeno più (Quando il colpo è stato sparato e la lepre è fuggita, si perde sia il colpo che la lepre)
Bruno bbruno, tanto per uno (Dettope pagare "alla romana", cioè, un tanto ciascuno)

C

Can che abbaia nun morde (Cane che abbaia non morde)
Ccarta bbuttata è ccarta ggiocata (La carta fatta vedere è da considerare come giocata)
Ce stanno du tipi de donna: le zoccole e le pure. Le zoccole, so zoccole; le pure, pure (Ci sono due tipi di donne: le meretrici e le pure. Le meretrici sono doccacce; le pure, anche)
C'entra perché ce cape (Ci entra perché si ficca)
Chi alleva un fijo l'alleva matto, chi alleva un porco l'alleva grasso (Chi alleva un figlio lo cresce matto, chi alleva un maiale lo cresce grasso)
Chi bazzica cor zoppo 'mpara a zzoppicà (Chi cammina con lo zoppo comincia a zoppicare)
Chi caca su la neve poi se scopre (Chi fa la popò sulla neve viene scoperto)
Chi c'ha er pane, nun c'ha li denti e chi c'ha li denti nun c'ha er pane (Chi ha il pane non ha i denti e chi ha i denti non ha il pane)
Chi c'ha i quattrini nun c'ha mai torto (Il ricco ha sempre ragione)
Chi ddà e ppoi richiede, San Martino je taja er piede (A chi regala e poi rivuole indietro, San Martino gli taglia il piede)
Chi de speranza vive, disperato more (Chi di speranza vive, disperato muore)
Chi disse donna disse danno. Je dimo noi a lloro e lloro a nnoi (Dire donna è come dire danno. Così diciamo noi a loro e loro a noi)
Chi disse omo disse malanno (Dire uomo è come dire malanno)
Chi du bocche bacia una ne schifa (Chi bacia due bocche, di una prova disgusto)
Chi è bella se vede, chi è bona se sa (La bella si vede, la buona si conosce)
Chi ffa li conti senza l'oste, li rifà ddu' vorte (Chi fa i conti senza l'oste poi li ripete)
Chi ggioca a llotto in ruvina va de botto (Il giocatore va di sicuro in rovina)
Chi llassa la via vecchia pe' la nova, mala via trova (Mai lasciare la via vecchia per la nuova)
Chi magna e caga sta come 'n papa (Chi mangia e digerisce sta da Papa)
Chi mena pe' pprimo mena du' vorte (Chi picchia per primo picchia due volte)
Chi nasce tonno nun po' mori' quadro (Chi nasce tondo non può morire quadro)
Chi nun sa ffinge nun sa regnà (Chi non sa fingere non può regnare)
Chi se serve da sé, è servito come un re (Chi si serve da solo fa per tre)
Chi s'inchina troppo, mette in mostra er culo (Chi troppo si inchina mette il sedere in bella mostra)
Chi sparte c'ha la mejo parte (Chi divide le parti si riserva la migliore per lui)
Chi tte fa più de mamma, o tte finge o tt'inganna (Chi ti dà più di tua madre, o finge o vuole ingannarti)
Chi tte loda in faccia te dice male dedietro a le spalle (Chi ti loda davanti, parla male di te alle spalle)
Chi va pe' 'sti mari, riccoje 'sti pesci (Frequentando certi posti si conosce quella gente)
Chi vva pe' fregà aresta fregato (Il truffatore spesso rimane frodato)
Chiude la stalla doppo che je so' scappati li bbovi (Chiude la stalla dopo che i buoi sono fuggiti)
Cicco me tocca e toccame Cicco ca mamma nun vede (Tu mi tocchi e io tocco te, tanto, mamma non c'è!)
Con affetto e sentimento, meno te vedo e mejo me sento (Con affetto e sentimento, meno ti vedo e meglio mi sento)
Contro la forza raggion nun vale (Contro la forza la ragione non può nulla)
Cosa rara, tiéttela cara (Una cosa rara va tenuta da conto)
Cristo nun mena mai co' du' bbastoni (Cristo non picchia mai con due bastoni)

D

Da un male ne viè un bene (A volte da un male arriva un bene)
Daje e ddaje pure li piccioni se fanno quaje (Dai e dai, anche i piccioni diventano quaglie)
Dentro 'a bbotte piccola ce sta er vino bono, ma 'n quella grossa ce ne sta de più (Nella botte piccola c'è il vino buono, ma in quella grande ce n'è di più)
Dimme co' chi vvai e tte dirò cchi ssei (Dimmi con chi vai e io ti dirò chi sei)
Dimme er Pantheon e no 'a Rotonna (Chamalo Pantheon e no rotonda)
Donna che move l'anca si 'n'è mignotta poco ce manca (Donna che cammina muovendo l'anca se non è una prostituta ci manca poco)
Donna de quarant'anni buttela ar fiume co' tutti li panni (Le donne di 40 anni vanno buttare nel fiume con tutti i vestiti addosso)

E

E donne so' mejo a letto che ar chilo (Le donne sono meglio a l-etto che al chilo - gioco di parole)
È mejo corto che attappa che lungo che sciacqua (È meglio corto quanto basta che lungo che avanza)
È mejo 'n culo callo 'n pansa che 'na pansa calla ar culo (È meglio avere un sedere caldo sulla pancia che una pancia calda dietro al sedere)
Er bisogno fa ffa' dde tutto (Lo stato di bisogno fa fare qualsiasi cosa)
Er cane mozzica sempre a 'o stracciarolo (Il cane morde sempre il poveraccio)
Er carbone o ttigne o scotta (Il carbone o tinge o è rovente)
Er core nun se sbaja (Il cuore non sbaglia)
Er giorno der Santo se fa la festa (Nella ricorrenza del Santo si fa la festa)
Er libbro der perché sta sotto er culo de Pasquino (Il libro della verità ancora deve essere stampato)
Er monno è ffatto a scarpette, chi se le caccia e chi se le mette (Il mondo è come le scarpe, chi le toglie e chi le calza)
Er pane de casa stufa (Le cose usuali stancano)
Er pesce grosso se magna er ciuco ( Il pesce grosso mangia il piccolo)
Er sordo che nun sente a prima voce, se vede che er discorso non je piace (Il sordo che non sente subito, si vede che non gradisce il discorso)
Er tempo arisana le piaghe (Il tempo guarisce le ferite)

F

Fa bene e scordate, fa male e penzace (Fai del bene e dimentica, fai del male e tienilo sempre in mente)
Fa' der bene all'asini che ce ricevi i carci in panza (Far del bene agli asini si ricevono calci nella pancia)
Faccia roscia, panza moscia (Viso arrossato - timido - non si procura da mangiare)
Fatte er nome e va' a rubbà (Una volta fatto un buon nome, poi si può andare a rubre)
Fidasse è bbene, nun fidasse è mmejo (Fidarsi va bene, ma non fidarsi è meglio)
Fìdate de la vorpe e der tasso, ma nun te fida' della donna dar culo basso (Meglio fidarsi della volpe e del tasso che della donna con il sedere basso)
Fidete der ricco impoverito e nun te fidà der povero arricchito (Fidati del ricco caduto in disgrazia, ma non ti fidare del pocero diventato ricco)
Fortunato in amor nun giochi a ccarte (Chi è fortunato in amore è meglio che non giochi a carte)
Fra ccani nun se mozzicheno (Cane e cane non si mordono)
Fra Modesto non fu mai Priore (Chi è umile non farà mai carriera)

G

Gallina che nun becca è ssegno ch'ha beccato (Gallina che non mangia è segno che ha già mangiato)
Giovine ozioso, vecchio bbisognoso (Chi non fa nulla da giovane, domani sarà un vecchio indigente)
Gira e rigira er cetriolo va sempre 'nculo all'ortolano (Gira e rigira il cetriolo va sempre nel sedere dell'ortolano)
'gni Santo cià la su' festa (Ogni Santo ha il suo giorno di festa)
Gnisuno semo nati imparati (Nessuno nasce già imparato)

I

In gioventù er casino, in vecchiaia Cristo e vino (Da giovani scapestrati, da vecchi rinsaviti)
In tempi de guera, ogni buco è 'na trincea (In tempo di guerra qualsiasi anfratto va bene come riparo)
In tempi de guera, ogni mazza 'en fucile (In tempo di guerra ogni cosa diventa un'arma)
In tempo de carestia, ogni buco è galleria (In tempo di crisi anche le cose più piccole hanno un grande valore)
In tera de cechi, beato chi c'ha 'n occhio (Dove tutti sono ciechi è fortunato chi ha un occhio solo)
Indove c'è l'innocenza c'è la providenza (Dove c'è candore c'è benedizione)

L

La bocca nun'è che 'm bucetto, ma c'entra la casa co tutto er tetto (La bocca non è altro che un piccolo buco, ma ci entra la casa e tutto il resto)
La donna è come la castagna: bella de fora e drento la magagna (La donna è come la castagna: bella di fuori e dentro la pecca)
La gatta frettolosa fece li fii cechi (La gatta che aveva premura fece i figli ciechi)
La gatta frettolosa se piscia sui piedi (La gatta impaziente si fece la pipi sui piedi)
La jaglina fa gli uovo, e glio jaglio se lamenta (La gallina fa l'uovo e il gallo prova dolore)
L'amore nunn'è bbello si nunn'è litigarello (L'more non è bello se non è litigioso)
L'asino indove c'è ccascato una vorta nun ce casca più (Dove l'asino è inciampato una volta non cade più)
Lassa sta la serva, se poi arivà a la padrona (Lascia perdere le piccole cose se puoi avere le grandi)
Le bbelle pe' diletto, le brutte pe' dispetto (Le donne belle per il divertimento, le brutte per il matrimonio)
Le bucie cianno 'e gambe corte (Le bugie hanno le gambe corte)
Le donne cianno er core peloso (Le donne hanno i peli sul cuore)
Le donne cianno er pianto 'n saccoccia (Le donne hanno le lacrime facili)
Le scoregge puzzeno de più (I peti hanno odore sgradevole più di tutti)
Lenticchia beato er corpo 'n dò se inficca (Beato chi mangia le lenticchie)
L'erba der vicino.. s'a cura da solo (Il prato del vicino si cura da sé)
Li bbirboni co' li bbirboni vanno d'accordo (Tra mascalzoni c'è sintonia)
Li mejo bocconi sò der coco (I bocconi migliori sono del cuoco)
Li peccati de mastro Paolo li piagne mastro Pietro (Le colpe di uno le sconta un altro)
Li romani parleno male, ma penseno bbene (I romani parlano male ma pensano bene)
Li Santi novi caccieno li vecchi (I nuovi Santi cacciano quelli vecchi)
Li sordi che ariveno co' er trallarallà se ne rivanno cor lallerallero (Il denaro proveniente da facili guadagni altrettanto repentino andrà via)
Li sordi so' come li dolori. Chi cellà se li tiene (I soldi sono come i malanni, chi ce l'ha se li tiene)
L'occhio vo' la parte sua, fora che li cazzotti (L'occhio vuole la sua parte, fuorché i pugni)
L'omo senza la pansa è come er celo senza e stelle (L'uomo senza pancia è come il cielo senza stelle)
L'omo, pe' esse omo, a 'dda puzzà (L'uomo per essere tale deve emanare cattivo odore)
L'omo, pe esse omo, ha da puzzà (L'uomo per essere considerato tale deve puzzare)
L'ora de oggi, nun è quella de domani (L'ora di oggi non è quella di domani)
L'unica cosa bella de Milano è er treno pe' Roma (L'unica cosa bella che c'è a Milano è il treno per Roma)

M

Madre bbrutta fa li fiji bbelli (Da una mamma brutta nascono i figli belli)
Male nun fa, paura nun avé (Chi non fa del male non ha nulla da temere)
Matrimoni e vvescovati so' ddar cielo destinati (Matrimoni e incarichi di Chiesa sono destinati dall'Alto)
Mbè? Mbè fanno le pecore, e il lupo se le magna (Beh? beh, fanno le pecore e il lupo se le mangia)
Me dici 'a rotonda... e dimme er Panteon che nun te capisco (Mi chiedi la rotonda; ma chiamalo Pantheon, altrimenti non comprendo)
Mejo avé i carzoni rotti 'n culo, che er culo rotto dentro li carzoni (Meglio avere i pantaloni rotti dietro al deretano che il sedere rotto dentro i pantaloni)
Mejo che la pansa mia crepi che la bbontà de Ddio se sprechi (Meglio che la pancia scoppi piuttosto che la bontà di Dio venga sprecata)
Mejo dolor de bborsa che dolor de core (Meglio soffrire la povertà che per amore)
Mejo esse' amato che ttemuto (Meglio essere amati che temuti)
Mejo esse odiati che compatiti (Meglio essere odiati che commiserati)
Mejo faccia tosta, che panza moscia (Meglio fare la faccia tosta che avere la pancia vuota)
Mejo na gallina oggi che n'ovo domani (Maglio la gallina oggi che l'uovo domani)
Mejo povero onorato che ricco sputtanato (Meglio essere povero e stimato che ricco e screditato)
Mejo puzzà de vino che d'acqua santa (Meglio puzzare di vino che odorare di acqua santa)
Mejo svejasse cor culo gelato che co' 'n gelato ar culo (Meglio svegliarsi col fondoschiena gelato che con un gelato nel sedere)
Moje che se ggira ar fischio, p'er marito è solo rischio (Moglie che si gira al fischio, per il marito è solo un rischio)
Moreno ppiù agnelli che ppecore (Muoiono più giovani che anziani)
Morto 'n papa se ne un antro (Morto un papa se ne elegge un altro)

N

'Na donna struita, è peggio de na minestra salata (La donna istruita è peggio di una minestra salata)
'Na mela fracica ne guasta cento bbone (Un frutto marcio ne guasta cento sani)
'Ndove c'è gusto nun c'è perdenza (Dove c'è gusto non c'è perdita)
'Ndove nun c'è er guadambio, la remissione è ccerta (Dove non c'è guadagno la perdita è certa)
Necessità nun cià legge (Lo stato di necessità supera ogni regola)
Noi romani l'aria der menefrego l'avemo avuta concessa da Cristo (Noi romani l'arte del me ne frego l'abbiamo avuta in dono da Gesù)
Non sputà in celo che te ricasca 'n bocca (Von sputare in cielo perché ti torna indietro)
Nu' spoja' 'n artare pe' vestinne 'n antro (Non sguarnire un altare per decorarne un altro)
Nun è villano chi a la villa nasce, ma è villano chi de villania se pasce (Maleducato non si nasce ma si diventa)
Nun se buggera er cantaro (Non si truffa l'imbroglione)
Nun se rubba a casa dei ladri (Non si va a rubare in casa dei ladri)
Nun te fa' cantone che te pisciano addosso (Non restare immobile come un cantone altrimenti gli altri ti fanno pipi addosso)

O

O a Napoli 'n carozza o 'a macchia a fa' er carbone (O a Napoli in carrozza o in miniera a spalare carbone)
Ogni agnello ar su' macello (Ogni agnello va verso il suo macello)
Ognuno co' 'a farina sua ce fa li gnocchi che je pare (Con la propria farina ognuno fa la pasta che più gli aggrada)
Omo de panza, omo de sostanza (Uomo robusto, uomo forte)
Omo de vino nun vale 'n quatrino (L'uomo che si ubriaca non vale nulla)

P

Panza piena, nun pensa a panza vota (Il sazio non crede al digiuno)
Pe' cconosce 'na bona pezza ce vo' un bravo mercante (Per riconoscere il pregio di una stoffa ci vuole un mercante esperto)
Pe' cconsolasse abbasta guardasse addietro (Per rincuorarsi basta guardare chi sta paggio di noi)
Pe conosce bene 'a famija, prima 'a madre e poi 'a fija (Per conoscere bene la famiglia, prima la madre e poi la figlia)
Perdonà è dda omo, scordassene è dda bbestia (Il perdono è degli uomini, l'oblio è delle bestie)
Piano merlo che la fratta è lunga (Vai piano che la strada è lunga)
Piove o nun piove er papa magna (Qualsiasi cosa accada il ricco mangia sempre)
Piscia a lletto e ddice ch'ha ssudato (Fare la pipì a letto e dire che è sudore)
Poco e gnente j'è parente (Poco e nulla è la stessa cosa)
Porta aperta pè chi porta, chi nun porta parta pure (Ospitalità a colui che porta, se non porta se ne torna indietro)

Q

Quann'è vvizzio nun è ppeccato (Quando è vizio non è peccato)
Quanno er diavolo te lecca è ssegno che vvo' l'anima (Quanto il diavolo ti fa le moine vuol dire che vuole l'anima)
Quanno gli aseno nèn ò bbéve è nnùtile ca cìschi (Quando l'asino non ha sete è inutile che fischi)
Quanno la bocca magna e er culo renne, in culo alle medicine e a chi le venne (Quando c'è appetito e l'intestino funziona si fa a meno delle medicine)
Quanno te dice male mozzicheno pure 'e pecore (Il colmo della sfortuna)
Quanno te sveji co' quattro palle, er nemico è alle spalle (Quando ti svegli con 4 palle, il nemico è dietro di te)
Quello che nun strozza 'ngrassa (Ciò che non uccide fa vivere)

R

Rigala è mmorto, Donato sta pe' mmorì, Tranquillo se lo so' 'ngroppato e Pazienza sta ar gabbio (Regalo è morto, Donato sta per morire, Tranquillo è stato preso, e Pazienza sta in prigione)
Roma è 'na città devota, ogni strada un convento, ogni casa 'na mignotta (Roma è una città devota, ogni strada ha un convento, in ogni casa c’è una "buona donna")
Roma è santa, ma er su popolo boja (Roma è una città santa, ma la sua gente è canaglia)
Roma fu fatta un po' pe' vorta (Roma è stata costruita un poco per volta)

S

Sacco voto nun s'aregge dritto (Sacco vuoto non rimane in piedi)
Se mi nonno ciaveva le rote era 'na cariola (Se mio nonno aveva le ruote era una carriola)
Se mi nonno ciaveva le rote era 'n tramvai (Se mio nonno aveva le ruote era un Tram)
Se mi nonno ciaveva tre palle era 'n flipper (Se mio nonno aveva 3 palle era un Flipper)
Se stava mejo quanno se stava peggio (Si stava meglio quando si stava peggio)
Seee... e mo' se coce 'sto riso (Se... e quando tempo ci vuole per cuocere questo riso)
Sempre bbene nun po' anna', ssempre male nemmeno (Non si può essere sempre fortunati e nemmeno sempre iellati)
Si moro e poi arinasco prego Dio de famme rinasce a Roma mia (Se muoio e poi rinasco prego il Signore di farmi rinascere nella mia Roma)
Si nun è zuppa è pan bagnato (Se non è zuppa è pan bagnato - è sempre la stessa cosa)
Si nun sei re, nun fa' legge nova e lassa er monno come se trova (Se non sei re non promulgare nuove leggi e lascia il mondo come si trova)
Si Roma c'avesse er porto Napoli sarebbe 'n orto (Se Roma avesse il Porto, Napoli sarebbe in miseria)
So boni tutti a fa' i froci cor culo dell'antri (Sono tutti bravi a fare i gay col sedere degli altri)
Sordato che fugge è bbono per n'antra battaija (Il soldato che la scampa può essere utilizzato per un'altra guerra)
Sparagna sparagna, ariva er gatto e se lo magna (I risparmi dell'avaro se lo mangia il gatto)
Sta' colli piedi 'nde le scarpe tua (Metti i piedi nelle tue scarpe)
Stai a cazzo dritto che piove fregna (Rimani col pene eretto perché piovono vulve)
Su li gusti nun ce se sputa (I gusti non vanno criticati)

T

Tanto va la gatta al lardo che ce lascia lo zampino (Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino)
Tata e mmamma nun campeno sempre (La tata e la mamma non vivono in eterno)
Te fai come l'antichi che se magnaveno le cocce e buttaveno li fichi (Tu fai come gli antichi che se mangiavano le bucce buttavano li fichi)
Tira di più un pelo de fica che 'n carro de boi 'n salita (Traina più un pelo intimo di una donna che un carro trainato da buoi in salita)
Troppi galli a cantà, nun se fa mai giorno (Troppa gente a parlare, non si fanno mai i fatti)
Tutte le strade porteno a Roma (Tutte le strade portano a Roma)
Tutti galantommini ma la robba m'amanca (Tutti onesti, ma qui la roba manca)

U

U piru maturu casca senza tortùru (La pera matura cade da sola)
U porcu satollo rebbotica u troccu (Il maiale sazio mette la mangiatoia sottosopra)

V

Va in giro co 'na scarpa e na ciavatta (Va camminando calzando una scarpa ed una ciabatta)
Va in piazza e pija consijo, antorna a casa e ffa come te pare (Vai in piazza e ascolta ciò che ti dicono, dopo torna a casa e fai di testa tua)
Vale ppiù la bbona riputazione che ttutto l'oro der monno (Vale più la buona nomea di qualsiasi ricchezza)
Ve tenga mbarà e ve tenga puro perde (Devo insegnarvi sapendo che poi andrete via)
Vedé e nun toccà è 'na cosa da crepà (Vedere senza poter toccare è una cosa da morire)

Z

COMMENTI

Nome

Acquario Aeronautica Militare Animali Ariete Armi Astrologia Belle Bilancia Buddha Caccia Cancro Capricorno Carabinieri Charles Perrault Concorsi Divertenti Domande frequenti Esercito Italiano Esopo Facebook Favole Fedro fratelli Grimm Gemelli Guardia di Finanza Instagram La Fontaine Leone Luoghi Marina Militare Oroscopo Pesci Polizia di Stato Polizia Penitenziaria Proverbi Ricette Sagittario Scorpione Selma Lagerlof Snapchat Social Sport Storie Toro Trilussa Tristi Vere Vergine Video
false
ltr
item
2.3: I migliori proverbi romani in dialetto romanesco
I migliori proverbi romani in dialetto romanesco
Alcuni proverbi sono abbastanza intuitivi, per cui, facili da capire, mentre per altri c'è bisogno di più tempo per riflettere, ma tutti sono profondamente ispiratori.
http://1.bp.blogspot.com/-W5FD9_UgTIY/VdnMWVPxsTI/AAAAAAAAAM0/zU5hi6Tgi6Q/s320/Antica%2BRoma.jpg
http://1.bp.blogspot.com/-W5FD9_UgTIY/VdnMWVPxsTI/AAAAAAAAAM0/zU5hi6Tgi6Q/s72-c/Antica%2BRoma.jpg
2.3
http://www.duepuntotre.it/2015/08/i-migliori-proverbi-romani-in-dialetto.html
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/2015/08/i-migliori-proverbi-romani-in-dialetto.html
true
6528433828354979305
UTF-8
Nessun contenuto VEDI TUTTO Leggi tutto Rispondi Cancella Cancella di Home PAGINE POSTS Vedi tutto CONSIGLIATI TAG ARCHIVIO CERCA TUTTI I POSTS Nessun contenuto Vai alla home Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Diecmbre Gen Feb Mar Apr Maggio Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic adesso un minuto fà $$1$$ minuti fà un'ora fà $$1$$ ore fà ieri $$1$$ giorni fà $$1$$ settimane fà più di 5 settimane fà Followers Follow CONDIVIDI PER SBLOCCARE QUESTO CONTENUTO Condividi Copia Seleziona Copiato! Impossibile copiare, clicca [CTRL] + [C] (o CMD+C per Mac) per copiare