$show=search

$show=label

La storia di uno scalpellino (da un'antica leggenda cinese)

Accontentarsi di ciò che siamo e di ciò che abbiamo è la chiave della felicità. Il desiderio di avere di più ci porta ad essere per sempre insoddisfatti.

La storia di uno scalpellino (da un'antica leggenda cinese) Un'antica leggenda cinese racconta la storia di un maestro di scalpello che era sempre insoddisfatto di sé stesso e della sua posizione nella società.

Un giorno, lo scalpellino passò davanti alla casa di un facoltoso mercante e attraverso la porta aperta vide all'interno molti oggetti preziosi e ospiti importanti. "Deve essere una persona molto potente questo commerciante", disse tra sé lo scalpellino. Era invidioso delle ricchezze di quell'uomo. Pensò che se anche lui fosse un mercante, non avrebbe più vissuto una misera vita da tagliapietre.

Con sua grande sorpresa, improvvisamente, diventò un mercante. Cominciò a godere dei lussi e del potere più di quanto avesse mai sognato; fu invidiato e detestato da quelli meno ricchi di lui. Ben presto, però, notò un alto funzionario che passava su una portantina accompagnato dai servitori e scortato da un plotone di soldati che battevano un gong. Tutti quanti si inchinavano al suo passaggio, senza distinzione, per quanto ricchi fossero. "È molto potente questo Ufficiale!" Disse, desiderando: "Vorrei poter essere un alto funzionario come lui!"

Dunque, diventò un alto funzionario. Fu portato dappertutto a bordo della sua elegante portantina intarsiata e decorata in oro; fu temuto e odiato dalla popolazione locale che dovevano inchinarsi davanti a lui mentre passava. Poi, in un'afosa giornata d'estate, il funzionario si sentiva molto a disagio in quella sua portantina tutta appiccicosa. Alzò lo sguardo verso l'alto. Il sole brillava orgogliosamente nel cielo dominando con la sua presenza. "Come è potente il sole!" Disse, fantasticando: "Mi auguro che possa diventare il sole!"

Quindi, diventò il sole. Cominciò a splendere in modo feroce sulla gente, bruciando i campi; fu bestemmiato dagli agricoltori e dai lavoratori. Di lì a poco, una enorme nuvola nera si frappose fra lui e la terra facendo in modo che la sua luce non potesse più brillare sotto di essa. "Come è potente questa nube!" Disse, immaginando: "Magari potessi essere una nuvola!"

Allora, diventò una nuvola. Piovendo, inondò i campi e i villaggi; fu maledetto da tutti. Ma ben presto notò di essere spinto via da una grande forza, si rese conto che era il vento. "Quanto è potente!" Disse, bramando: "Vorrei essere il vento!"

E diventò il vento. Cominciò a soffiare facendo volare via le tegole da sopra i tetti delle case e sradicando alberi; fu odiato e temuto da tutti quelli che gli capitavano a tiro. Ma dopo un po' si accorse che c'era qualcosa che gli resisteva nonostante soffiasse con quanta forza aveva in corpo. Era una grande montagna. "Come è potente questa roccia!" Disse, sognando: "Ah, se potessi essere una montagna!"

Diventò una enorme montagna di pietra, la materia più potente di qualsiasi altra cosa al mondo. Ma, mentre se ne stava quieto, a un tratto sentì il suono di un martello che batteva su uno scalpello nella sua solida roccia; si sentì infastidito. "Che cosa ci può essere più potente di me, che sono la pietra?" Pensò. Poi, guardando in basso, vide sotto di lui la figura di un maestro di scalpello.

COMMENTI

Nome

Acquario Aeronautica Militare Animali Anonimo Ariete Armi Astrologia Belle Bilancia Buddha Caccia Cancro Capricorno Carabinieri Charles Perrault Concorsi Divertenti Domande frequenti Esercito Italiano Esopo Facebook Favole Fedro fratelli Grimm Gemelli Guardia di Finanza Instagram La Fontaine Leone Luoghi Marina Militare Oroscopo Paulo Coelho Pesci Polizia di Stato Polizia Penitenziaria Proverbi Ricette Sagittario Scorpione Selma Lagerlof Snapchat Social Sport Storie Toro Trilussa Tristi Vere Vergine Video Vigili del Fuoco
false
ltr
item
2.3: La storia di uno scalpellino (da un'antica leggenda cinese)
La storia di uno scalpellino (da un'antica leggenda cinese)
Accontentarsi di ciò che siamo e di ciò che abbiamo è la chiave della felicità. Il desiderio di avere di più ci porta ad essere per sempre insoddisfatti.
https://4.bp.blogspot.com/-grjVRrFUr6w/WKcTE4oCtBI/AAAAAAAAFvE/K5JVbl2tIWo8NsNCyHtyLA2UocdNergxQCLcB/s320/stonecutter.jpg
https://4.bp.blogspot.com/-grjVRrFUr6w/WKcTE4oCtBI/AAAAAAAAFvE/K5JVbl2tIWo8NsNCyHtyLA2UocdNergxQCLcB/s72-c/stonecutter.jpg
2.3
http://www.duepuntotre.it/2017/02/la-storia-di-uno-scalpellino-da.html
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/2017/02/la-storia-di-uno-scalpellino-da.html
true
6528433828354979305
UTF-8
Nessun contenuto VEDI TUTTO Leggi tutto Rispondi Cancella Cancella di Home PAGINE POSTS Vedi tutto CONSIGLIATI TAG ARCHIVIO CERCA TUTTI I POSTS Nessun contenuto Vai alla home Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Diecmbre Gen Feb Mar Apr Maggio Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic adesso un minuto fà $$1$$ minuti fà un'ora fà $$1$$ ore fà ieri $$1$$ giorni fà $$1$$ settimane fà più di 5 settimane fà Followers Follow CONDIVIDI PER SBLOCCARE QUESTO CONTENUTO Condividi Copia Seleziona Copiato! Impossibile copiare, clicca [CTRL] + [C] (o CMD+C per Mac) per copiare