$show=search

$show=label

Antologia di antichi proverbi e detti pugliesi

Raccolta dei più bei proverbi e modi di dire nella tradizione popolare degli abitanti della Puglia.

Antologia di antichi proverbi e detti pugliesi Antologia di antichi proverbi e detti in dialetto pugliese: andriese, barese, barlettano, brindisino, foggiano, leccese, salentino, tarantino e tranese, con sotto (tra parentesi), la traduzione in italiano, raggruppati in ordine alfabetico dalla A alla Z.

Tradizioni popolari e saggezze della Regione Puglia:

A

'A carne se jette e i cane s'arraggene
(La carne si butta via e i cani si arrabbiano)

A cavadde gastemate 'nge lusce 'u pile
(Al cavallo bestemmiato gli brilla il pelo)

'A chese de puverjille nen manghe mé 'nu stuzzarjille
(Nella casa dei poveracci non manca il pane)

'A chese de sunatüre nen ce portene serenete
(A casa di suonatori non si fanno serenate)

'A chese stace à tàvele ch'i ciàmbe a l'arie
(In casa c'è il tavolo con le gambe all'aria - non abbiamo da mangiare)

A chi dé, a chi combromette
(a chi favorisce e a chi osteggia)

A chi nen töne fìgghje, nen dumannànne fùche e cunzìglje
(Da chi non ha figli non chiedere da accendere e nemmeno consigli)

A chiagne 'u murte sonde lacreme perze
(A piangere il morto sono lacrime inutili)

A cicere a cicere s'enghje 'a pegnate
(Cece dopo cece si riempie la pentola)

'A cöse ammuccete, nen cheche la mòsche
(Sopra le cose nascoste la mosca non va a farci i propri bisogni)

'A cunfedenze jì 'a mamma d'a mala crianze
(La confidenza è madre di maleducazione)

'A fatìghe se chìame kecòzze e a me nen me 'ngòzze!
(La fatica si chiama zucca e io non ne mangio)

'A femmene cattìve chiànge 'u muerte e ppenze o vive
(La donna cattiva piange il morto e pensa al vivo)

'A femmene iè accüme 'a castagne, quande 'a jepre truv'a majagne
(Le donne sono come le castagne, quando le apri trovi i difetti)

'A fertùne è 'na scazzètte: chi s'a lève e chi s'a mètte
(La fortuna è come un berretto: chi se lo mette in testa e chi invece lo leva)

'A figghja môpe 'a mamme 'a 'ntende
(La figlia muta la comprende sua madre)

'A gallina face l'uve e 'o galle 'i 'duscke 'u cule
(La gallina fa l'uovo e al gallo brucia il sedere)

'A gatta d'a despenze, cum'èje accussì pénze
(La gatta di dispensa, come agisce così pensa)

'A gatte, pà frette facije i figghje cìche
(La gatta per avere fretta fece i figli ciechi)

'A Madonna 'u sàpe chi tene 'i recchjne
(La Madonna sa bene chi ha gli orecchini)

'A morte 'e Crìste, 'a feste i giudüje
(La morte di Cristo è festa per i giudei)

'A precessiòne se ferme e 'a cere se strùje
(La processione non va avanti ma intanto il cero si consuma)

'A pulende, prüme t'abbòtte e po' t'allende
(La polenta, prima ti riempie e poi ti svuota)

A quande è murte 'a crejature nen sime chiù cumbare
(Da quando è morta la bambina non siamo più compari)

A quill' 'u lard l'è 'rruàte 'nganne
(A quello il lardo gli è arrivato fino alla gola)

A strigghjé 'u ciócce ce perde tjimbe, acque e sapóne
(A lavare la testa all'asino, si perde il tempo, l'acqua e il sapone)

'A vite è 'n'affacciate de fenestre
(La vita dura quanto un'affacciata di finestra - è breve)

Abbìtue 'u cüle quànne sté süle
(Abitua il didietro a controllare i peti quando sei solo)

Accüme me pajàbbe, acchessì te pettàbbe
(come mi hai pagato, così ti ho dipinto)

Addò lìive e non reffùnne, oggne e ccose iàcchie 'u fùnne
(Dove togli e non metti di nuovo, qualsiasi cosa tocca il fondo)

Addummànne a l'acquarule si l'acque è fresche
(Domanda al venditore se la sua acqua è fresca)

Agghia fa crocia nere
(Devo fare croce nera - non ci devo pensare più)

Ajire casa case, ogge mizz'a case
(Ieri casa per casa, oggi in mezzo alla casa)

Allòre ije parle giargianese?
(Ma allora io parlo giargianese? - linguaggio incomprensibile)

Amme perze a Felippe e pure 'u panare
(Abbiamo perso Filippo ed anche il paniere - succede quando si vuole troppo)

Angòra avìssa cadé
(Stai attento che potresti cadere)

Arezzeriàmo i fìrre
(Raccogliamo i ferri)

Aria nette nen tene paure de sajette
(L'aria limpida non ha paura dei fulmini - Chi ha la coscienza pulita non teme nulla)

Armàmece e partìte
(Armiamoci e partite)

Arravùgghje e camìne
(Riavvolgi e riparti)

Articule quìnde, chi tene mmane ha vìnde
(Articolo quinto, chi è di mano ha già vinto)

Attàkke 'u ciùccie a 'ndo vòle 'u padrùne
(Lega il somaro dove dice il padrone)

A'vucjille jìnd'a caggiöle nen cànde p'amöre ma pe' ràgge
(L'uccellino nella gabbia non canta per amore, ma per rabbia)

Nella foto: un tamburello, lo strumento utilizzato per la pizzica-pizzica salentina e per la famosa danza tarantina chiamata: Taranta.

B

Belle e bùne se n'è jùte
(Improvvisamente se ne è andato)

Brutte de facce bone de core
(Brutto di viso ma buono di cuore)

C

Cagnà l'acque all'aulìve
(Cambiare l'acqua alle olive - l'atto della minzione)

Canàte, fàccia lavàte; sròche e nnòre, spina cammaràte
(La cognata ha la faccia lavata; suocera e nuora, sono spine velenose)

Cande tu che 'a 'nnammuràte è sorde
(Canta pure, tanto, l'innamorata è sorda)

Ce l'ammìdie ieve tìggne tutte 'u munne ieve teggnùse
(Se l'invidia tingesse, tutto il mondo sarebbe tinto)

Ce sìme assettàte sazzie e avezàte dejùne
(Ci siamo seduti sazi e ci alziamo digiuni)

Cecernelle vuleve vuleve, nen zapeve ché vvuleve
(Cicerenella aveva voglia di qualcosa, non si sapeva di che cosa)

Che 'se dic'? Ca la saard' s'ha mangiat' l'aalisc'
(Vuoi sapere che cosa si dice? Che la sarda s'è mangiata l'alice)

Che tìne, 'a cialànghe?
( Hai tanta fame?)

Chedda, assemmegghje 'a vecchja pedùcchje pedùcchje
(Quella, somiglia alla vecchia pidocchi-pidocchi - quella parla sempre)

Chi belle vole parì, l'ùsse e 'a pelle l'hanna dulì
(Chi bello vuole apparire, le ossa e la pelle gli devono dolere)

Chi ce pòngeche jesse före
(Chi si punge esca fuori)

Chi ce vé a còleche p'i criatüre, ce jàveze p'u cüle cachete
(Chi si va a letto con i bambini si ritrova col sedere nella cacca)

Chi cumbjatisce a carne de l'ate, a söve ci 'a màngene i chene
(Chi prova compassione per la carne degli altri, la sua la mangiano i cani)

Chi cummerce cambe e chi fatiche more
(Il commerciante guadagna e vive bene, il lavoratore muore di fame)

Chi cüse e scüse nen perde mé tjimbe
(Chi cuce e scuce non perde il suo tempo)

Chi è fesse, stesse alla chese
(Chi è fesso, che non esca di casa)

Chi lasse pene e càppe, ueje angappe
(Chi non porta con sé pane e mantello, va incontro a dei guai)

Chi magne gallucce e chi 'gnotte velene
(Chi mangia galletti e chi inghiotte veleno - a Feragosto, nel foggiano si regalava il popolare "galluccio")

Chi manegge, festegge
(Chi possiede, festeggia)

Chi me battêzze m'ê cumbàre
(Colui che mi battezza mi è compare - Chi mi dà da mangiare è mio padrino)

Chi paghe prìme è male servìte
(Chi paga in anticipo è male servito)

Chi parle 'mbacce nen eje chiamate tradetore
(Chi parla in faccia non viene chiamato traditore)

Chi patìsce, capìsce
(Solo chi ha sofferto può capire le sofferenze degli altri)

Chi peggre se fasce, 'u lupe se la mange
(Chi di pecora si veste, il lupo se lo mangia)

Chi spute 'ngile 'mbacce li vene
(A chi sputa in cielo, in faccia gli torna)

Chi tarde arrive male allogge
(Chi arriva in ritardo alloggia male)

Chi tene 'i mane 'nda farìne n'i cacce pulite
(Chi tiene le mani nella farina, non le tira fuori pulite - generalmente è inteso al politico)

Chi tene magne e chi nen tene magne e veve
(Chi possiede mangia e chi non ha nulla mangia e beve)

Chi tire assaje, 'a zôche se spezze
(Chi tira troppo, la corda si spezza)

Ci amme truvàte 'mmizze a 'nu cùrra cùrre
(Ci siamo trovati nel centro di un fuggi-fuggi)

Ci te vete 'mbecàte te vene ttrà le pìite
(Chi ti vede appeso ad una corda viene a tirarti i piedi)

Ci tene terrìse sembe conde, ci tene megghiera bbone sembe cande
(Chi possiede denaro conta sempre, chi ha una bella moglie canta sempre)

Cìtte cìtte ammjizze la chiàzze
(Zitto zitto, in mezzo alla piazza - arrivato in sordina)

Cìtte tó e cìtte jüje
(Zitto tu e in silenzio io)

Cj'ho fatte quatt'öve ind'u piatte
(Si è messo quattro uova nel piatto)

Cocchedùne v'ha menàte 'u malùcchije
(Qualcuno vi ha buttato il malocchio - vi ha fatto una fattura)

Coji l'acqua quannu chiove
(Conserva l'acqua quando piove)

Crìsce sànde, che dijàvele ce sinde
(Cresci santo, perché diavoletto ci sei già)

Cum'eje 'u suldàte accussì è 'u fucile
(Come è il soldato, uguale è il fucile)

D

Da patrune de bastimente a varc' affitte
(Da padrone di bastimento a barche in affitto)

Da 'u male fategànde esce 'u megghje cumandànde
(Da un cattivo lavoratore esce il comandante migliore)

Da 'u mbriàeche puete avàie 'nu bbecchiere de mìere, da 'u canareute nam buete avàie nu mùezzeche
(Da un ubriaco puoi ricevere un bicchiere di vino, dal goloso non avrai un morso - di pane)

Ddìie ceca n'uocchie, probbia a cchi nn' tene une
(Dio acceca l'occhio proprio a chi ne tiene uno solo)

De 'na mamma cammara nu' te pijare mai la fija, ca ci nu' tutta cammara, alla mamma se ssamija
(Da una madre "facile" non sposare la figlia, perché se non è poco seria, le somiglia)

Deceve l'elefande: "ogne e ppìcche ggiòve", e se 'gnetteve 'na mòsque
(Diceva l'elefante: "Anche il poco giova", e ingoiava una mosca)

Deceve tatà granne: "nessciùne bbene dure cìind'anne"
(Diceva mio nonno: "niente dura cento anni")

Desìggne de poverìidde non arriesscene mà
(I sogni dei poveri non si avverano mai)

Disce la cambbàne de Manfredònie: "Damme ca te dogghe"
(Disse la campana della Chiesa di Manfredonia: "Dammi che ti do" - dare e ricevere come il din-don della campana)

D'o male pagatore acciaffe quille che puje
(Da un cattivo pagatore accontentati di ciò che riesci a prendere)

D'ogne tempeste vene 'a fine
(Ogni tempesta ha la sua fine)

Duje pìde nda 'na scarpe
(Due piedi in una sola scarpa)

E

È belle ma n'abbàlle
(È bello ma non sa ballare)

È carne aggiùnde
(È carne in più)

'E fatti i cunde senz'u tavernere
(Hai fatto i conti senza l'oste)

È jute abbàsce fertùne
(E' caduto in bassa fortuna - è terminato il periodo fortunato)

È jute p'avé e iè rumaste da dà
(È andato per ricevere e si è ritrovato a dare)

È megghje a farte 'nu vestite che 'na magnàte
(È meglio comprarti un vestito che darti da mangiare)

È megghje esse curnute e nò male sendute
(È meglio essere cornuti che mal compresi)

'E menate 'a prete e t'é 'mmucciate 'a mane
(Hai lanciato il sasso ed hai nascosto la mano)

È 'nu magnapane a trademìnde
(È uno che mangia pane a tradimento - di nascosto)

È tutte fume e nìnde arrùste
(È solo fumo senza arrosto)

F

Fa male e pinze, fa bene e scùrde
(Fai del male e pensaci, fai del bene e scordalo)

Fa quille che te dike e no quille che fazze
(Fai ciò che ti dico e non quello che faccio)

Face chiù meracule 'na votte de vine ca 'na chiese de Sante
(Fa più miracoli una botte piena di vino che una chiesa piena di Santi)

Face 'u dijàvele a quatte
(Sta facendo il diavolo a quattro)

Fatìghe poke e quelle che e fa, faccele fa a l'ate
(Lavora poco, e se proprio devi fare, fallo fare agli altri)

Fatte, cutte e magnàte!
(Preparate, cotte e mangiate - le cose fatte in fretta)

Femmene a fenestre, poca menestre
(La donna che se ne sta alla finestra, fa poca minestra)

Femmene baffùte è sembe piaciute
(La donna in carne è sempre piaciuta)

Fete 'a cane murte
(puzza di cane morto)

Figghje, parînde e nepute quille che faje eje tutte perdute
(Ciò che si fa per i figli, parenti e nipoti è tutto perduto)

Fine che 'u midiche studie 'u malate môre
(Fino a che il medico riesca a capire, intanto il paziente muore)

Frìscke a l'aneme d'u Purgatòrie
(Siano rinfrescate le anime del Purgatorio - si esprime in seguito ad una "grazia" ricevuta)

Frìscke de recchje a mana drìtte: sacca rikke e core afflìtte
(Il fischio all'orecchio del lato destro indica la tasca piena di soldi e problemi di cuore)

G

Gennaje frìdde e fame
(A gennaio arriva il freddo e la fame)

Gese Criste dace 'u pàne a chi nen tene i dìnde
(Gesù Cristo dà il pane a chi non ha denti)

Gese Criste 'i face e 'a Madonne l'accocchje
(Gesù Cristo li crea e la Madonna li mette assieme)

H

Ha da jì scàveze a Madonne I'ngurnàte!
(Si deve andare scalzi fino alla Madonna dell'Incoronata)

Ha dìtte 'mbàcce a me
(Mi ha parlato in faccia)

Ha fatt 'u dijàvele a quatte
(Ha fatto il diavolo a quattro)

Ha pigghiàte asse pe fegùre
(Ha preso asso per figura - si è confuso)

Ha pigghiàte 'u cape abbàsce
(Si è lanciato a capo sotto)

Hai spititiato
(Hai fatto un peto - hai scoreggiato)

Hamme fatte cule rutte e pena pagate
(Ci ritroviamo col fondoschiena rotto e la pagata la pena - cornuti e mazziati)

Hamme fatte cum'è quilee che jochene e perdene
(Ci ritroviamo come quelli che hanno giocato ed hanno perso)

Hamme mesckate cenere e panne lurde
(Abbiamo mescolato la cenere con i panni sporchi)

Hamme miss' 'u còre 'ndo 'u zukkere
(Abbiamo messo il cuore nello zucchero)

Hamme rufuste l'uglje 'nd'a lambe
(Abbiamo rifuso l'olio nella lampada)

He fatte stu belle accatte
(Hai fatto questo bell'acquisto)

I

I cane, 'a càrne lora s'àlleccano, quelle de l'àte 'à stràzzane
(I cani, la loro carne loro la leccano, quella degli altri la strappano)

I chjàcchjere s'i porte 'u vinde
(Le chiacchiere inutili se le porta via il vento)

I cose che nen ze fànne nen ze sànne
(Ciò che non si fa non si sa)

I cund da' sera nen ze trovano ke quille da' matine
(I conti che si fanno di sera non si trovano con quelli della mattina successiva)

I fatte d'a pegnete 'i sape 'a cucchiere
(I fatti della pentola li conosce il mestolo)

I ferlìzze annànze e 'i segge arrete
(Le pagliuzze davanti e le sedie indietro)

I fesse perfette frìsckano a tavule e càntane a letto
(I perfetti idioti fischiano a tavola e cantano a letto)

I funge a rocchie e i fesse a cocchie
(I funghi a gruppi e i fessi uguale)

I gemende t''i trùve 'nanze pe' 'nanze
(I problemi li trovi davanti il cammino)

I megghje affare so' quìlle che nen ze fanne
(Gli affari migliori sono quelli che non si fanno)

I pettele che nen se fanne a Natale nen se fanne nemmene a Capedanne
(Le usanze che non vengono rispettate a Natale non verranno rispettate nemmeno a Capodanno)

I solde fanne aprì l'ucchie e' cecate
(Il denaro fa tornare la vista ai ciechi)

I solde pungekeine
(I soldi punzecchiano - stimolano a comprare)

Ije ce mettarrìje 'a firme
(Io ci metterei la firma - ne sono certo)

Ije dike "Agghje" e quìlle responne "cepòlle"
(Dico "aglio" e lui mi risponde "cipolla" - quando ci rispondono fuori tema)

J

Jìnere e nepùte: tutte quelle che faje è perdùte
(Generi e nipoti, tutto quello che si fa per loro è perduto)

K

Kernùte cundende
(Cornuto e contento)

Kernùte e mazzijate
(Cornuto e bastonato)

L

La cose ca non ze mesùre, pìcche tìimbe adùre
(Ciò che non si misura poco tempo dura)

La lacerte disse: Tutte 'u munne iè chiappe
(La lucertola disse: Tutto il mondo è un cappio)

La mamma fasce le figghie e la vecìne le marìte
(La madre cresce le figlie e la vicina le trovano il marito)

L'anema triste nen 'a vole manche Criste
(L'anima nera non la vuole nemmeno Cristo)

L'arte iè ciardìne: ce nen accuegghie la sere, accuegghie la matìne
(L'arte è come un giardino: se non raccogli la sera raccogli al mattino)

Lassàme 'u mùnne cume se trove
(Lasciamo il mondo così com'è)

Le ciùcce s'arràghene e le varrìle se sfàsscene
(Gli asini bisticciano e i barili da soma si rompono)

L'ha candàte tutte quande 'u calannàrie
(Gli ha nominato tutti i santi del calendario)

Lìve 'u cane e lìve 'a ragge
(Eliminando il cane si rimuove la rabbia)

Lùne sule fu ggiùste e fu mise 'n'gròsce
(Uno solo fu giusto e fu crocifisso)

Lùnge 'u uàsse ca la ròte camìne
(Ingrassa l'asse e la ruota cammina)

L'uteme pizze adda' esse 'a recchie
(L'ultimo pezzo è l'orecchio)

M

Magne a quatte ganasce
(Mangia a quattro ganasce - ha molta fame)

Male nen facenne, paura nen havenne
(Chi non fa del male non ha nulla da temere)

Mannagge a sande nìnde
(Mannaggia il santo di nulla)

Maria ceràse parle 'ndò esce e 'ndò tràse
(Maria ciliegia parla dove esce e dove entra)

Mast' Andreje, 'u fìgghje arròbbe e 'u padre carreje
(Mastro Andrea, il figlio ruba e il padre porta a casa)

Maste a ucchiu maste cappucchiu
(Mastro a occhio, mastro "ad capocchiam")

Maste Frangìsche ìsse s'a cànde e ìsse s'a frìsche
(Mastro Francesco lui se la canta e lui se la fischia)

Mazze e panelle fanne i figghje belle, panelle senza mazze fanne i figghje pazze
(Sberle e carezze fanno i figli belli, sberle senza carezze fanno i figli pazzi)

Meggh'j no dé a lanter'n 'men 'o c'chet
(È meglio non mettere la lanterna in mano all'orbo)

Mègghje sùle che male accumbagnàte
(Meglio andare da soli che stare in cattiva compagnia)

Mò me leve 'i prete dà indà à 'i scarpe
(Adesso mi tolgo le pietre dalla scarpa)

Mundagne e mundagne nen se 'ncondrene maje
(Due montagna non si incontreranno mai)

N

'Na femmene e 'na pàbbere arrebbellàrene Nàpule
(Una donna e una papera misero Napoli sottosopra)

'Na femmene, 'na pàbbere e 'nu puerche fàscene reveldà 'nu paìse
(Una donna, una papera e un porco fanno rivoltare una città)

'Na mane lave n'ate e tutt' e ddòije làvene 'a facce
(Una mano lava l'altra e tutte e due lavano la faccia)

'N'a porte se chiude e 'nu purtone s'apre
(Si chiude una porta e si apre un portone)

'Na vòte passe l'àngele e dìce amen
(Una volta passasse l'angelo e dicesse amen - indirizzato a chi non è mai contento di niente: Due Punto Tre)

N'agghje fatte a 'timp a dice: "Crìste, ajuteme"
(Non ho fatto nemmeno in tempo a dire: "Cristo aiutami")

Natàle k'u sole e Pasque k'u ceppòne
(Natale con il sole e Pasqua con il ceppo)

'Nd'a case d'i puverille nen manchene stozzere
(Nella casa dei poveri non mancano tozzi di pane)

'Nda 'na recchje 'ì trase e 'nda n'ate 'ì esce
(Da un orecchio gli entra e dall'altro gli esce)

'Ndàne 'ndàne 'u rùtte porte 'u sane
('Ndane 'ndane lo zoppo porta il sano)

'Ndo' tanda galle càndene nen face maje jùrne
(Dove cantano molti galli non fa mai giorno)

Nen ce sepe tenì 'u cecere mòcche
(Non sa tenere un cece in bocca - non sa mantenere un segreto)

Nen facìte chi figghije e chi figghjàstre
(Non fate a chi figli e a chi figliastri)

Nen fàri 'u capuzzìlle
(Non fare il dispotico)

Nen genne state né sande e né Madònne
(Non ci sono stati né santi e né Madonne - non è stato possibile)

Nen mettènne a carne 'nd'a vùcca d'u lupe
(Non mettere la carne nella bocca del lupo)

Nen scungianne 'u cane che dorme
(Non stuzzicare il cane che dorme)

Nen tene pagghje p'a ciùcce sùje
(Non possiede la paglia nemmeno per la sua asina)

Nen zape a'ndò ha da sbatte 'a cape
(Non sa dove deve sbattere la testa)

Nen z'è fatte né càvede né frìdde
(Non si è fatto né caldo e né freddo - è rimasto impassibile)

Nen ze vole luà 'u cappìlle 'nnanze a nesciùne
(Non si vuole togliere il cappello davanti a nessuno)

Nen z'ha magnàte 'u maccaròne
(Non s'è mangiato il maccherone - non ci ha creduto)

Nesciune nasce 'mbaràte
(Nessuno nasce già imparato)

'Nu padre cambe a cinde figghje e cinde figghje nen ponne cambà 'nu padre
(Un padre riesce a sfamare cento figli e cento figli non riescono a sfamare un padre)

O

'O megghie amìche 'a megghia petràte
(All'amico migliore va la sassata migliore)

Oggne e bbene da la terre vene
(Qualunque bene arriva dalla terra)

Ogne lassàte iè pèrze
(Ogni cosa lasciata è perduta)

Ogni mistieri iè latru
(Ogni professione è ladra)

Ome vasce e femmena chjàtte hè fa tre vote 'u patte
(Con l'uomo basso e la donna grassa ci devi pattuire per tre volte)

P

Pàrle d'u dijavele e spòndene 'i corne
(Mentre si parla del diavolo sbucano le corna)

Parle proprie cume nu lìbre strazzàte
(Parla proprio come un libro strappato)

Pigghiete 'u bune jurne cume vene che i malamende nen manghene
(Prenditi il giorno buono quando arriva perché quelli cattivi non mancano mai)

Prevla sp'zzata, uva arrubbuata
(Se il pergolato è spezzato vuol dire che l'uva è stata rubata)

Pure le pùdece tenene la tosse
(Anche le pulci hanno la tosse - anche gli inetti fanno la voce grossa)

Pure 'u pìcche aggiòve
(Anche il poco aiuta)

Q

Quande 'a gatte nen ge stace ì zocchëlë abbàllane
(Quando la gatta non c'è i sorci ballano)

Quande 'a gatte nen pôte arruva' o larde dice ck'eje de rangete
(Quando il gatto non riesce ad arrivare al lardo dice che è rancido)

Quande se jette 'a carne, se jette pure 'u bròde -
(Quando si butta via la carne si butta anche il brodo)

Quande 'u ciucciu nen bole camina avoia lu tiri
(Se l'asino non vuole camminare non c'è verso di tirarlo)

Quande 'u diavele t'accarezze vôle l'aneme
(Quando il diavolo ti accarezza significa che vuole la tua anima)

Quande 'u povere dace o ricche 'u diavele s'a rire
(Quando il povero dona al ricco, il diavolo è contento)

Quande 'u vove non vole arà, tutte le sscìue 'nge pàrne sterte
(Se il bue non vuole arare qualsiasi giogo gli va stretto)

Quandu lu ceddrhu pizzica la fica, l'occa ni rimane doce doce
(Quando l'uccello becca il fico, la bocca gli rimane assai dolce)

Quanne 'u cùle men a vvinde, 'u mìdeke nen guadàgne nìnde
(Quando il sedere bombarda al vento, il medico non guadagna niente)

Quanne 'u cundemìnde iè poke, se ne vace p'a tijelle
(Se il condimento è poco sporca soltanto il tegame)

Quatte e ccìnghe: nove, fazze i cunde e nen me trove
(Quattro più cinque fa nove, faccio i conti ma non mi trovo)

Quìlle che sonde, tu hè esse; quìlle che sinde, ije fuje
(Ciò che io sono, tu lo sarai; quello che sei tu, io lo fui)

Quìlle è 'nu magna magna
(Laggiù c'è è un mangia-mangia)

Quille è 'nu stuppagliùse
(Quello lì è un furbone)

Quìlle nen magne pe' nen cacà
(Quel tizio non mangia per non andare al gabinetto)

R

Ricordate ca l'animale tene a rabbia e 'nu caz de controllu ma tie omu teni la rascione e lu controllu
(Ricordate che l'animale tiene la rabbia e niente controllo mentre tu uomo hai sia la ragione che il controllo)

S

Sacche vacànde nen ze resce m-bbìite
(Un sacco vuoto non si regge in piedi)

San Geseppe l'ha passàte 'u chjanùzze
(San Giuseppe ci ha passato la pialla - si dice di una donna senza petto)

San Guglielme e Pellegrine so' amande d'i frustìre
(I santi Guglielmo e Pellegrino amano i forestieri)

Sande Martine, 'u muste eje fatte vine
(Il giorno di San Martino, ogni mosto diventa vino)

Santa Chiare, dope arrubate mettirene 'i porte de firre
(A Santa Chiara dopo il furto sono state messe le porte di ferro)

Se càndane 'i corne une ke l'ate
(Si cantano le corna tra loro - a turno se ne dicono di tutti i colori)

Se face venì i strìseme
(Si mette a strillare)

S'è fatte 'u carùse
(Si è rasato la testa a zero)

Se lu 'mbriesto fusse bbuono, se 'mbrestasse la mugliera
(Se il prestito fosse redditizio, ognuno presterebbe la propria moglie)

S'è menàte 'a mane sop'a cuscienze
(Si è messo la mano sulla coscienza)

Se n'è jute d'acizze
(È diventato aceto - il vino)

Se ne vàce arrete cum'è 'a còdeke sop'o fùke
(Si scioglie come la cotenna sul fuoco)

Se ne vene k'u sì bemolle
(Se ne viene col Si bemolle - rispondere male, in modo "stonato")

Se vanne a corke nzìme 'e gallìne
(Coricarsi assieme alle galline - andare a letto presto)

S'è vutàte de cùzze e se n'è jute
(Ha girato la testa ed è andato via)

Senza sapé né legge e né scrive
(Senza sapere né leggere e né scrivere)

Si ce 'u dìce a quelle mette i giurnàle
(Se lo dici a quella, lei lo dice a tutti)

Si i'mbrìste fòssere bùne, s'ambristarrìnne pure 'i megghjere
(Se i prestiti fossero buoni, si darebbero in prestito anche le mogli)

Si jute a Napule p'accattà 'nu curle
(Sei arrivato fino a Napoli per comperare solamente una trottola)

Si 'u giòvene sapesse e si 'u vecchje putesse
(Se il giovane avesse conoscenza e se il vecchio avesse la forza)

Só cume 'u dijàvele e l'acqua sande
(Sono come il diavolo e l'acqua santa - caratterialmente opposti)

So' tràsute de quarte e sànne misse de chjàtte
(Sono entrati sbilenchi e si sono messi impettiti)

Sott'a nu bùne maestre esce nu bùne discepule
(Da un buon maestro esce un buon allievo)

Sparàggne la farìne quànne 'u sacche stà chìine
(Risparmia la farina quando il sacco è ancora pieno)

Sparàgne e cumbàrisce
(Spendi poco e fai bella figura)

Sta faci rretu pe rretu comu li zzucari
(Sta camminando all'indietro come fanno i cordai)

Stanne tutt'e ddùje, tazze e cucchjàre
(Sono tutt'e due, come tazza e cucchiaio - persone affini)

Stece appezzecàte k'a sputàcchje
(È stato incollato con la saliva)

Stìpe che Trùve
(Conserva che poi trovi)

Stipe sirpe che truve anguille
(Conserva i serpenti e trovi le anguille)

Stìpe sìrpe che trùve serpìnde
(Conservare serpi e trovare serpenti)

T

Tacca lu ciucciu addru ole lu patrunu
(Attacca l'asino dove vuole il padrone)

T'agghja mbarà e t'agghja perde
(Devo insegnarti e poi devo perderti)

Tene 'u còre 'ndo 'u zukkere
(Ha messo il cuore nello zucchero)

Tezzone e caravone, agnune agnune a case lore
(Tizzoni e carboni, ognuno a casa loro)

T'hé sapé arruffianà
(Devi saper fare il leccapiedi)

Tìne a canìgghja ngàpe
(Tieni la crusca in testa)

Tìne l'ùcchje appapagnàte
(Hai gli occhi gonfi dal sonno)

Tre so i putìnde 'u re, 'u pape e chi nen tene nìnde
(Tre persone sono i potenti: il re il papa e chi non possiede nulla)

Troppa grazzie, sant'Andònie
(Troppa grazia, sant'Antonio)

T'u puje veve 'nd'a 'nu becchjre d'acque!
(Lo puoi bere in un bicchiere d'acqua - persona molto buona)

Tutte quìlle ch'e fàtte, se n'è jùte 'nglorie
(Tutto ciò che hai fatto è andato perduto - ogni sforzo è stato inutile)

U

'U cane d'a chjanghe adejune e lurde de sanghe
(Il cane del macellaio anche a digiuno è sporco di sangue)

'U cane mozzeca semb'u strazzàte
(Il cane morde sempre il povero sciagurato)

'U cavàlle curredòre se vede a l'ùtema
(Un buon cavallo da corsa si vede in ultimo)

'U ciucce porte 'a pagghje e 'u ciucce s'a magne
(L'asino trasporta il fieno l'asino se lo mangia)

'U cretecante parle sembe a pungecà
(Colui che critica sempre, parla per provocare)

'U delòre iè da chi 'u sende, no de chi passe e tene mende
(Il dolore è di chi ce l'ha, e non di chi guarda e se ne va)

'U facirene a còppele e turnese
(È stato fatto a coppola e tornese)

'U pedùcchie prime te sòrchie 'u ssanghe e ppò te sbrevòggne
(Il pidocchio prima ti succhia il sangue e dopo ti sbugiarda)

'U pesce fete d'a cape
(Il pesce puzza sempre dalla testa)

'U pòdece iìnd'a la farìne se crete malenàre
(La pulce che va nella farina si crede d'essere mugnaio)

'U prime anne spùsate, o malàte o carceràte
(Il primo anno di matrimonio, o malato oppure carcerato)

'U pulpe se coce che l'acqua suja stesse
(Il polpo si deve cuocere nella sua stessa acqua)

'U scarpàre k'i scarpe rotte
(Il calzolaio calza le scarpe rotte)

'U Signore manne i cumbitte a chi nen tene dinde
(Dio invia i confetti a chi non ha denti)

'U Signore manne i cumbitte a chi nen téne dinde
(Dio manda i confetti a chi non ha denti)

'U vòve dice a l'àsene kernùte
(Il bue chiama cornuto l'asino)

'U zuppe a ballà, 'u cacàgghje a candà
(Mettere lo zoppo a ballare e il balbuziente a cantare)

V

Vace gerànne turne turne cume Turnesella
(Ci giro intorno come un tornello)

Vache fujenne pe' dìbbete e trove i 'scire pe 'nanze
(Fuggo a causa dei debiti, e mi trovo davanti gli esattori)

Vache p'ajute e trove sderrupe
(Vado in cerca di aiuto e trovo chi sta peggio di me)

Vaele cchieu a ssapà dòece ch'a ssapàie fateghé
(È meglio essere un buon oratore che un buon lavoratore)

Vaje truvanne 'votta chiene e 'a megghijere 'mbriache
(Vuoi avere la botte piena e la moglie ubriaca - vuoi avere troppo: Due Punto Tre)

Viàte a cchedda case addò stà 'na chiereca rase
(Fortunata quella casa in cui c'è un prete in famiglia)

Vìste ceppòne che pare barone
(Metti un abito ad un tronco d'albero e ti sembrerà un nobile)

Z

Zombe cardille che 'u sole coce
(Salta cardellino altrimenti il sole ti cuoce)

Zombe 'u cetrule e vace 'ngule a l'urtulane
(Schizza il cetriolo e va nel sedere dell'ortolano)

Zompe cume nu cardìlle
(Saltellare come un cardellino - persona vispa e allegra)

COMMENTI

Nome

Acquario Aeronautica Militare Animali Ariete Armi Astrologia Belle Bilancia Buddha Caccia Cancro Capricorno Carabinieri Charles Perrault Concorsi Divertenti Domande frequenti Esercito Italiano Esopo Facebook Favole Fedro fratelli Grimm Gemelli Guardia di Finanza Instagram La Fontaine Leone Luoghi Marina Militare Oroscopo Pesci Polizia di Stato Polizia Penitenziaria Proverbi Ricette Sagittario Scorpione Selma Lagerlof Snapchat Social Sport Storie Toro Trilussa Tristi Vere Vergine Video
false
ltr
item
2.3: Antologia di antichi proverbi e detti pugliesi
Antologia di antichi proverbi e detti pugliesi
Raccolta dei più bei proverbi e modi di dire nella tradizione popolare degli abitanti della Puglia.
https://4.bp.blogspot.com/-c-dDegz12lc/V0v2gm31DyI/AAAAAAAAESk/DOn8B1Cdk04vuILHPeYhaYoywlzl_OpvwCLcB/s320/Proverbi%2BBari.jpg
https://4.bp.blogspot.com/-c-dDegz12lc/V0v2gm31DyI/AAAAAAAAESk/DOn8B1Cdk04vuILHPeYhaYoywlzl_OpvwCLcB/s72-c/Proverbi%2BBari.jpg
2.3
http://www.duepuntotre.it/2016/05/antologia-di-antichi-proverbi-e-detti.html
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/2016/05/antologia-di-antichi-proverbi-e-detti.html
true
6528433828354979305
UTF-8
Nessun contenuto VEDI TUTTO Leggi tutto Rispondi Cancella Cancella di Home PAGINE POSTS Vedi tutto CONSIGLIATI TAG ARCHIVIO CERCA TUTTI I POSTS Nessun contenuto Vai alla home Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Diecmbre Gen Feb Mar Apr Maggio Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic adesso un minuto fà $$1$$ minuti fà un'ora fà $$1$$ ore fà ieri $$1$$ giorni fà $$1$$ settimane fà più di 5 settimane fà Followers Follow CONDIVIDI PER SBLOCCARE QUESTO CONTENUTO Condividi Copia Seleziona Copiato! Impossibile copiare, clicca [CTRL] + [C] (o CMD+C per Mac) per copiare