$show=search

$show=label

Proverbi e detti siciliani sulla donna (fimmina)

La saggezza e l'esperienza dei secoli sono conservate in eterno dai proverbi, aforismi, citazioni e detti popolari di una nazione.

Proverbi e detti siciliani sulla donna (fimmina) Come ogni altro paese, anche la Sicilia ha il proprio patrimonio culturale costituito da un complesso di detti, aforismi e proverbi, che offrono indicazioni e consigli su come l'uomo (omu) può vivere la sua vita assieme alla donna (fimmina).

Questi proverbi esprimono una verità basata sull'esperienza di coloro che ci hanno preceduti e sono stati tramandati di generazione in generazione.

Qui di seguito c'è una raccolta di proverbi e detti siciliani sulla donna, in uso comune tra la gente della Trinacria, organizzati in ordine alfabetico, con sotto la traduzione in italiano:

'A casa, senza 'a fimmina, 'mpuvirisci.
(Senza la donna, la casa è spoglia).

'A fimmina bona, lu ventu e la vintura pocu dura.
(La bontà di una donna, il vento e la buona sorte, durano poco).

'A fimmina è comu li muluna: mmenzu a centu ci nn'è bona una.
(La donna è come il melone, in mezzo a cento ne esce buona una sola).

'A parola di fimmini 'un cririri.
(Alla parola data da una donna non c'è da crederci).

'A prima vasata è arrubbata, a sicunna è arrigalata.
(Il primo bacio è rubato, il secondo è regalato).

A scaciuni d'o figghiolu, a matri s'ammucca l'ovu.
(Con la scusa di essere incinta del figlio, la madre si beve l'uovo).

'A spusa maiulina 'un godi la curtina
(La sposa maggiolina non godrà per molto il suo matrimonio - Un'antica tradizione siciliana vuole che la donna che si sposa nel mese di maggio sia perseguitata dalla sfortuna).

'A vecchia avia cent'anni e ancora avia 'mparari.
(La vecchia aveva cento anni e ancora voleva imparare).

'A zita maiulina 'un si cori mustu e mancu racina.
(La sposa di maggio non si gode del mosto e nemmeno degli acini d'uva).

Ama cu ti ama, a cu 'un t'ama, lassalu.
(Ama chi ti ama, colui che non ti ama, lascialo).

Ama l'omu to' cu lu viziu so'.
(Accetta il tuo uomo con tutti i difetti suoi).

Ammatula ti licchi e fai cannola, 'u santu è ri mammuru e nun sura.
(È inutile che ti fai bella, il santo è di marmo e non suda - non ha sentimenti).

Ammatula ti piettini e t'allisci, 'u cuntu ca t'ha tratu 'un t'arrinesci.
(È inutile ti pettini e ti allisci, ciò che intendi fare non ti riuscirà).

Babbaluci a sucari e fimmini a vasari, mai ponnu saziari.
(Di lumache da succhiare e donne da baciare, l'uomo non è mai sazio).

Beatu cu avi beddi li mugghieri.
(Beati coloro che a fianco hanno delle belle mogli).

Bedda matri lu munnu sbrogghia, l'ammanta cu lu velu e lu cummogghia.
(Una buona madre toglie ogni ostacolo, lo copre con il velo e lo nasconde).

Biddizza senza grazia è comu l'isca senza ami.
(Bellezza senza grazia è come l'esca priva di amo).

Bona maritata senza soggira e cugnata.
(Fortunata la donna che sposa l'uomo orfano di madre e senza sorelle).

Chista è 'a zita; cu' a voli s' 'a marita.
(Questa è la ragazza; chi la vuole se la sposi - Due Punto Tre dice: Prendere o lasciare).

Comu la picciotta trasiu 'nta la cammari fici 'na bella rivirenza.
(Come la ragazza entrò nella camera, fece un bell'inchino).

Cu avi dinari sempri cunta e cu iavi muglieri bedda sempri canta.
(Chi ha soldi sta sempre a contare, colui che ha una bella moglie sta sempre a cantare).

Cu avi i manu friddi è 'nnamuratu, cu l'avi cauri è 'ngarzatu.
(Chi ha le mani fredde è innamorato, colui che le ha calde è malato).

Cu bedda voli appariri, tanti guai havi a patiri.
(Chi bella vuole sembrare tante sofferenze deve subire).

Cu' li fimmini mancu lu diavulu ci potti.
(Con le donne non l'ha mai avuta vinta nemmeno il diavolo in persona).

Cu patisci p'amuri 'un senti duluri.
(Le sofferenze dell'amore sono mentali e non fisiche).

Cu pigghia biddizzi, pigghia corna.
(Chi sceglie la donna bella è destinato alle corna).

Cu potta 'u so' cavaddu a ogni funtana e 'a so' mugghìeri a tutte le feste, avia 'u cavaddu malatu e 'a mugghieri buttana.
(Chi fa bere il suo cavallo ad ogni fontana e porta la moglie ad ogni festa, alla fine si ritrova con il cavallo malato e la moglie infedele).

Cu scecchi caccia e fimmini criri, facci di paradisu 'unni vidi.
(Chi gli asini rincorre e alle donne crede, la porta del Paradiso non vede).

Cu si la pigghia picciotta assai, tummina tummina sunnu li vai.
(Chi sposa una ragazza molto piccola di età, non passa tempo che vengono i guai).

Cu si marita 'nto quartieri bivi 'nto so' bicchieri; cu si marita 'nta centrata, bivi 'nta cannata.
(Chi sposa una donna del suo quartiere, beve nel suo bicchiere; colui che sposa una donna di contrada, beve dall'anfora - cioè: dove bevono in molti).

Cu si 'nnamura di capiddi e dienti, si 'nnamura di nenti.
(Chi si innamora di una donna solo per la sua bellezza fisica, si innamora di niente).

Cu voli beni, 'un senti fetu d'agghia.
(Chi ama non sente se l'alito puzza di aglio).

Cui di la propia libbirtà si spogghia, sempri si trova cu affannu e cu dogghia.
(Colui che cede la propria libertà, si ritroverà afflitto da affanni e dolori).

Cui perdi la mugghieri pri giustizia, 'un si chiama curnutu.
(Chi perde la moglie per un atto di giustizia non viene additato come cornuto).

Di lu mari nasci lu sali e di la fimmina ogni mali.
(Dal mare proviene il sale e dalla donna giunge ogni male).

Dici lu cappillanu a la batissa: senza dinari 'un si cantanu missa.
(Dice il cappellano alla badessa: senza soldi non si cantano messe).

Dici mamma Rrocca: si talia cu' l'uocchi e 'un si tocca.
(Dice la mamma di Rocca: si guarda con gli occhi ma non si tocca).

Due cosi 'nsemmula 'un si ponnu fari: viviri e friscari.
(Due cose simultaneamente non è possibile fare: bere e fischiare).

È bona fimmina chidda ca 'un parra.
(È buona donna colei che non fa tante chiacchiere).

Fimmina barbuta, mancu di luntanu si saluta.
(Donna barbuta, nemmeno da lontano va salutata).

Fimmina bona, vali chiù di 'na corona.
(Una donna in gamba, vale più di un reame).

Fimmina ca havi russuri, attira chiù d'i ricchizzi.
(La donna pudica che arrossisce attira l'uomo più di qualsiasi ricchezza materiale).

Fimmina ca ti cunsigghia ti metti la gunnedda o la brigghia.
(L'uomo che ascolta la donna si fa mettere la gonnella o la briglia).

Fimmina ca ti riri, t'ha dittu si.
(Quando la donna ti sorride vuol dire che è bendisposta).

Fimmina ca 'un s'allucia all'oru, vali chiossai di 'n trisoru.
(La donna che non si lascia affascinare dai fronzoli vale un tesoro).

Fimmina chi movi l'anca si 'un è buttana picca ci manca.
(La donna che ancheggia viene considerata alla stregua di una prostituta).

Fimmina di tilaru, jaddina di puddaru, e trigghia di jnnaru.
(Donna da ricamo, gallina di pollaio, e triglia di gennaio).

Fimmina 'mpiegata si 'un è maniata è tuccata.
(La Donna che lavora, anche se non tradisce viene almeno palpata).

Fimmini e cavaddi, pigghiali di li vicini.
(Le donne e i cavalli, è meglio prenderli dai vicini).

Fimmini 'mpumatati voli essiri 'ncuitati da li picciotti arditi.
(Le ragazze si rendono belle apposta per essere corteggiate da ragazzi audaci).

Fimmini schetti e maritati senza figghi ne' pi dinari ne' pi cunsigghi.
(A donne, zitelle o sposate che non hanno avuto figli, è meglio non rivolgersi né per denaro, né per consigli).

Fimmini senza amuri sugnu ciuri senza uduri.
(Senza l'amore, le donne sono come quei fiori che non hanno odori).

Fimmini: capiddi longhi e ciriveddu curtu.
(Donne: capelli lunghi e cervello corto).

'I fimmini di l'autri sunnu sempi cchiù beddi.
(Le donne degli altri sono sempre le più belle).

'I fimmini quarchi vota dicinu 'u veru, ma 'un lu dicinu 'nteru.
(Ogni tanto le donne dicono la verità, ma non la dicono mai tutta).

'I parenti d' 'a mugghieri sunu duci comu 'u meli, 'i parenti d' 'u maritu sunnu seppi di cannitu.
(I parenti della moglie sono dolci come il miele, i parenti del marito sono serpenti di canneto).

La bona fimmina fa la casa, la pazza la sdirrubba.
(La brava donna arricchisce la sua casa, la dissennata la impoverisce).

La gaddina chi ha fattu l'ovu 'un si chiama cchiù puddastra.
(La gallina che ha fatto l'uovo non si chiama più pollastra - quando si diventa signorine).

La luntananza 'un abbannuna amuri, chiuttostu menti 'na vampa 'nto cori.
(La lontananza non fa scemare l'amore, piuttosto alimenta la fiamma nel cuore).

L'amuri è amaru ma arricria lu cori.
(A volte l'amore è amaro, ma addolcisce il cuore).

L'amuri è comu lu citrolu, cumincia duci e finisci amaru.
(L'amore è come il cetriolo, inizia con dolcezza e finisce con amareggiare).

Li difetti di la zita s'ammuccianu cu la doti.
(I difetti della fidanzata vengono tollerati grazie alla dote che porta - specialmente se ricca).

Lu maritari è comu lu miluni: 'un si sapi soccu attrovi
(Il matrimonio è come l'anguria: non sai mai come esce).

Lu maritu senza affettu è comu la casa senza tettu.
(Un marito che non prova affetto, per la moglie è come avere una casa senza il tetto).

Lu rialu di la soggira 'a la nora: rapi la cascia e pigghia 'na fava.
(Il regalo della suocera alla nuora: apre una cassa e ne esce una fava).

Mi n'acchianassi 'ncielu si putissi, cu' 'na scalidda di triccentu passi, 'un mi ni futtiu si cadissi, basta ca ti stringissi e ti vasassi.
(Salirei fino al cielo, se potessi, con una scala di trecento gradini, non avrei timore di cadere, purché possa stringerti e baciarti).

Mugghieri e boi ri paisi toi.
(Mogli e buoi dei paesi tuoi).

Mugghieri onesta, trisoru chi resta.
(La moglie onesta è tesoro a disposizione).

Nuddu si pigghia, si 'un s'assumigghia.
(Nessuno si unisce ad un altro se non c'è affinità tra loro).

Nun cririri a picciotti, né a fimmini 'nnamurati e mancu la carità ri frati.
(Non credere ai giovanotti, né alle donne innamorate e nemmeno alla generosità dei monaci).

Nun si loda 'a jurnata si 'un scura, né si loda a mugghieri si 'un mora.
(Non si decanta la giornata prima di sera, né si esalta la moglie prima che muoia).

Occhiu nun viri, cori 'un doli.
(Occhio non vede, cuore non duole).

Partutu l'amuri, resta pintimentu e duluri.
(Andato via l'amore, rimane il rammarico e la sofferenza).

Pigghiala bedda e pigghiala pi nenti, ca di la bedda ti nnì fai cuntenti.
(Sceglila piacente, anche se povera, perché la bella donna ti può rendere felice).

Ppi cu ama, ogni goccia di suduri, è na perla prizziusa di lu cori.
(Per chi è innamorato, ogni stilla di sudore, è una perla preziosa che esce dal cuore).

Prega la zita chi ballassi, prega la zita chi stancassi.
(Prega che la sposa balli; prega che la sposa sia stanca - Si dice per coloro che non sono mai contenti di nulla).

Pri mennuli muddisi a l'Aragona, pri picciotti Beddi a la Favara.
(Le mandorle dolci dal guscio molle ad Aragona, le belle donne a Favara).

Quannu amuri voli, trova locu.
(Quando l'amore chiama, non esistono ostacoli che tengano).

Quannu l'amuri tuppulìa, 'un lu lassari ammenzu a la via.
(Quando l'amore bussa alla porta, non bisogna lasciarlo in mezzo ad una strada).

Quannu 'na fimmina annaca l'anca, si n'è buttana, picca ci manca.
(Quando la donna muove l'anca se non è prostituta poco ci manca).

Si voi 'n omu fari scimunire, fallu 'ngilusiri.
(se vuoi rendere folle un uomo, fallo ingelosire).

Tantu 'na fimmina è bedda, quantu avi un neu 'nta la mascidda.
(Allora una donna può definirsi bella, quando ha un neo sulla mascella - Tre.Due dice: sulla guancia).

Tegnu 'nu cappidduzzu ch'è duci e sapuritu e mi lu vogghiu mettiri quannu mi fazzu zitu.
(Ho una coppola molto bella e la voglio indossare al mio matrimonio - Coppola = berretto, cappello).

Tri sugnu i cori cchiù amati: matri, soru e frati.
(Sono tre i cuori più amati, quello della mamma, della sorella e del fratello).

'U figghiu 'ngratu vastunia a so matri.
(Il figlio educato male bastona sua madre).

'Un amari a cu t'ama è gran piccatu, amari a cu 'un t'ama è tempu persu.
(Non amare chi si ama si fa peccato, amare senza essere ricambiati è tempo perduto).

'Un c'è sabbutu senza suli, 'un c'è fimmina senza amuri.
(Non c'è sabato senza il sole, non esiste donna senza amore).

'Un ci po' essiri veru amuri, unni ognunu voli essiri pattruni.
(Non ci può essere vero amore se ognuno si comporta da egoista).

'Un si' amatu, si pensi sulu a tia.
(Non sarai amato, se pensi solo a te).

'Un su' i biddizzi ca ti fannu amari, ma a gentilezza e lu bonu parrai.
(Non sarai amato per le tue bellezze, ma per la gentilezza e le buone maniere).

Unni 'a iaddina canta e 'u iaddu taci, chidda è 'a casa ca nun c'è paci.
(Nella casa in cui è la gallina a cantare, invece del gallo, non regna la pace).

Ziti a vasari e babbaluci a sucari su' cosi chi nun ponnu saziari.
(Dei baci delle donne e delle lumache da succhiare, sono cose di cui non ci si sazia).

Zoccu la vecchia vulia, 'nsonnu ci vinia.
(Ciò che la vecchia voleva, nel sogno le arrivò).

COMMENTI

Nome

Acquario Aeronautica Militare Animali Ariete Armi Astrologia Belle Bilancia Buddha Caccia Cancro Capricorno Carabinieri Charles Perrault Concorsi Divertenti Domande frequenti Esercito Italiano Esopo Facebook Favole Fedro fratelli Grimm Gemelli Guardia di Finanza Instagram La Fontaine Leone Luoghi Marina Militare Oroscopo Pesci Polizia di Stato Polizia Penitenziaria Proverbi Ricette Sagittario Scorpione Selma Lagerlof Snapchat Social Sport Storie Toro Trilussa Tristi Vere Vergine Video
false
ltr
item
2.3: Proverbi e detti siciliani sulla donna (fimmina)
Proverbi e detti siciliani sulla donna (fimmina)
La saggezza e l'esperienza dei secoli sono conservate in eterno dai proverbi, aforismi, citazioni e detti popolari di una nazione.
https://3.bp.blogspot.com/-9Cy6XKhAmCg/Vt9LnYo2s0I/AAAAAAAADpA/OE4KiSWWycc/s320/Folclore%2Bsiciliano.jpg
https://3.bp.blogspot.com/-9Cy6XKhAmCg/Vt9LnYo2s0I/AAAAAAAADpA/OE4KiSWWycc/s72-c/Folclore%2Bsiciliano.jpg
2.3
http://www.duepuntotre.it/2016/03/proverbi-e-detti-siciliani-sulla-donna.html
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/2016/03/proverbi-e-detti-siciliani-sulla-donna.html
true
6528433828354979305
UTF-8
Nessun contenuto VEDI TUTTO Leggi tutto Rispondi Cancella Cancella di Home PAGINE POSTS Vedi tutto CONSIGLIATI TAG ARCHIVIO CERCA TUTTI I POSTS Nessun contenuto Vai alla home Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Diecmbre Gen Feb Mar Apr Maggio Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic adesso un minuto fà $$1$$ minuti fà un'ora fà $$1$$ ore fà ieri $$1$$ giorni fà $$1$$ settimane fà più di 5 settimane fà Followers Follow CONDIVIDI PER SBLOCCARE QUESTO CONTENUTO Condividi Copia Seleziona Copiato! Impossibile copiare, clicca [CTRL] + [C] (o CMD+C per Mac) per copiare