$show=search

$show=label

Proverbi siciliani seconda parte

La sapienza dei saggi e la conoscenza del popolo della Sicilia sono state conservate per secoli e tramandate a noi attraverso i proverbi, le favole, detti, citazioni e miniminagghi (indovinelli) popolari.

Proverbi siciliani seconda parte Continua la grande raccolta di proverbi in dialetto siciliano.

Proverbi siciliani sull'amicizia, sull'amore, sulla vita, sul cibo, sull'invidia; proverbi divertenti, aforismi e detti di ogni città della Trinacria: Agrigento, Caltanissetta, Catania, Enna, Messina, Palermo, Ragusa, Siracusa e Trapani.

Proverbi siciliani M-Z (seconda parte):

Mammucca, non avi pecuri e fa u latti.
(Mamma mucca, non ha figli ma il latte non le manca).

Mancia sanu e vivi malatu.
(Mangia bene e vivi come se stessi male).

Manciari 'nsigna a viviri.
(Il mangiare fa venire sete).

Manciarisi a don Cola Caruognu ccu tutti i scarpi.
(Mangiarsi don Nicola Carogna con tutte le scarpe).

Manciarisi lu figatu.
(Mangiarsi il fegato - dalla rabbia).

Maritu gilusu mori curnutu.
(Il marito angosciato dalla gelosia a lungo andare diventa davvero cornuto).

Marzu asciuttu frumentu 'pi tutti.
(Se a marzo non piove c'è molto grano).

Marzu conza e guasta né guvernu c'è chi basta.
(Marzo accomoda e danneggia e non si riesce a governare i campi).

Marzu m'arrimazzu.
(Il cambio stagione di marzo porta dei malesseri).

Mastro scarparo chi sole scusute.
(Il calzolaio va con le suole scucite).

Matrimoni e viscuvati, ri lu celu su calati.
(Matrimoni e sacerdozi sono voluti da Dio).

'Mbriachi e picciriddi, Dio l'aiuta.
(Gli ubriachi e i bambini ricevono l'aiuto di Dio).

Megghiu abbunnari chi scarsiari.
(Meglio eccedere che difettare).

Megghiu aviri, c' 'addisiari.
(Meglio possedere che desiderare).

Megghiu fariti 'nu vistitu chi 'nvitariti a manciari.
(Meglio regalarti un vestito che invitarti a pranzo - Inteso al risparmio: Due Punto Tre).

Megghiu muriri chi mali campari.
(Meglio morire che vivere male).

Megghiu 'na vota arrussiari chi centu voti aggianniari.
(Meglio arrossire una sola volta che ingiallire cento volte - meglio provare vergogna che invidia).

Megghiu perdiri chi straperdiri.
(Meglio perdere poco che assai).

Megghiu picca a godiri ca assai trivulari.
(È meglio godere poco che patire molto).

Megghiu porcu ca surdatu.
(Un tempo era meglio avere in casa maiale che un figlio soldato).

Megghiu surari ca tussiri.
(Meglio fare una sudata che avere la tosse).

Megliu oi l'ovu ca dumani a gaddrina.
(Meglio un uovo oggi che la gallina domani).

Mentri cunti l'oru, lu tempu sinni va.
(Mentre ti fermi ad ammirare le tue ricchezze, il tempo scorre e se ne va).

Mentri u medicu studia, u malatu sinni va.
(Mentre il medico cerca di capire la malattia il paziente muore).

Mettiti cu chiddi megghiu i tia e 'mpizzicci i spisi.
(Unisciti a chi è migliore di te e mettici le spese).

Miniminagghia: Piaci a tutti i pirsuni, cu u pigghia e cu u runa, cangia sempi ri pattruni, e sinni va riccà e riddà.
(Indovinello: Piace a tutti, c'è chi lo prende e chi invece lo dà, cambia spesso padrone, e se ne va di qua e di là - Soluzione: i sordi = i soldi).

Miniminagghia: Mentri ca 'a spogghiu mi fa chianciri.
(Indovinello: Mentre la spoglio mi fa piangere - Soluzione: a cipudda = la cipolla).

Miniminagghia: 'Na cosa quantu 'na scutedda fa 'nghisari e fimmini 'a vunnedda.
(Indovinello: Un oggetto simile ad una scodella fa alzare la gonna alle donne - Soluzione: u rinali = vaso da notte).

Miniminagghia: 'N'anca 'ca e 'n'anca 'da, mi suga la mirudda e si nni va.
(Indovinello: Una gamba di qua e una di la, mi succhia il cervello e se ne va - Soluzione: u libbru = il libro).

Miniminagghia: Prima 'co nasu, e poi 'co mussu.
(Indovinello: Prima si odora e poi si beve - Soluzione: u vinu = il vino).

Miniminagghia: Quannu veni iddu, idda si nni va.
(Indovinello: Quando arriva lui, lei se ne va - Soluzione: u jornu e a notti = il giorno e la notte).

Miniminagghia: Ronna viulanti chi natichi tranti cappeddu virdi e vistina viulanti:
(Indovinello: Donna violetta con le natiche tirate, cappello verde e abito viola - Soluzione: 'a Mulingiana = la melanzana).

Miniminagghia: Scinni cantannu e acchiana chiancennu.
(Indovinello: Scende cantando e sale piangendo - Soluzione: u sicchiu 'nto puzzu = il secchio nel pozzo).

Misturi metticcinni in quantità, consila comu vua, sempri cucuzza resta.
(Di ingredienti mettine in gran quantità, condiscila pure come vuoi, ma sempre zucca rimane).

Morti e maritu no spiari quannu veni.
(Non si chiede mai quando arriva la morte, o il marito).

Mpaiarisi a unu pi' davanti.
(Ingrugnirsi faccia a faccia con qualcuno).

Muccuni 'rrubbatu è dduci e 'nzuccaratu.
(Il boccone rubato è dolce come lo zucchero).

Mugghieri e boi ri paisi toi.
(Mogli e buoi dei paesi tuoi).

Muntagni cu muntagni nun si iuncinu.
(Montagne con montagne non si incontrano).

'Na nuci 'nto saccu nun fa rumuri.
(Una sola noce dentro un sacco non fa rumore).

'Nprisenza ri vecchi, parra picca e senti assai.
(In presenza di persone anziane, parla poco e ascolta molto).

'Nta confusioni u Signuri pirdiu 'a birritta.
(Nella confusione il Signore ha perduto il cappello).

'Nta lu malatu ca nun c'è cura vacci a sira quannu scura.
(Dal malato terminale è meglio andare di sera, quando è buio).

Nta 'n' ura Diu lavura.
(In un'ora Dio lavora - Nel giro di un'ora può succedere di tutto).

'Nti li misi cu' l'erra 'un ti cuccari 'nterra
(Nei mesi il cui nome c'è la lettera "R", non coricarti per terra).

Nuddu nasci 'nsignatu.
(Nessuno nasce imparato).

Nuddu si pigghia si 'un si assimigghia.
(Le persone si scelgono per simpatia).

Nun c'è mortu senza cantu, nun c'è zita senza chiàntu.
(Non c'è morto per cui qualcuno non abbia gioito della sua dipartita, non c'è fanciulla pe cui qualcuno non abbia versato lacrime).

Nun ci fare virere un culo e foddi ca se no ci pare fedda ri mulune.
(Non mostrare il sedere ai folli altrimenti sembra una fetta di melone).

Nun cririri e sonna, picchi t'inganni.
(Non credere ai sogni perché ti ingannano).

Nun cririti picciotti, a fimmini 'nnamurati e mancu a carità ri frati.
(Non credete ragazzi, alle donne innamorate e nemmeno alla carità dei preti).

Nun è tuttu oru chiddu chi luci, nun è tuttu veru chiddu ca si rici.
(Non è tutto oro quello che luccica, così come non è tutto vero ciò che si dice).

Nun Ludari la jurnata si nun scura la sirata.
(Non fare conclusioni affrettate).

Nun mettiri ucca, unni nun ti tocca,
(Non impicciarti in cose che non ti riguardano).

Nun scinni lu sicchiu, senza la corda.
(Senza la corda il secchio non scende nel pozzo).

Nun sempri ghioca e riri 'a mugghieri di u latru.
(Non sempre la vita è allegra per la moglie del ladro).

Nun sputari 'ncielu chi 'nfacci t'arriva.
(Non sputare in aria che in faccia ti arriva).

Nun tiniri amicizia cu li sbirri, ca cci perdi lu vinu e li sicarri
(Non fare amicizia coi poliziotti perché ci rimetti il vino e i sigari).

Nun veni lu jornu ca nun veni la sira.
(Non esiste giorno senza anche la sera - non c'è benessere senza patimenti).

O scarsizza ri lazzu, o funnizza ri puzzu.
(O la corda è troppo corta, oppure il pozzo assai profondo).

O ti mangi 'ssa minestra, o ti 'etti d'a finestra.
(O ti mangi questa minestra, o ti butti dalla finestra).

Occhi chi aviti fattu chianciri, chianciti.
(Occhi che avete causato lacrime, piangete).

Ogni cani è liuni a la sò casa.
(ogni cane si comporta da leone in casa sua).

Ogni figateddu ri musca è sustanza.
(Ogni fegatino di mosca ha una consistenza).

Ognùnu tira acqua o' so' mulìnu.
(Ognuno pensa ai propri interessi).

Omini all'antu e fìmmini o' suli, scansatininni, Signuri!
(Uomini al lavoro e donne al sole, Dio ce ne liberi!).

Oru e chiummu, la vilanza, nun canusci diffirenza.
(Dell'oro e del piombo la bilancia non sa la differenza).

Ovu d'un'ura, pani d'un jornu e vinu d'un annu 'un ficiru mai dannu.
(L'uovo appena fatto, il pane di giornata e il vino invecchiato di un anno, non hanno mai male a nessuno).

Palermu è omu dabbeni, cu va va e cu veni veni.
(Palermo è un ospite fidato, sia che si va, o che si viene).

Pani duru e cuteddu chi nun tagghia.
(Il pane è duro e il coltello non taglia – Quando la sfortuna si accanisce).

Pani e sacramentu in ogni cunventu.
(In ogni convento si può ricevere pane e sacramenti).

Pani e vinu rinforza lu schinu.
(Il pane e il vino rinforzano la schiena).

Pensa mali chi ti nni veni beni.
(Pensa il male che te ne viene il bene).

Peri ri ciocca nun scaccia puddicini.
(I piedi della chioccia non schiacciano i pulcini).

Picca e nenti sugnu parenti.
(Poco e niente sono parenti).

Pigghiala bedda e pigghiala pri nienti, ca di la bedda ti nnì fai cuntento.
(Sceglila bella, anche se povera, perché la donna piacente può renderti felice).

Pignata taliata 'un vugghi mai.
(La pentola guardata sembra che non bolla mai).

Poviru è cu' ha ri bisognu.
(Meschino è colui che ha bisogno).

'Ppi San Micheli la racina è comu lu meli.
(Per San Michele l'uva diventa dolce come il miele).

Ppi Santa Chiara, ogni stizza 'na quartara.
(Per Santa Chiara, ogni goccia d'acqua piovana riempie un orcio - piovono gocce gigantesche).

Ppi Sant'Antoni la gran friddura, ppi San Lurenzu la gran calura, l'unu e l'autru picca rura.
(Per Sant'Antonio fa molto freddo, per San Lorenzo c'è un gran caldo, l'uno e l'altro hanno poca durata).

Ppi sdirrubbari ni vasta unu, ppi fabbricari ci ni vonnu centu.
(per distruggere ne basta uno solo, per costruire ne occorrono cento).

Prega la zita chi ballassi prega la zita chi stancassi.
(Prega che la sposa balli; prega che la sposa si stanchi - quando non si è mai contenti).

Prestu, prestu ca' la cira squagghia.
(Agire veloce, prima che si sciolga la cera).

Pri mennuli muddisi a l'Aragona, pri picciotti Beddi a la Favara.
(Ad Aragona per mangiare le mandorle dolci dal guscio molle, a Favara per trovare le belle donne - Aragona e Favara sono due comuni in provincia di Agrigento - Due Punto Tre).

Prima di parlari mastica li paroli.
(Prima di parlare rifletti sulle parole).

Quannu a risgrazzia havi a veniri, trasi puru ra filazza ra potta.
(Quando una sciagura deve colpire, arriva passando anche dallo spiraglio della porta).

Quagghia 'a nivi.
(Il solidificarsi della neve).

Quannu ci sunnu 'i rinari si fa Pasqua, Natali e San Martino.
(Quando ci sono i soldi si festeggia a Pasqua, a Natale e a San martino).

Quannu la fimmina rinou si spusa, la bon'armuzza va casa.
(Quando la donna vedova si risposa, la buonanima vaga per la casa).

Quannu la furtuna vota ogni amicu si fa la ritirata.
(Quando la fortuna ci gira le spalle, anche gli amici vanno via).

Quannu la lingua voli parrari, divi prima a lu cori dimannari.
(prima di parlare occorrerebbe consultare il proprio cuore).

Quannu la petra sura si cummogghia li picciriddi.
(Quando la pietra suda si coprono i bambini).

Quannu la vucca pigghia e lu culu rinni, salutu li midicini e chiddu ca li vinni.
(Quando c'è appetito e si va di corpo, non c'è bisogno delle medicine e del farmacista).

Quannu lu diavulu t'alliscia voli l'arma.
(Quando il diavolo ti accarezza vuole la tua anima).

Quannu lu funnu pari, nun servi cchiù lu sparagnari.
(Dal momento che si vede il fondo non occorre più economizzare).

Quannu maju è urtulanu assai pigghia e picca granu.
(Quando maggio è ortolano c'è tanto lavoro e poco grano).

Quannu si canta e si frisca è signali ca a spisa si usca.
(Quando si canta e si fischia è segno che le cose vanno bene).

Quannu u diavulu ti liffa è signu che voli l'anima.
(Quando il diavolo ti lusinga è segno che vuole la tua anima).

Quannu u patri duna u figghio, rire u patri e rire u fighhiu; quannu u fighhiu duna u patri, chiangi u fighiu e chiangi u patri.
(Quando il padre dona al figlio ride il padre e ride il figlio; quando figlio cede al padre piange il figlio e piange il padre).

Quannu u piru è maturu cari sulu.
(Quando la pera diventa matura cade da sola - il tempo appiana ogni cosa).

Quannu unn'arrispunni a prima vuci è signu ca u riscursu un ci piaci.
(Quando con c'è risposta pronta significa che la conversazione non è piaciuta).

Ri bona matri, pigghia la figghia.
(Da una buona madre, sposa la figlia).

Riali ricchi,'ntuppunu l'aricchi.
(I regali costosi turano le orecchie).

Rici lu monucu a la badissa, senza rinari nun si cantanu missi.
(Dice il monaco alla badessa, senza denari non si cantano messe).

Rizzi, pateddi e granci, spenni assai e nenti manci.
(Ricci, patelle e granchi, costano molto, ma non saziano).

Ru malu pajaturi, pigghiati oriu, o magari pagghia.
(Dal cattivo pagatore, accetta l'orzo, o anche la paglia).

Rui cosi nun si ponu supputtari, scappa stritta e fimmina larga.
(Due cose sono insopportabili, le scarpe strette e la donna di mente aperta).

Ruru cu' ruru nun fa bonu muru.
(Pietra su pietra - senza calce - non fa un buon muro).

Sabba 'nta 'stati testi du scussuni, ca 'nto 'mmennu su' passuluni.
(In Estate conserva anche le teste di serpente, perché in Inverno saranno come uva passa).

San Franciscu, San Franciscu, nesci lu cauru e trasi lu friscu.
(A San Francesco va via il caldo e arriva il freddo).

San gilommu san Gilommu tanti cosi non ci vonnu.
(San Girolamo san Girolamo troppe cose son superflue).

Sangu e rinari quantu cchiù picca tinni pò luari.
(Sangue e denaro quanto meno te ne puoi levare).

Santa lagnusia, 'un m'abbannunati chi mancu speru abbannunari a vui.
(Santa pigrizia, non mi lasciate che nemmeno io spero di abbandonare voi).

Sarva ca trovi.
(Metti da parte che trovi).

S'avissi pignateddu, ogghiu e sali, mi facissi lu pani cottu, s'avissi lu pani.
(Se avessi una pentola, olio e sale, potrei fare il pane cotto, se solo avessi il pane - accampare scuse).

Scarpi e cappeddu fannu l'omu beddu.
(Scarpe e cappello rendono elegante l'uomo).

Sciami di marzu, boni meli ti fazzu.
(Le api che sciamano a marzo fanno buon miele).

Sciarri di maritu e mugghieri, finu a lu lettu dura.
(I litigi tra moglie e marito durano fino a quando vanno a letto).

Scinni un scalino cu perdi un amicu.
(Scende di un gradino colui che perde un amico).

Sciroccu ciaru e tramuntana scura, mettiti a mari senza paura.
(Avendo lo scirocco chiaro e la tramontana scura, si può andare tranquillamente a mare).

Scungiuru contru u muzzicuni di l'apuna.
(Scongiuri contro i morsi di una grossa ape).

Scusa nun dimannata, accusa dichiarata.
(Scusa non richiesta equivale alla dichiarazione di un'accusa).

Se Marsala avissi lu portu, Trapani fussi mortu.
(Se Marsala avesse il porto, Trapani sarebbe morta).

Se si metti tramuntana, appizza a chioviri ppi na simana.
(Se arriva il vento di tramontana, piove per una settimana).

Servu d'autru si fa cu dici lu sigretu chi sa.
(Chi confessa i propri segreti ad un altro diventa il suo servo).

Si ad ogni cani chi abbaia ci vò tirari 'na petra 'un t'arrestanu vrazza.
(Per tirare una pietra ad ogni cane che abbaia occorrerebbero più di due braccia).

Si iuncinu ogghiu fitusu e paredda sfunnata.
(Si incontrano olio puzzolente e la padella rotta).

Si l'acqua ri lu mari fussi vinu, nun ci fussi cchiu 'n'omu sirenu.
(Se l'acqua degli oceani fosse vino, non esisterebbe un uomo equilibrato).

Si lu 'nvernu nun virnia, si la stati nun statia, nun va a versu la massaria.
(Ogni stagione deve fare il proprio corso perché la fattoria vada avanti).

Si maritunu li puvireddi e fannu li puvireddi.
(I poveri che si sposano generano figli altrettanto poveri).

Si pri paura di corvi 'un si semina linusa, nun putissimu aviri la cammisa.
(Se la paura dei corvi non ci facesse seminare il lino, non avremmo la camicia).

Si sapi cu' è ca fa la robba, ma nun si sapi cu' la sfa.
(Si conosce colui che fa la roba, ma non si sa chi la disfa).

Si t'ha 'mbriacari 'mbriacati di vinu bonu.
(Se proprio devi ubriacarti, ubriacati di vino buono).

Si veni Marzu e ti trova finutu Stanni certu, ti fa fari lu tabbutu.
(Se arriva il mese di marzo e ti trova a letto - malato - prenota pure la cassa da morto).

Si vo campari anni e annuna, vivi supa e maccarruna.
(Se vuoi vivere a lungo, bevi e mangia maccheroni).

Si vo' passari la vita cuntenti, statti luntanu di li parenti.
(Se vuoi vivere felice, stai lontano dai tuoi parenti).

Si vo' presto impavuriri manna l'omu a l'antu e tu nun ci iri.
(Se vuoi andare in fallimento manda a lavorare i tuoi operai senza di te).

Si voi pruvari li peni di lu 'nfernu, lu 'vernu a Missina, e la stati a Palermu.
(Se vuoi provare le pene dell'inferno, d'Inverno a Messina e d'Estate a Palermo).

Si vuliti campari cuntenti, vardati r'arreti e nun r'avanti.
(Se volete vivere felici guardatevi alle spalle e non d'avanti).

Si vuoi ca ti veni buonu u vinu, puta e zappa ppi San Martinu.
(Per fare un buon vino bisogna potare e zappare le viti nel periodo di San Martino).

Siddru lu beni nun ritorna a mali nun si chiama beni.
(Se il bene non ci ritorna in male, non si chiama bene).

Signuri scansatiminni di fimmini varvuti e di masculi svarvati.
(Signore scansami dalle donne barbute e dagli uomini senza barba).

Sigreti a to mugghieri nun cunfidari, figghi 'i buttana nun addivari, casa chi preula nun affittari, cumpari sbirru nun andari a circari.
(Non confidare i tuoi segreti a tua moglie, non educare figli di puttana, non affittare la casa con pergolato, non farti cresimare da un poliziotto).

Socco simini arricogghi.
(Ciò che si semina si raccoglie).

Soccu ora si schifia veni lu tempu chi si addisia.
(Ciò che adesso viene disprezzato, domani sarà desiderato).

Sparagna la farina mentri la cascia è china.
(Risparmia la farina quando il cassone è pieno).

Spassu tri fora e triulu 'ncasa.
(Simpatico e spiritoso con gli amici e tedioso con i familiari).

Spenni picca e arricchirai, parla picca e 'nzirtirai, mancia picca e campirai.
(Spendi poco e ti arricchirai, parla poco e starai bene, mangia poco e vivrai a lungo).

Supa 'muzzicuni ri cani, mettici pilu.
(Sul morso del cane mettici il pelo).

Tanti picca, fannu assai.
(Tante piccole cose formano grandi cose).

Tanti vigghi, cunsumanu 'nmoscu.
(Tanti andirivieni, consumano un bosco).

Tantu va a quartara o puzzu finu a quannu si rompi.
(Tante volte va l'anfora al pozzo, fino a quanto si rompe).

Terra niura runa bonu pani.
(Dalla terra nera si ricava buon pane).

Testa ca' nun parra si chiama cucuzza.
(Testa che non ragiona si chiama zucca).

Ti vegnu a 'mmitari a pasta e carni.
(Vengo ad invitarti a paste e carne - Ti offro una cosa che ti piacerà).

Tira cchiù 'n pilu i nicchiu ca 'n carro i boi.
(Tira di più un pelo pubico di femmina che un carro di buoi).

Torna a casa megghiu, cu va allegghiu, allegghiu.
(Torna a casa meglio, chi va adagio, adagio).

Torna a casa sanu, cu va chianu, chianu.
(Rientra a casa sano chi va piano piano).

Trasi marva e nesci ardica.
(Entri malva ed esci ortica).

Tri "M" soli aviri l'omu: Mericu, Musicu, Maestru.
(Sole tre "M" aspira ad avere l'uomo: Medico, Musicista, Maestro).

Tri Sunnu li boni muccuna, Ficu, persichi e muluna.
(Tre sono i bocconi saporiti: fichi, pesche e meloni).

Truniannu, truniannu, chioviri voli.
(Tuonando, tuonando, probabilmente pioverà).

U bonu servu cumanna o patruni.
(Il buon servo dà ordini al suo padrone).

U cani muzzica sempre u spardatu
(Il cane morde sempre il malmesso - la sorte si accanisce contro lo sfortunato).

U crastu nasci curnutu e mori ammazzatu.
(Il castrato nasce con le corna e muore ammazzato).

U jaddu arrunchia e a jaddina scalia.
(Il gallo raccoglie, la gallina disperde - L'uomo guadagna i soldi e la donna li spende).

U manciari senza viviri è comu lu truniari senza chioviri.
(Mangiare senza bere è come tuonare senza piovere).

U mortu a casali e u repitu a cunigghiuni.
(Quando il morto è lontano il pianto è finto).

U pattruni 'ngrassa u porcu p'ammazzarlu.
(Gli occhi del padrone ingrassano il maiale per farne salsicce).

U pisci fede d'a testa.
(Il pesce comincia a pizzare dalla testa).

U rispettu è misuratu, cu lu porta l'havi purtato.
(Il rispetto è bilanciato, quanto ne porti altrettanto ne ricevi).

U saccu vacanti nun pò stari a dritta.
(Il sacco vuoto non può stare in piedi).

U saziu nun criri u riunu.
(Chi ha lo stomaco pieno non crede a chi ce l'ha vuoto).

U sceccu avia cent'anni e ancora nun avia 'nsignari.
(L'asino aveva cento anni e ancora non aveva imparato).

U sticchiu è duci e a minchia jetta vuci.
(La vulva sussurra e il pene sbraita).

U surci na ciappula.
(Il topo in trappola).

Ucca vasata, nun perdi vintura.
(La bocca baciata non perde avventura).

Un jornu giudica all'autru, l'urtimu giudica a tutti.
(Un giorno giudica l'altro, l'ultimo giudica tutti).

Un patri po' campari centu figli, cento figli un ponnu campari un patri.
(Un padre può saziare cento figli, cento figli non possono nutrire un padre).

Unni acqua leva siti.
(Ogni acqua toglie la sete).

Unni c'è nu lettu, c'è rizzettu.
(Dove c'è un letto, c'è riposo).

Unni chiovi ci sciddica.
(Dove piove si scivola).

Unni mi chiovi mi sciddica.
(Dove mi piove, mi scivola addosso).

Unni non ti macia non ti raspari.
(Dove non sei interpellato, non ti intromettere).

Unni trasi u suli nun trasi u dutturi.
(Dove entrano i raggi del sole non entra il dottore).

Utti ca un è 'ntuppata, sbenta.
(Labotte che non è ben otturata, perde).

Va cacauscoppu ri l'acqua.
(Vai a defecare dove finisce l'acqua - Vai via da qui).

Vacca grossa fa viteddu magru.
(La mucca grassa fa il vitello mingherlino).

Vali cchiu' un sceccu 'ntirrugannu, ca un ancilu rispunnennu.
(È più probabile che interrogando un asino questo ci risponda, anziché avere la risposta da un angelo).

Varca storta, viaggiu drittu.
(Con la barca storta, si viaggia diritto).

Vecchiu 'nnammuratu di tutti è trizziatu.
(Chi si innamora in tarda età viene preso in giro da tutti).

Venunu l'anni e portunu lu sennu.
(Con l'avanzare dell'età arriva la saggezza).

Vettuli unchi, cori cuntenti.
(Se le bisacce son piene, i cuori gioiscono).

Voi sapiri qual'è lu megghiu jocu? Fà beni e parra pocu.
(Vuoi sapere quale è la cosa migliore da fare? Fare del bene e chiacchiere poche).

Vol'essiri di Patti la pignata pri fari la minestra sapurita.
(Deve essere di Patti la pentola, per cucinare una minestra saporita - Patti in provincia di Messina).

Voli a vutti china e a mugghieri 'mbriaca.
(Vuole avere la botte piena e la moglie ubriaca).

Zicchi e rinari su forti a scippari.
(Zecche e soldi sono difficili da strappare).

Ziti a vasari e babbaluci a sucari su' cosi chi nun ponnu mai saziari.
(I baci dei fidanzati e le lumache da succhiare, sono cose di cui non si è mai sazi).

Zuppa di muccuna chi cacuocciuli.
(Zuppa di murici con i carciofi).

COMMENTI

Nome

Acquario Aeronautica Militare Animali Ariete Armi Astrologia Belle Bilancia Buddha Caccia Cancro Capricorno Carabinieri Charles Perrault Concorsi Divertenti Domande frequenti Esercito Italiano Esopo Facebook Favole Fedro fratelli Grimm Gemelli Guardia di Finanza Instagram La Fontaine Leone Luoghi Marina Militare Oroscopo Pesci Polizia di Stato Polizia Penitenziaria Proverbi Ricette Sagittario Scorpione Selma Lagerlof Snapchat Social Sport Storie Toro Trilussa Tristi Vere Vergine Video
false
ltr
item
2.3: Proverbi siciliani seconda parte
Proverbi siciliani seconda parte
La sapienza dei saggi e la conoscenza del popolo della Sicilia sono state conservate per secoli e tramandate a noi attraverso i proverbi, le favole, detti, citazioni e miniminagghi (indovinelli) popolari.
https://4.bp.blogspot.com/-kMtBRoveyAk/Vr6KLLdS_2I/AAAAAAAADeM/Lljuip33QjE/s320/Carretto%2Bsiciliano.jpg
https://4.bp.blogspot.com/-kMtBRoveyAk/Vr6KLLdS_2I/AAAAAAAADeM/Lljuip33QjE/s72-c/Carretto%2Bsiciliano.jpg
2.3
http://www.duepuntotre.it/2016/02/proverbi-siciliani-seconda-parte.html
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/2016/02/proverbi-siciliani-seconda-parte.html
true
6528433828354979305
UTF-8
Nessun contenuto VEDI TUTTO Leggi tutto Rispondi Cancella Cancella di Home PAGINE POSTS Vedi tutto CONSIGLIATI TAG ARCHIVIO CERCA TUTTI I POSTS Nessun contenuto Vai alla home Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Diecmbre Gen Feb Mar Apr Maggio Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic adesso un minuto fà $$1$$ minuti fà un'ora fà $$1$$ ore fà ieri $$1$$ giorni fà $$1$$ settimane fà più di 5 settimane fà Followers Follow CONDIVIDI PER SBLOCCARE QUESTO CONTENUTO Condividi Copia Seleziona Copiato! Impossibile copiare, clicca [CTRL] + [C] (o CMD+C per Mac) per copiare