$show=search

$show=label

Proverbi, citazioni e detti popolari in dialetto ligure

Tutta la sapienza e l'esperienza di secoli, sono conservate nei proverbi, nelle citazioni e negli antichi detti popolari della Liguria. Essi sono dei tesori di inestimabile valore che appartengono all'intera umanità.

Proverbi, citazioni e detti popolari in dialetto ligure Ogni proverbio è come un viaggio alla scoperta del genio, l'ingegno e lo spirito creativo del popolo ligure. Solo i proverbi migliori hanno ricevuto il giusto apprezzamento del loro valore in tutti i tempi nei quali sono passati per arrivare fino a noi. Non è possibile menzionare un proverbio senza insegnare qualcosa.

Di seguito vengono elencati i migliori proverbi, citazioni, detti, frasi e modi di dire in dialetto genovese, spezzino, imperiese e savonese, con sotto la traduzione in italiano:

A barba canua, a fantinetta a ghe sta dua.
(Da chi ha la barba bianca, la fanciulla stia in guardia).

A Bella de Torriggia che tutti voean e nisciun a piggia.
(La bella di Torriglia, tutti la vogliono - come amante - ma nessuno la sposa).

A bellessa a nö fa boggî a pûgnatta.
(La bellezza da sola non serve a far bollire la pentola).

A bellessa, ö fêugo e ö mâ fan l'ommo giastemmâ.
(La bellezza, il fuoco e il mare portano l'uomo a bestemmiare).

A biscia a l'ha addentôu ö ciarlattàn.
(La vipera ha dato un morso al ciarlatano).

A Carlevô ogni grama galina a vegne a fö.
(Quando viene Carnevale tutte le galline depongono l'uovo).

A chi ha famme, o pan ghe pa lasagne.
(Per l'affamato il pane è come fosse lasagna).

A coæ de sposâ a l'è comme quella de cagâ, quande a ven bezeugna andâ.
(La voglia di sposarsi e come quella di defecare, quando arriva, bisogna andare).

A cröva raspa raspa e và a durmì in tu duo.
(La capra scava scava, alla fine va a dormire sul duro).

A fin do ratto a l'è d'èse mangiòu da-o gatto.
(Il destino del topo è quello di essere mangiato dal gatto - Due Punto Tre dice che il debole soccombe al più forte).

A l'è i-na bugna!
(Questa è una cosa sciocca!)

A mëgio mëxinn-a a l'è o decotto de cantinn-a.
(La cura di ogni male è la tisana di cantina).

A misëia a l'è ûnn-a brutta bestia.
(La povertà è una cosa orribile).

A moæ di belinoin a l'é de lungo gräia.
(La mamma degli stupidi è sempre incinta).

A o contadin l'è pægio sûnaghe o corno che o violin.
(Per il contadino è lo stesso ascoltare il suono di un corno o di un violino).

A S. Martìn u mùstu u vèn vìn.
(A San Martino ogni mosto diventa vino).

A salûte sensa dinœ a l'è unn-a mêza malattia.
(La salute senza soldi è già mezza malattia).

A unn-a donna ben maiâ sciûga fîto o sêo bugâ.
(La donna maritata ha premura di asciugare il suo bucato).

A veddieiva un orbo.
(La vedrebbe un orbo).

A-a giornä d'anchêu fan dottô finn-a i pettêu.
(Oggigiorno fa il medico persino chi piscia il letto).

Âegua de mezzu agustu o che u secca o che u rinfresca u custu.
(Le piogge di agosto o seccano o rifanno germogliare i cespugli).

Agiutta i têu e i âtri se ti pêu.
(Aiuta i tuoi e dopo gli altri se puoi).

Ai patti ghe stà finn-a o diao, ma chi fâ di gruppi resta drento a-a nassa.
(Ai patti ci sta finanche il diavolo, ma chi fa dei nodi resta dentro alla "nassa").

Aia de fissùa, aia de seportùa.
(Aria di fessura, aria di sepoltura).

Aia seia canta i ommi, aia mattin canta i oxelli.
(Di sera cantano gli uomini, la mattina cantano gli uccelli).

Aiga d'avùstu a renfrésca u custu.
(Pioggia in agosto rinfresca il cespuglio).

Anâ a sentî cantâ e bigàixe.
(Andare ad ascoltare il canto delle lavandaie).

Andâ co-o vento in poppa.
(Andare spediti col vento che soffia in poppa).

Andâ pe-i sêu venti.
(Andare per i suoi venti - Andare per la sua strada).

Arvî cioî cioî.
(Ad aprile piove sempre).

Avèi ciû corna che cavelli.
(Avere più corna che capelli).

Aveine e stacche pinn-e.
(Avere le tasche piene - essere stufo).

Battisene ö belin.
(Sbattersene i coglioni - Non fregarsene un "cavolo").

Baxio de' bucca u cheu u nu' tucca, baxio de man, se nu te futte ancou, u te futte duman.
(Il bacio sulla bocca il cuore non tocca, il baciamano se non inganna oggi inganna domani).

Beata chela pele che a sarva a mei pele.
(Lodata sia la pelle di colei che salva la mia pelle - La moglie loda l'amante del marito).

Beati i ürtimi.
(Beati sono gli ultimi).

Bedin u l'a truvau Bedaina.
("Lui" ha trovato "lei" - gli uccelli si accoppiano in cielo e gli uomini sulla terra).

Bella botta nö ammassa öxello.
(Soltanto la botta non ammazza l'uccello).

Bella vigna, poca uga.
(La vigna è bella ma fa poca uva).

Ben fæto pe forsa o no vä 'na scorsa.
(Quando si fa una cosa, o viene ben fatta, o non vale niente).

Bun pru ghe fasse.
(Buon pro gli faccia).

Chi attasa o menestron na votta, o no va ciù da Zena.
(Basta assaggiare una sola volta il minestrone di Genova e non si va più via dalla città).

Chi é in tæra predica, chi é in mâ navega.
(Chi è a terra predica, chi è in mare naviga).

Chi è in tæra predica, chi è in ma navega.
(Sulla terra si predica, sulle acque del mare si naviga).

Chi lava a testa a l'aze perde tempo, lescïa e savon.
(A lavare la testa all'asino si perde tempo acqua e sapone).

Chi l'è stæto brûxòu da l'ægua cäda, à puia da freida ascî.
(Chi è rimasto scottato dall'acqua calda, ha paura pure di quella fredda).

Chi l'e stæto bruxou da-a menestra cada o sciuscia in ta freida.
(Chi è rimasto scottato dalla la minestra bollente, soffia pure su quella fredda).

Chi l'è troppo bon o l'è un mincion.
(Chi è troppo buono viene considerato uno stupido).

Chi no cianze no tetta.
(Chi non piange non acchiappa nulla).

Chi no sappa no lappa.
(Chi non ara la terra non raccoglie - Chi non lavora non mangia).

Chi pè, pè... chi ne pè va a pè!
(Chi può, può... chi invece non può va a piedi!)

Chi va in letto sensa çenn-a, tûtta a nêutte se remenn-a.
(Colui che va a letto senza cenare, per tutta la notte si dimena).

Chi vanta e seu méie, l'è segno che son marçe.
(Chi vanta le sue mele, è segno che sono marce).

Chi veu vedde un cattivo fasse arraggiâ un bon.
(Chi vuol assaggiare la vera cattiveria faccia inquietare un buono).

Da ina màn strénta ni u ne sciòrte ni u ne entra.
(Da chi è di mano stretta non esce e non entra nulla).

De mazzo e de mazzon no levate o pelisson.
(Di maggio e di maggione non toglierti di dosso la pelliccia).

De riffa o de raffa u diou se porta poi via tuttu.
(O volente o nolente il diavolo prende tutto e porta via).

Desandio, cicchetti e poca cûa, portan l'ommo a-a seportûa.
(Disordine, alcol e poca cura della persona, portano l'uomo alla tomba).

D'Estæ chi alleuga 'na biscia, d'Inverno à 'na sâsìssa.
(Chi durante l'Estate mette da parte una biscia, d'Inverno trova una salsiccia).

Dio m'avvarde da-i beghin e da chi va in gëxa tutte e mattin.
(Dio mi salvi dai bigotti e da quelli che vanno in chiesa ogni mattina).

Dio t'avvarde da chi lëze un libbro solo.
(Dio ti guardi da colui che legge un libro soltanto).

Dònna che-a mescia l'anca, s'à nu l'è, pocu ghe mànca.
(Donna che cammina e muove l'anca, se non è prostituta, poco ci manca - Due Punto Tre dice che la donna che passeggia sculettando non ha buona reputazione).

Dònne, galinn-e e òche, tegnine pòche.
(Di donne, galline e oche, bisogna tenerne meno possibile).

Duï pë in te'na scarpa no ghe stan.
(Due piedi in una sona scarpa non entrano).

E donne dixan a veità, ma a dixan solo a meità.
(Le donne dicono la verità, ma la dicono per metà).

E donne ne san ûn-a ciù do diao.
(Le donne ne sanno una più del diavolo).

E mogge di maiæ no son né vidue né maiæ.
(Le mogli dei marinai non sono né vedove né sposate).

E nêuve gramme son sempre vëe.
(Le cattive notizie sono sempre vere).

Er mainao il é caito ´n ter canão.
(Il marinaio è caduto in acqua).

Ëse amixi cöme chen e gatti.
(Essere come cani e gatti - stare sempre a litigare).

Ëse cömme ö pösso de S. Patrizio.
(Essere come il pozzo di San Patrizio - che non si riempie mai, o che non si accontenta mai).

Ëse conosciûo ciù che a bettonica.
(Essere conosciuto da tutti per cose negative - Essere famigerati).

Ëse corne e cöi con ûn. (Essere "culo e camicia" con una persona).

Ëse de bon becco.
(Essere un buongustaio).

Ëse de casa cumme a spassuia.
(Essere una persona di casa, come la scopa).

Ëse dui cû in t'ûn pâ de cäsöin.
(Stare con due "fondoschiena" dentro un solo pantalone).

Fà du bèn a Giuan c'u te cagherà in man.
(Fai del bene a Giovanni e ricevi male).

Finché e prìe anniàn a-o fòndu, d'abelinæ ghe ne saiàn de lungu.
(Finché le pietre andranno a fondo, gli sciocchi emergeranno).

Frevâ o curto l'è pezo che o turco.
(Febbraio il mese corto è peggio di un turco).

I gondoin e i funzi náscian sensa semenali.
(Gli sciocchi e i funghi nascono senza essere seminati).

I parenti en comme e scarpe, ciù son streiti ciù fan mä.
(I parenti sono come le scarpe, più stretti sono e più si soffre).

I sbagli di mëghi l'asconde a tæra, quelli di ricchi i dinæ.
(Gli sbagli dei medici si nascondono sotto terra, quelli dei ricchi si nascondono con il denaro).

Lampi, troi e ventu a tera.
(Lampi, tuoni e venti di terra annunciano una gran brutta giornata).

L'amue u l'è ciù forte che u brusu.
(L'amore è più stuzzicante del brusso - Due Punto Tre dice che il "brusso" è un tipo di formaggio piccante regionale ligure).

L'é megio avei e braghe sguaræ 'nto cù che o cù sguaròu 'nte brâghe.
(È meglio avere i pantaloni rotti nel culo, che il culo rotto nei pantaloni).

L'è mëgio ëse cöa de grigoa che cû de lion.
(È meglio essere una coda di lucertola che il sedere di un leone).

L'è megiu ünn-a turta in tanti che ünn-a sotta da suli.
(È meglio una torta divisa in tanti che una cacca da soli).

L'erba gramma a cresce dappertuttu.
(L'erba cattiva cresce ovunque).

Levante se nu ciove l'è in brigante.
(Quando finisce di soffiare il vento di levante comincia a piovere).

Loda ö mà ma stanni a cà.
(Decanta pure il mare ma rimani in casa).

Lomellin ö l'ha averto ö pòrtego.
(I Lomellini hanno aperto il portone - La famiglia storica dei Lomellini, rivali dei Doria).

L'ommu u l'è cumme u cravettu: o u meue zuenu o u divente beccu.
(L'uomo è come il capretto: o muore giovane o inevitabilmente si fa becco).

Longu cume a caresima.
(Lungo quanto una quaresima - prolisso, verboso, barboso).

Lontan da-i êuggi lontan da-o chèu.
(Lontano dagli occhi distante dal cuore).

Lû con lû non si mangiano.
(Lupo contro lupo non si azzannano - due potenze ex æquo non si scontrano).

Lünn-a acoegâ, mainà in pè.
(Finché la Luna è coricata, i marinai stanno in piedi).

L'unsa a fa carà u cantà.
(Un'oncia fa scendere il piatto della bilancia - Basta poco).

Maoxo de mà, so de frevà, cianze de donna: no te ne fià.
(Non ti fidare mai del mare mosso, del sole di febbraio e del pianto di una donna).

Màzu, cièixe a l'assàzu, zùgnu cièixe au pùgnu.
(A maggio, poche ciliege, a giugno ciliege in gran quantità).

'Na bonn-a reputassion a va ciù de un milion.
(Una buona reputazione vale più di qualsiasi cifra).

No ghé bella reuza ch'a no divente ûn grattacû.
(Non c'è cosa bella che col passare del tempo non stanchi).

No gh'è sabbo sensa sö, no gh'è figgia sensa amö, no gh'è cheu sensa dö.
(Non c'è sabato senza il sole, non c'è ragazza senza l'amore, non c'è un cuore senza un'afflizione).

No ghíè bella scarpa chía no divente unn-a brutta savatta.
(Ogni scarpa diventa ciabatta).

No guasta chi no fa niente.
(Non commette sbagli chi non fa nulla).

O corvo dixe a o merlo: "cumme t'è neigru!".
(Il corvo si burlò del merlo dicendogli: "Ma come sei nero!")

O cù e i dinê no se mostran a nisciun.
(Il proprio sedere e le ricchezze, è meglio non mostrare a nessuno).

O meize de çiòule o ven pe tûtti.
(il tempo delle cipolle arriva per tutti - sofferenze, lacrime).

O tempo perso o no s'agguanta ciù.
(Il tempo perduto non si recupera più).

O vin bevùo a mòddo o fà mëgio che 'n bròddo.
(Il vino bevuto con discrezione è più salutare del brodo).

O vin e-e donne fan giâ a testa.
(Il vino e le donne fanno girare la testa all'uomo).

O vin o l'è o tettin di vëgi.
(Il vino è la mammella degli anziani).

Ogni cäso in to cû se fa ûn passo avanti.
(Ogni calcio nel sedere fa fare un passo avanti).

Olíè megio frustà e scarpe che i lenseù.
(Meglio consumare le scarpe che le lenzuola - Il moto evita le malattie).

Ommu piccin, tutto belin.
(L'uomo di bassa statura ha un gran "pisello").

Panza affama' no sente raxon.
(Pancia affamata non vuole sentir ragioni).

Passòu o monte de Portofin moggé caa torno fantin.
(Al di là del monte di Portofino, moglie cara è come se fossi celibe).

Pe-o mâ de testa: mangiâ; pe-o mâ de pansa: cagâ.
(Quando si ha mal di testa è bene magiare, quando si ha mal di pancia è bene andare di corpo).

Pescoèi de canna, caccioèi da visco e stramoèi de cristo son i ciu abbelinæ co se segge mai visto.
(A pesca con la canna, a caccia con il vischio e trasmutatori, una fesseria così non si è mai vista).

Pestâ l'ægua in to mortä.
(Pigiare l'acqua nel mortaio - Perdita di tempo).

Quando comensa o soleon, piggia i libri e mettili in tíun canton.
(Quando il solleone comincia a picchiare, prendi i libri e conservali da parte).

Quando o gatto passaggia o ratto sta ascoso.
(Quando il gatto non c'è, i topi fanno festa).

Sbaglia finn-a o præve in to dî messa.
(Tutti possono sbagliare, persino il prete quando celebra la messa).

Sciusciâ e sciorbî no se peu.
(Soffiare e sorbire contemporaneamente non è possibile).

Se a-a sèia ti mangi comme 'n treuggio, a-a neutte no ti strenzi l'euggio.
(Se la sera si mangia molto, la notte non si riesce a dormire).

Se frevâ no frevezza, marso ghe pensa.
(Se a febbraio non arriva il freddo, arriverà a marzo).

Se i disonesti foissan nuvie, ghe saieiva de longo o diluvio.
(Se le persone disoneste fossero nuvole, avremmo un diluvio perenne).

Se líè zugno sensa vento, líanna a va a sarvamento.
(Se a giugno non si alza il vento, l'anno sarà scadente).

Se Milan o l'avesse o porto, de Zena ne faieivan 'n orto.
(Se Milano avesse il porto, Genova diverrebbe il suo orto).

Se tûtti i laddri avessan e corne, o mondo o saieiva ûn canniòu.
(Se tutti i ladri avessero le corna il mondo sarebbe pieno di cornuti).

Se u cân sè gratta è balle, a-a lévre scappa in-ta valle.
(Se il cane da caccia si gratta le palle, la lepre scappa via).

Se Zena a l'avesse da cianûa, de Milan ne faieivan 'na seportûa.
(Se Genova avesse la pianura, Milano diverrebbe una città sepolta).

Sono nelle canne.
(Sono al verde - senza soldi).

U leira tantu bon che u mè carau in tu gingin de die di pèi.
(Il cibo era così saporito che è andato giù fino alle dita dei piedi).

Vä ciù l'unze che u duze.
(Vale più l'undici che il dodici).

Vä ciù un amigo che çento parenti.
(Un amico vale più di cento parenti).

Vä ciù un amigo in ciassa che sentumialie in ta stacca.
(Nei momenti di bisogno vale di più un amico che una banconota da centomila lire in tasca).

Vä ciù ûn zeneize in t'ûn dio che ûn foestê cäsòu e vestïo.
(Vale di più un genovese in un dito che un forestiero calzato e vestito).

Vegnì da u trun de nun.
(Venire da luoghi sconosciuti).

Vende a pele prima de avê l'ursu.
(Vendere la pelle prima di avere ucciso l'orso).

Vendeme caru, ma peseme giusto.
(Vendimi caro, ma pesami bene).

Vendun sciù in busunv.
(Ad Albenga, un tempo si diceva che il paese di Vendone fosse stato costruito sugli escrementi di bue).

Vissio de natùa finn-a a fossa dùa.
(Vizio di natura fino alla fossa dura).

Vittoia, memöia, moggê dö savayin, ha l'a pisciôu in ta brocca e a dixeiva ch'ö l'è vin.
(Vittoria, ricorda, moglie del ciabattino, ha orinato nella brocca e in giro diceva che quello fosse vino).

Voeì addrissâ e gambe a-i storti.
(Voler raddrizzare le gambe agli storpi - chiedere cose impossibili).

Voei fâ vedde ö neigro pe gianco.
(Voler fare passare il nero per bianco - lavarsi la coscienza).

Voei mostrâ a nùâ a-i pesci.
(Voler insegnare il nuoto ai pesci - fare cose inutili).

Voei ö facto sö fin a ûn agoggin de stringa.
(Voler essere pagato fino all'ago per le stringhe - fino all'ultimo centesimo).

Voeise ben nö costa ninte.
(Volersi bene non costa niente).

Voggiu ciù ben a tìe che a'na nià de ratti guersi!
(Voglio bene di più a te che a una nidiata di topi ciechi!)

Voiæ de loâ satime addosso, lòua ti che mi no pòsso!
(Voglia di lavorare saltami addosso, lavora tu che io non ce la faccio).

Vortà i sô co-e stanghe.
(Roteare il sole con le stanghe - Avere a cuore le sorti del mondo).

Voto da mainâ presto ö se scorda, passa a buriann-a ciû ö nö se ricorda.
(Promessa di marinaio presto è dimenticata).

Vurê drissâ e gambe ai grili.
(Voler drizzare le gambe ai grilli - fare cose assurde e senza senso).

Vurê stâ sempre a gala cume l'öriu.
(Voler rimanere a galla come l'olio - Mettersi al di sopra degli altri).

Vuxe de bucca assé a va e pocu a custa.
(Una buona parola vale molto e non costa nulla).

COMMENTI

Nome

Acquario Aeronautica Militare Animali Ariete Armi Astrologia Belle Bilancia Buddha Caccia Cancro Capricorno Carabinieri Charles Perrault Concorsi Divertenti Domande frequenti Esercito Italiano Esopo Facebook Favole Fedro fratelli Grimm Gemelli Guardia di Finanza Instagram La Fontaine Leone Luoghi Marina Militare Oroscopo Pesci Polizia di Stato Polizia Penitenziaria Proverbi Ricette Sagittario Scorpione Selma Lagerlof Snapchat Social Sport Storie Toro Trilussa Tristi Vere Vergine Video
false
ltr
item
2.3: Proverbi, citazioni e detti popolari in dialetto ligure
Proverbi, citazioni e detti popolari in dialetto ligure
Tutta la sapienza e l'esperienza di secoli, sono conservate nei proverbi, nelle citazioni e negli antichi detti popolari della Liguria. Essi sono dei tesori di inestimabile valore che appartengono all'intera umanità.
https://4.bp.blogspot.com/-nhNc8uLJfk4/VsONXJr-b6I/AAAAAAAADfk/cYAA4y0NPGM/s320/Cristoforo%2BColombo.jpg
https://4.bp.blogspot.com/-nhNc8uLJfk4/VsONXJr-b6I/AAAAAAAADfk/cYAA4y0NPGM/s72-c/Cristoforo%2BColombo.jpg
2.3
http://www.duepuntotre.it/2016/02/proverbi-citazioni-e-detti-popolari-in.html
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/2016/02/proverbi-citazioni-e-detti-popolari-in.html
true
6528433828354979305
UTF-8
Nessun contenuto VEDI TUTTO Leggi tutto Rispondi Cancella Cancella di Home PAGINE POSTS Vedi tutto CONSIGLIATI TAG ARCHIVIO CERCA TUTTI I POSTS Nessun contenuto Vai alla home Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Diecmbre Gen Feb Mar Apr Maggio Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic adesso un minuto fà $$1$$ minuti fà un'ora fà $$1$$ ore fà ieri $$1$$ giorni fà $$1$$ settimane fà più di 5 settimane fà Followers Follow CONDIVIDI PER SBLOCCARE QUESTO CONTENUTO Condividi Copia Seleziona Copiato! Impossibile copiare, clicca [CTRL] + [C] (o CMD+C per Mac) per copiare