$show=search

$show=label

Proverbi veneti tra i più popolari

Aforismi, motti e adagi nel linguaggio dialettale veneto che fu di Pantalone, la nota maschera nata a Venezia circa 500 anni fa.

Proverbi veneti tra i più popolari Ecco una ricca raccolta di antichi proverbi e detti popolari veneti:

Tutti i proverbi sono stati disposti in ordine alfabetico dalla A alla Z con a fianco, tra le parentesi, la traduzione in italiano:

A
A chi nasse desfortunà, ghe piove sul culo stando sentà (Allo sfortunato piove sul culo anche stando seduto)
A dir la verità basta un coion, ma a dir busie ghe vol un bricon (Chiunque può dire la verità, ma per raccontar bugie bisogna essere mascalzoni)
A la puta oziosa el diavolo ghe bala in traversa (Alla donna oziosa il diavolo le balla nel grembiule)
A Messa, tuti no i pol esser davanti l'altar (In Chiesa non tutti si possono stare davanti all'altare)
A pensar mal, no se fala mai (A pensar male, non si fa mai peccato)
Amor senza barufa, fa la muffa (Se l'amore non è litigarello, non è friccicarello)
Amore, tosse e pansa no i se nasconde (Amore, tosse e pancia sono 3 cose che non è possibile nascondere)
Anca la coscienza fa el calo (Anche la coscienza ci fa l'abitudine)
Ancuo val più i schei de la virtù (Oggigiorno ha più valore il denaro che la virtù)

B
Bei in fasse, brutti in strazze (Belli in fasce, brutti da grandi)
Bisogna aver i oci anca de drio (Bisogna sempre guardarsi alle spalle)

C
Chi con done va e mussi mena, i crede d'arivar a disnar e no i ariva gnanca a cena (Chi va con le donne e conduce somari, crede d'arrivare in tempo per la colazione e non arriva nemmeno per la cena)
Chi se tol per amor, per rabia se lassa (Chi si prende per amore, per rabbia si lascia)
Chi tropo se inchina, mostra 'l culo (Chi troppo si inchina mostra il culo)
Chi tropo se tira indrio finisse col culo in rio (Chi troppo indietreggia finisce col sedere in ammollo)
Chi va drio ai altri, no passa mai avanti (Chi rimane dietro agli altri non passa mai davanti)
Chi va per el mondo tuto vede, e chi sta a casa no lo crede (Chi viaggia per il mondo vede tutto, mentre e chi rimane a casa non lo crede)
Co la merda se fa in casa, tuti la snasa (Quando la cacca si fa in casa, tutti ne sentono la puzza)
Co vien zo la tempesta la toca ai pì povero del paese (Quando viene giù una tempesta cade sempre addosso al più povero del paese)

D
Da putèi tuti bèi, da morti tuti santi (I bambini sono tutti belli; i morti sono tutti santi)
Dio te varda da un magnador che no beve (Dio ti guardi da uno che non beve a tavola)
Dona scompagnada, xe sempre mal vardada (La donna separata è sempre mal vista)

E
El cafè l'è bon con tre S: sentà scotando e scrocando (Il caffè è buono quando ci sono tre S: seduto, scottante e a scrocco)
El segreto de le femene no lo sa nessun, altro che mi è vu e tuto 'l comun (Il segreto di una donna non lo conosce nessuno al di fuori me, voi e tutto il circondario)

F
Fate un nome e po' despoia ciese (Diventa potente e dopo puoi fare tutto, anche razziare Chiese)
Fin che ghe xe pan in convento, frati no manca (Finché non manca il pane, al convento non mancano i frati)
Fin che te mói´na gamba, él lóo él te màja chél´altra (Finché muovi una gamba, il lupo ti mangia l'altra)
Fradei cortei, cugnade spade e madone piturade (Fratelli coltelli, cognate spade e suocere imbellettate)

G
Ghe xe chi pol pissar in letto e dir che l'ha suà (C'è chi può pisciare nel letto e dire che è sudore)

I
I cani mostra i coioni e i coioni mostra i schei (Il coraggioso mostra le palle e il coglione mostra i soldi)
I omeni i gode de le done al zorno che i le tol, e quel che crepa (Gli uomini godono delle donne il giorno che si sposano e quello della morte)
I popoli se mazza e i re se abraza : (I sudditi si ammazzano e i re si abbracciano)
In mancanza de cavai anca i aseni trota (Se mancano i cavalli si fanno trottare gli asini)

L
La dona xe come la balanza, che la pende da la parte che più la riceve (La donna è come la bilancia, che pende dalla parte dove riceve di più)
La prima xe matrimonio, la seconda compagnia e la terza na eresia (La prima è matrimonio, la seconda per compagnia e la terza è un'eresia)
L'amor no xe fato solo de amor (L'amore non è composto solo dall'amore)

M
Magna da san e bivi da malà (Mangia da sano e bevi come se fossi malato)
Mejo le braghe rote 'n't'el cu.o, che el cu.o roto n't'e le braghe (Meglio avere il pantalone rotto al sedere che avere il sedere rotto nel pantalone)
Morto on papa se ne fà 'nantro (Morto un Papa se ne fa un altro)

N
Né amor né signoria, no i vol compagnia (L'amore e il potere non si spartiscono con nessuno)
Né amor, né pansa, né rogna se pol tenir sconti (Amore, pancia, e rogna sono 3 cose che non si possono nascondere)
No farte mai capir che ti sa tuto (Mai far capire di saper fare tutto)
No tor mai consegi da zent andada in malora (Mai seguire i consigli di persone fallite)

O
Ogni bela scarpa deventa 'na bruta zavata (Ogni scarpa diventa scarpone)
Ogni can mena la so coa e ogni mincion vol dir la soa (Ogni cane muove la coda e ogni minchione vuole dire la sua)
Ogni femena è casta, se no l'ha chi la cazza (Ogni donna è casta se non ha chi la lusinga)

P
Per la dona in convulsion, ghe vol el baston (Per la donna che si dimena ci vuole il bastone)
Per saver la verità, bisogna sentir do busiari (Per conoscere la verità, occorre sentire le due campane)

Q
Quando la barca va, ogni cojon la para (Quando la barca va da sola ognuno è bravo a guidarla)
Quel che no ingossa, ingrassa (Ciò che non ci strozza, ci ingrassa)

R
Rosso de sera bon tenpo se spera; bianco de matina, bon tempo se incammina (Rosso di sera, bel tempo si spera; bianco di mattina, bel tempo si avvicina)

S
Se l'invidia fusse freve, tutto el mondo scotaria (Se l'invidia fosse una febbre, tutto il mondo scotterebbe)
Signor fè che no sia beco: se ghe son, fé che no lo sapia: se, 'l so, fé che no ghe bada (Signore fa che non sia cornuto: se lo sono, che non lo sappia: se lo so, che non ne soffra)

T
Tacai a un ciodo, ma vivi (Attaccati a un chiodo, ma vivi)
Tempo, done e siori, i fa tuti come i vol lori (Tempo, donne e ricchi, fanno tutto ciò che vogliono loro)
Togno fa la roba, el sior Antonio la gode, e el conte Antonio la magna (Tonio lavora, il signor Antonio guarda e il conte Antonio mangia)
Tosa smemorada, tosa inamorada (La ragazza ha la testa tra le nuvole)
Tuto va e vien, e gnente se mantien (Tutto viene e va e niente rimane uguale per sempre)

U
Una volta a la setimana l'è na cossa sana; una volta al dì, pensaghe ti (Una volta a settimana è cosa sana; una volta al giorno, pensaci tu)
Uno solo no sta ben gnanca in Paradiso (Da soli non si sta bene nemmeno in Paradiso)

V
Vardete da quei che te loda: o chi i t'ha imbroià o che i sta per imbroiarte (Non ti fidare di chi ti loda: o ti ha imbrogliato o ne ha l'intenzione)
Venesiani gran signori, padovani gran dotori, vicentini magnagati, veronesi tuti mati (Veneziani gran signori, padovani gran dottori, vicentini mangia gatti, veronesi tutti matti)

X
Xe meio esser bechi e aver da becar, che non esser bechi e no aver da magnar (È meglio essere cornuti e avere da mangiare, che non essere cornuti e non avere niente da mangiare)
Xe mejo far voja che far pecà (È meglio fare invidia che pietà)

Z
Zena longa, vita curta; zena curta, vita longa (Cena lunga, vita corta; cena corta, vita lunga)

COMMENTI

Nome

Acquario Aeronautica Militare Animali Ariete Armi Astrologia Belle Bilancia Buddha Caccia Cancro Capricorno Carabinieri Charles Perrault Concorsi Divertenti Domande frequenti Esercito Italiano Esopo Facebook Favole Fedro fratelli Grimm Gemelli Guardia di Finanza Instagram La Fontaine Leone Luoghi Marina Militare Oroscopo Pesci Polizia di Stato Polizia Penitenziaria Proverbi Ricette Sagittario Scorpione Selma Lagerlof Snapchat Social Sport Storie Toro Trilussa Tristi Vere Vergine Video
false
ltr
item
2.3: Proverbi veneti tra i più popolari
Proverbi veneti tra i più popolari
Aforismi, motti e adagi nel linguaggio dialettale veneto che fu di Pantalone, la nota maschera nata a Venezia circa 500 anni fa.
http://4.bp.blogspot.com/-APdt7zbqXKM/ViFuGtVmKpI/AAAAAAAABQ0/RZGG2sn4oxM/s320/Maschera%2Bveneziana.jpg
http://4.bp.blogspot.com/-APdt7zbqXKM/ViFuGtVmKpI/AAAAAAAABQ0/RZGG2sn4oxM/s72-c/Maschera%2Bveneziana.jpg
2.3
http://www.duepuntotre.it/2015/10/proverbi-veneti-tra-i-piu-popolari.html
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/2015/10/proverbi-veneti-tra-i-piu-popolari.html
true
6528433828354979305
UTF-8
Nessun contenuto VEDI TUTTO Leggi tutto Rispondi Cancella Cancella di Home PAGINE POSTS Vedi tutto CONSIGLIATI TAG ARCHIVIO CERCA TUTTI I POSTS Nessun contenuto Vai alla home Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Diecmbre Gen Feb Mar Apr Maggio Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic adesso un minuto fà $$1$$ minuti fà un'ora fà $$1$$ ore fà ieri $$1$$ giorni fà $$1$$ settimane fà più di 5 settimane fà Followers Follow CONDIVIDI PER SBLOCCARE QUESTO CONTENUTO Condividi Copia Seleziona Copiato! Impossibile copiare, clicca [CTRL] + [C] (o CMD+C per Mac) per copiare