$show=search

$show=label

Proverbi siciliani: raccolta di detti popolari della Sicilia

I proverbi costituiscono l'anima di un Popolo; l'espressione più breve per descrivere una sapienza millenaria attraverso poche semplici frasi.

Proverbi siciliani: raccolta di detti popolari della Sicilia Questa raccolta di proverbi in dialetto siciliano ci consente di percepire quale sia la filosofia di vita del grande popolo della Sicilia.

Proverbi siciliani A-L:

'A biddizza è menza dota.
(Per una donna la bellezza è già mezza dote).

'A casa senza 'a fimmina 'mpuvirisci.
(La casa senza una donna si impoverisce).

'A collira d'a sira, sarbatilla ppa' matina.
(La collera della sera conservala per il mattino seguente).

'A cosa 'ncimata è menza cusuta.
(Una cosa cominciata è per metà finita).

'A filazza ammazza.
(Lo spiffero sottile uccide).

'a fimmina è comu li muluna: mmenzu a centu ci nn'è bona una.
(La donna è come il melone, tra cento ce n'è una buona).

'A iaddina ca camina, s'arricogghi c'a vozza china.
(La gallina che razzola, si riempie il gozzo).

'A iaddina fa l'ovu e 'o iaddu c'abbampa 'u culu.
(La gallina fa l'uovo e al gallo brucia il sedere).

'A jatta prisciulusa fici 'i jattareddi orbi.
(la Gatta frettolosa fece i gattini ciechi).

A lavari la testa au sceccu si perdi acqua, sapuni e tempu.
(Lavare la testa all'asino fa perdere acqua, sapone e tempo).

A li poviri e a li sbinturati, ci chiovi 'nta lu culu macari assittati.
(Tale è la sfortuna dei poveri e degli sventurati da piovere nel culo anche se sono seduti).

A li ricchi ricchizzi, a li scarsi scarsizzi.
(Ai ricchi le ricchezze e ai poveri niente).

A liggi è uguali pi tutti ma cu avi i picciuli si nni futti.
(La legge è uguale per tutti ma chi ha i soldi se ne frega).

'A lingua 'un avi ossa ma rumpi l'ossa.
(La lingua non ha ossa, ma può fare molto male).

A lu caru avvicinatici, a lu mircatu pènsaci.
(Al costoso avvicinati, diffida della merce a prezzi bassi).

A lu siggiri prestamenti a lu paiari lentamente, po' succediri gualchi 'ncidenti e 'un n'nai nenti.
(Se devi ricevere soldi riscuoti subito, se devi pagare fallo lentamente, può succedere un incidente e non ti rimane niente).

A lu tò amicu veru parraci chiaru.
(All'amico sincero parla con chiarezza).

A lu viddanu 'un ci toccunu 'nguanti, ma 'a zappa 'ncoddu e 'u sceccu ravanti.
(Niente guanti per il villano, ma la zappa sulle spalle e l'asino d'avanti).

'A matinata fa 'a iurnata.
.
(Di mattina presto si lavora meglio).

'A megghiu parola è chidda ca 'un si dici.
(La parola migliore è quella che non viene detta).

'A minchia 'nto culu 'i l'autri è 'nfilu 'i capiddru.
(Il pene nel sedere altrui è come il filo di un capello - Insensibilità al dolore degli altri).

'A minchia nunn'avi occhi: unni s'anfila s'anfila, e su ss'anfila è megghiu.
(Il pene va alla cieca, ovunque si infili, se si infila va bene).

'A minchia sbrugghiata nunn'avi patruni.
(un pene in libertà - eretto - non ha padrone).

A morti sula 'un c'è riparu.
(contro la morte non c'è alcun riparo).

A 'na cosa leggia 'un ci purtari spini.
(In una situazione delicata non portare spine).

'A pagghia vicinu 'u focu, pigghia focu.
(Vicino al fuoco la paglia prende fuoco).

'A paredda si pigghia ro' manicu.
(La padella va presa dal manico).

'A picura ppì diri bè persi lu muzzucuni.
(La pecora, per dire "be" perse il morso).

'A pignata taliata 'un po' vugghiri mai.
(La pentola guardata non bolle mai).

'A puvirtà unn' è virgogna, ma mancu preju.
(Non bisogna vergognarsi della povertà, ma nemmeno vantarsi).

'A quattara ca va all'acqua, o si rumpi, o si ciacca.
(La brocca con cui si va a prendere l'acqua, prima o poi, o si rompe, o si incrina).

'A razza 'un fa cauliceddi.
(Se non è di buona razza cose buone non ne fa).

'A scuzzaria 'mmenzu 'a via, 'o so immu 'nsu talia.
(Camminando la tartaruga non vede la sua gobba - A volte guardiamo i difetti degli altri e non ci accorgiamo dei nostri).

A spiziali nun tastari, a firraru nun tuccari.
(Dallo speziale non assaggiare, dal fabbro non toccare).

'A stizzania percia 'a timpa.
(La goccia buca la roccia).

A tavula ci mangiunu 'i patruni e cu' travagghia 'un avi zoccu voli.
(A tavola si siedono i padroni, mentre chi lavora non ha ciò che desidera).

A tempu di pira: "zziu Pe'! zziu Pe'!", fineru li pira, e finì lu ziu Pe'!.
(In tempo di raccolta - di pere - tutti chiamano zio Peppe, finita la raccolta nessuno più lo cerca).

A tempu ri caristia, ogni funtana leva 'a siti.
(In tempi di carestia, ogni fonte disseta).

A tempu ri caristia, ogni pirtusu è galleria.
(In tempi di penuria, ogni buco è galleria).

A tempu ri guierra, ogni pirtusu è trincea.
(In tempi di guerra, ogni fosso è riparo).

A tempu ri racina e ficu 'un c'è né cumpari e né amicu.
(In tempo di raccolta di uva e fichi 'un c'è nessuno che dia una mano).

A tempu ri tempesta ogni bucu è portu.
(In tempo di tempesta ogni anfratto è un porto).

'A vecchia avìa cent'anni e ancora 'mparava.
(Anche a 100 anni, la vecchia voleva ancora imparare).

'A vita iè comu 'a scala do' puddaru: iè cutta e china 'i medda.
(La vita è come la scala del pollaio, corta e piena di cacca).

Accatta caru e vinni mircatu.
(Compra caro e vendi a prezzo di mercato).

Accatta di quattru e vinni di ottu.
(Acquista a quattro e vendi a otto).

Accatta e vinni quannu si priatu e fatti zitu quannu si anningatu.
(Compra e vendi quando sei richiesto e fidanzati quando sei preteso).

Accatta munizza du' tò munnizzaru e si 'un n'hai accattala a cantaru.
(Compra immondizia dal tuo immondezzaio e se non ce n'hai comprane a iosa).

Accatta n'diavulu cent'unsi e 'un n'minghiuni n'sanari.
(Compra il diavolo a caro prezzo anziché uno sciocco per poco).

Accumincia ad arricchiri cu accumincia a disprizzari li ricchizzi.
(Comincia a diventare ricco colui che inizia a disprezzare le ricchezze).

Acidduzzu 'nta la aggia 'un canta p'amuri, ma pi' raggia.
(L'uccello nella gabbia non canta per amore, ma per rabbia).

Acqua ca duna a tanti vadduni a mari 'un ci n'arriva.
(L'acqua che si divide in tanti torrenti, non arriva al mare).

Acqua cunsigghi e sali, a cu n'addumanna 'n ci nni dari.
(Acqua consigli e sale, se non vengono richiesti non si regalano).

Acqua passata 'un macina mulinu.
(L'acqua passata non fa girare più la macina del mulino).

Acqua ri rocca, sticchiu ri zoppa.
(L'acqua sorgente di roccia è prelibata come la vagina di una donna zoppa).

Addu o senz'addu, Diu fa jornu e senza lu to crivu spagghiu e cernu.
(Con o senza il canto del gallo, il Signore fa sorgere ugualmente il sole, così anche senza il tuo setaccio io riesco ugualmente a pulire e selezionare il grano).

Agneddu e sucu e finiu 'u vattiu.
(Dopo mangiato l'agnello al sugo è finito il battesimo - finita la festa).

Aiu tanta raggina appisa ca mi cadi lu curmu di la casa.
(Possiedo tanta "uva regina" appesa che il tetto della casa mi sta crollando).

Alliccari e dilliccari è capu di custioni.
(Adulare o disprezzare qualcuno è causa di litigio).

Ama a cu' t'ama si vo' aviri spassu, chi amari a cu 'un t'ama è tempu persu.
(Ama chi ti corrisponde se vuoi provare piacere, perchè amare chi non ti ama è tempo perduto).

Ama a cu' t'ama, rispunti a cu' ti chiama.
(Ama chi ti ama e corrispondi con chi ti chiama).

Ama a cui t'ama, a cui nunt'ama, lassalu.
(Ama colui o colei che ti ama, se non ti ricambia lascialo/a).

Amaru cu è nno bisuognu.
(Amare qualcuno è un bisogno).

Amaru cu 'un avi chi vinniri dopu a fera.
(Giorni amari aspettano chi non ha nulla da vendere dopo la fiera).

Amici e vadditi.
(Guardati dall'amico).

Amicu Amicu, 'nto culu t'a stricu.
(Amico, amico, nel sedere te lo strofino).

Amicu cu tutti, fidili cu nuddu.
(Amico con tutti, fedele a nessuno).

Amicu fausu è malu vicinu, ti jetta la petra e ammuccia la manu.
(L'amico falso è un cattivo compagno, ti lancia la pietra e nasconde la mano).

Ammatula ca 'ntrizzi e fai cannòla, lu santu è di màmmuru e 'un suda.
(E' inutile che ti pettini e ti fai le trecce e i boccoli, il santo è di marmo e non suda - Due Punto Tre dice che se l'amore non è corrisposto non c'è nulla da fare).

Ammatula ca ti piettini e t'allisci, 'u cuntu ca t'ha tratu 'un t'arrinesci.
(E' inutile che ti pettini e rendi lisci i capelli, ciò che ti sei prefissata non ti riesce).

Ammuccia lu latinu 'gnuranza di parrinu.
(Si nasconde nel latino l'ignoranza del prete).

Ammuccia, ammuccia, ca tuttu pari.
(Nascondi, nascondi, ma alla fine tutto viene fuori).

Ammucciari 'u cielu cu' criu è inutili.
(Inutile tentare di nascondere il cielo con un setaccio).

Amuri, biddizzi e dinari, sunu tri cosi ca 'un si ponu ammucciari.
(L'amore, la bellezza e il denaro sono tre cose che non si possono occultare).

Amuri, tussi e fumu non si ponu teniri ammucciati.
(Amare, tossire e fumare non si possono nascondere).

Aranci aranci, cu havi guai si li chianci.
(Arance arance, chi è nei guai se li piange).

Arbulu chi 'un fa frutta tagghialu di sutta.
(Albero che non dà frutti taglialo alla base).

Arraspa 'o to' amicu unni ci mancia.
(Gratta dove al tuo amico prude).

Arvulu ca 'un fa ciuri, tagghialu di radichi.
(Albero senza fiori, taglialo alla radice).

Asini e picciriddi, Diu li aiuta.
(Asini e bambini, li aiuta Dio).

Aspittari e 'un viniri, jiri a tavula e 'un manciari, jiri a lettu e 'un durmiri, su' tri peni di muriri.
(Aspettare chi non arriva mai, mettersi a tavola e non avere appetito e andare a letto senza prendere sonno, son tre pene che ci fanno morire).

Assai vali e pocu costa a malu parlari bona risposta.
(Una risposta buona data a cattive parole vale molto e non costa niente).

Attacca lu sceccu dunni voli 'u patruni.
(Attacca l'asino dove vuole il padrone - Obbedire ciecamente chi comanda).

Avanti 'na vota arrussicari ca tanti voti aggiarniari.
(Arrossire una sola volta è meglio che sbiancare tante volte).

Avanti picca a godiri ca assai a trimuliari.
(Meglio avere poco e goderselo che avere molto e penare).

Babbaluci a sucari e fimmini a vasari 'un ponnu mai saziari.
(Lumache da succhiare e donne da baciare non rendono mai sazi).

Babbaluci, fungi e granci spenni assai e nenti mangi.
(Lumache, funghi e granchi, costano molto e si mangia poco).

Beccu chi bicchia un avi malatia.
(Quando il becco becca non è malato).

Bedda Matri lu munnu sbrogghia, l'ammanta cu lu velu e lu cummogghia.
(La buona Madre aggiusta tutti i mali, li copre con il velo e li rende innocui).

Bedda tiesta ppi fari piruacchji.
(Bella testa ma serve solo per fare pidocchi - Lo stupido).

Biddizza senza grazie è comu l'isca senza l'ami.
(Una bella donna che non ha grazia è come un'esca senza l'amo).

Bisuognu metti liggi.
(Il bisogno aguzza l'ingegno)).

Bon tiempu e malu tiempu 'un dura tuttu 'u tiempu.
(Buon tempo e cattivo tempo non durano per sempre).

Bona maritata senza soggira e cugnata.
(La donna che prende marito è fortunata se non ha né suocera e nemmeno cognate).

Cacciaturi ca assicuta ddu' cunigghia, unu 'nci scappa e l'autru n'o pigghia.
(Al cacciatore che insegue due conigli, uno gli scappa e l'altro gli sfugge).

Caliti juncu ca passa la china.
(Aspetta che passi il brutto periodo finché non verranno tempi migliori).

Callia chiossà un fasciu di ligna ni la ceminera, ca un arburo ni la foresta.
(Meglio avere poca legna nel camino che un solo albero nella foresta).

Campana ca 'un sona 'o primu toccu è surda.
(Se la campana non suona al primo tocco vuol dire che è sorda).

Carrica liegghiu e cunsuma 'u vuoscu.
(Porta poco peso e fai più viaggi).

Casa senza omu, casa senza nomu.
(Una casa senza l'uomo è una casa senza nome).

Cchiù scuru di menzannotti 'un po' fari.
(Più nera della mezzanotte non può venire).

Cchiù ti 'nsignu e cchiù ti perdu.
(Prima ti insegno e prima ti perdo).

Cci dissi lu Signuri a San Giuvanni: di li signaliati, guardatinni.
(Il Signore disse a San Giovanni: guardati dai segnati (persone con andicap fisici).

C'è cchiù jorna chi sasizza.
(C'è più tempo che salsicce).

C'è fudda e mala vinnita.
(Nella confusione della folla si vende male).

Chianci, chianci, tu m'accatti aranci, tu m'u munni e io m'u manciu.
(Piangi, piangi, ti sbucci aranci e io li mangio).

Chianta arburi mezzu la vigna, si 'un pigli frutta cogli ligna.
(Pianta alberi tra le vigne, se non fanno frutta almeno ottieni la legna).

Chiddu ca fa p'i me denti 'un fa p'i me parenti.
(Ciò che va bene a me va male per gli altri).

Chista è 'a zita; cu' a voli s'a marita.
(Questa è la ragazza; chi la vuole se la sposi - Prendere o lasciare).

Chistu e nenti sunnu parenti.
(Questo e niente sono la stessa cosa).

Chiù annintra iemu, cchiù pisci pigghiamu.
(Più al largo andiamo e più pesci peschiamo).

Chiusa 'na porta si rapi nu' purtuni.
(Si chiude una porta e si apre un portone).

Ci rissi 'u sceccu a lu mulu: semu nati pi dari 'u culu.
(Disse l'asino al mulo: siamo nati per lavorare duro).

Ci rissi 'u sceccu 'o liuni: tu si' Re senza vastuni, sì feroci e prepotenti ma di sutta 'un naii nenti.
(Disse l'asino al Leone: tu sei tutto fumo e niente arrosto).

Ci rissi 'u sceccu 'o voi, pi conna mi poi ma pi minchia sucari ma poi.
(Disse l'asino al bue: hai due corna che io non ho ma il mio pene è più grosso del tuo).

Ci rissi 'u vermi a la nuci: rammi tempu ca ti perciu! la nuci tiempu ci dette, ca 'u vermi muriu.
(Disse il verme alla noce: dammi tempo che ti buco.
La noce il tempo gli diede, finché il verme morì)
.

Ci spiai aiutu all'orvu, apriu l'occhi e mi fici scantari.
(Ho chiesto aiuto al cieco, ma appena ha aperto gli occhi mi ha fatto spaventare).

Ci vole 'u vento in chiesa, ma no a stutari 'i cannila.
(Occorre del vento in chiesa, ma non tale da spegnere le candele - Due Punto Tre consiglia di fare le cose senza esagerazioni).

Cielu picurinu, se 'un ciovi oji ciovi rumani matinu.
(Col cielo a pecorelle se non piove stasera lo farà domattina).

Cirasi e pruna, chiantani una.
(Pianta almeno un albero sia di ciliege che prugne).

Com'è 'a canni veni 'u broru.
(Così come la carne viene il brodo).

Contra furtuna nun vali sapiri.
(Contro la fortuna non può il sapere).

Cu 'a spranza d'autri sta, 'a so' pignata un vugghia mai.
(La pentola di chi spera negli altri non bolle mai).

Cu accatta abbisogna di cent'uocchi, cu vinni d'unu sulu.
(Chi compra deve osservare bene, chi vende non ne ha bisigno).

Cu accurza allonga e cu allonga accurza.
(Chi va di fretta spesso perde più tempo).

Cu amici e cu parenti 'un accattari e vinniri nenti.
(Con amici e con parenti e meglio non fare affari).

Cu asini caccia e fimmini cridi, faccia di paradisu 'un ni vidi.
(Chi insegue asini e crede alle donne non andrà mai in Paradiso).

Cu avi cchiù sali conza a minestra.
(Chi ha più giudizio se ne serva).

Cu avi dinari sempri cunta e cu iavi muglieri bedda sempri canta.
(Chi è ricco sempre conta, chi ha una bella moglie sempre canta).

Cu avi è.
(Chi possiede è una persona importante).

Cu avi la cummirità e 'un si nni servi, mancu lu cunfissuri lu po' assolviri.
(Chi ha una comodità e non se ne serve nemmeno il confessore lo può assolvere).

Cu avi lingua passa 'u mari.
(Chi sa parlare attraversa il mare).

Cu avi picciuli campa filici e cu nunn'avi perdi l'amici.
(Chi ha denaro vive felice chi non ne ha rimane solo).

Cu avi un parrinu iavi nu' iardinu.
(Chi ha un prete in famiglia possiede una ricchezza).

Cu bedda voli appariri, tanti guai havi a patiri.
(Chi bella vuole sembrare deve subire parecchie sofferenze).

Cu cancia a strata vecchia ppi la nova, sapi 'nso cu lassa ma 'un sapi 'nso cu trova.
(Lasciando la via vecchia per la nuova si sa ciò che si lascia ma non quello che si trova).

Cu c'havi 'u culu considera.
(Chi ha il tuo stesso problema ti capisce).

Cu ci attacca a ciangianedda 'o iattu? (Chi si prende la responsabilità di legare la campanella al gatto?).

Cu cu' cani si curca, cu' pulici si leva.
(Chi va a letto coi cani si sveglia con le pulci).

Cu d''autru si vesta curriennu si spogghia.
(chi si prende le cose degli altri non se ne gode).

Cu di nu sceccu ne fa cavaddu, 'u primo cauciu s'u pigghia iddu.
(Chi di un asino vuole farne un cavallo, si prende il primo calcio).

Cu di sceccu ne fa voi, 'u primu cauciu è d'u soi.
(Chi vuol fare di un asino un bue, il primo calcio è proprio suo).

Cu du' vucchi vo' basari, l'una o l'altra hav'a lassari.
(Chi due bocche vuole baciare, l'una o l'altra deve lasciare).

Cu duna prima duna 'ntimenza, cu duna doppu cu' tutti li senza.
(Chi colpisce per primo lo fa con timidezza, chi risponde ad una provocazione lo fa senza esitazione).

Cu duna 'u pani 'o cani stranu appizza 'u pani eu cani Macari.
(Chi presta soldi all'amico perde il denaro ed anche l'amico).

Cu è minchia? Carnalivari o cu cci va appriessu? (Chi è più stupido? Il cretino o chi lo segue?) Cu è picciutteddu 'un è puvireddu.
(Il giovane ha una grande ricchezza da sfruttare).

Cu è riccu d'amici è poveru di guài.
(Chi ha molti amici ha pochi guai).

Cu fa carteddi, 'ni fa lari e 'ni fa beddi.
(Chi costruisce cesti ne fa di brutti e di belli).

Cu fa ligna a mala banna, 'a sciri 'ncoddu.
(Chi fa legna in posto non agevole poi la deve portar via addosso).

Cu fa trenta e' 'nu fa trentunu, appizza 'u trenta e 'u trentunu.
(Chi fa le cose a metà perde ciò che ha fatto ed anche ciò avrebbe potuto fare).

Cu fa', fa ppid'iddu.
(Chi lavora lo fa per se).

Cu figliu di gattu è, surci pigghia.
(Tale padre, tale figlio).

Cu ha dinari lu misi di maju, nn'lhavi tuttu l'annu.
(Chi riceve denaro nel mese di maggio, ne riceverà per tutto l'anno).

Cu havi a chi fari cu' li' sperti, stassi cu l'occhi ben aperti.
(Quando si ha a che fare con i furbi bisogna stare con gli occhi bene aperti).

Cu havi manu friddi è 'nnamuratu, cu havi manu caudi è 'ngarzutu.
(Chi ha le mani fredde è innamorato, chi le ha calde fa l'amore).

Cu lassa 'a vecchia ppa nova, attrova 'a so' malanova.
(Chi lascia la vecchia per la nuova, trova la sua malasorte).

Cu lassa 'a vecchia ppa nova, tintu s'attrova.
(Chi lascia la strada vecchia per la nuova, male si trova).

Cu leva 'u carrinu 'o nutaru leva 'u pani e cosi figghi.
(Chi non si rivolge al Notaio toglie il pane ai propri eredi).

Cu' li fimmini mancu lu diavulu ci potti.
(Nemmenno il diavolo riesce ad averla vinta con le donne).

Cu' lu tuppu 'un t'appi, senza tuppu t'appi. Cu' lu tuppu o senza tuppu, basta chi t'appi e comu t'appi t'appi.
(Antico scioglilingua siciliano nato da una vicenda amorosa di una ragazza a cui la madre aveva proibito di frequentare il proprio pretendente. Per protesta la ragazza si tagliò i lunghi capelli che portava raccolti sul capo. Messa di fronte a questa risoluta decisione, la madre si arrese e acconsentì alle nozze. Per cui l'innamorato esclamò: Con il tuppo non ti ho avuta, senza tuppo ti ho avuta. Con il tuppo o senza tuppo, l'importante che ti abbia avuta, in qualunque modo ti abbia avuta).

Cu' lu vinniri e l'accattari, 'un c'è amicu né cumpari.
(Quando si vende e si compra non c'è né amico, né compare).

Cu mancia e 'un vivi, mai saturu si criri.
(Chi mangia e non beve, non si sente mai sazio).

Cu mancia fa muddichi.
(Chi mangia fa briciole - In qualunque decisione ci sono lati negativi).

Cu' monaci e surdati nun cogghiri amistati.
(Con Preti e soldati.
non fare amicizia)
.

Cu' 'n pettirrussu ficimu a Natali.
A mia mi tuccà lu pizzu e l'ali, a mé cumpari l'ugna di li peri.
(con un uccellino abbiamo pranzato a Natale, io ho mangiato il becco e le ali, il mio compare le unghie delle zampe - Pranzo davvero povero).

Cu nasci tunnu 'un po' muriri chiattu.
(Chi nasce stupido non può morire intelligente).

Cu nasci tunnu 'un po' muriri quadratu.
(Chi nasce tondo non può morire quadrato).

Cu nesci, arrinesci.
(Bravo è colui che riesce ad uscire dalla sua condizione di disagio o povertà).

Cu 'nsapi l'arti chiuri a putia.
(Chi non conosce l'arte chiuda la bottega).

Cu paga avanti mancia pisci fitusi.
(Chi paga in anticipo viene servito male).

Cu pecura si fa, 'u lupu s'a mancia.
(Chi si mostra inerme come la pecora, il lupo se lo mangia).

Cu picca avi, caru teni.
(Chi poco possiede se lo tiene da conto).

Cu po' fari e 'un fa' è gran pazzia.
(Chi è in grado di agire e non lo fa è stupido).

Cu potta a mugghieri a ogni festa e u cavaddu a ogni funtana alla fine si ritrova u cavaddu malatu e a mugghieri buttana.
(Chi porta la moglie ad ogni festa e il cavallo ad ogni fontana alla fine si ritrova con i cavallo malato e la moglie adultera).

Cu primu 'un pensa all'urtimu suspira.
(Chi agisce senza pensare alla fine deve rassegnarsi).

Cu s'a senti strinci 'i renti.
(Chi si sente colpevole stringe i denti - diventa aggressivo).

Cu s'affuca chi so manu, 'un c'è nuddu ca 'u chianci.
(Chi è causa del suo male non troverà chi lo assolve).

Cu si cucca cche carusi cciagghiorna cu' liettu cacatu.
(Chi si addormenta con i bambini, si risveglia sul letto sporco di cacca).

Cu si cucca cchi picciriddi, 'a matina si susi pisciatu.
(Chi si addormenta con i bambini, la mattina si sveglia bagnato - consiglia di non mettersi mai con persone incapaci).

Cu si la pigghia picciotta assai, tummina tummina sunnu li vai.
(Chi sposa una donna molto più giovane di lui, prima o poi arrivano i guai).

Cu si marita 'nto quartieri bivi 'nto so' bicchieri, cu si marita 'nta centrata bivi 'nta cannata.
(Chi prende moglie del suo quartiere beve dal suo bicchiere, chi sceglie la sposa della sua contrada, beve dalla langella).

Cu si uardanu si sarbanu - Cu si vaddò si savvò - Cu si vardau si sarvau.
(Chi è previdente si salva).

Cu spairti spairti, si futti siempre 'a megghiu pairti.
(Chi fa le spartenze si becca sempre la parte più buona).

Cu sparagna, sparagna pi' porci.
(I risparmi dell'avaro va ai porci - Alla fine le sue ricchezze vanno nelle mani di scialacquatori).

Cu sta spranza d'atru e la pignata minti va pp'arriminari e nun trova nenti.
(Chi ha la pentola vuota e spera negli altri, va per rimestolare ma non trova niente).

Cu strigghia lu so' cavaddru 'un si chiama garzuni.
(Prendersi cura delle proprie cose non è un disonore).

Cu ti voli beni ti fa chianciri e cu ti voli mali ti fa arridiri.
(Chi ti ama ti fa piangere e chi non t'ama ti fa ridere).

Cu tocca culu addisia minchia.
(Chi tocca il sedere in verità desidera ben altro - il comportamento dell'essere umano non sempre è chiaro).

Cu 'un è curnutu è figghiu 'i Diu.
(Chi non ha corna può considerarsi miracolato).

Cu 'un fa nenti 'un sbagghia nenti.
(Chi non fa nulla non commette nemmeno errori).

Cu 'un po' fari comu vola fa comu po'.
(Chi non può fare come vuole fa come meglio può).

Cu va c'u zoppu a l'annu zuppìa.
(Chi cammina con lo zoppo intro l'anno zoppica).

Cu voli a Cristu si lu preia.
(Chi vuole qualcosa se lo guadagni).

Cu zappa timpi e cu stampa santi va chiù narriari ca n'avanti.
(Chi zappa sulla terra scoscesa e chi stampa santini lavora senza guadagni).

Cu zappa, zappa 'a so' vigna cu bonu zappa bonu vinnigna.
(Chi zappa, lo fa per la propria vigna, colui che zappa bene farà una buona vendemmia).

Cui di la propia libbirtà si spogghia, sempri si trova cu' affannu e cu' dogghia.
(Chi rinuncia alla propria libertà, sarà sempre afflitto da affanni e dolori).

Cui nun voli focu, livassi li ligna.
(Se non vuoi il fuoco togli la legna).

Cui perdi la mugghieri pri giustizia, nun si chiama curnutu.
(Chi perde la moglie per una giusta causa non è cornuto).

Cui perdi l'onuri, perdi assai, ma cui perdi la fidi, perdi tuttu.
(Chi perde l'onore perde assai, ma chi perde la fede perde tutto).

Cui porta la mugghieri ad ogni festa, nun ci manchirà dogghia di testa.
(Chi accompagna la moglie ad ogni festa, certo avrà mal di testa).

Cui sempri viri a prucissioni e a missi, lignu nunn'è ppi fari crucifissi.
(Colui che partecipa assiduamente a funzioni religiose, non sempre è legno per fare crocifissi).

Culu ca 'un ha vistu mai cammisa, quannu s'a metti si va' cacannu.
(Il sedere che non ha visto mai una camicia, quando la indossa si pavoneggia).

Culu ca 'un vitti vraca quannu li vidi tutti si li caca.
(Il sedere che non ha mai visto un paio di pantaloni, quando li indossa li disprezza).

Cummannari è megghiu ri futtiri.
(Comandare è meglio che fare l'amore).

Cunta senza junta ca cu cunta cuntentu cunta! (Il conto senza aggiunte fa contento chi conta).

Curri quantu vuva ca sempri cca' t'aspittu.
(Corri quanto vuoi, io resto qua che ti aspetto).

D'ammasciaturi mi truvai zitu.
(Da ambasciatore, mi sono ritrovato fidanzato).

Di conzi metticcini 'na bisazza, falla comu la voi, sempri è cucuzza.
(suggerita dall'amico Franco Genovese) ( Puoi mettere tutti i condimenti che vuoi, ma sempre zucca rimane).

Di la 'Mmaculata a Santa Lucia quantu 'n passu di cucciuvia. Di Santa Lucia a Natali quantu 'n passu di cani. Di Natali all'annu novu quantu 'n passu d'omu.
(Tra l'Immacolata e Santa Lucia il tempo è breve come il passo di un'allodola. Da Santa Lucia a Natale è quanto un passo di cane. Natale e l'anno nuovo distano quanto un passo d'uomo - da dicembre in poi le giornate si allungano).

Di lu mari nasci lu sali e di la fimmina ogni mali.
(Dal mare nasce il sale e dalla donna nascono tutti i mali).

Di 'na rosa nasci 'na spina.
Di 'na spina nasci 'na rosa.
(Dalla rosa nasce una spina e dalla spina una rosa).

Di quattru cosi 'un t'ha fidari: Sirinitati di 'nvernu e nuvuli di stati, chiantu di fimmina e caritati di frati.
(Son 4 le cose di cui non ci si deve fidare, il cielo sereno d'inverno e nuvoloso d'estate, del pianto di una donna e la carità dei Frati).


Dici la mamma Rrocca: si talia ccu l'uocchi e nun si tocca.
(Dice la mamma Rocca: si guarda ma non si tocca).

Dici lu cappillanu a la batissa: senza dinari 'un si canta missa.
(Dice il cappellano alla badessa: senza soldi non si fanno messe).

Dissi 'u surci a la nuci: rammi tempu ca ti perciu! Rispunni la nuci a lu surgi: chiù tempu passa e chiù dura mi fazzu! (Il topo disse alla noce: dammi tempo che ti apro! La noce rispose al topo: più il tempo passa e più mi indurisco!).

Diu fa l'abbunnanzia e li ricchi la caristia.
(Dio dona l'abbondanza e i ricchi causano carestie).

Diu 'ni scansa di calamitati, d'omini spani e fimmini varvuti.
(Dio ci scansi dalle sventure, dagli uomini senza peli e dalle donne barbute).

Donne e cavaddi, pigghiali di li vicini.
(Le donne e i cavalli bisogna prenderli dai vicini di casa).

Doppu Natali, friddu e fami.
(Passato Natale, freddo e fame).

Dui cosi 'nsemmula 'un si ponnu fari: viviri e friscari.
(Due cose assieme non si possono fare, come il bere e fischiare).

Dui cosi sunu stravaganti: 'u suverchiu e 'u mancanti.
(Due sono le cose stravaganti: l'abbondanza e il mancante).

Dui su' i putenti, cu avi assa' e cu 'un avi nenti.
(Due sono i potenti, chi possiede tanto e chi non ha nulla).

E' bberu ca 'u picciottu po' moriri, ma 'u vecchiu 'un po' campari.
(e' pur vero che un ragazzo può morire, ma nemmeno il vecchio può campare).

E' bona donna 'a fimmina ca 'un parra.
(Una brava donna è colei che parla poco).

E' inutili ca 'ntrizzi e fai cannola, 'u santu è di marmuru e 'un suda.
(E'inutile che ti fai bella con trucco e i bigodini se l'uomo è freddo come il marmo).

E' inutili ca 'o porcu ci menti 'u cilindru, tantu sempri porcu è.
(E' inutile mettere il cilindro in testa ad un maiale, tanto rimane un animale).

Enzu furria ammenzu pasta, patate c'a sassa 'nto menzu.
(Enzo rotola tra la pasta, patate con in mezzo la salsa).

Essiri 'na musca nta 'n mmoscu.
(Essere piccolo come una mosca in un bosco).

Fa beni e scordalu, fa mali e pensaci.
(Fai del bene e scordalo, fai del male e ricordati a chi l'hai fatto).

Facci ca 'un è vista è disiddirata.
(Un viso nascosto viene desiderato di più).

Fai beni 'a jatta ca t'aratta.
(Fai del bene al gatto e lui ti graffia).

Falla comu voi, sempri cucuzza è!.
(Puoi condirla come vuoi, sempre una zucca rimane).

Fatt'a nomina e va curcati.
(Fatti una reputazione e vivi di rendita).

Ficu fatta, carimi 'mmucca.
(Fico maturo, cadimi in bocca - lo si dice in modo ironico allo sfaticato).

Figghi e dinari 'un si nni mmana chi a sarvari.
( Figli e denari non vanno prestati a nessuno).

Figghioli e porci comu li insigni li trovi.
(Figli e maiali, come li educhi così crescono).

Figglia di gatta si 'un muzzica gratta.
(Figlia di gatta se non morde graffia).

Fimmina barbuta, mancu di luntanu si saluta.
(Nemmeno da lontano si saluta una donna barbuta).

Fimmina bona, vali chiù di 'na corona.
(La donna fine viene apprezzata come una regina).

Fimmina ca havi russuri attira chiù d'i ricchizzi.
(Il pudore è la ricchezza che più attrae in una donna).

Fimmina ca 'un s'allucia all'oru, vali chiossai di 'n trisoru.
(La donna che non si lascia corrompere dalle ricchezze ha un valore incalcolabile).

Fimmina chi movi l'anca si 'un è buttana picca ci manca.
(La donna che ancheggia viene considerata alla stregua di una prostituta).

Fimmina di tilaru, jaddina di puddaru, e trigghia di jnnaru.
(Scegliere: la donna lavoratrice, la gallina di pollaio, e la triglia a gennaio).

Fimmina 'mpiegata si 'un è maniata è tuccata.
(La Donna che lavora, se non tradisce è stata quanto meno toccata).

Fimmina senza amuri è 'nu ciuri senza uduri.
(La donna senza l'amore è come un fiore che non ha odore).

Fimmini schetti e maritati senza figghi ne' pi dinari ne' pi cunsigghi.
(Zitelle e donne sposate senza figli non son buone né in prestito e nemmeno per consigli).

Fimmini: capiddi longhi e ciriveddu curtu.
(Le donne hanno i capelli lunghi e cervello corto).

Fujiri è vriogna, ma è sarbamintu di vita.
(Fuggire è vergognoso, ma salva la vita).

Fungi, pateddi e sfinci spenni assai e nenti manci.
(Funghi, patelle e frittelle costano molto ma non saziano).

Funtana ca duna acqua a du' vadduni, 'un po' fari du' cori cuntenti.
(La sorgente d'acqua che si divide in due fiumi non può accontentare tutti e due).

Futti e futtitinni.
(Frega e fregatene).

Futti, futti ca Diu pirduna a tutti.
(Ruba pure, che il Signore perdona tutti).

Futtiri addritta e caminari 'nda rina portanu l'omu a la ruvina.
(Fare l'amore dritti in piedi e camminare sulla sabbia portano l'uomo alla morte).

Gilusu di culu, jarrusu sicuru.
(Chi è geloso del proprio fondoschiena è sicuramente omosessuale).

Hai un mali? Dillu a tutti.
(Hai un male? Rendilo noto).

'I cosi su dui: o si spacca 'u sticchiu o si rumpi a minchia.
(Due sono le cose: o si apre la vagina o si rompe il pene).

'I fimmini quarchi vota dicinu 'u veru, ma 'un lu dicinu 'nteru.
(Qualche volta le donne dicono la verità, ma non la dicono mai per intero).

I parenti d'a muggheri sunu duci comu 'u meli, i parenti d'u maritu sunnu seppi di cannitu.
(I parenti della moglie sono dolci come il miele, i parenti del marito sono serpi di canneto).

I picciriddi devono parrare sulu quannu piscia 'a jaddina.
(I bimbi devono parlare solo quando la gallina fa pipi).

I picciuli di lu varveri sunnu biniriciuti di la mugghieri.
(Le spese per il barbiere sono sempre ben fatte).

I picciuli sunnu 'nta vucca di tutti e 'nta sacchetta di nuddu.
(Il denaro è sulla bocca di tutti e nelle tasche di nessuno).

'I ricchizzi d'u viddanu su' comu l'acqua n'o panaru.
(Le ricchezze del contadino sono come l'acqua nel paniere).

Iddu javi 'na cosa chi ci mpendi chi di tuttu lu difendi.
(Il primogenito ha una cosa da cui dipende che da tutto lo difende).

Ioca cu' ta patri e cuntiti i catti.
(Anche se giochi con tuo padre, contati le carte).

Iochici, iochici c'a minchia d'u pupu! (Gioca, gioca col pisellino del pupo!).

Iunciti cu' lu megghiu e facci 'a spisa p'a via.
(Frequenta la gente migliore e rimettici le spese).

Iunciti cu' lu megghiu e perdicci li spisi.
(Vai con le persone migliori anche se ti comporta dei sacrifici).

Jacomu porta e Larenzu vannia.
(Giacomo porta e Lorenzo chiama).

Jaggia apetta, aceddu mottu.
(Gabbia aperta, uccellino morto).

Jurnata rutta, perdila tutta.
(Rotto per rotto butta via tutto).

La farfalla, a lu lumi attornu vola.
(La farfalla vola attorno alla luce).

La furtuna è fatta a rota, sempri vota e sbota.
(La fortuna gira come una ruota).

La gilusia avvilena lu cori, spanni lu feli 'ntra lu duci amuri.
(Con la gelosia avveleni il cuore spandendo fiele nel dolce amore).

La gilusia è camula di l'amuri.
(La gelosia è il tarlo dell'amore).

La lontananza 'un abbannuna amuri, chiuttostu menti 'na vampa 'nto cori.
(La lontananza non fa dimenticare l'amore, anzi accende un fuoco dentro il cuore).

La nostra casa n'abbrazza e ni vasa.
(La nostra casa ci accoglie con amore).

La petra uffruta di n'amicu è comu un pumu.
(Il più piccolo gesto offerto da un amico ha grande valore).

L'acqua si nni va 'nta la pinnenza, l'amuri si nni va unni c'è spranza.
(L'acqua va dove c'è pendenza, l'amore, dove c'è speranza).

Lampi e trona, itivinni arrassu, chista è la casa di Sant'Ignaziu. Sant'Ignaziu e San Simuni, chista è la casa di nostru Signuri.
(Lampi e tuoni, andate via, questa è la casa di Sant'Ignazio. Sant'Ignazio e San Simone, questa è la casa di nostro Signore - scongiuro contro il maltempo).

L'amuri ammuccia ogni difettu.
(L'amore nasconde tutti i difetti).

L'amuri è amaru ma arricria lu cori.
(L'amore qualche volta fa soffrire, ma fa bene al cuore).

L'amuri è comu lu citrolu, cumincia duci e finisci amaru.
(L'amore è come il cetriolo, comincia con dolce e finisce amaro).

Lassa lu focu ardenti e succurri la parturienti.
(Interrompi ciò che stai facendo e presta soccorso a chi ha bisogno).

L'ebba tinta 'un mori mai.
(L'erba cattiva non muore mai).

Li corna su' comu li denti, dolinu quannu spuntanu, ma poi servinu pi' manciari.
(Le corna sono come i denti, son fastidiose appena spuntano ma poi servono per mangiare).

Li difetti di la zita s'ammuccianu cu la doti.
(I difetti della fidanzata si accettano assieme alla dote).

Li guai di la pignata li sapi la cucchiara ca l'arrimina.
(I difetti della pentola li conosce il mestolo che li rigira).

Li sordi di lu 'nfinfirinfì si li mancia lu 'nfinfirinfà.
(I soldi facili, guadagnati senza lavoro vengono spesi male).


L'omu gilusu mori curnutu.
(Solitamente l'uomo troppo geloso ha le corna).

L'ovo cchiu chi coce, cchiu duro addiventa.
(Più si cuoce l'uovo e più duro diventa).

Lu bonu no vali cchiù di lu tintu sì.
(Un garbato non vale più di un falso si).

Lu bonu surdatu pari la guerra.
(Il buon soldato lo si riconosce in guerra).

Lu focu forti facili s'astuta.
(Il fuoco forte si spegne presto).

Lu jornu 'un ni vogghiu e la sira spardu l'ogghiu.
(Di giorno non ho voglia e la notte consumo olio).

Lu lupu di mala cuscenza comu opira penza.
(Il disonesto pensa che anche gli altri si comportano come lui).

Lu malu guadagnatu prestu è cunsumatu.
(I guadagni facili si consumano presto).

Lu maritu senza affettu è comu la casa senza tettu.
(L'uomo senza l'affetto della moglie è come una casa senza tetto).

Lu matrimoniu s'havi a fari o prestu o mai.
(Il matrimonio va fatto subito o non si farà più).

Lu medicu piatusu fa la chiava virminusa.
(Il medico pietoso causa l'infezione alla ferita).

Lu pani 'un stuffa mai.
(Del pane non ci si stanca mai).

Lu rialu di la soggira 'a la nora, rapi la cascia e pigghia 'na fava.
(Quando la suocera fa un regalo alla nuora, apre la cassa e ne prende una sola fava).

Lu rispettu è misuratu, cu lu porta l'havi purtato.
(Il rispetto è come la bilancia, quanto se ne porta, tanto se ne riceve).

Lu sceccu porta la pagghia e lu sceccu si la mancia.
(L'asino egoista porta la paglia e se la mangia da solo).

Lu sonnu della notti cunsigghia l'omu.
(Lanjotte il sonno porta consiglio all'uomo).

COMMENTI

Nome

Acquario Aeronautica Militare Animali Ariete Armi Astrologia Belle Bilancia Buddha Caccia Cancro Capricorno Carabinieri Charles Perrault Concorsi Divertenti Domande frequenti Esercito Italiano Esopo Facebook Favole Fedro fratelli Grimm Gemelli Guardia di Finanza Instagram La Fontaine Leone Luoghi Marina Militare Oroscopo Pesci Polizia di Stato Polizia Penitenziaria Proverbi Ricette Sagittario Scorpione Selma Lagerlof Snapchat Social Sport Storie Toro Trilussa Tristi Vere Vergine Video
false
ltr
item
2.3: Proverbi siciliani: raccolta di detti popolari della Sicilia
Proverbi siciliani: raccolta di detti popolari della Sicilia
I proverbi costituiscono l'anima di un Popolo; l'espressione più breve per descrivere una sapienza millenaria attraverso poche semplici frasi.
http://1.bp.blogspot.com/-GdEqQ1WVoHU/VeNzO6cVyII/AAAAAAAAAZE/uP9ONC17EdE/s320/Carretto%2BSiciliano.jpg
http://1.bp.blogspot.com/-GdEqQ1WVoHU/VeNzO6cVyII/AAAAAAAAAZE/uP9ONC17EdE/s72-c/Carretto%2BSiciliano.jpg
2.3
http://www.duepuntotre.it/2015/10/proverbi-siciliani-raccolta-di-detti.html
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/2015/10/proverbi-siciliani-raccolta-di-detti.html
true
6528433828354979305
UTF-8
Nessun contenuto VEDI TUTTO Leggi tutto Rispondi Cancella Cancella di Home PAGINE POSTS Vedi tutto CONSIGLIATI TAG ARCHIVIO CERCA TUTTI I POSTS Nessun contenuto Vai alla home Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Diecmbre Gen Feb Mar Apr Maggio Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic adesso un minuto fà $$1$$ minuti fà un'ora fà $$1$$ ore fà ieri $$1$$ giorni fà $$1$$ settimane fà più di 5 settimane fà Followers Follow CONDIVIDI PER SBLOCCARE QUESTO CONTENUTO Condividi Copia Seleziona Copiato! Impossibile copiare, clicca [CTRL] + [C] (o CMD+C per Mac) per copiare