$show=search

$show=label

Noi bambini degli anni '50, '60 e '70

Nell'immagine proposta in questa sezione, un bimbo confessa senza malizia alla sua amichetta del cuore: "Io ti amo!" Altrettanto candidamente, lei, di rimando: "Come fanno gli adulti?" - "No, io ti amo davvero!"

Noi bambini degli anni '50, '60 e '70 Se siete stati anche voi uno dei bambini degli anni '50, '60 e '70, sicuramente vi riconoscerete in questi 17 punti elencati di seguito, stilati di proprio pugno dallo scrittore e poeta brasiliano Paulo Coelho:


1) Da bambini si andava in auto senza avere l'obbligo di allacciare le cinture di sicurezza, né c'erano gli airbag;

2) Viaggiare sul cassone posteriore di un furgone aperto era un'occasione speciale di cui ancora oggi ne serbiamo un vivido ricordo;

3) Le nostre culle erano dipinte con colori vivacissimi e con vernici a base di piombo;

4) Non c'erano chiusure di sicurezza per bambini sulle confezioni dei medicinali, nei bagni, o alle porte;

5) Quando andavamo in bicicletta non dovevamo indossare il casco;

6) Bevevamo acqua corrente dal tubo del rubinetto invece che dalle bottiglie di acqua minerale;

7) Trascorrevamo intere giornate assieme, aiutandoci l'un l'altro, per costruirci carrocci a rotelle di legno (i più fortunati avevano cuscinetti sferici d'acciaio) che a piedi trascinavamo su una strada in salita per poi saltarci su e ridiscendere veloci, ricordandoci, ma solo a metà strada, di non avere i freni. Dopo vari scontri contro i cespugli imparammo a risolvere il problema (si, perché noi allora ci scontravamo con i cespugli, non con le auto);

8) Uscivamo a giocare con l'unico obbligo di rientrare a casa prima che tramontasse il Sole. Non avevamo telefonini cellulari, ergo, nessuno ci poteva rintracciare (sembra impossibile ma è così);

9) La scuola durava fino alla mezza, poi andavamo a casa per il pranzo con tutta la famiglia, anche (e soprattutto) con il papà;

10) Ci ferivamo, ci rompevamo qualche osso, perdevamo un dente, nessuno denunciava qualcuno per questi incidenti. La colpa non era di nessuno, ma solo nostra, e al ritorno a casa si riceveva il "resto" dai genitori;

11) Mangiavamo biscotti nutrienti, pane con olio e sale, pane e burro, bevevamo bibite zuccherate, eppure non avevamo mai problemi di sovrappeso, questo perché stavamo sempre in giro a correre e giocare;

12) Condividevamo una bibita in quattro bevendo dalla stessa bottiglia e nessuno è mai morto per questo;

13) Non avevamo la Playstation, il Nintendo 64, la X Box, i Videogiochi, la Televisione via cavo con 99 canali, i videoregistratori dolby surround, i telefonini cellulari, Computer, iPhone, iPad, la chat su Internet... però avevamo tanti amici;

14) Uscivamo in bicicletta o camminavamo a piedi fino a casa dell'amico anche se distante qualche chilometro. Bussavamo alla porta o semplicemente entravamo senza suonare il campanello e lui era lì, pronto per uscire a giocare.

15) Si! Lì fuori! Nel mondo crudele! Senza un guardiano! Come abbiamo fatto? Facevamo giochi con bastoni e palline da tennis, si formavano delle squadre per giocare una partita; non tutti venivano scelti per giocare e gli scartati non andavano dallo psicologo per il trauma. Guardavano gli altri giocare e facevano il tifo per uno o per l'altro;

16) Alcuni studenti non erano brillanti come altri e quando perdevano un anno lo ripetevano. Nessuno andava dallo psicologo, o dallo psicopedagogo. Nessuno soffriva di dislessia né di problemi di attenzione né d'iperattività; semplicemente prendeva qualche scapaccione e ripeteva l'anno;

17) Avevamo tutto: libertà, fallimenti, successi, responsabilità, e imparavamo da soli come gestirli.

La solenne domanda è questa: Come abbiamo fatto a sopravvivere? A crescere e a diventare grandi?

(Paulo Coehlo)

COMMENTI

Nome

Acquario Aeronautica Militare Animali Ariete Armi Astrologia Belle Bilancia Buddha Caccia Cancro Capricorno Carabinieri Charles Perrault Concorsi Divertenti Domande frequenti Esercito Italiano Esopo Facebook Favole Fedro fratelli Grimm Gemelli Guardia di Finanza Instagram La Fontaine Leone Luoghi Marina Militare Oroscopo Pesci Polizia di Stato Polizia Penitenziaria Proverbi Ricette Sagittario Scorpione Selma Lagerlof Snapchat Social Sport Storie Toro Trilussa Tristi Vere Vergine Video
false
ltr
item
2.3: Noi bambini degli anni '50, '60 e '70
Noi bambini degli anni '50, '60 e '70
Nell'immagine proposta in questa sezione, un bimbo confessa senza malizia alla sua amichetta del cuore: "Io ti amo!" Altrettanto candidamente, lei, di rimando: "Come fanno gli adulti?" - "No, io ti amo davvero!"
http://2.bp.blogspot.com/-VbmyMdWWM-g/VhzdrXc05nI/AAAAAAAAA_A/5NCwbwkPv7c/s320/io%2Bti%2Bamo.jpg
http://2.bp.blogspot.com/-VbmyMdWWM-g/VhzdrXc05nI/AAAAAAAAA_A/5NCwbwkPv7c/s72-c/io%2Bti%2Bamo.jpg
2.3
http://www.duepuntotre.it/2015/10/noi-bambini-degli-anni-50-60-e-70.html
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/2015/10/noi-bambini-degli-anni-50-60-e-70.html
true
6528433828354979305
UTF-8
Nessun contenuto VEDI TUTTO Leggi tutto Rispondi Cancella Cancella di Home PAGINE POSTS Vedi tutto CONSIGLIATI TAG ARCHIVIO CERCA TUTTI I POSTS Nessun contenuto Vai alla home Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Diecmbre Gen Feb Mar Apr Maggio Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic adesso un minuto fà $$1$$ minuti fà un'ora fà $$1$$ ore fà ieri $$1$$ giorni fà $$1$$ settimane fà più di 5 settimane fà Followers Follow CONDIVIDI PER SBLOCCARE QUESTO CONTENUTO Condividi Copia Seleziona Copiato! Impossibile copiare, clicca [CTRL] + [C] (o CMD+C per Mac) per copiare