$show=search

$show=label

La bella addormentata nel bosco (fratelli Grimm)

Morale della favola: Non c'è dubbio che l'amore può superare e vincere qualsiasi ostacolo.

La bella addormentata nel bosco (fratelli Grimm)

La bella addormentata nel bosco

fratelli Grimm

C'erano una volta, tanti e tanti anni fa, un re e una regina che tutti i giorni non facevano altro che lamentarsi: "Ah, se solo avessimo un figlio!"

L'erede al trono non arrivava mai. Un giorno, però, mentre la regina faceva il bagno, una rana saltò fuori dalla vasca dell'acqua e giunta a terra disse: "Mia regina, il tuo desiderio sarà presto soddisfatto, prima che trascorra un anno avrai una figlia".

Ciò che la rana aveva predetto si era avverato. La regina ebbe una bellissima bimba e il re, che non riusciva a nascondere la sua immensa gioia, ordinò si facesse una grande festa. Furono invitati tutti i parenti, gli amici e i conoscenti. Poi il re decise di estendere l'invito anche al gruppo di fate del regno, così da ingraziarsi le loro benevolenze verso la bambina. Solamente che le maliarde erano in 13 e lui aveva un solo servizio di 12 piatti d'oro, quindi, ad una di esse non fu inviato il corriere con la partecipazione.

La festa si svolse nel massimo dello splendore. Quando finì, le fate che erano intervenute cominciarono a porgere i loro regali alla bimba: una le donò la virtù, un'altra la bellezza, una terza la ricchezza, e così tutte le altre, ognuna le conferì ciò che c'è di più desiderabile a questo mondo. Ma arrivati all'undicesima fata, improvvisamente apparve la tredicesima, colei che non era stata invitata, e senza guardare in faccia a nessuno, rivolgendosi alla bambina, con voce arcigna esclamò: "Tu sei la figlia del re. Quando avrai quindici anni ti pungerai con un fuso e cadrai a terra morta!" Poi, senza dire più nulla se ne andò via.

Tutti quanti erano rimasti impietriti, ma la dodicesima fata, che non aveva ancora pronunciato il suo dono, giacché non poteva annullare del tutto la funesta profezia dell'altra, lei la attenuò, dicendo alla neonata: "No, tu non morirai, ma cadrai in un sonno profondo che durerà cento anni!"

Ovviamente il re cercò in tutti i modi di evitare che si avverasse la maledizione che incombeva sulla figlia. Ordinò che tutti i fusi venissero bruciati. Intanto la bimba cresceva presentando tutte le qualità che le avevano regalate le prime undici fate, per cui lei era bella, modesta, aveva un carattere talmente dolce che chiunque la conosceva non poteva fare a meno di volerle un bene dell'anima.

Poi accadde che il giorno dopo il suo quindicesimo compleanno, mentre il re e la regina erano usciti e la ragazza era rimasta sola nel palazzo, camminando per le tante stanze che lei nemmeno conosceva si avviò verso un corridoio stretto che andava a finire in una torre. La giovanetta salì le scale a chiocciola e arrivò davanti ad una porta chiusa con una grossa chiave nella toppa. Come per magia la chiave cominciò a girare e la porta si aprì. Oltre la porta c'era una stanza e dentro una vecchia seduta accanto a un fuso, intenta a filare della stoffa.

"Buongiorno, signora" disse la figlia del re, poi chiese: "che cosa state facendo?"  L'altra rispose che stata filando del lino. Presa dalla curiosità la ragazza si avvicinò e con le mani toccò il fuso. A quel punto si avverò la disgrazia preannunciata dalla 13ma fata, dato che la principessa, pungendosi un dito, svenne cadendo a terra quasi fosse morta.

In quel preciso istante accadde una cosa davvero straordinaria. Anche il re e la regina, che nel frattempo erano rientrati, caddero in un sonno profondo, e assieme a loro tutti gli abitanti del reame, compresi gli animali. Si addormentarono i cani di guardia nel cortile, i cavalli nella stalla, i piccioni nel nido sulle grondaie. I fuochi accesi nelle cucine si spensero. Ognuno rimase nella posizione in cui era.

Intorno al castello cominciarono a crescere rovi di spine che ogni anno si estendevano fino ad avviluppare e ricoprire completamente il maniero. La storia della bella addormentata si diffuse in tutta la regione. Molti figli di re erano arrivati per cercare di attraversare e spine e raggiungere la principessa dormiente, ma era impossibile, le spine erano talmente strette tra loro che nessuno riusciva a passare.

Trascorsero molti anni, nel frattempo generazioni di reali avevano cercato di entrare nel castello ma nessuno ci era riuscito. Alla principessa fu dato il nome di "Rosaspina" e intorno a lei si raccontarono le storie più incredibili. Qualcuno diceva che le spine che proteggevano il palazzo fossero così velenose da uccidere chiunque le toccasse. Ma un giorno un giovane e coraggioso principe disse: Io non ho paura, perciò ho deciso, andrò dalla bella Rosaspina!"

Cento anni erano passati e la profezia della 12ma fata si stava compiendo. Quando il Principe arrivò al castello non trovò davanti a sè il muro di spine, ma aiuole con colorati fiori profumati. E mentre il giovanotto di sangue blu attraversava i corridoi del palazzo, la gente cominciava a risvegliarsi. Passò per le stalle, e i cavalli si alzarono in piedi, i cani lo seguivano scodinzolando e gli uccelli cominciarono a cinguettare. Al suo passaggio si riaccendevano i fuochi che sembrava volessero illuminargli il cammino. Il Principe arrivò alla torre dov'era la principessa. La vide distesa per terra, aveva gli occhi chiusi, ma respirava. Era così bella che non riusciva a distogliere lo sguardo da lei, poi si avvicinò e la baciò. Non appena il Principe l'ebbe baciata lei si svegliò. Aprì gli occhi, lo guardò e ne fu felice.

Tutti e due scesero giù e andarono a svegliare il re e la regina. Intanto si era svegliata tutta la corte e le persone si guardavano con stupore. Infine il Principe chiese al re la mano di sua figlia che accettò. I due si sposarono con tutti gli onori e vissero felici e contenti fino alla fine dei loro giorni di vita.

(Questa storiella della bella addormentata nel bosco è stata liberamente tratta dalla favola omonima nella versione dei fratelli Grimm)

COMMENTI

Nome

Acquario Aeronautica Militare Animali Ariete Armi Astrologia Belle Bilancia Buddha Caccia Cancro Capricorno Carabinieri Charles Perrault Concorsi Divertenti Domande frequenti Esercito Italiano Esopo Facebook Favole Fedro fratelli Grimm Gemelli Guardia di Finanza Instagram La Fontaine Leone Luoghi Marina Militare Oroscopo Pesci Polizia di Stato Polizia Penitenziaria Proverbi Ricette Sagittario Scorpione Selma Lagerlof Snapchat Social Sport Storie Toro Trilussa Tristi Vere Vergine Video
false
ltr
item
2.3: La bella addormentata nel bosco (fratelli Grimm)
La bella addormentata nel bosco (fratelli Grimm)
Morale della favola: Non c'è dubbio che l'amore può superare e vincere qualsiasi ostacolo.
http://1.bp.blogspot.com/-BdKEDpzqrpg/ViETnT8TygI/AAAAAAAABOE/ERiKM8EZ3D4/s320/Bella%2Baddormentata.jpg
http://1.bp.blogspot.com/-BdKEDpzqrpg/ViETnT8TygI/AAAAAAAABOE/ERiKM8EZ3D4/s72-c/Bella%2Baddormentata.jpg
2.3
http://www.duepuntotre.it/2015/10/la-bella-addormentata-nel-bosco.html
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/2015/10/la-bella-addormentata-nel-bosco.html
true
6528433828354979305
UTF-8
Nessun contenuto VEDI TUTTO Leggi tutto Rispondi Cancella Cancella di Home PAGINE POSTS Vedi tutto CONSIGLIATI TAG ARCHIVIO CERCA TUTTI I POSTS Nessun contenuto Vai alla home Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Diecmbre Gen Feb Mar Apr Maggio Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic adesso un minuto fà $$1$$ minuti fà un'ora fà $$1$$ ore fà ieri $$1$$ giorni fà $$1$$ settimane fà più di 5 settimane fà Followers Follow CONDIVIDI PER SBLOCCARE QUESTO CONTENUTO Condividi Copia Seleziona Copiato! Impossibile copiare, clicca [CTRL] + [C] (o CMD+C per Mac) per copiare