$show=search

$show=label

Raccolta di proverbi calabresi, detti reggini e pensieri della Locride

Dalla costa ionica, cosiddetta "Riviera dei Gelsomini", fino ad arrivare al Tirreno, la letteratura orale calabrese è stata accuratamente trasmessa per secoli da padre in figlio fino ad arrivare ai giorni nostri.

Raccolta di proverbi calabresi, detti reggini e pensieri della Locride Da Reggio Calabria a Catanzaro, da Cosenza a Crotone, e da Vibo Valentia a tutte le altre cittadine limitrofe, hanno preso forma un'ampia varietà di detti, aforismi e saggezze popolari che sono sopravvissuti fino ai giorni nostri in tutta la loro sottigliezza e nel più piccolo dei dettagli.

Ecco una raccolta di proverbi calabresi, con i detti degli antichi reggini ed i pensieri del popolo della Locride, organizzati in ordine alfabetico dalla lettera A alla Z.

A
A butti duna lu vinu chi teni (Ogni botte dà il proprio vino)
A cammisedda chi non ti voli sciuppila e iettila (Quella camicia che non ti vuole strappala e buttala)
A carni va cu ll'ossu (La buona carne è attaccata all'osso)
A casa chi non si mbitatu non iri ca si cacciatu (Dove non sei stato invitato non andare che prima o poi ne sarai cacciato)
A cumpidenza è patruna da malacrianza (La confidenza dà origine alla cattiva educazione)
A fortuna cangia coma a luna (La sorte cambia spesso)
A gaglina si spinna quandu è morta (La gallina va spennata quando è morta)
A gatta ndavi setti spiriti (Il gatto ha sette vite)
A gatta prescialora fici i gattareji orbi (Per andare di fretta la gatta fece i gattini ciechi)
A ggutti a gutti si sbacanta a bùtti (Goccia a goccia si svuota la botte)
A lingua batti aundi 'u denti doli (La lingua batte dove il dente duole)
A l'orto si voli l'omu mortu (Nell'orto bisogna mettere lo spaventapasseri)
A luci i lumera simu tutti i na manera (Alla luce della candela sembriamo tutti uguali)
A mari vantatu non iri i pischi (Chi si vanta è bugiardo)
A megghiu parola è chija chi no nesci da vucca (La parola migliore è quella che non esce di bocca)
A meghiu morti esti a subitanea (La morte migliore è quella istantanea)
A omu ngratu e a cavulu schiurutu chigliu chi si fai esti perdutu (Mai fare del bene agli ingrati)
A pecura rugnusa mpesta tutta a mandria (La pecora malata infetta tutta la mandria)
A pratica ruppi a grammatica (La pratica supera l'istruzione)
A raggiuni e' di fissa (La ragione appartiene agli gli stupidi)
A San Martinu caccia ll'acqua e menti 'u vinu (A San Martino posa l'acqua e prendi il vino)
A tavula ricca faci la casa pòvara. (Chi sperpera ricchezze diventa povero)
A trigghia no 'a mangia cu' 'a pigghia (La triglia non la mangia colui che la pesca)
A trippa è nna riti: chiù ci menti, chiù ci capi (La trippa è come rete: più roba ci metti, più ne entra)
A troppu cumpidenza è patruna da malacreanza (Spesso la confidenza viene scambiata per dabbenaggine)
A ttavula e a mmugghieri n'vicinati cu boni maneri (A tavola e con le donne bisogna seguire le regole del galateo)
Acqua passata non macina mulinu (Il passato non può essere più modificato)
Acqua queta rumpi ponti (Acqua quieta rompe i ponti)
Ama cu ti ama e rispundi a cu ti chiama (Ama chi ti ama e rispondi a chi ti chiama)
Amari i luntanu esti coma a l'acqua nto panaru (Amare chi è lontano è come voler conservare l'acqua nel paniere)
Amaru cu u porcu no 'mmazza, a li travi soi non 'mpicca sarzizza (Se non si ammazza il maiale, non potranno fare le salsicce)
Amura e cerasi, cchiù 'ndi menti e cchiù 'ndi trasi (More e ciliegie, più se ne mangia e più se ne vuole mangiare)
Ava a cuda 'e pagghia (Ha la coda di paglia)

B
Botti e panelli fannu i figghi belli, pani senza mazzi fannu i figghi pazzu (Botte e carezze fanno i figli belli, pane senza botte fanno i figli pazzi)

C
Calabrisi e mulii mai suli (È luogo comune che i calabresi siano persone testarde come i muli)
Carni 'i porcu e ccàvuli 'i ortu, cu non sì mangia si trova mortu (Carne di maiale e prodotti dell'orto, chi non ne mangia facilmente si ammala)
Chiù scuru da menzanotti non poti veniri (Più nera della mezzanotte non può venire)
Cu a voli cotta e cu a voli cruda (Chi la vuole cotta e chi la vuole cruda)
Cu avi furtuna e si jetta a mari, nchiana cu' culu chinu di calamari (Chi ha fortuna e si tuffa a mare, ne esce col culo pieno di calamari)
Cu catta chi vidi si vindi i ciaramidi (Chi compra tutto ciò che vede presto lo venderà per pagare i debiti)
Cu cumanda non suda (Chi comanda non suda)
Cu dijuna du mali fa: l'anima perdi e o' mpernu va (Il digiuno causa doppio danno, si perde l'anima e si va all'inferno)
Cu du vecchiu s'innamura si la ciangi la sventura (Chi sposa un vecchio presto rimarrà vedova)
Cu joca sulu non si 'ncagna mai (Chi gioca da solo non litiga con nessuno)
Cu mangia cu ddu ganghi prestu s'affuca (Chi mangia troppo presto si affoga)
Cu mangia erba, pecura diventa (Mangiando erba si diventa pecora)
Cu megghiu si conza u lettu megghiu si curca (Più si rifà bene il letto e meglio si dorme)
Cu mpresta perdi a testa (Chi fa prestiti deve pensare come farsi rimborsare)
Cu nc'i duna pani a cani strani perdi ù pani e ù cani (Chi dà il pane ai cani che non conosce, perde il pane e pure i cani)
Cu nci lava i pedi o sceccu perdi l'acqua e la lissia (Chi lava i piedi all'asino perde l'acqua e il sapone)
Cu ndavi cchiu santi va in paradisu (Chi ha più santi va in paradiso, parola di Due Punto Tre)
Cu ndavi muccia, cu non havi mustra (Chi ha molto non lo da a vedere, chi ha poco mette in mostra)
Cu 'ndeppi focu campau, cu 'ndeppi pani moriu (Chi ebbe il fuoco si è salvato, chi ebbe il pane morì)
Cu nesci tundu non mori quatratu (Chi nasce tondo non può morire quadro)
Cu no dijuna 'a vigilia i Natali mori o scoru comu nu cani (Per tradizione alla vigilia di Natale si mangia la sera e si aspetta la messa di mezzanotte)
Cu non poti mangiari carni si 'mbivi 'u brudu (Chi non può permettersi di mangiare la carne beve il brodo)
Cu non si faci l'affari soi ca lanterna va cercandu guai (Chi non si fa gli affari suoi cerca guai con la lanterna)
Cu non si movi, su mangianu i muschi (Chi non si muove viene ricoperto dal muschio)
Cu non vitti pecuri a chist'ura non vidi cchiù no pecuri e no lana (Il pastore che non vede rientrare le pecore la sera, non vedrà più nemmeno la lana)
Cu patri e cu patruni sempri tortu e mai ragiuni (Col proprio padre e con il padrone si ha sempre torto)
Cu pecura si faci u lupu sa mangia (Chi pecora si fa viene mangiato dal lupo)
Cu prima non pensa dopu suspira (Chi prima non pensa dopo si duole)
Cu si marita è cuntentu 'nu jiornu, cu' 'mmazza 'u porcu è cuntentu n'annu (Chi sposa è contento per un giorno, chi ammazza il maiale vive contento per un anno)
Cu simina 'nta vìgna no' mèti e no' vindìgna (Chi semina nel vigneto non miete e non vendemmia)
Cu simina spini non mi vahi a scarza (Chi semina spine non deve andare a piedi nudi)
Cu sùffre d'amùre non sente dolùre (La pene d'amore non danno dolore)
Cu' travagghia àvi 'na sardina e cu' non lavura àvi 'na gajina (Chi lavora guadagna una sardina e chi non lavora riceve una gallina)
Cu trova mogliu, zappa fundu (Quando la fortuna gira è meglio approfittare)
Cu vivi i speranza vivi i disperatu mori (Chi di speranza vive disperato muore)
Cu zappa rridendu cogli ciangendu (Chi si fa beffe del lavoro non raccoglie i frutti)
Cucina ricca, pezzenteria vicina (Chi non bada a spese presto si impoverisce)
Cuocila comi voi sempri cucuzza esti (Comunque si cucini una zucca rimane tale)

D
Da candilora du mbernu simu fora (Alla Candelora siamo fuori dall'inverno)
Da crapa si doli e du zzimbaru si mungi (La capra si duole e il caprone si lamenta)
Da morza veni 'a forza (Dal nutrimento arriva l'energia)
Dammi furtuna e jettami a mmari (Benedicimi e poi buttami a mare)
Dansi da terra ca a terra ti duna (Dai alla terra che la terra ti ripaga)
Diu mi n'di libera du povaru ricchito e du riccu mpoveritu (Dio mi scansi da un povero arricchito e da un ricco impoverito)
Doluri i moli, doluri i cori (Mal di denti, mal d'amore)
Dormi comu nu gghjru (Dormire come un ghiro)
Duru cu duru non fabbrica muru (Con due testardi non si va avanti)

E
E fimmani i fora no' tila e no' lanzola (Alle donne che non appartengono alla famiglia non si danno in dote né tele, né lenzuola)
È megghiu sucu 'e vinazzu e nno acqua 'e critazzu (Il vino è assai meglio dell'acqua)
Esta focu 'e pagghia (Questo è un fuoco di paglia)
Esta focu sutta cinnara (E' fuoco che sta sotto la cenere)

F
Fa beni e scordati, fa mali e ricordati (Fai del bene e scordatene, fai del male e ricordalo)
Faci nu vviaggiu e dui servizi (Prendere due piccioni con una fava)
Faci u scemu per non iri a guerra (Fare lo scemo per non andare in guerra)
Falla comu tu voi la bella pasta, 'u furnu 'a conza e llu furnu a guasta (Impasta pure bene quanto vuoi, ma è il forno che fa la differenza)
Fami rretrata pitittu scuncertàtu (Fame arretrata appetito raddoppiato)
Fina i iarsa nu pedi l'attru su mangianu i fermiculi (Talmente pigro che mentre alza un piede, la formiche hanno mangiato l'altro)
Frittu, dissi u pìsci, quandu si vitti mpanatu (Sono fritto pensò il pesce quando si vide nella farina)

G
H
I
I guai da caddara i sapi a cucchjiara chi 'mmiscita (I guai della pentola li sa il mestolo che li mescola)
I guai da pignata i sapi a cucinara chi i gira (Come sopra)
I ligna storti, u focu i drizza (Il legno curvo si raddrizza con il caldo)
I nu pilu fannu nu travu (Da un pelo se ne fa una trave - ingigantire una cosa da nulla)
I Santu Martinu si iaprunu i butti e si prova lu vinu (A San martino si aprono le botti e si prova il vino)
I scecchi si incuntranu e i barili si scuntranu (Gli asini si incontrano e i barili si rompono scontrandosi)

J
Jannaru siccu, massaru riccu (Gennaio freddo e secco, buon raccolto in estate)

L
La gaddhina faci l'ovu e alu gaddhu 'nci bruscia lu culu (La gallina fa l'uovo e il gallo sente dolore)
La gatta presciarola faci li figghi cicati (Ala gatta frettolosa nascono i figli ciechi)
La gatta presciarola faci li gattareddhi morti (Alla gatta frettolosa nascono i gattini morti)
la pentola e resta in cucina; quando il tempo è di montagna, prendi la zappa e va in campagna)
L'acqua faci mali e lu vinu faci cantari (L'acqua fa male e il vino fa cantare)
L'amura cumincia ccu u cantu e finiscia ccu u chiantu (L'amore comincia cantando e finisce piangendo)
Lardu e pisci cchiù ndi teni cchiù ndi smartisci (Lardo e pesci più ne hai e più ne consumi)
L'omu gelusu mori cornutu (Chi è troppo geloso alla fine muore cornuto)
L'omu si pigghia pa parola u voi si pigghia pe corna (L'uomo di parola viene "preso" con una promessa, il bugiardo è come bue: va preso per le corna)
L'omu valenti a manu dù pezzenti (Il furbo a volte vale meno che uno stupido)
L'ovu cacatu vali 'nu ducatu (Appena fatto l'uovo vale molto)
Lu gàbbu cogghie e la jestiìma no' (Non si gioisce delle disgrazie altrui)
Lu lupu cambia lu pilu ma no lu vizziu (Il lupo cambia il pelo ma il vizio rimane)
Lupo 'on mangia lupu (Un Lupo non mangia mai un altro lupo)

M
Mangia comu 'u bboi e campa comu 'u sceccu (Mangiare quanto il bue e vivi come l'asino)
Mara cu non si raspa ch'i so' mani (Guai a colui che non si gratta con le proprie mani)
Mbascia ghiuncu ca a schiumara passa (Bisogna prendere le cose con filosofia)
Megghiu n'amicu ca centu ducati (Meglio avere amicizia che ricchezza)
Megghiu pani e cipudda a casa tua ca carni e pisci a casa d'attri (Meglio mangiare pane e cipolla a casa propria che carne e pesce in casa d'altri)
Megghiu pani nìgru ca fami sicura (È meglio mangiare pane raffermo che morire di fame)
Megliu fissa ca sindacu (Meglio stupido che sindaco - )
Munti cu munti 'on s'incuntrunu, ma frunti cu frunti sì (Le montagne non si incontrano ma i fronti si)

N
N' davi a cuda i pajja (Ha la coda di paglia)
Na manu lava l'atra e tutti i dui lavanu a facci (Una mano lava l'altra e tutte due lavano la faccia)
Na nuci ndo saccu no'n scrusci (Una sola noce nel sacco non fa rumore)
Na vota si futti a vecchia (Una sola volta si può truffare la vecchia)
'Nci dissi 'u surici a nuci: "Dammi tempu ca ti perciu!" (Il topo dice alla noce: "Dammi tempo che ti buco!")
'Nci voli furtuna puru a cacari sennò si ngruppa lu budeddu e mori (Occorre avere fortuna anche a cagare, altrimenti potrebbe occludersi l'intestino e morire)
Nigru cu nigru non tingi (Nero su nero non si nota)
Non fare male ch'è peccatu, non fare bene ch'è sprecato (Fare del male è peccato, fare del bene è uno spreco)
Nt'a ogni mandra c'è na pecura rugnusa (In ogni mandria c'è una pecora "nera")
N'ta tavula e n'to tavulinu si canusci u cittadinu (Il carattere di una persona si conosce a tavola)

O
O tegnu u figghjolu o vaju all'acqua (Una cosa sola per volta: o il bimbo in braccia o fare altre cose)
Occhiu pi occhiu, denti pi denti (La legge del taglione)
Ogghiu i n'annu e vinu di cent'anni (Olio giovane e vino vecchio)

P
Pa saluti ci voli puru u salatu (Per avere buona salute bisogna mangiare anche cibi salati)
Palumbeglia muta non poti esseri serbuta (Chi non chiede non avrà mai risposte)
Pani fino a chi dura, vinu a misura (Pane quanto se ne vuole, ma col vino bisogna misurarsi)
Perdiu i vacchi e vai trovandu i corna (Ha perso i buoi e va in cerca solo delle corna)
Pignata visitata mai bugghi (La pentola guardata pare che non bolle mai)
Pilu russu, malu culuri o birbanti o tradituri (Chi ha i capelli rossi o è birbante o un traditore)
Pisci cottu e carni cruda (Il pesce cotto e la carne cruda)
Po' pani e po' vinu si cangia u vicinu (Per un'inezia si può perdere l'amico)
Porci e figghjoli comu i mpari i trovi (I figli e i maiali e figli, come li educhiamo così crescono)
Puru li pulici 'ndannu la tussi (Anche le pulci hanno la tosse)

Q
Quandu a gatta non chica u salatu dici ca puzza (Quando la gatta non arriva al lardo dice che puzza)
Quandu a tavula è conzata, cu no mangia perdi a spisa (Quando la tavola è imbandita, se non mangi perdi il cibo)
Quandu teni ncùna cosa, mangia nterra e alla porta menticci na sbarra (Se non si ha molto, mangia a terra e chiudi la porta)
Quandu u culu ntrona a persona si senti bbona (Quando il culo fa una scorreggia la persona sta bene in salute)
Quandu u diavulu t'accarizza l'anima voli (Quando il diavolo ti accarezza significa che vuole l'anima)
Quandu u sceccu non voli u 'mbivi è 'nutili u frischji (Quando l'asino ha deciso di non bere è inutile che lo invogli)
Quandu u tempu è d'a marina, pigghjia 'a pignata e va' e cucina; quandu 'u tempu è d'a muntagna, pigghjia 'a zappa e va 'n campagna (Quando è tempo di marina, prendi la pentola e mettila sul fuoco; quando è tempo di montagna prendi la zappa e vai nei campi)

R
Risuni e maccarruna dopu n'ura si diijunu (Riso e maccheroni, un'ora dopo hai di nuovo fame)

S
Si hai a serpi nò cercari a raghatina (Se vedi un serpente scappa subito)
Si mangia 'u pisci cu si bagna 'u culu (Il pesce lo mangia colui che lo ha pescato)
Si rispetta u cani pa facci du patruni (Si rispetta il servo per il padrone)
Si u populu non parra u previti si marita (Se nessuno protesta anche il prete si sposa)
Si voi mangiare 'a carni ccu gustu, prima 'a bugghi e poi a rrusti (Per mangiare la carne con gusto bisogna prima lessarla e dopo arrostirla)

T

U
U bena si ciangia quandu si perda (Due Punto Tre: il bene si rimpiange quando lo si perde)
U cani chi baia assai muzzica pocu (Chi troppo parla fa pochi fatti)
U cani muzzica sempri u sciancatu (Il cane morde sempre il poveraccio)
U lignu stortu sulu u focu u ddirizza (Il legno storto solo il fuoco lo drizza)
U mangiari senza 'mbiviri è comu u nuvulatu senza chioviri (Mangiare senza bere vino è un pasto incompleto)
U mastru pignataru menti a manica a undi a voli (Chi fa le pentole mette il manico dove vuole)
U monacu chi fujia sapia i cazzi soi (Il monaco che scappava sapeva il perché)
U pisci puzza da testa (Il pesce comincia a puzzare dalla testa)
U pisci randi si mangia u pisci picciulu (Pesce grande mangia pesce piccolo)
U porcu è ala muntagna e l'acqua gujja (Il maiale è in montagna e l'acqua comincia a bollire)
U riccu quannu vò, ù povaru quannu po' (Il ricco quando vuole, il povero quando può)
U saziu nu' canusci u dijunu (Il sazio non crede a chi ha fame)
U sceccu chi scorcia ficari dassa u viziu quandu mori (i vizi sono duri a morire)
U sceccu i tanti frati mori da siti (L'asino in compropietà di molti padroni muore dalla sete)
U sceccu i tanti frati su mangianu i cani (L'asino in comproprietà se lo mangiano i cani)
U signuri non senti gli angiuli cantari e senti e scecchi bramari? (Possibile che il Padreterno non ascolti il canto degli angeli ma senta il raglio degli asini?)
U surici dici a nuci: Dammi tempu ca ti perciu (Il topo disse alla noce: dammi tempo che ti buco)
U suverchiu rumpi a pignata e u cuperchiu (Il sovrappiù danneggia la pentola e il coperchio)
U vinu a vita allonga, ll'acqua accurcia ll'anni (Il vino allunga gli anni di vita, l'acqua li accorcia)
U vinu ijancu fin' a fezza (Del vino bianco si può bere anche il residuo)
U voi si dici cornutu du sumeri (Il bue dà del cornuto all'asino)

V
Vai chi megghiu toi e facci i spisi (va con chi è meglio di te e mettici le spese)
Vidi mojiu e zappi fundu (Vedi molle e zappi a fondo)
Voli cunduta 'a 'nsalata cu pocu citu e assai salata (L'insalata vuole essere condita con poco aceto e molto sale)

Z

COMMENTI

Nome

Acquario Aeronautica Militare Animali Ariete Armi Astrologia Belle Bilancia Buddha Caccia Cancro Capricorno Carabinieri Charles Perrault Concorsi Divertenti Domande frequenti Esercito Italiano Esopo Facebook Favole Fedro fratelli Grimm Gemelli Guardia di Finanza Instagram La Fontaine Leone Luoghi Marina Militare Oroscopo Pesci Polizia di Stato Polizia Penitenziaria Proverbi Ricette Sagittario Scorpione Selma Lagerlof Snapchat Social Sport Storie Toro Trilussa Tristi Vere Vergine Video
false
ltr
item
2.3: Raccolta di proverbi calabresi, detti reggini e pensieri della Locride
Raccolta di proverbi calabresi, detti reggini e pensieri della Locride
Dalla costa ionica, cosiddetta "Riviera dei Gelsomini", fino ad arrivare al Tirreno, la letteratura orale calabrese è stata accuratamente trasmessa per secoli da padre in figlio fino ad arrivare ai giorni nostri.
http://4.bp.blogspot.com/-fbi1C_U7Hvg/VgWiZywMcwI/AAAAAAAAAtI/oXjazZgPR1I/s320/Proverbi%2Bcalabresi.jpg
http://4.bp.blogspot.com/-fbi1C_U7Hvg/VgWiZywMcwI/AAAAAAAAAtI/oXjazZgPR1I/s72-c/Proverbi%2Bcalabresi.jpg
2.3
http://www.duepuntotre.it/2015/09/raccolta-di-proverbi-calabresi-detti.html
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/2015/09/raccolta-di-proverbi-calabresi-detti.html
true
6528433828354979305
UTF-8
Nessun contenuto VEDI TUTTO Leggi tutto Rispondi Cancella Cancella di Home PAGINE POSTS Vedi tutto CONSIGLIATI TAG ARCHIVIO CERCA TUTTI I POSTS Nessun contenuto Vai alla home Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Diecmbre Gen Feb Mar Apr Maggio Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic adesso un minuto fà $$1$$ minuti fà un'ora fà $$1$$ ore fà ieri $$1$$ giorni fà $$1$$ settimane fà più di 5 settimane fà Followers Follow CONDIVIDI PER SBLOCCARE QUESTO CONTENUTO Condividi Copia Seleziona Copiato! Impossibile copiare, clicca [CTRL] + [C] (o CMD+C per Mac) per copiare