$show=search

$show=label

La cicala e la civetta (Esopo)

Morale della favola: Con quesro racconto Esopo ci insegna due cose: 1 - L'adulazione non è una prova di ammirazione. 2 - Bisogna sempre cercare di andare d'accordo con i vicini.

La cicala e la civetta (Esopo)

La cicala e la civetta

Esopo

In questa favola Esopo mette a confronto due animali del bosco che hanno abitudini completamente differenti.

Il primo dei due animali è la civetta che assieme al gufo sono uccelli di abitudini notoriamente notturni. Il secondo animale invece è la cicala, un insetto più simile al grillo, particolarmente attiva durante il giorno. Dunque, la civetta e la cicala vivevano sullo stesso territorio. Mentre però la civetta era abituata a cacciare di notte e riposava durante il giorno, la cicala cominciava di buon mattino il suo canto fastidioso senza mai smettere nemmeno per un minuto fino a che il sole tramontava.

Un giorno la civetta chiese alla cicala se poteva evitare di cantare durante le ore diurne, o, in alternativa, se proprio non poteva smettere del tutto, di farlo più sottovoce in modo che lei potesse riposare. Ma dopo quella richiesta, per dispetto la cicala cominciò a cantare più forte di prima.

La povera civetta non ne poteva più dalla stanchezza. Dopo che aveva cacciato per tutta la notte, di giorno aveva proprio bisogno di riposare. Allora si rivolse ancora alla cicala, questa volta suppicandola di fare silenzio almeno per un po'. Ma quella vieppiù indispettita cominciò a cantare a squarciagola: "CRI CRI, CRI CRI". Così fece per tutto il giorno.

La civetta si rese conto che era del tutto inutile avanzare ancora delle richieste, così, per far cessare una volta per tutte quel fastidioso canto pensò ad uno stratagemma. Rivolgendosi alla cicala le disse: "Senti un po', dal momento che io non riesco a dormire a causa del tuo canto che in verità devo dire è soave come il suono della lira di Apollo, voglio invitarti a bere questo nettare che mi ha regalato la dea Atena. Se vieni da me lo beviamo insieme". Non solo le era venuto l'acquolina in bocca, ma la cicala si sentì lusingata da quelle lodi e presa dall'entusiasmo spiccò il salto. La civetta fu pronta ad afferrarla al volo e se la mangiò. Ciò che le aveva negato in vita la cicala lo concesse da morta.

COMMENTI

Nome

Acquario Aeronautica Militare Animali Ariete Armi Astrologia Belle Bilancia Buddha Caccia Cancro Capricorno Carabinieri Charles Perrault Concorsi Divertenti Domande frequenti Esercito Italiano Esopo Facebook Favole Fedro fratelli Grimm Gemelli Guardia di Finanza Instagram La Fontaine Leone Luoghi Marina Militare Oroscopo Pesci Polizia di Stato Polizia Penitenziaria Proverbi Ricette Sagittario Scorpione Selma Lagerlof Snapchat Social Sport Storie Toro Trilussa Tristi Vere Vergine Video
false
ltr
item
2.3: La cicala e la civetta (Esopo)
La cicala e la civetta (Esopo)
Morale della favola: Con quesro racconto Esopo ci insegna due cose: 1 - L'adulazione non è una prova di ammirazione. 2 - Bisogna sempre cercare di andare d'accordo con i vicini.
http://4.bp.blogspot.com/-DzsgOf1r0Rc/VgHoU-Jbo1I/AAAAAAAAArk/z1qLAJ3c_8A/s320/Civetta%2Be%2Bcicala.jpg
http://4.bp.blogspot.com/-DzsgOf1r0Rc/VgHoU-Jbo1I/AAAAAAAAArk/z1qLAJ3c_8A/s72-c/Civetta%2Be%2Bcicala.jpg
2.3
http://www.duepuntotre.it/2015/09/la-cicala-e-la-civetta-esopo.html
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/2015/09/la-cicala-e-la-civetta-esopo.html
true
6528433828354979305
UTF-8
Nessun contenuto VEDI TUTTO Leggi tutto Rispondi Cancella Cancella di Home PAGINE POSTS Vedi tutto CONSIGLIATI TAG ARCHIVIO CERCA TUTTI I POSTS Nessun contenuto Vai alla home Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Diecmbre Gen Feb Mar Apr Maggio Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic adesso un minuto fà $$1$$ minuti fà un'ora fà $$1$$ ore fà ieri $$1$$ giorni fà $$1$$ settimane fà più di 5 settimane fà Followers Follow CONDIVIDI PER SBLOCCARE QUESTO CONTENUTO Condividi Copia Seleziona Copiato! Impossibile copiare, clicca [CTRL] + [C] (o CMD+C per Mac) per copiare