$show=search

$show=label

Raccolta di proverbi milanesi in dialetto brianzolo e bergamasco

Ogni proverbio racchiude in sé la sapienza e la conoscenza dei secoli di un popolo. La consapevolezza dei proverbi ci può venire in aiuto suggerendoci la soluzione per uscire da qualche guaio.

Raccolta di proverbi milanesi in dialetto brianzolo e bergamasco Proverbi della lombardia e modi di dire ambrosiani e brianzoli nella lingua dialettale che si parla a Bergamo, Milano e dintorni (nella foto: il Duomo).

Raccolta di proverbi meneghini, detti e citazioni in ordine alfabetico dalla A alla Z:

- A -

~ A chi mescia l'acqua al vin, fagh bev l'acqua giò nel tin - All'oste che mescola l'acqua al vino, fagli bere l'acqua nel tino (fino ad affogare).

~ A chi vusa pusè, la vaca l'è sua - A chi grida più forte la vacca è sua (ha ragione).

~ A criticà, in bun tucc - A criticare son tutti bravi.

~ A inamorass de vecc l'è de matt - Innamorarsi in vecchiaia è roba da matti.

~ A la Madona da Scirioela, da l'invernu a sem foera, ma sa pioeuv o tira vent da l'invernu a sem amò - Il giorno della Candelora (2 febbraio: Presentazione del Signore) dall'inverno usciamo fuori, ma se piove o tira il vento siamo ancora in pieno inverno.

~ A l'amis pelegh el figh, al nemis pelegh el persegh - All'amico offri il fico, al nemico dagli la pesca.

~ A l'usèl ingurt ghe s'ciopa ul gòss - All'uccello ingordo gli scoppia il gozzo (chi troppo vuole nulla stringe).

~ A Milan, anca i moron fann l'uga - A Milano, anche i gelsi danno l'uva (si loda la capacità dei milanesi per cui anche dai gelsi riescono a fare il vino).

~ A Natal al sbacc d'un gall, a Pasquetta un'ureta, Santa Lusia l'è al dì pusè curt che ga sia - A Natale il giorno (di luce) dura quanto lo sbadiglio di un gallo, a Pasquetta un'ora soltanto, mentre Santa Lucia è il giorno più corto che ci sia.

~ A ogni ofelè el so mestè - Ognuno faccia il suo mestiere.

~ A palanch a palanch sa tira a rent i franch - Un poco alla volta si diventa ricchi.

~ A pensà mal se fà maal, ma se sbaglia mai - A pensare male è brutto, ma non si sbaglia mai.

~ A San Burtulamè, l'inguria l'è buan da lava i pè - A San Bartolomeo l'anguria è buona per lavarsi i piedi.

~ A Santa Caterina mena la vaca a la casina - A Santa Caterina, la mucca ritorna alla sua stalla.

~ A trovà i parent de Milan, besogna andà coi pee in man - Dai parenti a Milano, bisogna andarci con i piedi (dei polli in dono) in mano.

~ A vess trop bun, sa pasa per cujun - Chi è troppo buono a volte vien preso per fesso.

~ Al dulur da co' al voeur al mangià, al dulur da ventar al voeur cagà - Per il mal di testa occorre mangiare, per il mal di pancia basta un lassativo.

~ Al dutur e al cunfesur bisogna scundig nagòt - Al dottore e al confessore non si devono dire bugie.

~ Al Nonu baloss maja'l ciciu e lasa lè l'oss - Il vecchio scaltro mangia la carne e lascia l'osso.

~ Al var pùuse ciapàn pòcc e spendan minga, che ciapàn tanti e spendan pùuse - Meglio guadagnare poco e spendere meno che guadagnare molto e spendere assai.

~ Amicizia rinovada, l' è minestra riscaldada, che no var ona bolgirada - L'amicizia rotta e poi rinnovata è simile a una minestra riscaldata che non ha più sapore.

~ Amur de fradèi, amur de cortèi - Amore tra fratelli, amore tra coltelli.

~ Amur e gelusia se fann sèmper cumpagnia - Amore e gelosia camminano sempre insieme.

~ Anca al pegiur di ladrun al ga la sua devusiun - Anche il peggior delinquente ha i suoi sentimenti.

~ Anca un sciuchett vistii da la festa al par un bel umett - Anche un ciocco vestito a festa può apparire un bell'ometto.

~ April gha nà trenta, ma sa piouevess per trentun, gha fà dal ma a nisun - Aprile ne ha trenta (di giorni), ma se anche piovesse per trentuno non farebbe del male a nessuno (duepuntotre.it).

- B -

~ Batt i pagn, cumpar la stria - Batti i panni e appare la strega (parli del diavolo e spuntano le corna).

~ Besogna compatì i difett d'olter - Occorre perdonare i difetti degli altri.

~ Besogna no mes cia el grass col magher - Bisogna non mischiare mai il grasso col magro.

~ Besognarav avegh di amis anca a cà del diavol - Bisognerebbe avere amicizie anche all'inferno.

~ Brutt in fasa bell in piasa - Brutto in fasce (da neonato), bello in piazza (da grande).

- C -

~ Cald de man, fregg de coeur - Chi ha le mani calde ha il cuore freddo (o l'inverso).

~ Cent co, cent crap; cent cu, dusent ciap, ma cent qualità de merda - Cento pensieri, cento teste; cento culi, duecento chiappe, ma cento qualità di merda.

~ Chi ama Dio, ama i soeu sant - Rispettare il cane per il padrone.

~ Chi è nassuu de la gaijnna semper ruspa in la pollina - Chi nasce gallina sempre razzoli nel terriccio.

~ Chi fa ben sol per usanza, se noi glie perd, pocch el vanza - Chi fa bene solo per usanza se non ci perde poco guadagna.

~ Chi ghe l'ha d'ora, chi ghe l'ha d'argent e chi ghe l'ha che var nient - Chi ce l'ha d'oro, chi d'argento e chi invece ce l'ha che non vale niente.

~ Chi non usa desusa - Chi non esercita perde le capacità.

~ Chi pacia e bev e 'nega ne la grassa, chi tira senta e dorma sora on'assa - Chi mangia e beve e affoga nell'abbondanza, chi tira la cinghia e dorme su un'asse.

~ Chi patiss per amor no proeuva dolor - Chi soffre per amore non prova dolore.

~ Chi troeuva on amis troeuva on tesor - Chi trova un amico trova una tesoro.

~ Chi volta el cùu a Milan, il volta al pan - Chi volta le spalle a Milano, le volta al pane.

~ Cont ona presa de tabacch se fa on amis, e cont ona donna se pò fa on nemis - Per una presa di tabacco si diventa amici, e per una donna si può diventare nemici.

~ Cui danè as fa tüt - Con il denaro si può fare tutto.

- D -

~ De amis ver glien' è ben pocch - Di amici veri ce ne sono ben pochi.

~ De Genar tucc i gatt gh'hann el gattar - A gennaio col freddo arriva l'influenza.

~ De pù de vecc no se po' scampà - Di più che da vecchi non si può vivere.

~ Dopu disnà polsa e dopu sena spasseza - Dopo pranzo si riposa e dopo cena si cammina.

- E -

~ El bon vin el fa bon sangu - Il buon vino fa buon sangue.

~ El fumm l'impieniss minga la panscia - Il fumo non sazia lo stomaco.

~ El mangià l'insegna a bev - Mangiando viene sete.

~ El pan el ghe voeur, el vin el ghe vorev - Il pane è essenziale, il vino è marginale.

~ El prim ann singh e bindej, el segond fass e patej - Il primo anno (di matrimonio) stringhe e gale, il secondo fasce e pannolini.

~ El primm che ha lavoràa l'è mort crepàa - Il primo lavoratore è morto dalla fatica.

~ El venter pien el considera minga quell voeuj - Chi ha la pancia piena non sente chi sta a digiuno.

~ El vin e i donn tran a l'ari el còo - Il vino e la donna fanno ammattire la testa.

~ El vin el fa dì quell che se dovariss minga dì - Il vino fa dire ciò che non avresti mai detto.

- F -

~ Fa pussèe ona cattiva usanza che ona s'cioppettada - Fa più (male) una cattiva usanza che un colpo di fucile.

~ Fa san Michee - Traslocare (Fare San Michele).

~ Fa' ul mistee da Michelasch: Mangià, bev e andà a spass - Fare l'arte di Michelaccio: Mangiare bere e andare a zonzo.

~ Facia franca, busia prunta gamba lesta - Sfacciataggine, inganno pronto e gambe leste (così è descritto il disonesto).

~ Fava mej con quij danee a andà a cà de l'offellee - Meglio spendere i propri soldi in cose buone da mangiare.

~ Febrar l'è curt, ma sal voeur l'è un turch - Febbraio è corto, ma molto gelido.

~ Fides minga del tass e de la dona dal cu bass - Mai fidarsi del tasso e della donna con il culo basso.

~ Fin ai vint non se fa nient, dai vint ai trenta se fa el nomm, dai trenta ai quaranta se fa la roba, dai quaranta in su se fa la goba - Fino all'età di venti anni non si fa niente, da venti a trenta si fa il nome, dai trenta ai quaranta si lavora, dopo i quaranta si fa la gobba.

~ Fin cha ga né, viva al re quant ga né poeu crepa l'asen e chi ghe soeu - Finchè ce n'è evviva il re, quando non ce ne sarà più crepi l'asino e chi c'è sopra.

~ Foeura el dent, fouera el torment - Via il dente, via il tormento.

~ Formaj senza boeucc, pan coi boeucc, e vin che solta ai oeucc - Formaggio senza buchi, pane con i buchi (ben lievitato) e un bicchiere di vino con le bollicine.

- G -

~ Gh'è da giustar tutt, feura l'oss dal coll - Si può aggiustare tutto fuorché l'osso del collo.

~ Gh'è minga bisogn de curr - Non c'è bisogno di correre.

~ Gh'è pussee temp che vita - Col tempo tutto si aggiusta.

~ Giovin sfrenàa, vecc abandonàa - Da giovani si è liberi, da vecchi si è abbandonati.

- H -

~ Hin assèe tre o quatter donn per fa el mercàa de Saronn - Basta unire tre o quattro donne e si ha il mercato di Saronno.

~ Hòo minga masà me pader - Non sono stato io.

- I -

~ I amis bon se conossen in d'on besogn - Gli amici buoni si conoscono nel bisogno.

~ I amis hinn quej che se g'ha in sacocia - Gli amici migliori ce li abbiamo in tasca.

~ I fals amis hin come i mosch, che de sira a matinna, fin che gh'è de mangia, stan in cusinna - I falsi amici sono come le mosche, ti sono vicini finché c'è da mangiare.

~ I onor fan vegnì la gent d'on oltcr color - Gli onori fanno cambiare le persone e i costumi (dal latino: Honores mutant mores).

- L -

~ La bocca l'è minga stracca se la sa no' prima de vacca - La bocca non è mai stanca finché non viene riempita (con prodotti caseari).

~ La cusina a Milan, la cort a Ruma - La cucina a Milano, il resto della casa a Roma.

~ La legura senza cur la te ciapa a tutt i ur - Prendere la lepre senza correre non è cosa di tutti i giorni.

~ La pisa senza pet l'è cumè un viulin senza l'archet - Fare pipi senza peto è come suonare il violino senza l'archetto.

~ La rana usa 'l paltan, se no la ghe va ancòi la ghe va doman - La rana vive nel fango, se non c'è oggi, ci sarà domani.

~ La va che s'inversa" - Tanto veloce da capovolgersi.

~ La vera nobiltaa la se acquista minga quand se nass, ma quand se viv - Onore e dignità vanno conquistati da vivi, non da morti.

~ L'è già lì che son staa on pirla, ma rompeemm minga i cojon - Nel testo della canzone "Mariuccia".

~ L'è mei morì di frecc che lavurà per ciapà cald - Meglio morire dal freddo che lavorare per riscaldarsi.

~ L'è mei vegnè ros prema che smort dopu - È meglio arrossire prima che sbiancare dopo.

~ L'è mej on amis che cent parent - È meglio avere un amico sicuro che cento parenti inaffidabili.

~ L'Ôcc l'è burlént par guardà la gént - L'occhio è rotondo per guardare la gente.

~ Lodem ti che te lodaroo anca mi - Onora me e io onorerò te.

~ L'oeuf al vegn dal bech - L'uovo viene se la gallina becca.

- M -

~ Magg magion, se fà des di de bonn - È già tanto se a maggio fa bel tempo per dieci giorni.

~ Matt de cadenna quel vecc che se innamora - Matto da legare (incatenare) quel vecchio che si innamora.

~ M'hann faa sù a remissell - Mi hanno buggerato (a Napoli direbbero: mi hanno fatto il "pacco").

~ Miée che sècca? ... Marì che pècca! - Moglie pedante? Marito trova conforto altrove (mette le corna).

~ Milan el po' fa e'l po' dì, ma el po' minga l'acqua in vin convertì - Milano può fare e dire ciò che vuole, ma l'acqua non può mutare in vino.

~ Milanes, se piscia vun pissa des - Milanesi, basta ne piscia uno che pisciano in dieci.

- N -

~ Nà lavàda, nà sùgàda, la par n'anca duperàda - Basta una lavata e un'asciugata che sembra nemmeno usata.

~ Né donna né tila a lumm de candila - Nè donna né tela si sceglie a lume di candela.

~ No gh'è gust che non l'abbia el sò desgust - Non c'e' gusto senza il suo disgusto.

~ No se mesura l'omen con i perteg - L'uomo non si misura in altezza.

- O -

~ O pagà, o pregà o scapà - Tre sono le scelte: Pagare, pregare o scappare.

~ O te mangiet la minestra o te saltet dala finestra - O mangi la minestra o ti butti dalla finestra.

~ Ogni magnan loda la soa bolgia - Ognuno decanta la sua arte.

~ Ogni mort la voeur la sò scusa - Ogni morte ha una sua giustificazione.

~ Ogni paes gh' ha la soa usanza - In ogni paese c'è un'usanza diversa.

~ Omm alegher el ciel l'aiuta - L'uomo allegro la fortuna l'assiste.

~ Omm che giura, caval che suda e donna che piang no credeg tant - All'uomo che giura, al cavallo che suda e alla donna che piange non si crede.

~ Omm san el pissa come on can - Un uomo sano piscia come un cane.

~ On oeucc al gatt e l'alter a la padella - Con un occhio si guarda il gatto e con l'altro la padella.

- P -

~ Padrun cumanda, caval el trota - Il padrone ordina e il cavallo trotta.

~ Patt ciar, messizia longa - patti chiari e amicizia duratura.

~ Per el stomegh d'on bon milanes ghe va robba del noster paes - Per la salute di un buon milanese ci vuole il cibo paesano.

~ Per no far figura stramba, fa el tò pas segónd la gamba - Per non fare brutta figura, fa il tuo passo secondo la gamba.

~ Piov, fioca tira vent, mars l'è fiöö d'una baltroca - Piova, nevichi o tiri il vento, marzo è figlio di una baldracca.

~ Piov, fioca tira vent, suta la dubia fa bel temp - Piova, nevichi o tiri il vento sotto la coperta fa bel tempo.

~ Piutost che roba avanza, crepa panza - Mangiare fino a scoppiare piuttosto che avanzi il cibo.

~ Prima de fa on amis mangia insemma on carr de ris - Prima di fare amicizia mangia insieme un carro di riso.

~ Prima ti e poeu i olter se te podet - Pensa prima a te e poi agli altri se ce n'è.

- Q -

~ Quand el corp el se frusta l'anema la se giusta - Frustando il corpo si aggiusta l'anima.

~ Quand el sul el turna indre, ghem l'aqua ai pè - La sera, alla calata del sole, c'è di nuovo la pioggia.

~ Quand la quaresma la i tocca trii mes, nass la robba anca su i sces - Se la quaresima tocca i tre mesi allora il raccolto sarà buono.

~ Quand l'omm l'è padron l'è istess del can, se 'l mord ming incoeu el mord diman - Quando c'è somiglianza tra l'uomo e il suo cane, se non morde prima lo farà poi.

~ Quand pioeuv, l'acqua la bagna anca a Milan - Quando piove, anche a Milano l'acqua è bagnata.

~ Quand s'è vècc s'à strapazzàa - Quando si è vecchi si è affaticati.

~ Quant la pisa l'è ciara e la merda l'è düra, mai vec pagüra - Quando la pipì è chiara e la cacca è dura, non bisogna mai aver paura.

~ Quant se gh'a fam, la pulenta la par salam - Con la fame cambia il gusto dei cibi e diventano più saporiti.

~ Quej de Scinisell ciappen la luna cont el restell - Gli abitanti di Cinisello prendono la Luna con il rastrello.

~ Quell lunch a mangià, l'è lunch anca a laurà - Chi va piano quando mangia è lento anche quando lavora.

~ Quònt se ne po pu, se tàcum al bòn Gesù - Quando non se ne può più, ci si attacca al buon Gesù.

- R -

~ Rispetta se voeus vess rispettaa - Rispetta gli altri se vuoi il rispetto.

~ Roba rubada i duren anca se te ciapen - Gli oggetti rubati durano anche quando ti acchiappano.

~ Robba cara e dònn brutt se ne troeuva depertutt - Roba costosa e donne brutte se ne trovano a iosa.

~ Rossa de chièi buna per toece osei - Donna dai capelli rossi è buona per tutti gli uccelli.

~ Ruscà come 'n asen - Lavorare come un asino.

- S -

~ Se mia nona la gheva i ball saria sta me nono - Se mia nonna avesse le palle sarebbe mio nonno (duepuntotre.it).

~ Se tè öt fa del bé, arda prim a chi tèl fè - Se davvero vuoi fare del bene vedi bene a chi lo fai.

~ Se te resta el coeur me quell d'on fioeu, te saree on grand òmm - Se il tuo cuore rimane come quello di un bambino tu sarai un grand'uomo.

~ Se te se moeuvet mai spetta minga che te rusen - Se non lo fai tu non aspettarti che lo faccia qualcun altro al posto tuo.

~ Se te voeu che la messizia la mantegna, ona man vaga e l'oltra vegna - Se vuoi mantenere l'amicizia, una mano va e l'altra viene (dare e avere).

~ Se te voeu deventà vecc mangia al cald e dorma al frecc - Se vuoi arrivare alla vecchiaia mangia al caldo e dormi al freddo.

~ Se te voeu fatt amà fatt un po' desiderà - Se vuoi che ti amino devi farti un po' desiderare.

~ Se te voeu fatt on nemis impresta danèe a on amis - Se vuoi farti un nemico, presta dei soldi ad un amico.

~ Ses peròt, in bun da mangià - Sei pere sono ottime da mangiare.

~ Signur, compagnem mì e poeu lassee stà inscì - Signore, accompagnami e poi lasciami lì.

~ Su da vedar e aria da fessura portan l'omm alla sepultura - Sole dalla finestra e gli spifferi d'aria uccidono l'uomo.

- T -

~ Taca sù e la va giò - Appendilo su e lo vedi giù.

~ Tant de foeura che denter, i carogn spussen semper - Sia fuori che dentro, le carogne puzzano uguali.

~ Te se cumè ul medòn del pajè che vann la tuc a cagacch de drè - Tu sei come la balla di fieno dove tutti vanno a cagare di dietro.

~ Te voret fat un nemis, impresta danê a un amis - Per farvi un nemico basta imprestare del denaro ad un amico.

~ Tri rop sa poe no fà: fà tasè i donn, faà curr i vecc, tignì cuet i bagaet - Tre sono le cose impossibili: zittire le donne, far correre gli anziani, tenere quieti i bambini.

- U -

~ Ul ben dal padrun l'è cumè al vin in dal fiasch: incoeu l'è bun duman l'è guast - La gratitudine del padrone è come il vino nel fiasco: oggi è buono, domani è aceto.

~ Ul suc l'è pesc da la tempesta - Il tempo secco è peggio della tempesta.

~ Ul temp la ved nisonn al lauraa la veden tucc - Nessuno fa caso al tempo, ma quando si lavora tutti guardano l'ora.

~ Ul tempural che'l vegn da la muntagna al ghe bagna nanca ul cù alla cavagna - Il temporale che arriva dalla montagna non bagna neanche il culo del canestro.

~ Ul trop rit, al finis in pianc - Il troppo riso alla fine potrebbe far soffrire.

~ Ul vent, al moeur minga da set - Il vento non si ferma davanti a nulla.

~ Ul vin al fa sanc, l'acqua l'è buna per lavas i pee - Il vino è buono per la salute, l'acqua è buona per lavarsi i piedi.

~ Ul vin e i donn, a tiran scemu l'om - Il vino e le donne, fanno diventare scemo l'uomo.

- V -

~ Vàr pusèe un amis che cent parent - Vale di più un amico che cento parenti.

~ Var pusèe un andà che cent "andemm" - Vale di più un andare di fatto che cento "andiamo" a chiacchiere.

~ Vàr pusèe un tocc de pan cun amur, d'un capun cun dulur - Vale di più un pezzo di pane dato con amore che una gallina data con rancore.

~ Vun el fà la suppa e i olter la mangen - Uno cucina la zuppa e gli altri la mangiano.

- Z -

~ Zucc e don brutt ghe n'è da per tutt - Zucche e donne brutte ce ne stanno in ogni luogo.

~ Zucc e melon, ogni frutt a la soa stagion - Tra zucche e meloni, c'è un frutto per ogni stagione.

COMMENTI

Nome

Acquario Aeronautica Militare Animali Ariete Armi Astrologia Belle Bilancia Buddha Caccia Cancro Capricorno Carabinieri Charles Perrault Concorsi Divertenti Domande frequenti Esercito Italiano Esopo Facebook Favole Fedro fratelli Grimm Gemelli Guardia di Finanza Instagram La Fontaine Leone Luoghi Marina Militare Oroscopo Pesci Polizia di Stato Polizia Penitenziaria Proverbi Ricette Sagittario Scorpione Selma Lagerlof Snapchat Social Sport Storie Toro Trilussa Tristi Vere Vergine Video
false
ltr
item
2.3: Raccolta di proverbi milanesi in dialetto brianzolo e bergamasco
Raccolta di proverbi milanesi in dialetto brianzolo e bergamasco
Ogni proverbio racchiude in sé la sapienza e la conoscenza dei secoli di un popolo. La consapevolezza dei proverbi ci può venire in aiuto suggerendoci la soluzione per uscire da qualche guaio.
http://2.bp.blogspot.com/-jiObEy51PqE/VeR7yM1QgWI/AAAAAAAAAZU/bNwhu5mNVxM/s320/Duomo%2Bdi%2BMilano.jpg
http://2.bp.blogspot.com/-jiObEy51PqE/VeR7yM1QgWI/AAAAAAAAAZU/bNwhu5mNVxM/s72-c/Duomo%2Bdi%2BMilano.jpg
2.3
http://www.duepuntotre.it/2015/08/raccolta-di-proverbi-milanesi-in.html
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/
http://www.duepuntotre.it/2015/08/raccolta-di-proverbi-milanesi-in.html
true
6528433828354979305
UTF-8
Nessun contenuto VEDI TUTTO Leggi tutto Rispondi Cancella Cancella di Home PAGINE POSTS Vedi tutto CONSIGLIATI TAG ARCHIVIO CERCA TUTTI I POSTS Nessun contenuto Vai alla home Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Diecmbre Gen Feb Mar Apr Maggio Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic adesso un minuto fà $$1$$ minuti fà un'ora fà $$1$$ ore fà ieri $$1$$ giorni fà $$1$$ settimane fà più di 5 settimane fà Followers Follow CONDIVIDI PER SBLOCCARE QUESTO CONTENUTO Condividi Copia Seleziona Copiato! Impossibile copiare, clicca [CTRL] + [C] (o CMD+C per Mac) per copiare